• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Contest // Pagina 1 di 6
22.06.2015 # 4219

Daria La Ragione // 0 comments

Andrea Tangredi vince il Behance Portfolio Review

diplomato in Grafica Pubblicitaria e Editoriale

Congratulazioni ad Andrea, vincitore del Behance Portfolio Review organizzato da ilas al PAN, Palazzo delle Arti Napoli, in una giornata ricca di eventi: una mostra fotografica, i workshop con grandi nomi dell'advertising e del branding, della fotografia, della grafica e al termine di questa giornata dedicata alla comunicazione ecco il Portfolio Review.

Detta così sembra una cosa da niente, ma presentare i proprio lavori a una commissione composta da Gaetano Grizzanti, Lorenzo Marini, Martin Benes, Andrea Spinazzola, Lisa Sallusto davanti a tutti quelli che sono intervenuti e ascoltare critiche e consigli, e per la verità parecchi complimenti, è una cosa che richiede coraggio a chi ha finito il suo corso ilas da pochissimo e sta mettendo la testa fuori dal guscio.

Quindi doppi complimenti ad Andrea, che si è messo in gioco e che ha vinto questa edizione del Behance Portfolio Review.


Ecco cosa ci ha raccontato: «Avevo già partecipato ad altri Behance Portfolio Review ma quello di quest'anno organizzato da ilas al PAN è stato decisamente il migliore. Tralasciando la magnifica location, è stato interessantissimo partecipare ai workshop degli ospiti. Sarò anche un po’ di parte ma ho trovato molto bello e stimolante il meeting con Gaetano Grizzanti.

Sono un graphic designer ma mi occupo principalmente di branding quindi, durante la presentazione del portfolio, la mia attenzione era per lo più rivolta a lui. Ringrazio ilas per avermi dato l'opportunità di conoscere uno dei massimi esperti di branding in Italia.»


I docenti di Andrea sono stati:

Docente di progettazione grafica: Giovanna Grauso e Alessandro Leone

Docente di software: Rosario Mancini 


 Guarda i lavori di Andrea nella gallery ilas

22.06.2015 # 4218

Daria La Ragione // 0 comments

Serena Salerno vincitrice di Ilas in Mostra

diplomata in Fotografia Pubblicitaria Pro

È sua la foto premiata il 23 maggio al PAN, che vince il concorso riservato a studenti e a diplomati nei corsi annuali di fotografia ilas.

Tra le opere candidate ne abbiamo selezionate 40 da esporre in una cornice così prestigiosa, e tra queste 40 esposte abbiamo fatto ancora un scelta fino a individuare una short list di scatti che poi hanno concorso per il primo premio.

È stato un grande momento per tutti noi: a volte ci si dimentica di quante bellissime foto sono state scattate, di quanti talenti abbiamo conosciuto e questa è stata l'occasione perfetta per passare in rassegna questi anni di corsi e sentirci molto fieri di tutto il lavoro fatto e di come è stato fatto.

È stato il nostro momento e quello di Ugo Pons Salabelle, Pierluigi De Simone, Fabio Chiaiese, Elisabetta Buonanno: tutti loro hanno contribuito a questo splendido risultato insieme a Salvio Parisi e ai tanti docenti che hanno tenuto workshop arricchendo l'esperienza dei nostri studenti.


Ed è stato il momento di Serena Salerno e della sua "Francesca". 


Le ho chiesto di raccontarmi il progetto di cui fa parte e questa è la sua risposta: 

«La foto fa parte di un progetto interamente dedicato ad una ragazza, Francesca, da cui il titolo della foto. 

Mi sono avvicinata alla fotografia usando il digitale, come ormai la stragrande maggioranza delle persone, ma poi dopo una serie di sperimentazioni in analogico ho deciso di concentrare tutti i miei progetti personali sulla pellicola. Da allora realizzo ritratti rigorosamente femminili, le ragazze non sono modelle professioniste, non è quello che mi importa, ma quello che mi trasmettono inconsapevolmente. 

Ci tengo molto alla semplicità e alla naturalezza delle mie foto, infatti tutti i miei ritratti non sono realizzati in studio, ma a casa delle ragazze, per lasciare tutto il più vero possibile, non uso luci artificiali ma solo naturali.»


Quando le ho chiesto come è iniziato il suo percorso di fotografa è tornata studentessa per un attimo: 

«ho deciso di iscrivermi all'Ilas perchè sentivo il bisogno di studiare la fotografia sotto il punto di vista tecnico e lavorativo. Ho avuto la fortuna di avere come docente Pierluigi De Simone, un fotografo nato e cresciuto con l'analogico, che mi ha insegnato tanto non solo sotto il punto di visto tecnico, ma soprattutto umano.»


