• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 63 di 103
23.09.2010 # 1725
BABY CONSUMATORI  | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Ilas Web Editor // 0 comments

BABY CONSUMATORI | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Edizione: Nuovi Mondi

Che esiste un mercato fatto di brand più o meno noti, multinazionali e non, rivolto ai più piccoli è oramai cosa nota. Non è ben chiaro però fino a che punto sia importante e preoccupante. In tutto il mondo, sia inteso. Le campagne pubblicitarie rivolte ai minori non si contano, individuati come ottimi consumatori soprattutto per il condizionamento esercitato sui più grandi. Ma non solo. Il 90% dei teen ager americani ha una tv personale. Più di un terzo dei ragazzi ha un pc personale e 2/3 hanno una consolle per videogiochi. Come dire, se non ce l’hai sei fuori, o comunque in minoranza. Per i telefonini, poi è ancora peggio. S’incomincia con quasi il 40% dei bambini della scuola elementare fino a sfiorare il 100% dei ragazzi delle superiori. Il tempo passato davanti alla tv è di più di cinque ore al giorno. La conclusione è che bambini e adolescenti non sono visti dai brand come cittadini ma come consumatori, bersagliati in ogni modo dall’advertising e soprattutto condizionati nelle loro scelte, non in relazione alle esigenze concrete di crescita e sviluppo individuale, ma in relazione al brand, al marchio commerciale, all’unificazione dei consumi di massa secondo un’unica, bieca logica del profitto. Questo bel libro spiega, per primo, come i nostri figli siano diventati il target preferito delle campagne pubblicitarie e indaga sul fenomeno attraverso interviste ai bambini e agli adulti. “Mayo e la coautrice Agnes Nairn, professoressa di marketing alla EM-Lyon Business School in Francia e alla Rotterdam School of Management dell’Erasmus Universiteit, nei Paesi Bassi, mostrano in quali modi e forme i bambini siano quotidianamente bombardati da slogan e immagini che fanno leva sui loro sogni e ne sfruttano i punti deboli. Spiegano perché le bambine torturano le loro Barbie, cosa provano i ragazzini per David Beckham, perché le mamme siano più in gamba dei papà, come mai i bambini delle famiglie più rigide tendano a diventare i consumatori più sfrenati e, soprattutto, perché l’eccesso di marketing porti all’infelicità”.

21.09.2010 # 1720
BABY CONSUMATORI  | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Ilas Web Editor // 0 comments

Niente di più facile, niente di più difficile | Manuale (pratico) per la comunicazione

Di Stefano Lucchini e Gianni Di Giovanni | Editore: Logo Fausto Lupetti Editore

Qual è il segreto di una comunicazione efficace? E’ facile come bere un bucchier d’acqua o in questo bicchiere d’acqua ci si può perdere in un attimo? Servono tecnica, competenze e de esperienza ? Due esperti professionisti del settore cercano di fare luce su queste questioni e su ciò che apparentemente sembra facile monache in realtà richiede requisiti e presupposti specifici.  Niente di più facile, niente di più difficile  è un manuale o guida di comunicazione pratica che raccoglie esperienze concrete affiancate da un po’ di teoria che serve da faro e da base strutturale al tutto. Imperdibile per chi vuole aggiornarsi( per lavoro e per studio) sulla comunicazione come realtà pratica, basata sulla “sensibilità individuale, visione dall’alto, conoscenza della realtà e capacità di maneggiare gli strumenti a disposizione”.

17.09.2010 # 1714
BABY CONSUMATORI  | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Ilas Web Editor // 0 comments

1000 Caratteri tipografici

Edizione: Logos Books

Sei un grafico di talento? La bravura di un bravo grafico pubblicitario e di un creativo con i fiocchi si riconosce dalla conoscenza di storia, forma e significato di ogni carattere tipografico. Ogni singolo carattere ha la sua specificità e il suo valore rapportato ad un dato contesto e questo non deve mai essere perso di vista. Con 1000 Caratteri tipografici si può cogliere l’occasione per passarli in rassegna tutti e farsi finalmente un po’ di cultura in proposito. Un bravo grafico deve avere la capacità di usare in maniera intelligente e accurata ogni singolo font. Qui puoi trovare font corredati di ottime immagini dettagliate in ogni punto, strutturati in sezioni con manifesti, biglietti da visita, di invito, opuscoli per trovare ispirazione e attingere per i tuoi progetti. Un manuale utile, interessante e consigliabile ad ogni grafico.

