• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 2 di 216
02.11.2016 # 4694

Daria La Ragione // 0 comments

Steve McCurry. Senza Confini

a Napoli fino al 12 febbraio 2016

Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea ed è un punto di riferimento per molti, soprattutto giovani, che nelle sue fotografie riconoscono un modo di guardare il nostro tempo.
In ogni suo scatto è racchiuso un complesso universo di esperienze e di emozioni e molte delle sue immagini sono conosciute in tutto il mondo. Fin dal 2009, mettendo ogni volta in evidenza un aspetto peculiare della
sua produzione fotografica, Civita e SudEst57 hanno dedicato varie mostre al grande fotografo americano, che hanno visto la presenza di oltre 800.000 visitatori.
La nuova rassegna allestita nel Palazzo delle Arti di Napoli, oltre a presentare il nucleo essenziale delle sue fotografie più famose insieme ad alcuni lavori più recenti e ad altre foto non ancora pubblicate nei suoi numerosi libri, mette in particolare evidenza la sua attività di fotografo, impegnato "senza confini"  nei luoghi del mondo dove si accendono i conflitti e si concentra la sofferenza di popolazioni costrette a fuggire dalle proprie terre. Il tema è purtroppo di grande attualità e Steve McCurry lo ha documentato fin dalla fine degli anni '70.

"Questa mostra, ponendosi sulla scia delle precedenti esposizioni di arte contemporanea internazionale al Pan | Palazzo delle Arti Napoli, è una nuova e interessante iniziativa, oltre che per la valenza artistica delle fotografie, per la forza dei racconti di Steve McCurry. Una narrazione per immagini dell'uomo contemporaneo nel mondo, nella sofferenza e nella violenza della guerra, nella diversità delle culture e delle etnie, in cui la  tragica crudezza della vita raggiunge livelli di lirismo intensissimi che uniscono il cuore e l'anima di chi sta dietro e davanti la pellicola. Una lezione di fotografia e di umanità che ha affascinato dal primo scatto reso noto e continua a catturare invitando ad ammirare l'altro con la stessa curiosità e meraviglia del nostro autore"

Nino Daniele, Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.


Il progetto espositivo curato da Biba Giacchetti propone quindi un viaggio nel mondo di McCurry, dall'Afghanistan all'India, dal Medio Oriente al Sudest asiatico, dall'Africa a Cuba, dagli Stati Uniti all'Italia, attraverso il  suo vasto e affascinante repertorio di immagini, in cui la presenza umana è sempre protagonista, anche e solo evocata. Nel suggestivo allestimento di Peter Bottazzi questa umanità ci viene incontro con i suoi sguardi in  una sorta di girotondo dove si mescolano età, culture, etnie, che McCurry ha saputo cogliere con straordinaria intensità.
La mostra propone infine a tutti i visitatori una audioguida in cui McCurry racconta i suoi scatti in prima persona, con appassionanti testimonianze e alcuni filmati dedicati ai suoi viaggi, all'avventura della sua vita e della sua professione. Per conoscere meglio il suo modo di fotografare, ma soprattutto la sua voglia di condividere la prossimità con la sofferenza, con la gioia e con la sorpresa.


02.11.2016 # 4693

Daria La Ragione // 0 comments

HOKUSAI HIROSHIGE UTAMARO

a Milano fino al 29 gennaio 2017

Gli uomini e gli animali, gli umili testimoni dell'esistenza quotidiana, la leggenda e la storia, le solennità mondane e i mestieri, tutti i paesaggi, il mare, la montagna, la foresta, il temporale, le tiepide piogge delle primavere solitarie, l'alacre vento agli angoli delle strade, la tramontana sull'aperta campagna, i volti delicati delle donne. Tutto questo, più il mondo dei sogni e il mondo del meraviglioso, sono i soggetti prediletti dei tre artisti per eccellenza del “Mondo Fluttuante” (l’ukiyoe): Hokusai, Hiroshige e Utamaro.
Attraverso 200 silografie policrome e libri illustrati provenienti dalla prestigiosa collezione del Honolulu Museum of Art, la Mostra propone un viaggio nel mondo artistico e umano dei tre maestri, che ancora oggi, come nei secoli precedenti, hanno influenzato scuole e artisti del Giappone e dell’Europa, contrapponendo all’etica del samurai il godimento del singolo momento, il piacere, il divertimento in ogni sua forma.
L’esposizione, promossa e prodotta da Comune di Milano‐Cultura, Palazzo Reale e MondoMostre Skira e curata dalla professoressa Rossella Menegazzo, docente di Storia dell’Arte dell’Asia Orientale dell’Università degli Studi di Milano, si inserisce all’interno delle celebrazioni del 150° Anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia, avviate con la stipula del primo Trattato di Amicizia e Commercio firmato tra i due Paesi il 25 agosto 1866.