Ecco, è proprio di questo che andiamo fieri e che ci auguriamo ogni volta che inizia un nuovo corso e conosciamo una nuova classe di futuri fotografi.


Guarda il portfolio di Serena Salerno sulla gallery ilas

15.06.2015 # 4203

Daria La Ragione // 0 comments

Francesca Rosaria Sommino vince il contest Becycle

studentessa di Grafica

L'evento sulla comunicazione organizzato da ilas al Pan in occasione del Behance Portfolio Review è stato, tra le altre cose,il momento giusto per premiare nella cornice più bella i vincitori dei contest che la scuola bandisce periodicamente per offrire agli studenti l'opportunità di mettersi alla prova.
Dopo anni in cui abbiamo partecipato a concorsi nazionali e internazionali, vincendo premi e facendoci molto onore, da qualche anno abbiamo deciso di cambiare rotta: decidiamo noi su quali temi invitare gli studenti a riflettere, stabiliamo i tempi, in modo che siano i più opportuni in base al percorso didattico e i risultati ottenuti ci convincono sempre di più che questa sia la strategia vincente.
Ma torniamo ai vincitori, anzi, torniamo alla vincitrice: Francesca Rosaria Sommino ha vinto il contest BeCycle, col quale invitavamo gli studenti a creare una campagna che sensibilizzasse le persone all'utilizzo della bicicletta, molto più ecologica e rispettosa dell'ambiente da tutti i punti di vista.

Questo era il brief che abbiamo sottoposto agli studenti:
"Obiettivo della campagna di sensibilizzazione è portare alla conoscenza e coscienza popolare la possibilità di utilizzare, nelle aree urbane, la bicicletta come mezzo di trasporto privilegiato.
La sostenibilità dell’utilizzo della bicicletta per gli spostamenti all’interno della città, per i piccoli tratti e come cosiddetto mezzo da “ultimo chilometro” ovvero in associazione ad altri mezzi pubblici, è indiscutibile da molteplici punti di vista: ambientale/ecologico, economico, personale, salutistico e per il buon funzionamento della mobilità cittadina.
A sostegno dell’impegno dimostrato dall’amministrazione e dal Comune di Napoli nell’attivare e patrocinare numerose iniziative per incentivare l’uso della bicicletta come mezzo di mobilità urbana, la campagna di sensibilizzazione deve offrire al grande pubblico un’idea di mobilità sostenibile e far percepire l’utilizzo della bicicletta come alternativa positiva facendo leva sia sull’aspetto “emotivo” che sugli evidenti benefici razionali.
"

Francesca ci ha stupito: non è da molto che ha iniziato il corso, ma si vede subito che la stoffa c'è e quando le abbiamo chiesto di raccontarci qual era stato il suo percorso creativo, abbiamo anche capito perché:



«Semplicemente leggendo gli obiettivi della campagna, come si suol dire, si è accesa la lampadina. Ho preso carta e penna e ho cominciato ad appuntare idee, parole chiave, schizzi e bozzetti vari (che conservo ancora).
L’idea di partenza era piuttosto diversa. Avevo concepito un solo esecutivo per la stampa che riassumesse i benefici dal punto di vista ambientale, economico, personale, salutare e sulla mobilità cittadina: un unico manifesto con l’ingranaggio e i pedali di una bicicletta al centro e intorno cinque icone rappresentative dei benefici suddetti, come se il fatto stesso di pedalare li generasse.
Tuttavia, fatti da parte alcuni problemi di gestione dello spazio a disposizione, sin dai primi tentativi c’era qualcosa che non mi convinceva a livello comunicativo.





Ho pensato, quindi, che fosse prematuro partecipare. 
Ciononostante le idee hanno continuato a ronzarmi in testa, ma ho deciso comunque di aspettare, mettendo per un po’ da parte il contest.
Almeno fin quando, nel pomeriggio di giovedì 14 maggio, mi rimetto a lavoro stravolgendo in parte l’idea iniziale: non più un manifesto, ma tre; via ingranaggio e pedali, ma sì alle icone come mezzo di comunicazione diretto; conserva slogan e stile flat (eccetto che per la paper texture).



Venerdì 15 maggio, data della scadenza del contest, mostro la bozza “incompleta” ed espongo le mie idee ad Alessandro Leone, che mi ha spronata a partecipare nonostante il pochissimo tempo a mia disposizione. Senza il suo incoraggiamento e i suoi consigli probabilmente non lo avrei fatto. Così lavoro ininterrottamente dalle 16 alle 23.30 (consumando una magra cena con panino davanti al pc).



