• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Attività didattiche // Pagina 33 di 38
20.06.2012 # 2471
2 Luglio 2012 Shooting con Noemi Gaudiero

Ilas Web Editor // 0 comments

2 Luglio 2012 Shooting con Noemi Gaudiero



La modella professionista e il make up artist Francesco Riva ai corsi di Fotografia Ilas

Noemi Gaudiero al corso di Fotografia Ilas. Una nuova sessione di shooting in sala posa nei corsi di fotografia ILAS con una modella d'eccezione: Noemi Gaudiero, Miss Sasch Modella Domani 2007, protagonista della campagna 2012 Yamamay. Nella sezione di Ugo Pons Salabelle, assistito da Fabio Chiaese in sala posa e Elisabetta Buonanno sul fotoritocco, gli studenti si eserciteranno nella realizzazione di foto per la moda.

Il trucco della modella è affidato a Francesco Riva, il make up artist professionista di fama nazionale specializzato in trucco fashion, editorial, commerciale, beauty.

Naoemi Gaudiero fotografata dagli studenti ilas

Crediti: foto di Giovanni Scognamiglio - Corso di fotografia ilas 2011/2012 - Docente Ugo Pons Salabelle

Guarda il video dello shooting 2011/2012



Crediti: foto nel riquadro in homepage di Daniela De Pascale - Corso di fotografia ilas 2011/2012 - Docente Ugo Pons Salabelle

01.07.2012 # 2391
2 Luglio 2012 Shooting con Noemi Gaudiero

Ilas Web Editor // 0 comments

Procedura di attribuzione votazioni finali Corsi di Pubblicità

Corsi di Pubblicità e marketing

Procedura ISO 9001:2000 /  Procedura di attribuzione votazioni finali con test

Esame conclusivo Corsi di Pubblicità

Come viene determinata la votazione
La votazione finale è determinata dal punteggio ottenuto dall’esecuzione di un test a risposta multipla e da una valutazione soggettiva espressa dal docente principale del corso.

Come viene effettuata la valutazione dell'esame?
L’esecuzione del test consente di ottenere una votazione variabile da 85 a 110/centodecimi oltre la lode.
Il docente ha la facoltà di incrementare fino ad un massimo di 7 punti la votazione ottenuta nel test in considerazione di una personale valutazione del percorso scolastico di ogni singolo studente.
In tutti i casi in cui il punteggio del test sommato al voto del docente determini una votazione superiore a 110 punti, viene attribuita la lode.

Quante domande contiene il test?
I test possono essere costituiti da un minimo di 70 fino a un massimo di 150 domande.

Come viene valutato il punteggio del test?
Il test si considera superato quando il numero di risposte esatte è uguale o superiore al 65% percento dei quesiti proposti.

Scala di valutazione

Il test attribuisce un punteggio di base calcolato secondo i seguenti parametri

Da 95 al 100% delle risposte corrette: 110/110 con lode
Da 90 a 94% delle risposte corrette: 110/110
Da 85 a 89% delle risposte corrette: da 105 a 109/110
Da 80 a 84% delle risposte corrette: da 100 a 104/110
Da 75 a 79% delle risposte corrette: da 95 a 99/110
Da 70 a 74% delle risposte corrette: da 90 a 94/110
Da 65 a 69% delle risposte corrette: da 85 a 89/110

14.06.2012 # 2434
2 Luglio 2012 Shooting con Noemi Gaudiero

Ilas Web Editor // 0 comments

14 | 06 | 2012
Le Forme della Carta: il workshop

8 ore di workshop gratuito con Luciano Sepe riservato agli studenti ilas

Le forme della carta: il workshop di Luciano Sepe
Ilas / Aula4 / Giovedì 14 giugno / Ore 14,30 / Partecipazione gratuita / Numero chiuso

PER PARTECIPARE OCCORRE CONTATTARE LA SEGRETERIA ILAS ALLO 0814201345 E PRENOTARSI, SALVO DISPONIBILITÀ DI POSTI

Luciano Sepe incontra gli studenti ilas in un ciclo di 4 lezioni gratuite dedicate al ruolo della carta nel progetto grafico.

Le lezioni, a numero chiuso per 20 studenti, si terranno per 4 giovedì consecutivi a partire dal 14 giugno. Ai partecipanti è richiesta la frequenza obbligatoria.

