• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 167 di 216
17.06.2009 # 1099
Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Fino al 4 settembre 2009

In occasione del bimillenario della nascita dell'imperatore Vespasiano verrà
inaugurata, nei Musei Capitolini, una mostra dedicata alla dinastia flavia che
permette di proseguire e concludere sul Campidoglio l'ampio percorso
espositivo illustrato nell'Anfiteatro Flavio e nella Curia.
La mostra, progettata da Filippo Coarelli, illustrerà le grandi opere edilizie che
Vespasiano realizzò sul Campidoglio. Fulcro dell'esposizione è proprio il ruolo
centrale che l'Egitto acquistò sotto Vespasiano e i suoi figli e la particolare
devozione da loro riservata alle divinità orientali. Sarà quindi questa l'occasione
per riaprire al pubblico la Sala Egizia che prospetta sul cortile di fronte alle sale
che ospiteranno la mostra dedicata al Campidoglio nell'età dei Flavi.
Le opere esposte sono altissimo valore e tra queste compare la Triade
Capitolina, la famosa scultura trafugata e poi recuperata dal Nucleo Patrimonio
Artistico per la prima volta esposta in Campidoglio. Eccezionale il valore
dell'iscrizione che menziona un sacerdote di Iside Capitolina che il Sindaco di
Fiesole ha concesso in prestito ai Musei Capitolini già dal mese di novembre e
che verrà inserita nella mostra. Accanto a queste opere vanno considerate altre
rare testimonianze della devozione agli dei egiziani riferibili ancora al
Campidoglio, come le statuette in granito grigio in prestito dal Museo Nazionale
Romano provenienti dagli scavi per la costruzione del Vittoriano. Ed infine, tra
le altre sculture dei Musei Capitolini provenienti da altri Isei non si può non
ricordare la bellissima testa di Iside o regina tolemaica abbigliata come la dea
egizia dall'Iseo della III regione.

03.07.2009 # 1106
Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Giappone. Tradizione e innovazione | Fino al 10 settembre 2009

Fino al 10 settembre 2009

La manifestazione "Giappone. Tradizione e innovazione", curata dalla Casa delle Letterature dell'Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma e dall'Associazione Culturale Teatrio di Venezia, con il patrocinio dell'Ambasciata del Giappone e dell'Istituto Giapponese di Cultura in Roma, propone fino al 10 settembre 2009 un viaggio nella narrativa nipponica presentando una esposizione di illustrazioni che spaziano dal Giappone antico a quello contemporaneo, in relazione a diverse forme d'arte e comunicazione, dal teatro alla letteratura, dalla mitologia alla poesia, fino al libro per l'infanzia. L'inaugurazione è prevista alle ore 17.00 del 26 giugno.

In linea con la vocazione interculturale e interdisciplinare che ha contraddistinto l'attività della Casa delle Letterature fin dalla sua nascita e con l'idea di aprire le porte della nostra conoscenza alle culture che hanno avuto ed hanno tuttora una notevole importanza nella configurazione dell'arte e dell'immaginario occidentale, la rassegna "Giappone. Tradizione e innovazione" unisce per la prima volta, in un serrato confronto dialettico, le opere di cinque grandi artisti dell'Ukiyo-e, periodo d'oro della grafica nipponica tra XVII e XIX secolo, e sei illustratori contemporanei attentamente selezionati dall'Associazione Culturale Teatrio, da molti anni un punto di riferimento autorevole nel campo dell'illustrazione contemporanea.



03.07.2009 # 1105
Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Scatti di guerra | Fino al 30 agosto 2009

Fino al 30 agosto 2009

Le fasi finali della Seconda Guerra Mondiale, dallo sbarco in Normandia alla Liberazione, raccontate da due punti di vista, con due differenti approcci: da una parte Lee Miller, affermata fotografa cresciuta nella Parigi dei Surrealisti e amica dei maggiori intellettuali dell'epoca, dall'altra Tony Vaccaro, soldato dell'esercito americano e poi fotografo ufficiale del giornale della sua divisione, che in quegli anni inizia la sua carriera professionale. La mostra, di cui Miller e Vaccaro saranno i protagonisti, vedrà le loro fotografie (circa 100 immagini realizzate in un periodo che va dal 1944 al 1945) fronteggiarsi su due pareti del primo piano delle Scuderie del Quirinale.