15.09.2010 # 1707
BABY CONSUMATORI  | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Ilas Web Editor // 0 comments

Hiroshige di Trede, Prof. Dr. Melanie e Bichler, Dr. Lorenz | Edizione: Taschen

Cover: Rilegatura giapponese con cofanetto

Hiroshige è stato un grande artista giapponese, colui che hadisegnato gli ukiyo-e. Cosa sono gli ukiyo-e? Sono le "immagini del mondo fluttuante", un genere di stampa artistica giapponese su blocchi di legno, prodotta tra il XVII e il XX secolo, raffigurante in genere paesaggi, soggetti teatrali e quartieri di piacere. Per la loro particolare natura, tali disegni si prestavano ad una produzione seriale, ottimi per decorare ventagli, cartoline e libri illustrati. In questo libro troviamo un'eccellente raccolta di ukiyo-e con le sue cortigiane, i suoi guerrieri, gli attori. Ciò che colpisce di più è però la molteplicità delle espressioni offerte da questa tecnica grafico-artistica, in cui la contemplazione della natura raggiunge un livello fusione morfologica che distingue Hiroshige dagli altri incisori-pittori dell'epoca. In Hiroshige, che ebbe grande influenza sulla pittura europea dell'800, troviamo la diatriba finito-infinito, il respiro del cosmo, l'osmosi tra natura e uomo. La sua influenza trovò espressione soprattutto nei dipinti degli impressionisti e sul post-impressionismo e in artisti come Claude Monet e Vincent Van Gogh.

13.09.2010 # 1701
BABY CONSUMATORI  | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Ilas Web Editor // 0 comments

Go Logo!| A handbook to the art of global branding

Editore: Rockport

Come diventare un creativo di successo? Un libro può spiegarcelo? Di certo un libro unico ( un handbook, un manuale ) come Go Logo! Ci può indicare una via precisa: come si arriva alla persuasione commerciale, ovvero come si fa marketing bene, attraverso il brand. Il brand persuade a livello sociale o commerciale? Oppure le due cose sono indissolubilmente unite nelle varie guerre di branding. I marchi globali di branding ne sanno qualcosa e vengono qui esaminati uno ad uno; Starbucks , Google, Burger King, Delta Airlines, solo per citarne alcuni, sono in questa sede definiti “guerrieri del branding”. In Go Logo! Stiamo a vedere, allora, quali sono i loro punti di forza e le caratteristiche cruciali del loro successo. L’analisi di un successo annunciato e consumato.

10.09.2010 # 1698
BABY CONSUMATORI  | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Ilas Web Editor // 0 comments

Circus | di Ana Juan

Edizione: Logos Books/ILLUSTRATI

Un libro può raccontare, parlare e descrivere in immagini molto meglio che in parola. Quando Bruno Munari realizzò il primo libro illeggibile, senza testo, nel 1955, diede il via ad un genere illustrato che fino alla fine degli anni ’60 sperimentò la comunicazione visiva in tutte le sue più importanti peculiarità. Ovvero, il comunicare stesso. Perché comunicare non è soltanto scrivere un testo su di un libro e magari accompagnarlo ad immagini, comunicare è soprattutto fare arrivare un’idea o un concetto e questo lo si può fare con efficacia con un discorso che coinvolga tutti i sensi umani. Lo dimostrano i pre-libri per i bambini, lo dimostrano i libri illustrati come questo, realizzato dall’illustratrice spagnola Ana Juan che ha collaborato tra gli altri con il New Jorker. L’illustrazione è narrativa per gli occhi di tutte le età, che si sviluppi intorno ad un circo, come in questo caso, attraverso caratterizzazioni geniali e sorprendenti, o che abbia come oggetto del suo racconto altro. Non importa, perché ciò che conta è la comunicazione visiva, fatta attingendo da tutti i mezzi possibili. Ecco perché chi vuole intraprendere questo mestiere o ne è semplicemente affascinato, deve tenere conto tutti i possibili registri del comunicare: fumetto, illustrazione, litografia, xilografia, ogni segno grafico, statico o in movimento può essere utile a questo scopo. Ne sanno qualcosa i giovani creativi di adesso, che spaziano in mille direzioni e inventano così, nuovi, efficaci modi di comunicare.

Inside Ilas