Le Forme della Carta: il workshop, propone un percorso didattico che, attraverso le principali aree di progetto – editoria, comunicazione aziendale e packaging – mostra come scegliere e utilizzare al meglio la carta, in abbinamento con le diverse tecniche di stampa e finitura.


sepe


Chi è Luciano Sepe


Nasce a Napoli nel 1965. Nel 1983 si diploma al Liceo Artistico di Napoli a pieni voti, subito dopo il suo percorso professionale inizia collaborando presso alcuni studi grafici e contemporaneamente frequentando la facoltà di Architettura che non completerà per fare spazio al suo lavoro di graphic designer, difatti dal 1984, per circa 12 anni lavorerà presso varie agenzie di pubblicità. Nel 1994 entra nell'elenco dei pubblicitari professionisti come TPP.
In questi anni si occuperà molto della stretta relazione tra progettazione grafica e produzione in fase di stampa.
Nel 1996 trasportato dalla passione per l'utilizzo dei supporti cartacei, entra a far parte della Cartiera Fedrigoni SpA nel servizio Marketing/Promozione per la Filiale di Napoli.
In questi anni frequenta vari corsi di formazione, sia presso la cartiera che alla scuola grafico e cartaria "San Zeno": "La carta nel processo di stampa offset", "Tecniche di nobilitazione e allestimento degli stampati".
Da allora fino ad oggi è di supporto e consulente per tutti coloro che progettano su carta (agenzie di pubblicità, grafici, editori, aziende con reparto grafico), cercando di spiegare quanto sia importante la carta nel progetto grafico, e quante sensazioni tattili e visive trasferisce esaltando il lavoro di un graphic designer.


Le forme della carta


Se sei interessato ad acquistare i cataloghi Fedrigoni con lo sconto riservato agli studenti >>


Fedrigoni PAPERIDEAS

Il codice sconto lo trovi nel pannello di controllo studenti.

08.06.2012 # 3084
2 Luglio 2012 Shooting con Noemi Gaudiero

Ilas Web Editor // 0 comments

Corso di Copy 3.0
con Bruno Ballardini

Il corso di Copy nella scuola vincitrice negli ultimi due anni dello School Copy Award promosso dall'ADCI

Documento senza titolo

Venerdì 8 giugno alle ore 14,30 parte il nuovo corso di Copy 3.0 tenuto da Bruno Ballardini.
Un percorso formativo di 2 mesi strutturato su una lezione settimanale di 2 ore con uno dei più importanti copywriter italiani
nella scuola vincitrice negli ultimi due anni dello School Copy Award promosso dall'ADCI.



vai alla scheda del corso scheda



 

Oddio, e adesso che titolo ci metto?
Ma chi se ne frega, ci pensiamo dopo.
Ma la presentazione è domani!
Adesso cerca di trovare le foto giuste per la campagna che poi ci attacchiamo un titolo.
Sì vabbè ma così ci scordiamo della Reason Why.
E che cos'è?
La ragione per cui stiamo facendo notte.
Io me la sono già scordata, e perché mai dovrei ricordarmela?
Perché anche la Reason Why ha il suo perché.
Lasciamo perdere queste regole inutili.
Lo dici tu, almeno le avessi studiate.
Ma poi come faccio per il testo del sito web?
E che ci vuole! Fai un copia-incolla dalla brochure!
E se il cliente se ne accorge?
Casomai glielo diciamo prima: serve "sinergia" fra i media, e quindi vanno unificati i testi.
E bravo, e come facciamo a farci pagare se i testi sono sempre gli stessi?
Già.
Già.
Magari cambiamo le immagini ogni volta così anche il testo che le accompagna sembrerà diverso. Tanto quello che conta è l'immagine, l'art direction. Dimmi se c'è ancora qualcuno che legge i giornali oggi.
No, quello che conta è il copy, altro che immagini.
Ma sì, ma bastano le prime tre righe scritte bene, tanto il resto non lo legge nessuno.
E se invece lo leggono?
Guarda che una volta ho fatto la prova: ho messo il testo finto nel bodycopy, hai presente il testo in latino che si usa nei lay out? Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Maecenas sodales, neque sit amet sodales tincidunt, orci mi condimentum dolor, rhoncus convallis libero tellus eget...
Dai taglia corto.
Insomma quello lì, hai capito no?
E allora?
Beh, dal cliente non se n'è accorto nessuno. Solo il nostro account, al ritorno dalla presentazione, era molto preoccupato. Alla fine non ce l'ha fatta più e mi ha chiesto sottovoce: «Certo che è un testo molto colto, colpisce subito, è una grande idea. Ma voi siete sicuri che la gente capirà il latino?»
Braccia rubate all'agricoltura.
Se rinasco faccio il copy.
Se rinasco faccio l'art.
Forse non dovevo scegliere questo mestiere.
Forse dovremmo ricominciare daccapo.
Forse era meglio se ti iscrivevi al corso di copywriting dell'Ilas.

