• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 150 di 216
13.06.2010 # 1551

Ilas Web Editor // 0 comments

Ferrara | Memorie velate - arte contemporanea dall'Iran

Fino al 13/06/2010

Nell’ambito della XIV Biennale Donna 2010, s’inaugura al Padiglione d’arte contemporanea di Palazzo Massari a Ferrara la mostra Memorie Velate, a raccolta e testimonianza dell’arte di cinque artiste iraniane appartenenti alla generazione della problematica Rivoluzione iraniana del 1979. In questo contesto si colloca anche il dramma della guerra Iran- Iraq del periodo 1980-88, che segna la quotidianità di donne e uomini iraniani, sospesi tra la voglia di modernizzazione e quella di salvaguardare le forti tradizioni culturali e religiose del loro paese. Non di meno è opportuno sottolineare che l’Iran, oltre alla voglia di democrazia e libertà civile cui anela, affonda le radici in una tradizione poetica ricchissima e profondissima, tra le più belle e antiche del mondo, come dimostrano gli artisti e gli intellettuali appartenenti al mondo del cinema, dell’architettura e dell’arte in generale protagonisti della cultura mondiale e punto di riferimento qualitativamente altissimo. La mostra getta uno sguardo sensibile sulle memorie passate e presenti, in cui la donna è collocata ingiustamente ai gradini più bassi della scala sociale. Nonostante la cultura iraniana abbia in nuce tutte le migliori qualità possibili, è anche portatrice di un’incredibile discriminazione verso il mondo femminile e ogni suo tentativo di espressione è gravato da violazioni quotidiani della libertà individuale e dei diritti fondamentali. Le donne artiste, studentesse e intellettuali che hanno preso coscienza dello stato delle cose, denunciano e lottano per una società più giusta e rispettosa dei loro diritti, come le artiste in mostra, che esplorano gli orizzonti femminili in lungo e in largo, attraverso la maternità della donna, la femminilità e l’arte stessa come mezzo espressivo e di condivisione. Il risultato è un imperdibile caleidoscopio culturale, artistico e narrativo. Le artiste in mostra sono: Shadi Ghadirian, Shirin Fakhim, Parastou Forouhar, Ghazel Firouzeh Khosrovani e Mandana Moghaddam.

13.06.2010 # 1510

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Armando Testa. Il Design delle idee

Fino al 13/06/2010

Nella “Milano da bere”, piena di eventi, di manifestazioni importanti legate all’arte, alla cultura e al design, alla creatività e alle idee, caratteristica peculiare delle menti più brillanti della penisola, non poteva mancare una mostra dedicata al grande creativo Armando Testa. Se c’è ancora qualcuno a cui questo nome non dice nulla, ricordiamo che Testa è stato l’inventore della pubblicità di Carmencita e del Caballero per lavazza, dell’Ippopotamo Ippo e di moltissimi spot per Carosello. Chi ha vent’anni oggi lo conosce magari per fama, ma può ancora capitare di vedere le sue vecchie pubblicità e i tanti personaggi da lui creati che ormai fanno parte di una mappa creativa esemplare del nostro paese. Non che qui si voglia accostare un creativo come Testa ad un artista vero e proprio, ma tra le idee e la creatività del grande pubblicitario c’è moltissima arte e il suo contrario. Ma, l’arte e le idee, non muovono il mondo? Nei lavori di Armando Tsta ci sono le idee, l’humus creativo e la sua opposizione, il suo stravolgimento, c’è la funzionalità accanto alla negazione dell’esteticità, c’è la descostruzione della funzione accanto ad un funzionalismo travestito da oggetto apparentemente inutile. Tenendo conto di questo, l’arte viene da sé. Armando Testa è stato un creativo geniale, paradossale, unico ed esemplare. La mostra, ospitata al PAC di Milano, il padiglione d’Arte Contemporanea ospita l’attività meno nota di Testa, quella di Designer, che getta una nuova luce sulle tante facce che compongono le sue ampie possibilità, evidentemente non completamente esplorate, sempre che questo sia possibile quando si parla di un creativo come lui. Testa, infatti, sfugge dal concetto tipico del pubblicitario, è stato un pubblicitario anomalo, un artista anomalo e un pubblicitario artista. Arte e pubblicità, per quanto la seconda saccheggi dalla prima a man bassa per i suoi scopi, non hanno quasi nulla in comune. Gli intenti sono troppo diversi. Armando Testa, però, aveva questo humus artistico che lo contraddistingueva e lo rendeva unico rispetto a molti suoi colleghi. Dalle lampadine-limone, alla mortadella usata come busta da lettera, dal ravanello trasformato in topo alla pubblicità con la sfera e la mezza sfera rosse del Punt e mes, fino al suo primo manifesto creativo del 1937. Tutto testimonia dell’unicità di Armando Testa, suggellato anche dal cortometraggio che Pappi Corsicato gli ha da poco dedicato, Povero ma moderno, presentato con successo e premiato alla Mostra Cinematografica di Venezia 2009, che resta una testimonianza importantissima dell’opera del maestro, della fantasia e dell’anticonformismo. La mostra è curata dalla moglie Gemma De Angelis Testa e da Giorgio Verzotti.