26.10.2016 # 4685

Daria La Ragione // 0 comments

RAZZA UMANA mostra di Oliviero Toscani

a Vibo Valentia fino al 20 novembre 2016

Un prestigioso appuntamento vedrà come protagonista la Città di Vibo Valentia: presso gli spazi espositivi della Camera di Commercio si terrà una mostra di Oliviero Toscani, a partire dal 21 ottobre fino al 20 novembre.
Da anni il grande fotografo, che ha cambiato il mondo della comunicazioni con le sue fortissime immagini, realizza ritratti nelle piazze d’Italia e del Mondo. RAZZA UMANA è il titolo della mostra, che dopo essere stata esposta in altri prestigiosi spazi approda a Vibo Valentia con decine di ritratti realizzati in ogni angolo del pianeta.
«RAZZA UMANA è uno studio socio-politico, culturale e antropologico – spiega Toscani – fotografiamo la morfologia degli esseri umani, per vedere come siamo fatti, che faccia abbiamo, per capire le differenze. Prendiamo impronte somatiche e catturiamo i volti dell'umanità»
Toscani, oltre a inaugurare l’esposizione, sarà anche il principale speaker di un workshop davvero unico per qualità degli interventi dal titolo Il mestiere dell’arte. Tre giornate di studio che nel corso del mese di ottobre (il 7, il 14 e il 20) vedranno alternarsi importanti professionalità pronte a raccontare nei minimi dettagli il sistema dell’arte italiano. Oltre a Toscani, ci saranno Sergio Gaddi, il “volto dell’arte” di La Vita in Diretta su Rai Uno; il Direttore di Palazzo Reale di Milano Domenico Piraina; l’editrice Paola Gribaudo; il presidente di LOOP (azienda leader in Italia per technology, interaction design e art experience) Claudio Mazzanti; il produttore di eventi Gianni Filippini; il curatore del settore arte di Rolling Stone Magazine Nicolas Ballario; la direttrice di mostre Francesca Silvestri, coordinatrice dell’ufficio estero di Arthemisia Group, la più importante azienda italiana per la produzione di mostre d’arte. E sarà proprio Arthemisia Group a organizzare mostra e workshop, entrambi promossi e prodotti dalla Camera di Commercio di Vibo Valentia.


26.10.2016 # 4684

Daria La Ragione // 0 comments

HALIDA BOUGHRIET, Pandora's Box

a Milano fino al 11 dicembre 2016

Dal 20 ottobre all’11 dicembre 2016, la galleria Officine dell’Immagine di Milano ospita la prima personale italiana dell’artista franco-algerina Halida Boughriet (Lens, 1980), fra le più talentuose voci dell’emergente panorama artistico.
Curata da Silvia Cirelli, la mostra Pandora’s Box raccoglie 15 opere dell’artista mai esposte in Italia, nel tentativo di esplorare la grande versatilità di una giovane interprete che continua a sorprendere con un’estetica ricercata e incisiva, profondamente attenta alle difficili dinamiche dell’universo interiore.
 
