• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 211 di 216
24.07.2005 # 102
Napoli | Nell'occhio di Escher | Fino al 27 luglio 2005

Ilas Web Editor // 0 comments

Napoli | Nell'occhio di Escher | Fino al 27 luglio 2005

Castel Sant'Elmo, a Napoli, ospiterà 100 opere del grande maestro olandese Maurits Cornelis Escher, famoso per le sue opere visionarie; molte delle illustrazioni di Escher, infatti sono caratterizzate da una divisione regolare della superficie ed è questo il suo tratto inconfondibile: simbolo di un'arte profondamente contaminata dal pensiero scientifico.
La mostra sarà in allestimento presso il castello fino al 24 luglio 2005. Le opere esposte provengono in parte dalla Fondazione Escher, in parte da Musei olandesi come il Rijksmuseum di Amsterdam e infine da collezioni private.



CASTEL SANT'ELMO


Via Tito Angelini 20, Napoli

28.08.2005 # 79
Napoli | Nell'occhio di Escher | Fino al 27 luglio 2005

Ilas Web Editor // 0 comments

SIENA | Periplo immaginario | FINO AL 28/08/2005

Hugo Pratt in mostra

la mostra che fino al 28 agosto ripercorrerà il percorso artistico del creatore di Corto Maltese proponendo un viaggio che partendo da Venezia proseguirà attraverso Mondo Celtico, Africa, America Latina, Nord America, Pacifico e Asia.

Sette mondi attraversati dall'arte di Pratt e dai suoi personaggi per un itinerario affascinante sospeso tra realtà e fantasia: i luoghi della sua vita si confondono con quelli delle fonti letterarie filtrate attraverso i ricordi delle letture d'infanzia, che hanno ispirato non solo la produzione fumettistica, ma anche tutto l'universo pittorico dell'autore: gli acquarelli, le tempere, le chine.

Una sezione speciale della mostra è dedicata alle 163 tavole di Una Ballata del Mare salato la sua prima grande storia a fumetti ed esordio di Corto Maltese, il suo personaggio più noto.

21.08.2005 # 104
Napoli | Nell'occhio di Escher | Fino al 27 luglio 2005

Ilas Web Editor // 0 comments

GENOVA | Avvolti nel mito. Tessuti e Costumi tra settecento e Novecento | FINO AL 21/08/2005

Fino al 21 agosto 2005

Il design giapponese è considerato un mito in occidente, poiché è capace di individuare anche la bellezza nascosta delle cose e di usarla come ispirazione massima di composizione. Tale sua caratteristica intrinseca, unita alla raffinatezza dei disegni, ha concorso a creare la sua fama.
La mostra "Avvolti nel mito" è un incontro importante con questa forma particolarissima dell'arte giapponese, che dagli anni Venti è conosciuta con il termine Mingei. Come spiega l'esperta d'arte tessile giapponese – e curatrice della mostra - Annie Van Assche, nel suo saggio "Dall'ordinario allo straordinario: tradizione e spirito nei tessuti giapponesi", la rarità di questi tessuti è dovuta alla complessità di lavorazione e di tintura.
La mostra raccoglie centocinquanta manufatti tessili tradizionali di rara bellezza destinati ad uso quotidiano. Tutte le opere esposte, presso il Palazzo Ducale di Genova, provengono dalla collezione Montgomery, la più rilevante raccolta privata di design tradizionale d'uso corrente.

21.08.2005 # 103
Napoli | Nell'occhio di Escher | Fino al 27 luglio 2005

Ilas Web Editor // 0 comments

Genova | Giappone, l'Arte del mutamento | Fino al 21 agosto 2005

Genova si avvicina al Giappone attraverso un incontro che mira a confrontare due società profondamente diverse fra loro ma con delle caratteristiche simili. Il tema dominante del ciclo triennale che Genova dedica al Sol Levante è la trasformazione vista attraverso l'arte. Trasformazione intesa nel senso di accelerazione e intensificazione dei rapporti e di messa a confronto delle differenze culturali. Oltre a essere una caratteristica peculiare della società giapponese questa trasformazione costituisce anche la via di sviluppo intrapresa da Genova in questi anni.
Perciò nel Palazzo Ducale della bella città ligure un'esposizione di oltre seicento manifesti sintetizza le principali tendenze dell'arte ,del gusto, ma anche dell'impegno pubblico e sociale nella grafica giapponese contemporanea.