 

Gli obiettivi
Il corso Copywriter 3.0, docente Bruno Ballardini, è rivolto a chi vuole specializzarsi nel ruolo del Copywriter, creativo addetto alla redazione dei testi di una campagna pubblicitaria.

Il metodo
Il corso è strutturato in modo da affrontare in maniera mirata le tecniche principali della scrittura pubblicitaria, studiando le applicazioni della parola ai diversi mezzi di comunicazione di massa e l'elaborazione dello stile comunicativo.

08.06.2012 # 2429
2 Luglio 2012 Shooting con Noemi Gaudiero

Ilas Web Editor // 0 comments

Corso di Copy 3.0
con Bruno Ballardini

Il corso di Copy nella scuola vincitrice negli ultimi due anni dello School Copy Award promosso dall'ADCI

Documento senza titolo

Venerdì 8 giugno alle ore 14,30 parte il nuovo corso di Copy 3.0 tenuto da Bruno Ballardini.
Un percorso formativo di 2 mesi strutturato su una lezione settimanale di 2 ore con uno dei più importanti copywriter italiani
nella scuola vincitrice negli ultimi due anni dello School Copy Award promosso dall'ADCI.



vai alla scheda del corso scheda



 

Oddio, e adesso che titolo ci metto?
Ma chi se ne frega, ci pensiamo dopo.
Ma la presentazione è domani!
Adesso cerca di trovare le foto giuste per la campagna che poi ci attacchiamo un titolo.
Sì vabbè ma così ci scordiamo della Reason Why.
E che cos'è?
La ragione per cui stiamo facendo notte.
Io me la sono già scordata, e perché mai dovrei ricordarmela?
Perché anche la Reason Why ha il suo perché.
Lasciamo perdere queste regole inutili.
Lo dici tu, almeno le avessi studiate.
Ma poi come faccio per il testo del sito web?
E che ci vuole! Fai un copia-incolla dalla brochure!
E se il cliente se ne accorge?
Casomai glielo diciamo prima: serve "sinergia" fra i media, e quindi vanno unificati i testi.
E bravo, e come facciamo a farci pagare se i testi sono sempre gli stessi?
Già.
Già.
Magari cambiamo le immagini ogni volta così anche il testo che le accompagna sembrerà diverso. Tanto quello che conta è l'immagine, l'art direction. Dimmi se c'è ancora qualcuno che legge i giornali oggi.
No, quello che conta è il copy, altro che immagini.
Ma sì, ma bastano le prime tre righe scritte bene, tanto il resto non lo legge nessuno.
E se invece lo leggono?
Guarda che una volta ho fatto la prova: ho messo il testo finto nel bodycopy, hai presente il testo in latino che si usa nei lay out? Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Maecenas sodales, neque sit amet sodales tincidunt, orci mi condimentum dolor, rhoncus convallis libero tellus eget...
Dai taglia corto.
Insomma quello lì, hai capito no?
E allora?
Beh, dal cliente non se n'è accorto nessuno. Solo il nostro account, al ritorno dalla presentazione, era molto preoccupato. Alla fine non ce l'ha fatta più e mi ha chiesto sottovoce: «Certo che è un testo molto colto, colpisce subito, è una grande idea. Ma voi siete sicuri che la gente capirà il latino?»
Braccia rubate all'agricoltura.
Se rinasco faccio il copy.
Se rinasco faccio l'art.
Forse non dovevo scegliere questo mestiere.
Forse dovremmo ricominciare daccapo.
Forse era meglio se ti iscrivevi al corso di copywriting dell'Ilas.

