alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 162 di 223
05.04.2010 # 1378
Venezia | Jim Hodges. Love, eccetera

Ilas Web Editor // 0 comments

Venezia | Jim Hodges. Love, eccetera

Fino al 05/04/2010

La Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia ospita per la prima volta in Italia Jim Hodges, artista americano molto conosciuto, in una mostra organizzata da Centre Pompidou, Musée national d'art moderne di Parigi in collaborazione con Fondazione Bevilacqua La Masa e Camden Arts Center di Londra. Presenti circa sessanta opere che offrono una panoramica completa del lavoro dell’artista ( classe 1957, Washington ) basato sul concetto di temporalità e fragilità, amore e morte, ispirato al lessico della natura con spunti minimalisti e all’opposto, con suggestioni baroccheggianti, il tutto caratterizzato dalla ricchezza di materiali e dall’uso di colori cangianti e vividi. I materiali vanno dalla carta alle pasticche di colori, dai fiori di stoffa alle foglie d’oro per costruire opere ispirate alla letteratura e alla spiritualità, spesso realizzate in forma di collage, assemblage e découpage. Con le sue tele e le sue composizioni fatte di specchi rotti e fiori appuntati Hodges esprime gioia di vivere ma anche senso della morte e della malattia, attraverso i materiali semplici assemblati in linguaggi diversi e funzionali alle opere.

18.04.2010 # 1392
Venezia | Jim Hodges. Love, eccetera

Ilas Web Editor // 0 comments

Londra | The Real Van Gogh: The Artist and His Letters

Fino al 18/04/2010

Alla Royal Academy of Arts di Londra in mostra lettere, dipinti e disegni di Vincent Van Gogh (1853-1890). L’importanza della mostra è data dalla mescolanza tra la corrispondenza, con circa 35 lettere e opere, 65 dipinti e 30 disegni, che rivelano tutta la complessità della mente del grande artista fiammingo, che consente di vedere in una prospettiva diversa dal solito e se vogliamo, più completa e articolata, la vita e l’arte del maestro post-impressionista. Si possono leggere le lettere che Vincent scrisse al fratello Theo, che lo supportò nella sua carriera artistica e nelle sue difficoltà esistenziali, ma anche le lettere alla sorella Willelmien, agli artisti Anton van Rappard, Emile Bernard e Paul Gauguin. Le lettere manifestano una profonda comprensione per l’arte e hanno straordinarie doti letterarie, compulsive ed eloquenti e rivelano il grande istinto dell’artista, le doti di preveggenza artistica e la profondità della visione e dello sguardo sull’arte. Il tutto, scritti ed opere, contribuisce a creare un autoritratto inperdibile di Vincent Van Gogh, morto suicida nel 1890. Le opere provengono dal Van Gogh Museum, Amsterdam, dal Kröller-Müller Museum di Otterlo, dalla National Gallery di Londra e dalla Phillips Collection di Washington DC. La mostra è curata da Ann Dumas della Royal Academy of Arts di Londra, in collaborazione con Leo Jansen, Hans Luijten e Nienke Bakker del Van Gogh Museum di Amsterdam.

