alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 81 di 111
03.09.2009 # 1144
L' artista e la sua realtà

Ilas Web Editor // 0 comments

L' artista e la sua realtà

Mark Rothko - ed. Skira

A quasi quarant'anni dalla scomparsa viene pubblicato l'inedito e incompiuto libro di Mark Rothko grazie al prezioso intervento del figlio Christopher.
Vari dilemmi si sollevano intorno al volume: prime fra tutte due domande apparentemente banali ma ancor oggi senza risposta. Perché Rothko ha scritto il libro? E perché non lo ha mai portato a termine? Come spiega chiaramente Chistopher Rothko "non abbiamo né documenti né dichiarazioni, né materiale d'ogni sorta che fornisca risposte effettive e sostanziali a queste domande cruciali. Nondimeno, ho un'opinione al riguardo che suggerirò in tutta confidenza, in parte a causa della sua semplicità: mio padre ha scritto il libro perché, a quello stadio, non riusciva a esprimere in modo soddisfacente, le idee che conteneva la pittura; e abbandonò quindi il progetto per un risvegliarsi della sua pittura, che gli permise di esternare quelle idee in modo più efficace che su carta. Mio padre fu prima e dopotutto un pittore e, del resto, La Realtà dell'artista dimostra chiaramente che pensava costantemente alla pittura. Si era così trattato per lui di un gesto radicale quello di posare il pennello, dopo quasi vent'anni, per consacrarsi alla scrittura. Non è chiaro se si trattò di una mossa audace o disperata. In ogni caso fu un provvedimento attivo, che lo impegnò in un nuovo viaggio o, forse, in un percorso diverso dello stesso viaggio. Perché le idee del libro non erano nuove per mio padre. La sua pittura fu e restò sempre centrata sulle idee. La redazione del libro non costituì altro che un modo diverso di proiettarle nel mondo. Il suo stesso titolo, La Realtà dell'artista, indica questo desiderio. Come Rothko sottolinea a più riprese, l'essenza della pittura è, per lui, la prospettiva unica dell'artista sul mondo e la sua comunicazione all'osservatore. Entrare in un dipinto vuol dire entrare nella realtà dell'artista, e sebbene abbia semplicemente scribacchiato questo titolo a matita sulla cartellina contenente il manoscritto), il suo messaggio è sviluppato in modo esteso all'interno del volume".

20.11.2009 # 1224
L' artista e la sua realtà

Ilas Web Editor // 0 comments

Buzz Marketing nei social media | Come scatenare il passaparola on-line

Andrea Colaianni, Andrea Febbraio, Dario Caiazzo, Umberto Lisiero | Fausto Lupetti Editore

Chi ha mai sentito parlare di Buzz Marketing? Cos'è il Buzz? Per i non addetti ai lavori, ma anche per gli appassionati e per gli esperti della comunicazione sul web, questo libro ci spiega come utilizzare al meglio strumenti come i Social Network, le community, con i consigli e gli approfondimenti di quattro professionisti del digital marketing, attraverso il racconto di casi reali, i cosiddetti case history, svelando molti segreti che ruotano intorno a quella macchina meravigliosa che è il web 2.0 Le potenzialità di sviluppo sono enormi e il web 2.0 è ancora terra di conquista. Tra brand e consumatori che si scambiano feedback, le informazioni viaggiano in mille direzioni secondo uno schema completamente diverso da quello classico di Internet. I codici di comunicazione si evolvono, cambiano, si trasformano con i blog, i forum, i social networks. Scopo del libro è soprattutto far capire quale può essere il modo migliore per generare buzz e passaparola per farci muovere al meglio in questo mondo di contenuti digitali. Siamo ben lieti, inoltre, di segnalare che Dario Caiazzo, uno degli autori del libro è anche un docente Ilas. La prefazione è di Diego Masi, presidente di Assocomunicazione.

19.11.2009 # 1219
L' artista e la sua realtà

Ilas Web Editor // 0 comments

Visual

Lorenzo Marini | Fausto Lupetti Editore

Per gli amanti del graphic design, di advertising, di comunicazione, sociologia e marketing, ma anche per i professionisti o per chi vuole approfondire i temi legati a tutto ciò che è visivo, appunto Visual, il libro dei Lorenzo Marini, architetto e Art Director, racconta tutto questo attraverso l'analisi delle campagne pubblicitarie in un decennio di attività indipendenti di gran rilevo e successo. In Visual di Lorenzo Marini le immagini prendono sopravvento sulle parole, e queste ultime diventano immagini, fatti visivi a tutti gli effetti. Il nesso creatività e advertising è centrale nel libro e molto interessanti sono i modi in cui questo viene descritto, attraverso le immagini inedite di fotografi e illustratori e con i contributi di Alberto Abruzzese, Vanni Codelupi, Till Neuburg e Giovanni Baule. Il tutto unito ad approfondimenti dello stesso Marini che è stato anche direttore artistico della Biennale dell'Umorismo nell'Arte di Tolentino, oltre che docente in università, scuole ed imprese dove partecipa a numerose conferenze e seminari.

