alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Blog // Pagina 6 di 27
12.08.2016 # 4629

Daria La Ragione // 0 comments

Smartphone e nuove manie.

Blog! di Daria La Ragione

Gli spot pubblicitari fotografano la società, sopratutto in quegli aspetti che ci piacciono meno.

Quando arrivarono i cellulari, anzi, quando arrivarono ad avere prezzi alti ma abbordabili, e quindi si diffusero come status symbol, mi ricordo che quasi tutti i cabarettisti facevano battute su questa nuova moda e sui suoi aspetti più assurdi: uno per tutti la ricerca del campo, cosa a volte non semplice, che costringeva alcuni ad assumere posizioni stupide pur di telefonare.

Sono passati molti anni, ma non siamo diventati meno ridicoli. Oggi però sono gli smartphone i veri protagonisti delle battute, dei pezzi di cabaret e ovviamente degli spot pubblicitari.

Ecco alcuni esempi di nuove manie e maleducazioni di cui sono protagonisti i nuovi telefoni.

IKEA: prima fotografare poi mangiare.

Avete presente quelle persone che non riescono a mangiare senza prima aver immortalato il piatto con lo smartphone?

Io faccio parte della categoria, ma con moderazione: lo faccio solo con i piatti belli.

È innegabile però che una delle nuove manie sia proprio questo continuo fotografare il cibo, per raccontarlo, condividerlo e, ovviamente, competere: sono un cuoco più bravo, ho più like, follower, faccio piatti più belli e così via.

IKEA ha deciso di immortalare questa mania con uno spot pubblicitario divertente e ironico, che gioca sull’assurdo per dimostrarci a quali eccessi andiamo incontro.


Advertising Agency: Acne, Stockholm, Sweden

Creative Director: Johan Holmgren

Executive Producer: David Olsson

Art Director: Cecilia Dufils

Copywriter: Markus Bjurman

Creative IKEA: Fredrik Preisler, Katie Copeland

Creative Director IKEA: Morten Kjaer

Director: Tompa & Rondo

 



Giga Selfie: come attrarre i giapponesi.

L’ente australiano per il turismo, invece, non aveva alcun intento canzonatorio quando ha scelto questo spot e, sopratutto, questa applicazione: il giga selfie.

Nella top ten delle nuove manie, il selfie merita la short list.

Qualche tempo girava un tutorial giapponese su come fare i selfie e il dubbio era lo stesso: ci sono o ci fanno?

Fatto sta che, non a caso, questa campagna è stata creata e girata da giapponesi per i giapponesi: tutto torna!

Andando al sodo: il prodotto non sono gli spettacolari panorami, ma la possibilità di fare un selfie che li includa, un giga selfie, posizionandosi su piattaforme che comunicano con gli smartphone e scattano una foto ad altissima risoluzione a una distanza tale da inquadrare nel selfie anche il canion alle vostre spalle.

Advertising Agency: TBWA/Hakuhodo, Tokyo, Japan

Creative Director: Satoshi Chikayama

Art Director: Yoshihiro Kono

Copywriter: Nobuhiro Arai, Norihito Takahashi

 

 



Ultimo ma ultimo gli spot pubblicitari di ANZ, banca online, che ci racconta invece manie che arriveranno con il nuovo servizio che consente di pagare grazie allo smatphone, con il consueto stile ironico che contraddistingue la comunicazione di ANZ. Basta, per esempio, accostare la tasca in cui si tiene il telefono al POS.

Advertising Agency: WhybinTBWA Group, Melbourne, Australia

Executive Creative Director: Paul Reardon

Senior Art Director: Bruce Baldwin

Senior Copywriter: Jim Taylor

 

 

 

02.08.2016 # 4622

Daria La Ragione // 0 comments

LIDL lancia Le Bon

Blog! di Daria La Ragione

Le Bon è una cena a immagine e somiglianza della cena più famosa di Svezia, quella - esclusivissima - in occasione dell’assegnazione dei premi Nobel. Organizzata però dal supermercato LIDL anzi, sarebbe opportuno dire dalla catena di supermercati LIDL, un discount molto famoso che non gode però di grande reputazione per quanto riguarda la qualità del cibo.

Almeno in Svezia.

Per invertire la tendenza la catena di supermercati ha pensato di rivolgersi a un’agenzia pubblicitaria, per arrivare con la persuasione dove non arriva altro. Come?

Con una cena spettacolare, Le Bon appunto, che ricalchi in tutto e per tutto uno degli eventi più esclusivi del paese (e del mondo) - cui difficilmente potreste partecipare se non avete un QI che supera i 200 - a parte che è rivolta a persone normalissime, che fanno la spesa con budget normalissimi. 

E che per una sera hanno cenato in una replica perfetta della city hall, con un pasto regale cucinato dallo stesso numero di chef, seguito in diretta dai media, che ha soddisfatto tutti i palati con cibo fornito, ovviamente, da un supermercato LIDL. 