15.04.2010 # 1514
Venezia | Jim Hodges. Love, eccetera

Ilas Web Editor // 0 comments

Venezia | Common ground: projects for the lagoon

Fino al 16/05/2010

Presso la Fondazione Bevilacqua La Masa, nella sede del Palazzetto Tito, si possono ammirare le opere inedite di Marjetica Potrč e Marguerite Kahrl, assieme ai lavori degli studenti che hanno partecipato al workshop Venezia sostenibile, tenuto presso il Corso di Arti Visive/Università IUAV da Marjetica Potrč nei primi mesi del 2010. I disegni presentati appartengono alla serie "Venice Case Study" e "The New Great Republic of Venice", di Marjetica Potrč ,'artista e architetto con sede a Lubiana, Slovenia, conosciuta soprattutto per i suoi progetti di intervento sui territori, per le sue serie di disegni e per i suoi studi architettonici, basati sui temi dell'abitabilità dei luoghi, della sostenibilità, del rapporto tra architettura e relazioni sociali; "Tender Dominion", di Marguerite Kahrl, artista e designer di permaculture, nata a Beverly, Massachusetts (USA), spazia tra discipline artistiche diverse quali il disegno, la scultura, la video art e le installazioni, elabora nelle sue opere tematiche come la tensione tra la tecnologia e l'ecologia. La raccolta qui presentata raccoglie sculture e disegni in cui si raccontano strategie per la raccolta dell'acqua. Arte e workshop insieme, quindi, per tracciare un punto di contatto tra l'esperienza artistica e il case history, basato sulla forma dei brevetti come anche i disegni presentati alla mostra. Al centro, il futuro della Laguna inteso come ambiente sostenibile, costruendo un sistema funzionante di raccolta dell'acqua piovana in una fattoria dell'isola di Sant'Erasmo. I lavoro delle due artiste si è concentrato su Rainwater Harvesting, studio per la raccolta delle acque piovane , elaborato in collaborazione con l'architetto Dino Verlato e realizzato dagli studenti del laboratorio assieme a Gastón Ramírez Feltrin, artista e assistente del corso.

05.04.2010 # 1472
Venezia | Jim Hodges. Love, eccetera

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | MADE IN CHINA | Mostra, Festival e Workshop

Fino al 05/04/2010

Alla Triennale di Milano, in concomitanza con la 17° edizione del “Sguardi Altrove Film Festival”, gravitano una serie di progetti, workshop e mostre da non perdere. Per cominciare, nella sezione parallela “Oltre il Cinema – Tasselli d’Arte”, che mette insieme diversi linguaggi artistico-espressivi, si possono ammirare i lavori della fotografa Bruna Rotunno su Shangai notturna fino alle calligrafie e installazioni dell’artista cinese Chen Li, che ha rielaborato la tradizione del segno grafico del suo paese. Il tutto è completato dalla proiezione di video sperimentali realizzati da artisti della nuova generazione dei videomaker cinesi, sette workshop, fra i quali uno dedicato al ‘trattamento onirico’ della fotografia di paesaggi urbani, a cura di Bruna Rotunno, e uno alla ‘calligrafia sperimentale’ a cura di Chen. Il Festival spazia dalla videoarte alla fotografia, dalla pittura alla scrittura attraverso mostre, proiezioni, workshop, seminari e laboratori. E’ un Festival di ampio respiro, rivolto ad un pubblico eterogeneo. Il tema di quest’anno è la Cina e la cultura orientale in generale, e tutti i lavori in corso gravitano intorno al concetto zen di infinito attraverso il segno calligrafica e le sue varie modalità espressive. Il tema orientale è giustificato anche dal fatto che la Triennale ha aperto nel 2009 una sede a Incheon, in Corea.