25.06.2009 # 837
Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

ICE ART GALLERY

sempre aperto

L'ICE ART GALLERY è il primo museo permanente al mondo di sculture di ghiaccio. Nasce dalla collaborazione con l' Associazione Italiana Scultori di Ghiaccio che con il suo presidente, Amelio Mazzella di Regnella, organizza illustri concorsi in Italia e nel mondo.
Questa disciplina, che si è diffusa in tutto il mondo, è entrata a far parte del programma culturale delle Olimpiadi Invernali, l' AISG infatti ha recentemente organizzato, nel febbraio 2006, nel Comune di Pragelato (TO), il prestigioso concorso Olimpico dove hanno preso parte oltre 40 scultori, in rappresentanza di 24 nazioni.
Il museo partenopeo è il primo al mondo nel suo genere, i visitatori avranno la possibilità di vedere oltre 400 tonnellate di ghiaccio interamente scolpito da mani esperte.
Sono previste collaborazioni con i migliori scultori del pianeta.
Le visite avranno luogo in un igloo tecnologico di ultima generazione, dove il pubblico potrà ammirare stupefacenti sculture, che saranno tenute ad una temperatura costante di -3°.
Ogni cliente sarà dotato di pelliccia, cappello e guanti per resistere alle basse temperature. Le visite avranno una durata di massimo 30 minuti e sarà consentito l'accesso ad un massimo di 30 persone per ogni ingresso.

17.06.2009 # 1100
Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Lecco | LONG THANH - my VietNamese life | Fino al 10 luglio 2009

Fino al 10 luglio 2009

La stagione artistica 2008-2009 della Galleria Melesi di Lecco si chiude con la prima mostra personale italiana del fotografo vietnamita Long Thanh, di cui si erano potuti vedere alcuni lavori nel 2007 a Roma in occasione del festival della cultura vietnamita.
Tahn è una rara eccezione tra gli oltre 500 membri dell'Associazione Nazionale Fotografi vietnamiti, che risiedono tutti ad Hanoi o a Ho Chi Minh e preferiscono lavorare con pellicole a colori. Egli, infatti, è riuscito a farsi conoscere e a diventare il più importante fotografo del suo Paese, nonostante le limitate risorse e lo svantaggio di vivere e operare lontano dai centri principali. Nato nel 1951, ha imparato ad usare la macchina fotografica a 13 anni, quando lavorava presso un laboratorio fotografico, e da allora ha dedicato buona parte del suo tempo alla fotografia, senza mai abbandonare la sua città natale Nha Trang per cercare la fama in una grande metropoli.
Long Thanh è un vero purista della fotografia, utilizza unicamente pellicole in bianco e nero e sviluppa e stampa le sue fotografie nella cucina di casa, utilizzando le carte che amici stranieri gli procurano. La sua applicazione alla fotografia può essere paragonata a quella che i grandi maestri vietnamiti pongono nell'uso della lacca, secondo una tradizione millenaria; egli rappresenta un'ampia fascia di autori che credono alla forza della trasfigurazione del bianco e nero.

17.06.2009 # 1098
Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Ilas Web Editor // 0 comments

Bari | MIMMO ROTELLA - Prima Del Decollage | Fino al15 luglio 2009

Fino al15 luglio 2009

Alla scoperta del Rotella inedito. La mostra, proposta da Opera Arte e Arti e promossa dalla Provincia di Bari, dal 30 maggio al 15 luglio, ha l'obiettivo di presentare, per la prima volta in uno spazio pubblico, le testimonianze giovanili del maestro del décollage che si forma nel clima romano reinterpretando, con assoluta libertà, la lezione dell'astrattismo-geometrico.
Sono sessanta le opere su carta, in parte inedite, del periodo compreso tra il 1946 al 1950 contrappuntate da alcuni retro d'affiche e décollage del periodo successivo.
La mostra, a cura di Alberto Fiz, realizzata in collaborazione con la Fondazione Mimmo Rotella e coordinata da Piero Mascitti e dalla direttrice della Pinacoteca Provinciale Clara Gelao, rappresenta un'occasione importante per analizzare la produzione germinale dell'artista che nel 1953 ha imposto il décollage, il celebre strappo che rappresenta una vera e propria lacerazione del sistema formale aprendo nuovi varchi alla percezione e alla relazione tra arte e vita.