• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 197 di 216
26.11.2006 # 426
Milano | PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO | Fino al 26 novembre 2006

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO | Fino al 26 novembre 2006

Fino al 26 novembre 2006

40 anni di pubblicità vista dal Giurì



In occasione del quarantesimo anno di attività l'Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, con l'intento di cogliere un particolare aspetto di questo lusinghiero traguardo, il nostro Consiglio Direttivo ha deciso di realizzare una Mostra dal titolo
"PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO - 40 anni di pubblicità vista dal Giurì".

La manifestazione si prefigge di far conoscere al pubblico, che solitamente ne percepisce la sola dimensione commerciale, il valore culturale della comunicazione pubblicitaria insito nella sua capacità di rappresentare valori e modalità espressive della società, e di evidenziare nel contempo la capacità della business community della comunicazione di esprimere un elevato grado di responsabilità sociale.

La Mostra, lungo un percorso che sviluppa alcuni temi significativi della produzione pubblicitaria, intende illustrare il delicato e responsabile compito della valutazione dei messaggi pubblicitari. Inoltre, grazie a questa sorta di "dietro le quinte", si offre al pubblico, fuori dall'area specialistica, materiale inedito per meglio apprezzare l'importanza culturale e sociale di un settore che sempre più incide nel nostro costume.

La Mostra verrà inaugurata il
26 ottobre 2006 alle ore 18.00,
presso la Stazione Centrale di Milano, marciapiede binario 21/22, e si protrarrà fino al 26 novembre. In un secondo tempo è prevista analoga iniziativa alla Stazione Termini di Roma.

17.12.2006 # 378
Milano | PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO | Fino al 26 novembre 2006

Ilas Web Editor // 0 comments

PAVIA | DADADA | Fino al 17 dicembre 2006

Fino al 17 dicembre 2006

Dada e dadaismi del contemporaneo. 1916-2006




Al Castello Visconteo, un'esposizione celebra il 90° anniversario della nascita del Dadaismo, attraverso più di 250 opere realizzate dai maggiori esponenti del movimento, come Man Ray, Marcel Duchamp, Hans Richter, Kurt Schwitters, Paul Citroën, Jean Crotti, Raoul Hausmann, Hannah Höch e molti altri.
Due sezioni, storicamente distinte, compongono il percorso espositivo: nella prima, DADADA si esplorano le esperienze originali del movimento, attraverso i lavori dei suoi fondatori; nella seconda, che presenta i DADAISMI DEL CONTEMPORANEO, si analizza l'influenza esercitata dal Dadaismo sui movimenti artistici e culturali che lo hanno seguito, da Fluxus, alla Poesia Visiva alla Video Arte, all'installazione e alla fotografia; una sezione speciale viene dedicata alla presentazione dell'opera La platea dell'umanità, installazione di Sarenco esposta alla Biennale di Venezia nel 2001 e curata da Achille Bonito Oliva.

10.12.2006 # 486
Milano | PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO | Fino al 26 novembre 2006

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | LA FORMA DI UN LAGO | Fino al 10 dicembre 2006

Fino al 10 dicembre 2006

Storie di design finlandese


Tingo Design Gallery - Via Volta, 18 Milano



Forme dai laghi, dalla neve, dalle aurore boreali, dalla luce e dalla sua assenza, dal legno e dal fuoco, dal fruscio degli sci: forme mutevoli eppure immote. Forme che sono del tempo, ma ormai eterne, punto di riferimento per tutto quello che verrà.

La Finlandia è il paese dove lo sguardo spazia per infiniti chilometri e il calore della casa è rifugio concreto per chi percorre questi spazi.

Qui sono nati oggetti senza tempo, che riportano alla natura, alle sue forme e ai suoi materiali e nello stesso tempo portano la natura dentro la casa. Le forme dei vasi di Alvar Aalto sono quelle dei laghi finnici, le sedie e i tavoli di Ilmari Tapiovaara portano le betulle e i pini dei boschi negli interni, e ancora lampade, vasi e bicchieri che sono blocchi di ghiaccio...

Allestita da Lino Sabattini, da sempre attento alle produzioni nordiche e in continuo contatto con i suoi protagonisti, la mostra ospita, tra gli altri, pezzi di Aalto, Heikkilä, Nurmesniemi, Tapiovaara, Kokko, Wirkkala, Sarpaneva, Puotila...

L'occasione è quella di festeggiare i 125 anni di attività aziendale di Iittala, i 70 anni del vaso Savoy di Alvar Aalto e il primo compleanno di Tingo.