05.04.2010 # 1415
Venezia | Jim Hodges. Love, eccetera

Ilas Web Editor // 0 comments

Enzo Cucchi | Costume Interiore

Fino al 05/04/2010

Al MACRO di Roma il visitatore viene coinvolto in un "costume interiore", visionario e immaginario già dalla hall del Museo: una grande istallazione di Enzo Cucchi (Morro d'Alba, Ancona, 1949) di stampo prettamente teatrale, ci accoglie all'ingresso. Biglietto da visita più che significativo e fondante dell'opera di Cucchi, composta da una torre immaginifica con tre forme cilindriche metalliche sovrapposte in cui il visitatore può entrare scoprendone le immagini antropomorfe e i volumi sospesi in forma di teschi, teste, agglomerati di pittura e sfere sottili che rappresentano il "costume interiore", il vestito interno dell'artista. Egli ce lo mostra come in un percorso intimo, di scoperta e fruizione emotiva e parte integrante dell'opera di Cucchi tonfata sul concetto di abito della rappresentazione, luogo di un viaggio interiore che trova, dopo essere stata esposta alla Reggia di Capodimonte, una nuova collocazione tradotta in maniera monumentale, ri-collocata in uno spazio-forma diverso e ri-fondante, ai primordi dell'immagine del sentire. Il visitatore, coinvolto in prima persona, sarà chiamato a salire e a scendere in questa architettura immaginaria inserita in un'architettura reale, luogo d'incontro di visoni immaginate e contestualizzate in una forma verosimilmente irreale, ma intima e interiorizzante. Enzo Cucchi è uno dei protagonisti dell'arte contemporanea assieme a Sandro Chia, Francesco Clemente, Nicola De Maria e Mimmo Paladino, esponente di quella Transavanguardia, il movimento neoespressionista benedetto dalla definizione di Achille Bonito Oliva come un "recupero della pratica del dipingere che includesse in sé la complessa antropologia visiva del XX secolo". Il linguaggio dell'artista Cucchi è caratterizzato da un simbolismo complesso e trasversale, espresso liricamente attraverso il disegno, la pittura e la letteratura. Enzo Cucchi ha partecipato alla Biennale di Venezia nel 1980 e nel 1993, a Documenta di Kassel nel 1982 e nel 1987, alla Quadriennale di Roma nel 1991 e nel 2005, alla Biennale Internazionale di San Paolo nel 1985 e nel 1996. Le sue opere sono state ospitate nei principali musei del mondo, come il Kunsthaus di Zurigo, 1982 e 1988; Kunsthalle di Basilea, 1984; ICA di Boston, 1984; Kunstmuseum di Düsseldorf e Louisiana Museum di Humlebaek, 1985; Solomon R. Guggenheim Museum di New York e Centre Georges Pompidou di Parigi, 1986; Wiener Secession di Vienna, 1988; Museo Luigi Pecci di Prato, 1989; Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma, 1998; Tel Aviv Museum of Art, 2001. La mostra è promossa dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovrintendenza ai Beni Culturali.

05.04.2010 # 1303
Venezia | Jim Hodges. Love, eccetera

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Martin Parr. Sei Fotografie

Fino al 05/04/2010

 Al MACRO di Roma la mostra di Martin Parr "Sei Fotografie" che inaugura un progetto di collaborazione tra il MACRO e FORMA (Centro Internazionale di Fotografia, Milano) che vedrà la mediateca del museo raccogliere diverse mostre di importanti fotografi contemporanei. Al centro dell’opera del fotografo britannico Martin Parr c’è lo studio della ritualità collettiva, come ad esempio il turismo di massa o la crisi dei valori della piccola e media borghesia che lui coglie con il tipico sense of humour britannico in icastiche e lapidarie fotografie, sintetiche ma molto espressive e graffianti. Il suo lavoro è una via di mezzo tra studio sociologico e documentazione. Martin Parr ha vinto per ben tre volte consecutive il premio dell’Arts Council britannico, diventando nel 1994 membro di Magnum Photos. Le sue opere sono raccolte in molte mostre organizzate tra l’Europa e gli Stati Uniti e fanno parte del patrimonio permanente di importanti collezioni pubbliche e private. La collaborazione che il MACRO inaugura con il FORMA di Milano è molto importante dal momento che quest’ultimo, sin dalla sua fondazione, nel 2005 si propone come un centro di raccolta e di documentazione dell’opera fotografica molto importante, con spazi per le proiezioni, per i dibattiti, una libreria aperta alla vendita e mostre articolate intorno a tre direttrici fondamentali, la storia della fotografia, i grandi autori e i maestri della moda e del ritratto. Inoltre, Il FORMA si costituisce anche grazie alla collaborazione tra Corriere della Sera e Contrasto che formano la società Fotospazio, progetto realizzato in collaborazione con ATM.