Sin dall’inizio ho optato per uno stile semplice, sia dal punto di vista grafico che dei contenuti, perché in fondo la bici è un mezzo di trasporto anch’esso semplice, così come lo sarebbe la vita se scegliessimo di pedalare. Le icone, poi, mi hanno aiutata a esprimere e riassumere il messaggio senza dover ricorrere a troppe parole.
Il bello di una pubblicità sta anche nel saper comunicare, trasmettere un’idea, un sentimento, un’emozione anche col solo contatto visivo. 
È quello che vorremmo tutti ogni giorno: capire ed essere capiti senza la necessità di lunghe e noiose disquisizioni.

La vittoria è arrivata del tutto inaspettata. Ho partecipato per mettermi alla prova e testare il livello delle mie capacità. In realtà il mio percorso di studi è stato completamente diverso. Circa due anni fa ho conseguito la laurea magistrale in Economia, ma già da molto tempo prima vivevo con malcontento le mie scelte passate.
È poco più di un mese che frequento il corso di Grafica pubblicitaria e stavolta sento di essere sulla strada giusta. Grazie all’Ilas sono di nuovo motivata perché finalmente ho la possibilità di dare sfogo alla mia creatività e di esprimere finalmente quello che sono.
Non è mai troppo tardi per inseguire i propri sogni. Oggi, lo so. Erich Fromm ha scritto: «Creativity requires the courage to let go of certainties».
Non sempre le scelte che facciamo sono quelle giuste. L’importante è avere il coraggio di cambiare.»


I docenti di Francesca sono:
Alessandro Leone per la progettazione grafica
Rosario Mancini per i software

30.11.2014 # 3955

Daria La Ragione // 0 comments

Un Brand per Napoli #1 - le strategie creative

Carolina Prezioso racconta il suo percorso creativo

Congratulazioni a Carolina Prezioso, vincitrice del concorso Un Brand per Napoli, un contest promosso da ilas come esercitazione didattica per stimolare gli studenti a confrontarsi con il tema attualissimo del city branding.
Abbiamo chiesto alla vincitrice di raccontarci quale percorso creativo avesse seguito, quali difficoltà aveva tenuto presenti e come aveva deciso di superarle.

«Come riassumere in un unico segno tutti i valori, le sensazioni, i temi necessari per evocare la realtà che si sta rappresentando?
Oppure come scegliere, tra tanti, quell'unico segno che raccolga tutti gli aspetti che si vogliono evidenziare?
Questo il problema che si presenta ogni volta che si comincia un nuovo lavoro. Ed è tanto più complesso quanto più è multiforme e sfaccettata la realtà da rappresentare. Come nel caso dello sviluppo del logo di una città. Soprattutto se questa città è Napoli. 

Napoli è una città dalle mille facce, descritta e decantata da tanti autori diversi, contributi che risalgono a migliaia di anni fa e che continuano ad essere numerosi al giorno d'oggi. Come racchiudere Napoli in un segno? Anzi, è possibile che un solo segno la rappresenti completamente? Colga il suo essere così molteplice e diversa, piena di colori, odori, suoni, persone differenti?
Partendo da questa riflessione, e dopo aver fatto qualche ricerca sui loghi di altre grandi città, europee, multietniche, interconnesse, come Napoli, ho deciso di sviluppare il mio lavoro concentrandomi su un'elaborazione tipografica del nome della città stessa, che reca in sé già tanti significati. 

Napoli, Nea Polis, città nuova. Una città nuova però già ai tempi dei coloni greci, che così la chiamarono. E quindi perché non partire da li, dalle origini, trovare qualcosa che potesse raccontare Napoli dalla sua fondazione ad oggi.
Partire dalle origini, partire dalle fondamenta. E quindi scegliere la forma assai peculiare delle gallerie scavate nel tufo, prima dai greci e poi dai romani, e quindi dai Borbone, come possiamo vedere nel caso dell’antro della Sibilla Cumana, o del tunnel nel borbonico, per citarne alcuni.
Un elemento che riesce già ad aprirci uno spiraglio sulla complessità della città, fatta di tutti gli intrecci tra i popoli che l'hanno abitata e che hanno generato combinazioni inedite di stili letterari, cibi, architetture, musica.


Partendo dunque dal "trapezio" ricavabile dalla vista frontale delle gallerie, ho cominciato a lavorare su una composizione tipografica di Napoli all'interno di quella figura, fino a quando non si è reso necessario creare le lettere da zero, alterandole, intrecciandole, combinandole in modo che i caratteri che avevo utilizzato fino a quel momento non permettevano.
Ed è così che il logo "Napoli" è composto da lettere che si intersecano, che si stratificano e si sostengono l'un altra, che si fondono.


