alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 175 di 223
17.06.2009 # 1099

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Divus Vespasianus | Fino al 4 settembre 2009

Fino al 4 settembre 2009

In occasione del bimillenario della nascita dell'imperatore Vespasiano verrà
inaugurata, nei Musei Capitolini, una mostra dedicata alla dinastia flavia che
permette di proseguire e concludere sul Campidoglio l'ampio percorso
espositivo illustrato nell'Anfiteatro Flavio e nella Curia.
La mostra, progettata da Filippo Coarelli, illustrerà le grandi opere edilizie che
Vespasiano realizzò sul Campidoglio. Fulcro dell'esposizione è proprio il ruolo
centrale che l'Egitto acquistò sotto Vespasiano e i suoi figli e la particolare
devozione da loro riservata alle divinità orientali. Sarà quindi questa l'occasione
per riaprire al pubblico la Sala Egizia che prospetta sul cortile di fronte alle sale
che ospiteranno la mostra dedicata al Campidoglio nell'età dei Flavi.
Le opere esposte sono altissimo valore e tra queste compare la Triade
Capitolina, la famosa scultura trafugata e poi recuperata dal Nucleo Patrimonio
Artistico per la prima volta esposta in Campidoglio. Eccezionale il valore
dell'iscrizione che menziona un sacerdote di Iside Capitolina che il Sindaco di
Fiesole ha concesso in prestito ai Musei Capitolini già dal mese di novembre e
che verrà inserita nella mostra. Accanto a queste opere vanno considerate altre
rare testimonianze della devozione agli dei egiziani riferibili ancora al
Campidoglio, come le statuette in granito grigio in prestito dal Museo Nazionale
Romano provenienti dagli scavi per la costruzione del Vittoriano. Ed infine, tra
le altre sculture dei Musei Capitolini provenienti da altri Isei non si può non
ricordare la bellissima testa di Iside o regina tolemaica abbigliata come la dea
egizia dall'Iseo della III regione.

17.06.2009 # 1098

Ilas Web Editor // 0 comments

Bari | MIMMO ROTELLA - Prima Del Decollage | Fino al15 luglio 2009

Fino al15 luglio 2009

Alla scoperta del Rotella inedito. La mostra, proposta da Opera Arte e Arti e promossa dalla Provincia di Bari, dal 30 maggio al 15 luglio, ha l'obiettivo di presentare, per la prima volta in uno spazio pubblico, le testimonianze giovanili del maestro del décollage che si forma nel clima romano reinterpretando, con assoluta libertà, la lezione dell'astrattismo-geometrico.
Sono sessanta le opere su carta, in parte inedite, del periodo compreso tra il 1946 al 1950 contrappuntate da alcuni retro d'affiche e décollage del periodo successivo.
La mostra, a cura di Alberto Fiz, realizzata in collaborazione con la Fondazione Mimmo Rotella e coordinata da Piero Mascitti e dalla direttrice della Pinacoteca Provinciale Clara Gelao, rappresenta un'occasione importante per analizzare la produzione germinale dell'artista che nel 1953 ha imposto il décollage, il celebre strappo che rappresenta una vera e propria lacerazione del sistema formale aprendo nuovi varchi alla percezione e alla relazione tra arte e vita.