13.06.2010 # 1399

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Eduard Hopper

Fino al 13/06/2010

La mostra sul grande artista americano Eduard Hopper ( 1882-1967), approdata a Roma il 16 febbraio dopo aver avuto un enorme successo di pubblico al Palazzo Reale di Milano, ospita 160 opere nelle sale del Museo del Corso, Fondazione Roma. I dipinti sono corredati di disegni preparatori e in arrivo ci sono anche altri capolavori da musei americani. La mostra è curata da Carter E. Foster, che esplora tutta la produzione di Hopper e le sue tecniche anche attraverso un allestimento suggestivo. Infatti, all’ingresso i visitatori sono accolti da una scenografia che si ispira al bar raffigurato nel celebre dipinto-icona di Hopper, Nightwaks( 1942). Hopper è tra gli artisti americani del XX secolo il più popolare, indimenticabile per il modo in cui ha raffigurato la middle class americana, con la sua solitudine e alienazione. Hopper ha spesso utilizzato come unica modella sua moglie Josephine, interpretandone le nudità con un senso di straniamento, una sorta di natura distante e senza filtri. Le sue opere sono contraddistinte da un alone di silenzio e di freddezza, ma fortemente comunicativo, che racconta la vita di tutti i giorni senza epopee, fissando passato e futuro e rivelandone il mistero davanti ai nostri occhi, fissato sulla tela. Ecco alcune delle opere presenti alla mostra: Self-Portrait del 1925-1930 , The Sheridan Theatre (1937), New York Interior (1921 circa), Seven A. M. (1948); South Carolina Morning (1955), i Summer Interior (1909), Pennsylvania Coal Town (1947), Morning Sun (1952), Second Story Sunlight (1960), A Woman in the Sun (1961) e la bellissima Girlie Show (1941). La mostra è prodotta con il Comune di Milano – Cultura ed Arthemisia Group, in collaborazione con il Whitney Museum of American Art di New York e la Fondation de l’Hermitage di Losanna.

12.06.2010 # 1603

Ilas Web Editor // 0 comments

Berlino | 'My Bauhaus Visionary | Festival Internazionale del Design

Fino al 12/06/2010

Ottava edizione del Festival berlinese dedicato al design, con la presenza di giovani creativi, idee originali all’insegna di workshop e nuove tendenze. Durante il Festival, il Bauhaus Archiv celebra il movimento Bauhaus e le sue interazioni con il design moderno attraverso workshop interdisciplinari. L’evento è caratterizzato da un clima open, dal punto di vista delle barriere architettoniche, della partecipazione ai seminari e ai laboratori di studio, alla sperimentazione e alla contaminazione delle idee in circolo. Ci saranno molti giovani creativi e designer a fianco di pietre miliari come Ingo Maurer e la partecipazione di istituzioni internazionali di Design come Centro Metropolitano de Diseño (Buenos Aires), Crafts Council del Regno Unito, Seoul Design Festival, Taiwan Design Center e Vienna Design Week.. Ci saranno anche prestigiose scuole di Design internazionali e studi collettivi, ben 40 mostre in istituzioni design satellite, gallerie, musei e laboratori aperti, che attraverseranno l'intera città: dalla Werkbund / Museo delle cose su King Gallery, '' Alcuni designer francese (1,2,3) In HBC a Tom Prices versione del classico di Eames Peter Harvey LTD. Il festival si svolge dal 07 al 13 giugno.Cerimonia di premiazione prevista per l’11 giugno alle 19,30.

06.06.2010 # 1596

Ilas Web Editor // 0 comments

Torino | Cinemambiente - Environmental Film Festival

Fino al 06/06/2010

Da 1 al 6 giugno a Tornino, si svolgerà la 13° edizione del festival Cinemabienmte. In collaborazione con il museo Nazionale del Cinema. Il festival avrà luogo presso il Cinema Massimo di Torino e presso il Cortile del Museo di Scienze Naturali. Il Festival Cineambiente è il più importante festival italiano dedicato alle tematiche ambientali, in concomitanza con la giornata Internazionale dell’ambiente che cade il 5 giugno. Previsti un concorso Internazionale documentari, un concorso Documentari Italiani e un concorso Internazionale cortometraggi. Inoltre, due eventi speciali con la proiezione di No Impact Man, film che racconta l'esperimento di Colin Beavan e della sua famiglia che per un anno decidono di vivere ad impatto zero in anteprima italiana, e The Cove, vincitore dell'Oscar 2010 come miglior documentario, sul grave pericolo di estinzione dei delfini. Entrambi alla presenza dei protagonisti. Oltre alle numerose proiezioni e alla prestigiosa giuria internazionale, il Festival prevede incontri, scambi di idee, aperitivi letterari, dibattiti e anche una festa per celebrare l’ambiente in collegamento con altre piazze del mondo.