• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 73 di 103
27.11.2009 # 1240
Design | La fabbrica del desiderio

Ilas Web Editor // 0 comments

Design | La fabbrica del desiderio

Fulvio Carmagnola | Editore Lupetti

Ecco un libro dove il Design propriamente detto viene guardato dall’esterno, secondo un punto di vista che cerca di porsi in maniera assolutamente oggettiva, quello del Late Capitalism, che poi così oggettiva non è. Infatti, questa logica risponde a precisi dettami economici e culturali che contraddistinguono e influenzano i nostri modi di vivere e di pensare. Emerge la nostalgia alquanto inutile per un design moderno, contro quella che viene definita la barbarie del postmoderno, prima quasi del tutto del concetto di funzionalismo estetico. Il conflitto tra produzione di conoscenza e produzione di immaginario, che governa le nostre esistenze è la chiave di lettura del libro, scritto da Fulvio Carmagnola, professore di estetica all’ Università degli Studi di Milano Bicocca, che ama profondamente il design e cerca di analizzarlo esternamente per fornirci degli elementi ulteriori per capirne le dinamiche e il valore. La presentazione è di Gillo Dorfles.

26.11.2009 # 1236
Design | La fabbrica del desiderio

Ilas Web Editor // 0 comments

NEXT | L'identità tra consumo e comunicazione | Scienza della comunicazione

Alberto Abruzzese, Mauro Ferraresi | Editore Fausto Lupetti

Consumatori o cittadini? In che modo l'elettronica cambia le relazioni sociali? Quali sono le conseguenze e i cambiamenti di un sistema che vede al centro una fenditura tra l'identità personale, i processi legati al consumo, l'invasione sempre più invadente dei mass media e soprattutto, senza che si sia prospettato minimamente su quali basi poggerà il nostro prossimo futuro? Questi sono i quesiti fondamentali a cui questo libro, basato sulla comunicazione, cerca di rispondere. Siamo talmente abituati ad avere più di un'identità, ad esempio, basta pensare alla nostra identità da internauti piuttosto che da cittadini, con cui creiamo un sistema di relazioni completamente "altro" e non sappiamo più dove collocare le nostre idee e aspettative. L'indagine proposta da Alberto Abruzzese e da Mauro Ferraresi pone la questione delle nuove ibridazioni tra organico e inorganico, come il mix tra molecole e elettronica e la produzione di individui, frutto dei processi appena descritti, in un testo fondamentale a cui hanno collaborato anche Vanni Codeluppi, Giovanna Russo, Vincenzo Susca, Derrick de Kerckhove, Michel Maffesoli, Carlo Formenti, Stéphane Hugon, Andrea Granelli, Nello Barile, Andrea Malagamba e Antonio Rafele.

24.11.2009 # 1231
Design | La fabbrica del desiderio

Ilas Web Editor // 0 comments

LOGOLOUNGE 3mini

Bill Gardener | Catherine Fishel | Edizione Logos Books

Un logotipo può anche nascere dal caso. Certo. Ma nella maggior parte dei casi, poiché i logotipi contraddistinguono un marchio e lo definiscono, contribuendo a costruire l'immagine aziendale veicolandone il messaggio, non è al caso che ci si affida, ma ad una strategia precisa, un concept ben definito e costruito e un designer di talento. In questo volume troveremo analizzato e celebrato il lavoro dei più grandi grafici del mondo, tratti dal sito di Bill Gardner www.logolounge.com, in cui vediamo uno showcase di progetti selezionati da una giuria di esperti e professionisti del settore. In questo libro vedremo il lavori delle vedette del design, le superstar del brand e del marchio come Turner Duckworth, Desgrippes Gobé, FutureBrand e Wolff Olins. In primis c'è il profilo dei primi 10 top Designer assieme alle loro campagne più originali, inoltre, aspetto molto interessante, sono analizzati anche i progetti minori con marchi e logotipi completamente inediti. Nella seconda parte del volume c'è la raccolta di circa 2000 loghi con una grande rassegna di opere internazionali, tutto raggruppato secondo criteri visivi. Il libro è un'enorme fonte di'ispirazione per tutti i designer e i grafici, ma anche per i committenti.

