• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 181 di 216
17.02.2008 # 750
Roma | ARAKI GOLD | Fino al 17 febbraio 2008

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | ARAKI GOLD | Fino al 17 febbraio 2008

Fino al 17 febbraio 2008

La mostra dedicata all'artista-fotografo giapponese Nobuyoshi Araki, che sarà presentata al pubblico a Roma, nella sede espositiva di Palazzo Fontana di Trevi, e poi in aprile a Torino, presso l'Archivio di Stato, è organizzata dall'Istituto Nazionale per la Grafica nell'ambito del programma pluriennale Vetrine alla Calcografia, ciclo di mostre dedicate dall'Istituto all'arte contemporanea. In mostra una scelta di opere uniche, seminali, capaci di tracciare per episodi fondamentali la storia ormai quarantennale di questo grande maestro dell'obiettivo, celebre e celebrato in tutto il mondo, che si è reso disponibile a collaborare al progetto, oltre che con il prestito di una serie di fotografie scelte nell'ambito di tutta la sua produzione e la presentazione di alcuni lavori inediti, specificamente dedicati alla mostra romana, anche con un soggiorno a Roma e la presenza all'evento inaugurale.
Fra i lavori esposti: l'album Tokyo Diary 2003-2007, racconto quotidiano degli ultimi cinque anni del maestro giapponese attraverso singole e selezionate immagini scelte fra le centinaia ogni giorno da lui eseguite; le cinque serie, composte da 20/25 fotografie ognuna e realizzate negli anni Ottanta e Novanta, appartenenti al gruppo Some Stories, che narrano di vicende amorose nei villaggi del Giappone tradizionale, fra templi e foreste di bambù come fondali dipinti, e quelle altrettanto intense che invece si perdono fra le strade e le piccole abitazioni di Tokyo. Una selezione di circa 300 fotografie prodotte da Araki a Ginza negli anni Sessanta e Settanta, sino ad oggi mai presentate: vere e proprie Street Photographs realizzate in quello che è oggi il centro della moda e finanziario di Tokyo, che lucidamente esplorano e registrano i cambiamenti in atto nella società giapponese di quegli anni, in pieno boom economico.
A questo già cospicuo e unico corpo di opere si affiancano ricche selezioni di famose e in molti casi inedite fotografie scelte nella vastissima produzione di Araki, tra le quali i nudi "bondage", che di lui hanno fatto sovente parlare come di un fotografo scandaloso al limite del pornografico, ma soprattutto i delicatissimi ritratti della ricca e nobile borghesia giapponese, quelli di personaggi celebri del mondo dell'arte e dello spettacolo e quelli di famiglie comuni. Completano infine l'esposizione 50 fotografie a colori dalla serie Color Rays, gli immancabili Flowers e ben 5000 Polaroid.
La mostra e l'esaustivo volume che l'accompagna, edito da Skira, sono a cura di Filippo Maggia.

10.02.2008 # 745
Roma | ARAKI GOLD | Fino al 17 febbraio 2008

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Bruno Munari | Fino al 10 febbraio 2008

Fino al 10 febbraio 2008

Milano si prepara a celebrare BRUNO MUNARI (Milano, 1907-1998), una delle personalità più importanti della cultura del XX secolo, a cent'anni dalla sua nascita: ed è proprio il 24 ottobre, data del suo ipotetico centesimo compleanno, che si inaugura la grande antologica – in programma alla Rotonda di via Besana, dal 25 ottobre al 10 febbraio 2008 - che ripercorre tutta la sua attività nel campo dell'arte e del design, attraverso 200 tra oggetti di design, progetti di grafica e comunicazione, opere d'arte, provenienti da importanti collezioni pubbliche e private.

27.01.2008 # 712
Roma | ARAKI GOLD | Fino al 17 febbraio 2008

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Pop Art! 1956-1968 | Fino al 27 gennaio 2008

Fino al 27 gennaio 2008

Si apre il 26 ottobre alle Scuderie del Quirinale di Roma la più grande mostra mai realizzata in Italia dedicata alla Pop Art mondiale, dal titolo "Pop Art! 1956 - 1968". Curata da Walter Guadagnini, la mostra è una carrellata attraverso oltre 100 opere di una cinquantina di artisti che intende raccontare uno dei movimenti che hanno fatto la storia dell'arte e del costume della seconda metà del XX secolo, in ogni parte del mondo occidentale.
Dipinti, sculture, collages, combine paintings, persino le bandiere tanto care alla tradizione americana, tutto è servito a questi artisti per narrare, interpretare, illustrare, esaltare, criticare la società dei consumi e delle comunicazioni di massa, i riti e i miti del loro tempo, che ogni giorno di più risulta essere l'anticipazione del nostro. Artisti americani e inglesi, francesi, italiani, tedeschi, spagnoli, superstar della scena artistica e delle aste contemporanee come Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Robert Rauschenberg; figure leggendarie come quelle di Ray Johnson, Richard Hamilton, Peter Blake; artisti celebri ai tempi e oggi caduti (spesso ingiustamente) nell'oblio, i centri come New York, Londra, Parigi, Roma, ma anche le "periferie" come Nizza, Valencia, Dusseldorf. La Pop Art è tutto questo e altro ancora, è Marilyn ripetuta infinite volte, sono Elvis Presley, i Beatles, i Rolling Stones, Brigitte Bardot e Virna Lisi, è il logo della Coca Cola o della Esso, ma è anche l'assassinio di JFK,  è l'astronauta visto come incarnazione contemporanea del mito di Icaro; sono le pin up che ostentano il corpo e il suo erotismo, è il ritratto di Sal Mineo nudo lungo undici metri ma  sono anche  fisici frammentati,  volti anonimi di quello che un celebre saggio del periodo definiva l'uomo a una dimensione. Tutto questo è la Pop Art.