10.12.2006 # 441
Milano | PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO | Fino al 26 novembre 2006

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Paola Pivi | Fino al 10 dicembre 2006

Fino al 10 dicembre 2006

Dal 14 novembre al 10 dicembre 2006 la Fondazione Nicola Trussardi presenta My Religion is Kindness.
Thank You, See You In The Future. È la prima mostra personale in un'istituzione milanese di Paola Pivi,
negli spazi dei Vecchi Magazzini della Stazione di Porta Genova a Milano.
La mostra della Fondazione Nicola Trussardi porta a Milano il mondo alla rovescia di una delle punte di
diamante della giovane arte italiana. Impegnata per la prima volta nella sua città con un progetto di
grande ambizione, Paola Pivi ha immaginato per i maestosi spazi industriali dei magazzini una
combinazione di opere realizzate specificatamente per l'occasione e lavori recenti.
Per le sue sculture, installazioni e fotografie, Paola Pivi si imbarca in operazioni dall'apparenza titanica
ma le risolve con la leggerezza e l'agilità di una circense. Le sue gesta sono al contempo assurde e
leggendarie: Paola Pivi ha fotografato l'isola di Alicudi per riprodurla in una stampa in scala uno a uno,
ha portato zebre tra la neve e struzzi tra le onde, ha messo un aereo a pancia in su, rovesciato un tir di
undici metri sul fianco, e persino inscatolato cento cinesi in una stanza.
Con cambiamenti di scala o mutamenti di scenario, il realismo magico di Paola Pivi trasforma operazioni
apparentemente impossibili in gesti di una semplicità disarmante. Come in un laboratorio scientifico che
sfida le leggi della fisica e dell'ingegneria, le installazioni dell'artista milanese sono esperimenti
dell'immaginazione che costruiscono un mondo di favole governato dall'eccesso e dall'ironia. Attraverso
un processo di mutazione genetica tanto giocoso quanto inquietante, Paola Pivi rimaneggia la natura
inseguendo principi assurdi e sovvertendo ogni regola. Il dadaismo ciclopico di Paola Pivi mette in
discussione i meccanismi della nostra vita quotidiana spostando il limite di ciò che si può fare, vedere e
concepire.

01.12.2006 # 447
Milano | PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO | Fino al 26 novembre 2006

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Marc Quinn | Fino al 1 dicembre 2006

Fino al 1 dicembre 2006

Cinque grandi opere su tela e alcune sculture saranno esposte a Milano, in occasione dell'apertura di un nuovo spazio dedicato all'arte contemporanea: si chiama Project B Contemporary Art, sarà diretto da Emanuele Bonomi e per questo primo appuntamento, dal 26 ottobre all'1 dicembre, l'artista inglese Marc Quinn presenterà alcune delle sue tele floreali inedite oltre a tre grandi sculture. Project B Contemporary Art si propone come uno nuovo spazio dedicato all'arte contemporanea, nato in uno storico palazzo nel centro della città e la programmazione sarà soprattutto attenta ad artisti internazionali.

30.11.2006 # 444
Milano | PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO | Fino al 26 novembre 2006

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | La Cena di Tiziano | Fino al 30 novembre 2006

Fino al 30 novembre 2006

La "Cena in Emmaus" di Tiziano, il "Noli me Tangere" di Bernardino Luini e il "Cristo Risorto" di Marco Basaiti sono le opere alle quali è dedicato il grande evento espositivo che ha luogo presso la Pinacoteca Ambrosiana dal 6 aprile al 30 novembre 2006. La mostra offre l'occasione di ammirare la straordinaria tela di Tiziano, la Cena in Emmaus (Emmaus Maffei), che torna in Italia dopo quattro secoli (1662), gentilmente concessa dal Museo del Louvre di Parigi, dove è esposta nella stessa sala della Gioconda, e che, in questo contesto, è messa a confronto con le altre due opere che fanno parte della collezione della Pinacoteca Ambrosiana. Scopo della mostra è quello di puntualizzare tre momenti dell'evento pasquale: la Risurrezione, l'incontro di Cristo con Maria Maddalena davanti al sepolcro e l'apparizione del Risorto ai discepoli in cammino verso Emmaus. La Risurrezione è raffigurata da Marco Basaiti, pittore che opera nell'ambito veneziano agli inizi del 1500, con la sua opera intitolata appunto il Cristo Risorto, che evidenzia la scena in tutta la sua portata sacramentale. Nell'iter espositivo segue l'opera di Bernardino Luini, Noli me Tangere, realizzata dal pittore lombardo intorno al 1530, che narra l'incontro davanti al sepolcro di Maria Maddalena con Cristo risorto e, infine, il visitatore raggiunge il capolavoro di Tiziano, la Cena in Emmaus, che segna il punto di arrivo di un cammino che si snoda fra i due dipinti borromaici e la bellissima tela del Louvre.