Risultato: l’hashtag #lebon2015 ha superato #nobel2015 nei trend di Twitter, un gran successo di like anche su Facebook e soprattutto un incremento delle vendite del 6,71% rispetto all’anno precedente.

Volete saperne di più? Visitate il sito web dell’iniziativa

A me ha fatto pensare a una campagna simile, datata però 1785.

Siamo in Francia, in un periodo in cui le carestie sono all’ordine del giorno. Le patate, potrebbero essere una soluzione, vista la facilità con cui si coltivano, almeno secondo Antoine-Augustine Parmentier, farmacista dell’esercito che durante la prigionia in Prussia aveva avuto modo di assaggiarle.

In Francia però non sono ben viste, anzi si sospetta siano tossiche e nessuno è disposto a mangiarle.

Allora Parmentier decide di usare la persuasione: ottiene dal re di mettere dei gendarmi a guardia dei campi, ma solo di giorno. Ciò che è proibito diventa sempre interessante, soprattutto se permetti alle persone di rubare tranquillamente i tuberi durante la notte.

Dulcis in fundo, Parmentier organizza la “cena delle patate”, alla quale invita quelli che oggi chiameremmo influencer: personaggi famosi dell’epoca, giornalisti, personalità di spicco (tra cui Benjamin Franklin). A questa cena fa servire 40 portate tutte a base di patate, ottenendo tanta di quella visibilità che solo quattro anni dopo, in piena rivoluzione, i campi verranno saccheggiati dalla popolazione affamata.

Morale della favola: tira più una cena ben organizzata che un carro di buoi.


Agenzia: Ingo Stockholm, Sweden

 

29.07.2016 # 4621

Daria La Ragione // 0 comments

La campagna Honda: basta sprecare il tempo nel traffico.

Blog! di Daria La Ragione

Fa sempre una certa impressione quando ci dicono quanto tempo spendiamo a fare qualcosa. Io, per esempio, non vorrei mai sapere per quanto ho aspettato gli autobus nella mia vita.

Perché quando iniziamo a fare questi conti ci pesa il tempo sprecato.

Io ne ho sprecato tanto: fumando sigarette per troppi anni, ascoltando persone che non mi piacevano, cercando persone a cui non piacevo, guardando tanta, tantissima brutta pubblicità.

Così, guardando questa campagna Honda, una multisoggetto in cui mi sono riconosciuta subito.

Il concept è semplice: giorni interi della nostra vita volano via in cose insignificanti, quando non facciamo addirittura qualcosa per accorciarli. Quindi, perché non approfittare di ciò che può aiutarci a ottimizzare questa preziosissima risorsa?

Mangiare cibo fritto riduce l’aspettativa di vita di quattro giorni all’anno, ma chi ha voglia di rinunciare alla frittura?

Una vita sedentaria fa meno male della frittura: volano via 3 giorni all’anno, ma se siete pigri è una battaglia persa.

Dieci giorni in un anno: la quantità di tempo che passiamo sui social network. Eppure smettere sembra impossibile.

Quindi, quali sono i giorni che possiamo recuperare facilmente? Quelli scioccamente buttati nel traffico, che sono circa 14 ogni anno. Chiaro, proprio tutti no, ma almeno 11 ce li può restituire uno scooter, che ci libera dall’ingorgo a croce uncinata (cit. Bellavista) e siamo tutti più felici. Parola di Honda






Advertising Agency:Y&R, São Paulo, Brazil

Chief Creative Officer:Rui Branquinho

Head Of Art:Felipe Pavani

Creative Director:Rui Branquinho

Art Director:Kleyton Mourão, Daniel Salles

Copywriter:Pedro Guerra, Samir Mesquita

29.07.2016 # 4620

Daria La Ragione // 0 comments

La birra Tuborg raccontata in nove deliranti pubblicità

Blog! di Daria La Ragione

La birra Tuborg è analcolica, basta già questo a far capire come sia presa poco sul serio. Se fate una ricerca su Google vi accorgerete che ci sono 93.000 risultati per la query “birra tuborg”, per “birra peroni” 279.000 e per “birra heineken” ce ne sono 438.000.

Forse nell’agenzia belga Happiness qualcuno deve aver pensato: sai cosa? se non ci prendono sul serio gli altri, perché dovremmo farlo noi?!

Io ho provato a immaginare il brainstorming, quella riunione in cui i creativi buttano fuori qualunque assurdità venga in mente, sperando che prima o poi arrivi un’idea vincente.

Quando funziona, c’è un momento in cui le idee fioccano, è un momento divertente, in cui “e se facessimo” è la frase più usata. In genere si salvano un paio di proposte, il resto viene conservato nei cassetti della memoria, quelli con l’etichetta “non si sa mai”.


Questa volta, passato il momento di grande estro, uno più folle degli altri deve aver proposto: e se le realizzassimo tutte?