18.01.2008 # 727
Roma | ARAKI GOLD | Fino al 17 febbraio 2008

Ilas Web Editor // 0 comments

Napoli | CLEGG & GUTTMANN | Fino al 18 gennaio 2008

Fino al 18 gennaio 2008

Con un rinnovato omaggio alla cultura del nostro paese, dopo l'installazione "Falsa Prospettiva" nel febbraio 2001 presso la sede milanese della galleria e la personale del 1987 nella sede storica di Napoli, gli artisti israeliani Clegg & Guttmann inaugurano a Napoli la loro terza mostra personale con un nuovo progetto appositamente concepito per la galleria: "Temi ed elementi di un nuovo studiolo napoletano".
 
Nel primo Rinascimento, il palazzo aristocratico fu ridisegnato per creare una divisione fra l'ala privata e quella pubblica. Vicino all'entrata era situato un salotto pubblico accessibile ai visitatori, separato dalle stanze private che erano sistemate sul retro.
L'installazione di Clegg & Guttmann è stata concepita come discendente diretta dello studiolo rinascimentale. Essa vuole riportare al presente l'interesse originario per la memoria e l'immaginazione. Nel contesto contemporaneo la problematica è forse un po' diversa: gli atteggiamenti nei confronti della memoria e dell'immaginazione hanno subito diverse trasformazioni, così come la teoria che mira a migliorarle. Tuttavia, l'idea di incorporare l'arte in una "stanza per pensare", o ancora meglio, in una "stanza del pensiero", sembra oggi attraente e suggestiva come lo fu nel primo Rinascimento; l'opera d'arte non dovrebbe essere trattata solo come un oggetto decorativo, ma come parte di un disegno globale che favorisce una vita di cultura e di contemplazione. Galleria Lia Rumma, Napoli.

13.01.2008 # 724
Roma | ARAKI GOLD | Fino al 17 febbraio 2008

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | David Lynch - The Air is on Fire | Fino al 13 gennaio 2008

Fino al 13 gennaio 2008

La Triennale di Milano presenta David Lynch. The Air is on Fire, una mostra ideata e realizzata su iniziativa dalla Fondation Cartier pour l'art contemporain, dedicata ai molteplici aspetti dell'arte di David Lynch. Per la prima volta in Italia l'artista espone dipinti, fotografie, disegni, film sperimentali e creazioni sonore.
Per il pubblico è così l'occasione di scoprire e rivisitare l'arte di David Lynch alla luce delle opere inedite installate in uno spazio concepito dall'artista stesso.
Nato nel Montana nel 1946, David Lynch trascorre la sua infanzia a disegnare e dipingere. Nel 1965 inizia l'Accademia di Belle Arti presso la Pennsylvania Academy of Fine Arts di Filadelfia. Qui scopre una passione per le immagini in movimento: un giorno, mentre è solo nel suo studio, vede una brezza leggera spostare dolcemente gli oggetti incollati sulla tela su cui stava lavorando.
Sei mesi dopo questa esperienza, termina il suo primo cortometraggio sperimentale. Così è nata la vocazione di uno dei registi più talentuosi al mondo, e il più giovane a oggi a aver ricevuto un Leone d'Oro alla carriera - consacrazione che ha ottenuto nel 2006 in occasione della proiezione del suo ultimo film INLAND EMPIRE alla Mostra del Cinema di Venezia.
Per tutta la sua carriera di regista, David Lynch non ha mai smesso di dipingere, disegnare, fotografare, e creare delle animazioni; ha esteso il campo delle sue indagini artistiche alla composizione musicale e alla creazione sonora.

La mostra nasce dall'accumulo di quadri, cartelle etichettate che contengono quantità di disegni, scatole d'archivio piene di fotografie presente nello studio di David Lynch. Questa collezione molto ben conservata risale agli anni del liceo e fino ad oggi non è mai stata esposta. Presentate a Hervé Chandès, direttore della Fondation Cartier, queste opere sono riunite in un allestimento ideato da David Lynch stesso.

06.01.2008 # 723
Roma | ARAKI GOLD | Fino al 17 febbraio 2008

Ilas Web Editor // 0 comments

Firenze | Arte e omosessualità. Da Von Gloeden a Pierre et Gilles | fino al 6 gennaio 2008

fino al 6 gennaio 2008

Dopo una lunga e travagliata vicenda, apre alla Palazzina Reale una delle esposizioni più contestate degli ultimi anni.
In mostra, 220 opere indagheranno, per la prima volta in Italia in maniera così ampia, le connessioni tra arte e omosessualità, dalla nascita della fotografia ad oggi. La rappresentazione visiva di soggetti strettamente connessi all'omoerotismo è presente nella storia dell'essere umano dalla notte dei tempi, anche se le valenze culturali che esprime e i significati che
sottende sono ovviamente il riflesso di contesti storici e socio-culturali particolari. Scene a sfondo omoerotico compaiono nella produzione vascolare dell'antica Grecia e nei bassorilievi persiani, agli albori dell'arte orientale come nella rinascenza italiana e nel barocco; un fil rouge sottile che attraverso cortocircuiti e passaggi fondamentali giunge sino ad oggi, sviluppandosi autonomamente e molto tempo prima dell'elaborazione del moderno concetto di diversità di genere.