24.11.2009 # 1230
Design | La fabbrica del desiderio

Ilas Web Editor // 0 comments

Branding. Una visione Design oriented | Carmi Elio

A cura di Elena Israela Wegher | Editore Fausto Lupetti

Molte sono le domande e molte le risposte che questo libro ci da rispetto ad argomenti come il brand e la sua nascita come concetto, le modellizzazioni che hanno lo hanno definito, la differenza tra i modelli di stato e quelli di gestione, il processo di cambiamento dalla visione di Sèguela rispetto a quella di Semprini, la differenza tra la visone di Sicard e quella di Floch, il perché dell'importanza del Design per il brand.Si parla anche di come le agenzie pubblicitarie brancolino sempre di più nel buio, pensando di sapere cosa sia il brand ma nei fatti dimostrando il contrario. Si parla di Walt Disney, Steve Jobs, del disegnatore della bottiglietta della Copca Cola Raymond Loewy, di Paul Rand, artefice dell'identità e logo IBM, il tutto unito dal quesito fondamentale: le creazioni di questi designer, inventori, sono nate per caso oppure c'è dietro un disegno che già coglie in pieno il concetto di brand? Un' aspetto molto interessante del libro, dal momento che il suo autore è un antropologo esperto di semiotica, riguarda l'analisi del concetto di branding, fin dalla sua nascita, anche in rapporto ad altre culture e forme mentis. Ci sono poi le schede dei protagonisti del Design e un glossario dedicato, insomma, un manuale completo e importante per chi lavora nel settore, studia e non solo, utile a tutti gli appassionati che vogliono semplicemente capire qualcosa di più di questo settore così importante, ma soprattutto è rivolto ai professionisti, agli imprenditori, ai Designer e ai Product Manager che operano nel mondo della brand. Elio Carmi e Elena Israela Wegher affrontano gli argomenti partendo dalla disciplina della comunicazione, con le sue scuole e i suoi maestri, ma anche i suoi dubbi e i suoi dibattiti, sempre aperti.

20.11.2009 # 1225
Design | La fabbrica del desiderio

Ilas Web Editor // 0 comments

YouMARK

Videocomunicare sul web

Un videoportale con le ultime novità dai brand più famosi, news aggiornate e rubriche che scavano a fondo nel panorama pubblicitario italiano e non solo, dal punto di vista della comunicazione e del marketing, con un linguaggio semplice e diretto. Ecco cos'è youMARK, un'interessante iniziativa di Gag, tutta dedita alla comunicazione al tempo di Internet 2.0, con newsletter, cultura, eventi, case history, ricerche e i video di molte campagne pubblicitarie. Ci sono i video del business della comunicazione, i messaggi publi-radazionali, che servono a creare una rassegna delle principali strutture operanti nel mercato della comunicazione pubblicitaria.Video di chi ha qualcosa da dire e video testimonianze in cui è possibile porre domande anche originali e rivolte a questo mercato. Interviste, Marketing, Media, News, tecnologie e web, campagne, trend e Tools, tutto in video messaggi, dove si possono vedere le notizie prima che sentirle. Inoltre, da segnalare lo spazio "diamoci del you", spazio dedicato ai manager, dove possono emergere inediti e interessanti trend.

20.11.2009 # 1224
Design | La fabbrica del desiderio

Ilas Web Editor // 0 comments

Buzz Marketing nei social media | Come scatenare il passaparola on-line

Andrea Colaianni, Andrea Febbraio, Dario Caiazzo, Umberto Lisiero | Fausto Lupetti Editore

Chi ha mai sentito parlare di Buzz Marketing? Cos'è il Buzz? Per i non addetti ai lavori, ma anche per gli appassionati e per gli esperti della comunicazione sul web, questo libro ci spiega come utilizzare al meglio strumenti come i Social Network, le community, con i consigli e gli approfondimenti di quattro professionisti del digital marketing, attraverso il racconto di casi reali, i cosiddetti case history, svelando molti segreti che ruotano intorno a quella macchina meravigliosa che è il web 2.0 Le potenzialità di sviluppo sono enormi e il web 2.0 è ancora terra di conquista. Tra brand e consumatori che si scambiano feedback, le informazioni viaggiano in mille direzioni secondo uno schema completamente diverso da quello classico di Internet. I codici di comunicazione si evolvono, cambiano, si trasformano con i blog, i forum, i social networks. Scopo del libro è soprattutto far capire quale può essere il modo migliore per generare buzz e passaparola per farci muovere al meglio in questo mondo di contenuti digitali. Siamo ben lieti, inoltre, di segnalare che Dario Caiazzo, uno degli autori del libro è anche un docente Ilas. La prefazione è di Diego Masi, presidente di Assocomunicazione.

Inside Ilas