Nota a livello internazionale per esposizioni al Centre Pompidou o all’Institut du Monde Arabe di Parigi, Halida Boughriet ama confrontarsi con tematiche legate a problemi socioculturali, identitari, comportamentali e geopolitici che interessano non solo la realtà africana – a cui è strettamente legata – ma che riguardano in generale la storia culturale attuale, segnata oggi, più che mai, da scompensi derivanti il senso di sradicamento, l’incomunicabilità fra le persone e il bisogno di “appartenere”.
Partendo dall’utilizzo del corpo come fondamentale veicolo espressivo, l’artista si distingue per una netta predilezione di specifici linguaggi che fanno della performance il proprio punto focale. Riprodotte con serie fotografiche, o semplicemente documentate su supporto video, le azioni performative presenti nelle sue opere – e di cui a volte è protagonista anche la stessa Boughriet – catturano secondo l’artista l’autentico potere delle ambiguità emozionali. In un equilibrio precario che miscela bellezza e sofferenza, evasione e costrizione, questa giovane interprete smaschera le tensioni dei comportamenti umani, rivelandone le sotterranee fragilità.
 
Nucleo centrale del percorso espositivo è la serie fotografica Pandore(2014), alla quale si ispira anche il titolo della mostra. Eleganti interni d’ispirazione fiamminga, riproposti però in chiave contemporanea, svelano inverosimili mise en scène che hanno come protagonisti un gruppo di ragazzini dei sobborghi parigini. Il netto contrasto fra l’immacolata ricercatezza dell’ambientazione e l’estraneità dei suoi ospiti viene ulteriormente accentuato dalle innaturali pose di quest’ultimi, chiaramente e forzatamente inseriti in un contesto che non appartiene loro.
La minuziosa attenzione per i dettagli scenici torna anche nella serie Corps de Masse (2013-2014), ambientata nelle incantevoli sale del Museo d’Arte e di Storia di Saint-Denis, Francia. I corpi dei personaggi degli scatti, illuminati da una poetica e intima luce naturale che ne custodisce il lirismo, si muovono lentamente per poi unirsi in armoniose pose che riprendono i soggetti dei quadri esposti nella collezione del Museo.
Temi come la memoria culturale e l’importanza della coesione fra le persone rimangono nuovamente centrali nel recente progetto Réflexion(s) del 2016, che rilegge la teoria del filosofo Leibniz per la quale si considera la realtà come una miscela di percezioni – e riflessioni, appunto – che devono fondersi insieme per un’armonia universale. In questa prospettiva, con Reflexion(s) l’artista propone l’utilizzo dello specchio per far partecipare l’osservatore alla proiezione di cui “l’altro” è protagonista: ciò che infatti vede lo spettatore non è che il riflesso di quanto viene contemplato dal soggetto della fotografia.
La mostra prosegue poi con il video Autoportrait, in cui gli occhi della stessa Boughriet diventano letteralmente lo specchio di dolorosi ricordi collettivi che lasciano scorrere quasi incessantemente immagini di guerra, di distruzione e sofferenza, senza mai riuscire a placarsi. Il corpo dell’artista dà “voce” a un tormento inconfessato anche nella toccante serie Cri silencieux (2016) dove il potere del suo grido silenzioso, nel centro della Piazza dei Martiri di Beirut, spinge la narrazione a un livello percettivo in forte tensione, capace di rendere palpabile l’emozione umana.


14.10.2016 # 4681

Daria La Ragione // 0 comments

Officina Reporter

a Napoli fino al 30 ottobre 2016

A partire da sabato 15 ottobre 2016 Villa Pignatelli Casa della fotografia ospita il progetto Officina Reporter.


Villa Pignatelli diviene avamposto di un focus che si apre sulla fotografia a 360 gradi con una fitta serie di appuntamenti: mostre, proiezioni di video, conversazioni sulla fotografia, incontri con e tra fotografi. 


Le esposizioni allestite nelle sale al primo piano del museo rispondono a diversi intenti: la prima Uno sguardo sensibile ai Sali d’argento e Fine Art vuole essere un


Omaggio a Gabriella Mercadini - Il movimento femminista

Isabella Balena - La donna nei teatri di guerra

Guido Giannini - La fotografia. Una collaborazione ideale

Fabio Donato – Grand Tour dell'arte in Campania


Segue la mostra #Lageografiaalcentro - già presentata presso il complesso di Santa Sofia a Salerno, che coinvolge dodici autori di fama internazionale. Questi hanno esplorato e indagato diverse porzioni del pianeta, le sue zone calde, le sue frontiere, i suoi drammi. Ognuno con il suo stile, ognuno con il suo alfabeto visivo, i loro scatti assumono un corpus organico all'interno della mostra che è così in grado di spaziare di continente in continente per offrirci una visione unitaria, seppur variegata, del mondo:

The DustyPath di Massimo Berruti, Sulla Terra chiamata Palestina di Francesco Cito, L'Israele ultraortodossa di Eduardo Castaldo, Delhirium di Andrea de Franciscis, Cent’anni di solitudine di Fausto Giaccone, Egitto di Alex Majoli, Iran di Pietro Masturzo, New York di Lina Pallotta, Il conflitto civile in Sierra Leone di Ugo Panella, From thre to here di Giulio Piscitelli, L’exile et le Royaume di Ivo Saglietti, Di confini non ne ho mai visto uno di Roberto Salomone. 


Uno scatto per Villa Pignatelli costituisce la terza esposizione che presenta un lavoro fotografico site-specific,

a cura di Fabio Donato, 

realizzato dagli allievi del corso di Fotografia dell'Accademia di Belle Arti di Napoli: Simona Vergara, Andreina Balbi, Giuseppe Armellino, Rosario Totano, Chiara Giandomenico, Fiora Piscopo, Nicolina Zeoli, Marta Cannavacciuolo, Tecla Bianco, Barbara Nespolino, Alessandra Cardone.


Si continua con #OfficineEducative a cura di Aporema o.n.l.u.s. L'obiettivo del percorso è quello di costituire un momento di avvicinamento dei giovani al pensiero fotografico come linguaggio estetico–critico.#Opereibride, nate dal lavoro tra operatori artistici e studenti delle diverse scuole della regione, patrimonio del territorio e motore per lo sviluppo di azioni di tutela, valorizzazione ed attrazione culturale.

Artists at work: 

Andrea Bove - ISSIS Anania De Luca – Avellino

Domenico Mennillo - Lice Virgilio - Benevento

Marco Rossetti - Istituto Mattei - Caserta

Daniela Politelli- Liceo SS Apostoli - Napoli

Guido D'Apuzzo - Liceo Artistico A. Sabatini - F. Menna –Salerno


E’ prevista, infine, una Videoproiezione dei 43 progetti individuali frutto dei 12 Laboratori Officina Reporter. Uno sguardo sulla nostra regione, sulla nostra città, sui luoghi a noi familiari, attraverso la messa a fuoco di dodici laboratori fotografici. Un confronto tra dodici fotografi affermati e quarantatrè giovani allievi che, nel corso di un anno hanno lavorato assieme a questa prima edizione di Officina Reporter


I fotografi tutor sono: Cesare Accetta, Adelaide Di Nunzio, Salvatore Esposito, Flaviana Frascogna, Raffaela Mariniello, Luciano Pedicini, Stefano Renna, Luciano Romano, Toty Ruggieri, Ugo Pons Salabelle, Salvatore Scialò, Mario Spada. 


I fotografi: Raffaele Adamo, Giorgio Bruno, Salvatore Bolognino, Emanuela Borrelli, Vincenzo Borrelli, MariannaCanciani, Beatrice Capone, Simone Cargnoni, Florian Castiglione, Giorgia Cottone, Maria Eleonora, Covino, Francesca De Caro, Alessia Della Ragione, Roberta De Maddi, Marina Di Simone, Michela, Fabbrocino, Annarita Ferrara, Gaetano Fisicaro, Alessandro Gattuso, Carmine Hanno, Valentina LaRocca, Giovanni Marotta, Claudio Menna, Laura Micciarelli, Roberta Minichini, Marianna Monteleone,Valentina Mattiacci, Maria Palmieri, Salvatore Pastore, Enzo Pinelli, Ugo Punzolo, Carlo Rainone, Ilaria Sagaria, Giuseppe Santillo, Rosa Sanzone, Stefano Santos, Andrea Sarno, Maria Raffaela Scalfati, Giovanni Scarpati, Dario Striano, Luisa Terminiello, Guglielmo Verrienti, Ilaria Zito.


Videoproiezione La terra dei fuochi di Mauro Pagnano.



Inside Ilas