Risultato: nove commercial. Nove momenti di follia che è difficile catalogare, perché non è una multisoggetto, visto che non c’è un format comunque; non è nemmeno una storia che si sviluppa nel tempo, perché sono usciti in contemporanea, tutti quanti.

È una cosa nuova, diversa e abbastanza folle da catturare l’attenzione e restare impressa.

Your choice of fan: significa scegli come vuoi divertirti e ha un doppio significato. Quello più ovvio riguarda la possibilità di guardare la pubblicità, tra le nove, che più ti si addice; magari preferisci partecipare a un concorso di nudo artistico, (disegnando, mi raccomando, non devi spogliarti); oppure sei un tipo old fashion, a te le cose piace toccarle, in tal caso puoi chiedere che ti venga spedito a casa un campione di pubblicità da toccare. E così via, ci siamo capiti.

Il secondo significato è più mascherato: non hai bisogno di alcol per divertirti, puoi scegliere quello che ti pare, che ti fa stare bene, e puoi essere chi ti pare, anche ridicolo, come questa birra Tuborg che non si prende sul serio.


Advertising Agency: Happiness, Brussels, Belgium

Creative Directors: Philippe Fass, Pieter Claeys

Art Director: Tim Schoenmaeckers

Copywriter: Niels Sienaert

 

21.07.2016 # 4597

Daria La Ragione // 0 comments

Campagne sociali: te lo dò io l'handicap

Blog! di Daria La Ragione

Questa settimana sono uscite tre campagne di cui vale la pena parlare.

Si tratta di campagne che affronta il tema delicato della disabilità con uno sprint diverso.

La prima è brasiliana, per l’Associação de Assistência à Criança Deficiente, che si prende cura di bambini che hanno importanti deficit motori.

L’obiettivo della campagna è raccogliere fondi, ma non ci sono patetismi: si chiama The fantastic problem solving machine e racconta di un gruppo di persone cui è stato chiesto di raccontare quale fosse il problema che li angosciava al momento.

Invitati a entrare in questa specie di macchina per fototessere, si sono ritrovati davanti bambini con gravi problemi e difficoltà che li hanno invitati a non abbattersi, non intristirsi e a comprendere che ogni problema si può affrontare con ottimismo e la giusta attitudine.

E infine: ora che vi abbiamo aiutato con i vostri problemi, perché non provate a ricambiare?

Bella, semplice, diretta.


Advertising Agency: Z+, Sao Paulo, Brazil

Creative Director / Copywriter: Fernando Rodrigues

Art Director: Caio Grafietti


 



La seconda è inglese, per l’associazione Duchenne Uk, che si occupa di aiutare i malati e sostenere la ricerca sul DMD (Duchenne Muscular Dystrophy), malattia che colpisce i muscoli, soprattutto di giovani maschi, portandoli alla marte entro i 20 anni.

La campagna è in due fasi: un video virale, diffuso sui social media e social network, in cui sportivi e performers sono stati chiamati a registrare video di grandi prestazioni fisiche, al termine di questo video gli stessi protagonisti invitano a scoprire #theworldsstrongestboys, cioè chi sono i ragazzi più forti del mondo; arrivati sul sito, si scopre chi sono davvero, ragazzi colpiti da questa malattia, che conosco la propria aspettativa di vita, sanno che avranno sempre meno forza per correre, giocare, camminare, respirare, eppure convivono con questa consapevolezza ogni giorno, tra questi Alex, il giovanissimo protagonista del secondo video, che cammina da solo, di sera, in uno stadio, e un certo punto fa la cosa più coraggiosa che un ragazzino con il suo problema possa fare: corre, ce la mette tutta e corre.

Perché è il ragazzino più forte del mondo, può portare sulle spalle il peso di una diagnosi senza soluzione e correre, sorridere, andare avanti.

Emozionante e bellissima.


 


 



La terza non è una campagna sociale, ma parla, ancora una volta, di disabilità: il cliente è Channel4, il canale inglese che coprirà le olimpiadi, l’agenzia è l’interna 4Creative e il tono di comunicazione è ironico, divertente, intelligente.

Si tratta di una catena di commercial che negli anni hanno raccontato la disabilità e lo sport per Channel4, sempre con questo taglio, riprendendo nel tempo il concetto base: We are the Superhumans. Questa volta siamo a ridosso delle Paralimpiadi, e la disabilità viene raccontata come una storia di superpoteri, di persone che riescono a fare cose incredibili con grinta, determinazione e coraggio.

Un’ispirazione.


 


Cosa accomuna queste campagne? Il rovesciamento del luogo comune per cui consideriamo malate, deficitarie, handicappate alcune persone, concentrandoci su ciò che non riescono a fare: qui la prospettiva viene rovesciata, il focus è sulle straordinarie cose che invece possono raggiungere, su un concetto di forza meno banale e ovvio, non solo fisica, ma mentale e motivazionale. 

Due campagne sociali e un commercial per un evento, che spostano l’asticella un po’ più in alto, aprendo una strada che non dovrebbe essere ignorata da chi verrà dopo.