03.09.2009 # 1145
L' artista e la sua realtà

Ilas Web Editor // 0 comments

1920-1945. La cultura artistica tra le due guerre

a cura di Valerio Terraroli
 - ed. Skira

Il volume si presenta, contemporaneamente, come uno strepitoso repertorio di immagini e come una fonte aggiornata di informazioni organizzati attraverso diverse strategie comunicative e una grafica chiara e seducente. Il testo narrativo, vero e proprio tessuto connettivo dello sviluppo storico esaminato, si alterna a saggi di approfondimento, di specialisti italiani e internazionali, dedicati a temi trasversali della cultura e dell'arte del Novecento, e si conclude con ricchi apparati di riferimento quali tavole sinottiche, bibliografie tematiche e un indice degli artisti e delle opere.
1920-1945. La cultura artistica tra le due guerre analizza e discute i diversi aspetti della creatività artistica europea e statunitense nel periodo compreso tra le due guerre mondiali: un percorso che vede da un lato un ritorno alla figurazione, pur attraverso le inquietudini del presente, dalla nuova oggettività tedesca di Dix, Grosz e Schad al realismo americano di Hopper al Novecento italiano di Sironi e Funi, dall'altro la continuità di alcune avanguardie storiche, quali l'astrazione, il dadaismo e il futurismo, e l'affermarsi di nuove realtà culturali come il surrealismo, a fronte del permanere delle grandi figure di riferimento quali Picasso, Matisse, Kandinskij che proseguono nell'elaborazione di nuovi linguaggi e di inedite espressioni pittoriche.

03.09.2009 # 1143
L' artista e la sua realtà

Ilas Web Editor // 0 comments

Gilbert & George

Editore Skira

La prima esaustiva monografia italiana dedicata ai due artisti celebri per le loro "photo pieces".
Unendo le loro vite e il loro ingegno in un'unica indissolubile entità, Gilbert & George hanno scelto di creare un'arte capace di parlare della vita invece di produrre un'arte puramente fine a se stessa. 
Dai loro esordi, nel 1967, i due artisti hanno perseguito nel loro intento e hanno esplorato ogni aspetto della condizione umana. Potenti, sincere, scomode, ironiche e tragiche, le loro opere costituiscono uno tra gli insiemi più lucidi e coerenti della storia dell'arte contemporanea. 
All'inizio compiono le sperimentazioni più audaci – Living Sculptures (Sculture viventi), Singing Sculptures (Sculture cantanti) ecc. – dopodichè individuano la formula delle photo pieces destinata ad avere tanto successo tra humor, body art e narcisismo estetizzante e, infine, sviluppano un metodo di lavoro che applicano a ogni opera. Ciascun nuovo gruppo di opere dal contenuto provocatorio e violento è concepito come un corpus logico e coerente costruito attorno a un tema o motivo. 
Ricercare, ideare, progettare, esporre, pubblicare, discutere, documentare e archiviare sono tutti elementi di una stessa pratica – o meglio di una "esistenza" – integrata e coerente, dal momento che l'arte di Gilbert & George coincide con la loro vita e viceversa.

03.09.2009 # 1142
L' artista e la sua realtà

Ilas Web Editor // 0 comments

Nobuyoshi Araki/Gold

a cura di Maggia Filippo - ed. Skira

Il volume presenta una selezione di oltre 200 opere fra le più importanti e significative del fotografo giapponese, uno degli artisti internazionalmente più acclamati e discussi. Il libro ripercorre la carriera di Araki degli Sessanta sino a oggi, con particolare attenzione alla recente produzione di cui verrà data ampia esposizione.
La serei Tokyo Diary 2003 - 2007, raccolta di emblematiche fotografie (una per giorno), una nuova serie di nudi e di eleganti ritratti femminili, e alcune "storei" ambientate nel Giappone tradizionale. Accanto a questi lavori seriali spiccano i ritratti e le fotografie di strada degli anni Sessanta e Settanta, dove Araki "registra" la società giapopnese nel suo momento forse più vorticoso di crescita economica. Forte rilievo assumono le nuove composizioni di fiori e i classici bondage che l'hanno che l'hanno reso famoso in tutto il mondo.
Filippo Maggia è curatore della collana di fotografia per Skira editore. Dal 1993 ricopre il medesimo ruolo presso la Galleria Civica di Modena, e dal 1999 per la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per L'arte di Torino.