Così come è Napoli, una realtà che affonda le sue radici in un passato remoto, che continua ad evolversi e mutare, mantenendo però un forte legame con le sue origini e tradizioni, capace di accogliere e inglobare culture diverse, giungendo ad una sintesi nuova. In quest'ottica ho scelto anche di non vincolare la scelta dei colori, ma permetterne combinazioni diverse, che rispecchino la molteplicità della città.
Il lavoro dunque ha caratteristiche di flessibilità e adattabilità e riesce a rappresentare il carattere sempre nuovo ed in evoluzione di una città millenaria come Napoli.»

Ecco la nostra più grande soddisfazione: avere offerto a Carolina e ai suoi colleghi l’occasione per riflettere e studiare prima di progettare, per cimentarsi un un lavoro di ampio respiro che, soprattutto nella sua metodologia, non ha nulla da invidiare a un progetto professionale.

Complimenti Carolina!

Guarda il suo portofolio nella gallery Ilas 

30.11.2014 # 3954

Daria La Ragione // 0 comments

Un Brand per Napoli #2 - le strategie creative

Alessandra Capuano racconta il suo percorso creativo

Non è stato affatto semplice decretare il vincitore del contest Un Brand per Napoli: i lavori dei nostri studenti erano davvero belli di alto livello qualitativo, e sceglierne uno tra tutti è stato difficile. Certo, una di quelle difficoltà che ci auguriamo sempre di incontrare e che per fortuna incontriamo spesso.

Quello che ci interessava davvero era stimolarli a riflettere, studiare, ragionare prima che progettassero. Per questo motivo abbiamo, dopo avere fatto una selezione di lavori che, pur non essendo i vincitori, ci sembravano troppo belli per non essere almeno segnalati, abbiamo chiesto agli studenti che ne sono gli autori di raccontarci quale sia stato il percorso che li ha portati a creare quel brand o quel sito.


Questo è il lavoro di Alessandra Capuano e queste le riflessioni che ha condiviso con noi.

«Un brand per Napoli.
Questa la sfida propostaci da Ilas, lo scorso Aprile.
Si trattava di rilanciare l’immagine di Napoli, di considerarla una città internazionale, moderna, al pari di altre grandi città europee. Una doppia sfida per me, ché, da ex studentessa di Beni Culturali, mi dava la possibilità di “parlare”, ai turisti ma anche ai napoletani stessi, della Napoli che più mi piaceva; un luogo che non è certamente solo fisico, ma anche fatto di sensazioni, odori, luci, atmosfere che si mescolano, di contaminazioni e di vicinanze estreme, insomma una Napoli moderna, di superficie ma con solide basi nel sottosuolo.
La maggiore difficoltà era quella di riuscire a trasportare, trasferire su di una homepage tutta la pienezza di Napoli: come riuscire a contenere una città di per sé “incontenibile”, come richiamare l’atmosfera di una città affollata e caotica, ricca di input, quale è Napoli?

“Feel the vibe”, questa è l’espressione internazionale intorno a cui si è sviluppata la mia idea di sito per Napoli, un’espressione che ho voluto lasciare in lingua madre, ma che non stona affatto con l’identità di una città da sempre aperta alle contaminazioni più straordinarie, sia nella musica che nella cultura in generale.
Una homepage “scoppiettante” di contenuti.
Questa la mia idea per Napoli; un tentativo, il mio, di descriverne la pienezza, un modo di accennarne l’atmosfera e di invogliare a visitarla.
All’interno di un contenitore neutro (bianco), blocchi affollati, colorati e dal ritmo incalzante, si susseguono al centro, richiamandosi a vicenda, quasi a voler abbracciare piccole slide show centrali, che senza sosta, mostrano piccoli angoli di paradiso insieme ai mille set di Napoli, perché Napoli è anche questo, una città naturalmente cinematografica.
Infine il visitatore, quasi accompagnato per mano dal ritmo incalzante dei contenuti, che si annunciano a vicenda, viene immerso in un tour a 360° delle diverse piazze storiche della città.
Ed è nelle piazze, più che altrove, che si rivela la magia di Napoli, dove il nuovo semplicemente si aggiunge al vecchio,senza troppi problemi, arricchendosi di diversità e modernità.
Anche nella scelta del font, ho voluto insistere sull’internazionalità di Napoli, trovo il Museo Sans, pulito, leggibile e moderno.
Nel complesso è stata un’esperienza positiva, certo impegnativa, ma anche divertente e gratificante, una rincorsa contro il tempo che sembrava non essere mai abbastanza... alla fine è andata bene.
Un ringraziamento speciale va al Prof. di Web Nicola Cozzolino per i suoi preziosi consigli e per aver sempre creduto in me, nonostante la mia strampalata autostima.»

Li abbiamo messi alla prova, spinti a crederci e messi un po’ crisi e i risultati sono stati migliori di quelli attesi.
Complimenti Alessandra!

Guarda il suo portfolio nella gallery Ilas 

Inside Ilas