• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 171 di 216
28.03.2009 # 1038
Milano | Mammut - Songs From The Blue Garden | Fino al 28 marzo 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Mammut - Songs From The Blue Garden | Fino al 28 marzo 2009

Fino al 28 marzo 2009

Dal 6 febbraio al 28 marzo 2009, la Galleria Pack di Milano ospita il nuovo progetto di Robert Gligorov, dal titolo Mammut - Songs From The Blue Garden.
L'artista macedone, guarda nuovamente a quel mondo che lo aveva visto protagonista ai suoi esordi professionali come regista di videoclip e disegnatore di copertine per gli album di Sting e dei Bluvertigo. Dopo avere maturato anni di esperienze esclusivamente nel campo dell'arte contemporanea, questa volta Gligorov, senza alcuna pretesa di paragone o emulazione, si cimenta nella realizzazione di un intero album, curandone i testi e realizzando brevi videoclip di ciascuna canzone. Gligorov, ci conquista con ritornelli orecchiabili e seducenti, messi in musica grazie all'aiuto di famosi compositori italiani e internazionali quali Saturnino, Massimo Colombo, Vittorio Cosma e Steve Piccolo.

05.04.2009 # 1042
Milano | Mammut - Songs From The Blue Garden | Fino al 28 marzo 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Toko Shinoda - La linea e lo spazio | Fino al 5 aprile 2009

Fino al 5 aprile 2009

La Triennale di Milano martedì 10 marzo inaugura la mostra dedicata all'artista giapponese Toko Shinoda, una delle più famose pittrici viventi di sumi-e astratti, pittura monocromatica ad inchiostro di china.
Considerata dalla critica una delle più grandi pittrici del XX secolo, Toko Shinoda si è rivelata all'interno della movimentata scena artistica newyorkese tra gli anni '60 e '70, quando fu scoperta dalla famosa commerciante d'arte Betty Parsons. Da quel momento in poi i suoi quadri sono stati esposti accanto a quelli di artisti del livello di Mark Rothko e Jackson Pollock.
Prima della tappa milanese, la mostra è stata ospitata presso l'Istituto Giapponese di Cultura di Roma e presenta opere provenienti da collezionisti privati.

03.04.2009 # 1044
Milano | Mammut - Songs From The Blue Garden | Fino al 28 marzo 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | In her shoes | Fino al 3 aprile 2009

Fino al 3 aprile 2009

Martedì 17 marzo 2009, alle ore 18,00 a Roma, presso lo Studio Arte Fuori Centro, via Ercole Bombelli 22, si inaugura la personale di Paola Babini. In her shoes, curata da Loredana Rea.
L'esposizione rimarrà aperta fino al 3 aprile, secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 17,00 alle 20,00. Per questa esposizione Paola Babini, realizza una installazione in cui le scarpe, vere o riprodotte su superfici trasparenti o specchianti, ma comunque sempre custodite in eleganti scatole di plexiglass, sono disposte nello spazio della galleria secondo un ordine che nulla lascia al caso, richiamando alla memoria non solo l'elegante armadio/guardaroba di una shoe victim, quanto piuttosto una di quelle scatole delle meraviglie in cui ogni donna custodisce oggetti apparentemente insignificanti, ma capaci di risvegliare i ricordi e la sottile poesia ad essi legata e soprattutto capaci di creare un legame indissolubile con le altre donne. Infatti, come scrive Loredana Rea in catalogo, attraverso le scarpe "l'artista sublima gli accadimenti legati alla propria vita in una condizione più ampia, in cui ogni donna può riconoscere se stessa. L'intimo e il pubblico, la consapevolezza del vissuto e la speranza di ciò che è o che potrebbe accadere, creano una commistione in grado di proiettare ognuno di noi dentro la sua vita, provocando l'intrigate possibilità di domandarsi: …e se fossi lei?".
Le scarpe racchiuse dentro le scatole di plexiglas evocano percorsi e direzioni, che accomunano donne diverse per scelte e modalità di vita ed esemplificano in maniera assolutamente originale un narrare delle donna e della propria intimità.

29.03.2009 # 1040
Milano | Mammut - Songs From The Blue Garden | Fino al 28 marzo 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Genova | Piero Steinle - Mondo risibile | Fino al 29 marzo 2009

Fino al 29 marzo 2009

Videoinstallazioni e fotografie: La risata come esperienza estrema

Dopo il successo ottenuto alla Triennale di Milano, allo Studio Miscetti di Roma e al Madre di Napoli, arriva anche a Genova Mondo risibile dell'artista tedesco Piero Steinle, presentato in collaborazione dal Goethe-Institut Genua e dal Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce nell'ambito del progetto Omniapolis.

Mondo risibile si compone della videoinstallazione The Triumph of Laughter e della serie fotografica Paradiesvögel (Uccelli del paradiso).

The Triumph of Laughter è una videoinstallazione con tre proiezioni sincronizzate, che illustrano la storia associativa del ridere: "Mentre l'uomo moderno e il mondo globalizzato sembrano soccombere ai problemi e alla crisi – afferma Steinle -, da artista propongo come soluzione universale la pura e semplice risata, individuale e collettiva: il riso trionfa sulla gravità del mondo e del denaro. Sarebbe la vera rivoluzione!".