 

Gli obiettivi
Il corso Copywriter 3.0, docente Bruno Ballardini, è rivolto a chi vuole specializzarsi nel ruolo del Copywriter, creativo addetto alla redazione dei testi di una campagna pubblicitaria.

Il metodo
Il corso è strutturato in modo da affrontare in maniera mirata le tecniche principali della scrittura pubblicitaria, studiando le applicazioni della parola ai diversi mezzi di comunicazione di massa e l'elaborazione dello stile comunicativo.

04.06.2012 # 2407
2 Luglio 2012 Shooting con Noemi Gaudiero

Ilas Web Editor // 0 comments

04 | Giu | 2012
Un nuovo corso
per Mobile App

Dal 4 giugno il nuovo corso per diventare iOS Developer

Documento senza titolo

Al via dal 4 giugno alla ilas un nuovo corso specialistico per imparare a progettare applicazioni per iPhone, iPad, iPod e diventare Apple iOS App Developer.
Un programma completo che permetterà agli studenti di sfruttare, fin dai primi passaggi, tutta la potenza di Xcode, l'ambiente di sviluppo ufficiale Apple, per costruire una prima applicazione completa. Guidati da Luigi Marino, docente del corso, gli studenti impareranno non soltanto a gestire gli aspetti tecnici della progettazione ma a coordinare le varie fasi della realizzazione di una App, dal concept allo sviluppo, fino alla validazione e all'introduzione sul mercato nell'iTunes Store. Una parte importante del corso sarà dedicata alle valutazioni preliminari che permetteranno ai partecipanti di imparare a riconoscere le migliori idee capaci di tramutarsi in app di successo, attraverso lo studio di alcune cases history significative.
96 ore complessive
distribuite in 6 mesi di corso per diventare iOS developer con Xcode.


Durata
96 ore / 6 mesi
Frequenza / Orari
Lun / Mar - 16:40-18:30
Prossima sessione
04/06/2012
Quota di iscrizione
100,00 euro iva inclusa
Costo mensile
240,00 euro iva inclusa
Costo mensile per studenti e/o diplomati ilas
160,00 euro iva inclusa

Vai alla scheda completa del corso >



Cos'è Xcode?
È l'ambiente di sviluppo per la costruzione di Mac OSX e le applicazioni iOS, una tecnologia che Apple stessa utilizza per costruire il suo sistema operativo e che mette a disposizione degli sviluppatori per realizzare applicazioni attraverso un set completo di strumenti, costruiti per permettere di semplificare il lavoro di progettazione del codice.



Perché diventare un iOS Developer?
Il grande successo anche finanziario di Apple è diventato tangibile quando l'azienda ha introdotto la possibilità, da parte di sviluppatori esterni e indipendenti, di costruire attraverso l'ambiente di sviluppo ufficiale applicazioni gratuite e a pagamento per iPod Touch e iPhone, e successivamente per iPad, generando ricavi impressionanti. Sono tante le cases history sul web di piccoli sviluppatori indipendenti che hanno fatto letteralmente fortuna distribuendo su iTunes Store una applicazione che da sola ha generato milioni di downloads.

Sul Sole 24 ore è stato pubblicato un articolo relativo alla ricerca dell'Osservatorio "New Media & New Internet", promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Cefriel e presentato lo scorso 20 marzo a Milano, da cui emerge che pubblicità e servizi pay su smartphone e tablet sono letteralmente raddoppiati nonostante la fase di recessione che caratterizza questa fase dei mercati. (leggi qui l'articolo completo).


Docente
Luigi Marino

Curriculum Professionale
Ha frequentato Ingegneria Informatica presso l'Università Federico II di Napoli inizia subito la sua carriera come consulente esterno per diverse agenzie di comunicazione di Napoli. Nel 2008 come professionista inizia ad occuparsi dello sviluppo di applicazioni Mobile specializzando la sua attività nell'ambito dell'usabilità dell'interfaccia. Attualmente è Founder e Amministratore di Creact società partenopea specializzata nello sviluppo applicazioni iphone, android e mobile. La sua azienda presta i propri servizi a numerose agenzie di comunicazioni sul territorio nazionale e non solo.
Docente presso diverse scuole di formazione campane collabora il più grande sito web italiano specializzato nella programmazione mobile DevApp.it.

 

Inside Ilas