17.06.2009 # 1097

Ilas Web Editor // 0 comments

Grosseto | Niki de Saint Phalle - Joie de Vivre | Fino al 27 settembre 2009

Fino al 27 settembre 2009

La Rete museale della Provincia di Grosseto ha deciso di dedicare un evento importante, dal titolo Niki de Saint Phalle. Joie di Vivre, all'artista franco-americana, esponente della pop-art, arrivata al successo internazionale negli anni '60, con le sue variopinte figure femminili di poliestere, le famose "nana". La mostra, organizzata da Comediarting e con il fondamentale supporto della Niki art charitable Foundation, è a cura di Maurizio Vanni. Femminismo, mitologia, violenza, ansie personali, politica: l'intera tematica che permea le opere di Niki de Saint Phalle vestirà le sale di questi importanti edifici carichi di storia proponendo opere prorompenti, lavori in continua metamorfosi, richieste di libertà, ribaltamento delle convenzioni. Sono questi infatti i temi delle opere in esposizione, famosi capolavori ma anche opere meno note al grande pubblico di una tra le più originali e anticonformiste artiste del XX secolo che ha lasciato tracce profonde nel nostro territorio e che questo evento mira proprio a riscoprire e a mettere in luce. L'esposizione proseguirà nella sede del Castello Aldobrandesco di Arcidosso e nella Fortezza Orsini di Sorano.

15.06.2009 # 1095

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | ROBERT WILSON VOOM PORTRAITS | Fino al 4 ottobre 2009

Fino al 4 ottobre 2009

Dopo il grande successo ottenuto in tutto il mondo, da New York a Mosca, da Miami a San Paolo, apre a Milano VOOM Portraits dell'artista americano Robert Wilson.
Artista visionario ed eclettico, Robert Wilson ha rivoluzionato con il suo linguaggio teatro, arti visive, design, moda, architettura e media.
A metà degli anni '70 Wilson ha iniziato a sperimentare il videoritratto creando una serie di 100 episodi da 30 secondi noti come Video 50. Nel 2007, dopo oltre due anni di lavoro con VOOM HD Networks, compagnia pionieristica nella ricerca sulle tecnologie per la televisione in alta definizione, prendono forma i VOOM Portraits: una serie di video ritratti in alta definizione che ritraggono protagonisti dello star system, gente ordinaria e animali straordinari.
I VOOM Portraits sembrerebbero ad un primo sguardo tradizionali ritratti statici. D'improvviso però un battere di ciglia, un movimento del piede, un'impercettibile modifica della postura del soggetto cambia radicalmente l'esperienza della percezione. Per l'ideazione dei videoritratti l'artista trae ispirazione da film, arte, avvenimenti storici quasi a creare una serie di "atti unici".
I 24 videoritratti disposti da Wilson nelle 18 sale degli appartementi storici di Palazzo Reale, esaltano il contrasto tra l'uso della tecnologia e gli arredi d'epoca delle diverse sale. Le opere si alternano tra ritratti singoli e installazioni complesse che ritraggono uno stesso soggetto su molteplici schermi.

15.06.2009 # 1094

Ilas Web Editor // 0 comments

Verona | IL MITO - MARC QUINN | Fino al 27 settembre 2009

Fino al 27 settembre 2009

La mostra si sviluppa lungo un percorso che coinvolge i principali siti storici della città con cui dialogano alcune grandi installazioni di Marc Quinn, posizionate nella cornice scenografica dei monumenti più rappresentativi, da Piazza Bra a Castelvecchio, a Porta Borsari.
Il percorso si completa, infine, nella mitologica Casa di Giulietta, "cuore" della rassegna, dove è esposta, accanto ai suoi più celebri lavori - come il ciclo straordinario dedicato ai Flowers Paintings - anche una serie di opere inedite e l'importantissima Siren, realizzata in oro massiccio, esposta tra dicembre 2008 e gennaio 2009 al British Museum di Londra. 
Il collegamento tra i luoghi fisici e ideali del percorso sta proprio nel tema scelto dal curatore e dall'artista stesso: il Mito. La volontà di collocare il nucleo centrale della mostra alla Casa di Giulietta scaturisce dal desiderio di Quinn di immergersi nello scenario della leggenda per eccellenza, celebrata dal dramma shakespeariano, degli amanti veronesi. Luogo reale, ma allo stesso tempo magico dove si coagulano tutte le chiavi di osservazione e di lettura contemporanee di un racconto divenuto patrimonio universale.
La coraggiosa scelta di un coinvolgimento diretto degli spazi cittadini come contenitori significativi delle opere di Quinn, è volta ad aumentare la partecipazione collettiva all'evento e a favorire un autentico confronto tra arte contemporanea e patrimonio culturale della città.