Il fenomeno del riso culturalmente trasversale e la sua rilevanza sociale sono al centro della ricerca di Piero Steinle, che esplora il comportamento ilare di persone delle più svariate provenienze, sia nella loro sfera pubblica che in quella privata. Nelle opere il riso è concepito come atto performativo, che viene seguito dalla sua genesi fino allo scoppio della risata, che spesso aumenta di intensità fino a sfociare nell'isteria assumendo tratti estatico-animaleschi. Steinle mette a punto uno scenario di grande effetto nel quale il riso viene portato alle sue forme estreme con un impatto spesso inquietante sull'osservatore.

Studiando il riso Steinle tematizza un fenomeno di grande importanza nella società odierna. Da alcuni anni si sta infatti diffondendo un "movimento del riso", iniziato in India e negli Stati Uniti, che ha scelto il "riso senza motivo" come motto di vita da seguire per la propria salute psichica e fisica. Gli studi di Steinle riescono ad avviare una riflessione sul rapporto col riso e allo stesso tempo mettono in rilievo la sua necessità essenziale.

29.03.2009 # 937
Milano | Mammut - Songs From The Blue Garden | Fino al 28 marzo 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Magritte - Il mistero della natura | Fino al 29 marzo 2009

Fino al 29 marzo 2009

Il Palazzo Reale di Milano ospita un'importante iniziativa monografica dedicata a René Magritte e in particolare al suo approccio al tema della Natura. La rassegna presenta centodieci dipinti, oltre a gouaches e sculture, provenienti da numerosi collezionisti privati e dai Musées royaux des Beaux-Arts del Belgio (la collezione pubblica più importante al mondo di opere di Magritte). Magritte, tra i maggiori pittori dell'area surrealista, è artista talmente noto e riprodotto che alcune delle sue immagini sono state assorbite dalla cultura e dalla coscienza figurativa contemporanea, al punto da decretarne un successo popolare, fino a diventare delle vere e proprie icone del '900. I curatori hanno quindi scelto di individuare un altro livello di lettura che, attraverso una sintassi linguistica del tutto nuova, porta a ripensare il rapporto che il genio belga ha instaurato con la natura. Nel percorso espositivo, i visitatori saranno accompagnati dai testi dello stesso Magritte, cui verrà lasciato il compito di descrivere e commentare la propria opera. Mistero e natura sono i due termini che definiscono l'universo artistico di Magritte. Tutti gli intenti dell'artista belga erano pervasi dal mistero, al punto da considerarlo lo strumento più idoneo per mettere in discussione la logica dei luoghi comuni e che lo portava a creare sulla tela degli oggetti di uso comune e a spostarli in un contesto nuovo, insolito, modificando la loro naturalità.

29.03.2009 # 933
Milano | Mammut - Songs From The Blue Garden | Fino al 28 marzo 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Firenze | Emerging talents | Fino al 29 marzo 2009

Fino al 29 marzo 2009

Un premio e una mostra per offrire ai giovani artisti italiani l'opportunità per emergere, farsi conoscere e comunicare, questo è quanto si prefigge l'iniziativa Talenti Emergenti/Emerging Talents, creata dalla Fondazione Palazzo Strozzi e realizzata dal Centro di Cultura Contemporanea Strozzina - CCCS di Firenze. In mezzo alla moltitudine di riconoscimenti già presenti sul nostro territorio, Emerging Talents si distingue per una formula nuova che prevede due momenti di selezione affidati a commissioni giudicatrici composte da persone diverse. Si parte da una prima fase dedicata alla scelta degli artisti finalisti, compito affidato a una giuria composta da cinque tra i più affermati esponenti della nuova generazione di operatori culturali italiani indipendenti - Andrea Bellini, Luca Cerizza, Caroline Corbetta, Andrea Lissoni e dall'artista e docente Paolo Parisi - ciascuno indica cinque nomi. Nella seconda fase, la rosa dei 25 finalisti, i cui lavori saranno esposti al CCCS dal 23 gennaio al 29 marzo 2009, viene vagliata da una commissione internazionale formata da Rudolf Frieling (curatore del San Francisco Moma), Jan Boelen (direttore del centro di arte contemporanea Z33, Belgio), Hubertus Gassner (direttore della Kunsthalle Amburgo), Cornelia Grassi (Galleria GreenGrassi di Londra) e Kathrin Becker (direttore del Neuer Berliner Kunstverein), coadiuvati da Franziska Nori, project director del CCCS, Heiner Holtappels, direttore del Netherlands Media Art Institute/Montevideo di Amsterdam, e Christoph Tanner, direttore del Kuenstlerhaus Bethanien di Berlino. Il 22 gennaio, durante l'inaugurazione della mostra, saranno proclamati i nomi dei due vincitori che otterranno una borsa di studio per svolgere un periodo di ricerca – da 6 a 8 mesi - al Künstlerhaus Bethanien di Berlino e al Netherlands Media Art Institute Montevideo di Amsterdam.