10.08.2005 # 89
Napoli | Nell'occhio di Escher | Fino al 27 luglio 2005

Ilas Web Editor // 0 comments

NAPOLI | THE GIVING PERSON | FINO AL 10/08/2005

IL DONO DELL'ARTISTA

Pan, Palazzo della Arti di Napoli, fino al 10 agosto 2005
Marina Abramovic´ Jean-Michel Alberola Txomin Badiola Maja Bajevic´ Bianco-Valente Eric Binder Jirí Cernicky´ Victoria Civera Gianni Dessì Jan Fabre Gloria Friedmann Gérard Garouste Gilbert & George Ilya Kabakov Sejla Kameric´ William Kentridge Mimmo Jodice Denisa Lehocká Eva Marisaldi Matthew McCaslin Mihael Milunovic´ Yan Pei Ming Motti Mizrachi Maurizio Nannucci Hermann Nitsch Richard Nonas Luigi Ontani Roman Opalka Dennis Oppenheim Mimmo Paladino Michelangelo Pistoletto Pedro Cabrita Reis Laszlo Revesz Sarkis Sean Scully Kiki Smith Kim Sooja Barthélémy Toguo Lois & Franziska Weinberger

Le ragioni della creazione artistica contemporanea e quindi il ruolo dell'artista che, evitando di cadere in una visione utopica e messianica, si pone come creatore e generoso donatore di idee, alternative e progetti, con un approccio empatico e indipendentemente da qualsiasi giudizio o utilizzo da parte della gente, sono i grandi temi indagati attraverso l'analisi delle opere dei trentanove artisti italiani e stranieri presenti in mostra.
La visita, adeguata nei contenuti come nelle modalità linguistiche e didattiche ai differenti pubblici destinatari, propone un'ampia e articolata selezione che comprende sia i capolavori dei grandi interpreti dell'arte degli ultimi trent'anni che le installazioni eseguite con diverse tecniche e linguaggi da giovani rappresentanti delle tendenze più attuali, con una particolare attenzione alle opere specificamente pensate in accordo con l'architettura e con gli spazi di Palazzo Roccella.

31.07.2005 # 146
Napoli | Nell'occhio di Escher | Fino al 27 luglio 2005

Ilas Web Editor // 0 comments

Napoli | 506070 trent'anni di vita quotidiana in mostra | Fino al 31 luglio 2005

Nell'ambito di "join us" - la rassegna estiva di Città della Scienza - una mostra dedicata a quel trentennio che, compreso tra la fine della seconda guerra mondiale e gli anni '70, costituisce uno dei momenti cruciali della storia del '900 in Italia. Caratterizzati da entusiasmo, voglia di trasformazione, rinascita dell'identità nazionale è in questi trent'anni – a partire dal "boom economico" post-bellico fino agli "anni di piombo", passando per la "stagione del '68" – che l'Italia cambia volto, e da Paese agricolo contrassegnato da tradizioni e usanze proprie della cultura contadina si trasforma in una delle potenze industriali mondiali, in un Paese socialmente dinamico, del tutto al passo con il contesto europeo.


Cultura e sapere, scolarizzazione di massa e apertura all'istituzione universitaria, hanno avuto un ruolo centrale in questa vicenda, così come trainante è stata la funzione del mondo giovanile, in cui le nuove contraddizioni sociali hanno trovato un forte momento di rappresentazione, a volte anche violenta.


La diffusione di massa di nuovi beni di consumo, e tra questi della televisione - che di questi beni, così come della lingua nazionale, diviene il principale veicolo – testimoniano che lo stile di vita americano, sebbene temperato dalla forte identità mediterranea, rappresenta il modello di vita verso cui l'Italia vuole tendere.


Il cinema, le arti figurative e la musica - pensiamo alle correnti stilistiche del neorealismo e della "commedia all'italiana" - documentano con straordinaria efficacia, "facendo scuola" a livello mondiale, un'epoca irripetibile nella memoria e nella coscienza di molti.


"506070… trent'anni di vita quotidiana" attraverso l'esposizione di oggetti d'uso comune, animazioni, postazioni multimediali e incontri vuole ricostruire il clima di quegli anni.


La mostra, in uno sguardo d'insieme, ripercorre la storia degli usi e dei "consumi" di quel periodo, presenta il rapporto del tutto peculiare per il nostro Paese tra ricerca scientifica e tecnologica, industria e design, "mette in scena" quegli oggetti che hanno contraddistinto il modo di vivere, di abitare, di spostarsi, di vestirsi, di lavorare e di divertirsi: dall'assoluta genialità della piccola e mitica Fiat 500, all'apparire della televisione che ha profondamente mutato le abitudini di vita degli italiani.


A contorno della mostra, le postazioni multimediali riproporranno dialoghi e spezzoni di alcune trasmissioni televisive: Carosello, Non è mai troppo tardi, Canzonissima,…


Divertenti performance di attori, vestiti con abiti dell'epoca, proporranno "scenette di vita quotidiana" o commenteranno con il pubblico qualche "notizia di attualità" apparsa sui giornali come "l'Allunaggio dell'Apollo 11 e Neil Armstrong che scende la scaletta e con esitazione tocca il suolo lunare" il 20 luglio 1969.


Una serie di dibattiti affronteranno vari aspetti della storia del trentennio: la società dei consumi; la trasformazione della famiglia; i movimenti artistici; la televisione; la musica; la ricerca e innovazione scientifica.

In conclusione "506070…trent'anni di vita quotidiana" vuole essere un'occasione per accostare la riflessione di coloro che vissero quegli anni alla sorpresa delle generazioni di oggi, eredi – spesso inconsapevoli – di quella straordinaria stagione.