alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 71 di 109
04.06.2010 # 1604
LOGOMANIA MINI

Ilas Web Editor // 0 comments

LOGOMANIA MINI

Editore: RED Publishing

Torna l’edizione tascabile di Logomania, un best seller che raccoglie circa 600 diversi loghi e icone, utilizzato da società e aziende commerciali come punto di riferimento. Logomania presenta una straordinaria raccolta dei più begli esempi di loghi e marchi simbolo della creatività italiana, utilizzati nel mondo della musica, della moda, dell’advertising e dei media. In questa prima, imperdibile, parte, le sezioni sono due: "Freshly Made" e "Lifting". Qui troviamo una grande varietà di loghi aziendali, ciascuno adattato nella grafica e nel design al nome della società. Ci sono in più applicazioni che riguardano il packaging, il visual merchandising, ristoranti e design industriale, fino alla segnaletica e al branding di veicoli, oggetti di moda e volantini promozionali e poster. Il libro, esaurito da un anno, è stato rimpaginato e diviso in due volumi.

15.06.2010 # 1624
LOGOMANIA MINI

Ilas Web Editor // 0 comments

Mi chiamo Charles Saatchi e sono un artolico | di Charles Saatchi

Edizioni: Phaidon Press

Ovvero, come diventare re della pubblicità senza farsi troppa pubblicità ( Citando Repubblica). Sottotitolo: Tutto quello che avreste voluto sapere sull’arte, la pubblicità, la vita, Dio e altri misteri. E avete osato chiedere. Il titolo spiega la scelta ( fatta accuratamente da Charles Saatchi) di 200 domande fatte da artisti, critici, fan e giornalisti a cui lui da una risposta. Il risultato è un libro mai noioso, in cui emergono lati poco sconosciuti e molto divertenti del grande pubblicitario. Dagli esordi, povero in canna, da un ‘agenzia di pubblicità all’altra collezionando fallimenti, lui, ebreo di Baghdad cresciuto a Londra. Fino a fondare, assieme al fratello Maurice, la più grande società di advertising mondiale, la Saatchi&Saatchi. Da allora si da anche a massicci investimenti nell’arte contemporanea, come quando finanzia il movimento degli Young British Artist, tra cui Damien Hirst, Tracey Emin e i fratelli Chapman. L’episodio più clamoroso resta la vendita dello squalo in formaldeide di Hirst, da lui commissionato per 50mila dollari e rivenduto negli Usa per 8 milioni di dollari. Nel libro c’è di tutto: dalla sua passione da ragazzino per le riviste dadi nudismo, a quella per la tv, quiz e sport, alla catasta di quadri che tiene a terra per la pigrizia di appenderli, al rapporto con la moglie, celebre chef della cucina americana, salutista e molto affascinante ( Nigella Lawson). Saatchi, di cultura estremamente pop, americana, che gli spiana la strada nella pubblicità, incontra una miriade di personaggi che dal mondo dell’advertising migrano verso il cinema, come Ridley Scott. Tra investimenti nell’arte ( Warhol, Kiefer, Serra, Jeff Koons) e successi in pubblicità, la vita di Charles Saatchi ci scorre davanti con leggerezza e con molta ironia.

10.06.2010 # 1617
LOGOMANIA MINI

Ilas Web Editor // 0 comments

Come usare le immagini | di Lindsey Marshall e Lester Meachem

Edizione: Logos Books

Come usare le immagini nel modo più congeniale? Per una rivista? Per un opuscolo o un libro? O magari per un Cd? Questo e altro ancora è ben spiegato in Come usare le immagini, un volume che raccoglie l’ABC sulle modalità relative all’uso delle immagini in moltissime applicazioni grafiche. Riviste e quotidiani, manifesti, opuscoli, libri, brochure, cancelleria, copertine di libri e CD, pubblicità e materiale promozionale, packaging, grafica dei punti vendita, pagine web e pubblicità digitali, sono solo alcune delle più importanti applicazioni possibili. Il libro, in particolare, si sofferma su: scelta delle immagini, struttura e layout, composizione, comunicazione, colore, potenziale delle immagini e produzione. Tutto spiegato attraverso attività pratiche, case study illustrati e creazioni di grafici affermati, con esempi professionali utilissimi per chi voglia intraprendere la carriera di grafico a tutto tondo. Il volume è realizzato da due esperti di comunicazione visiva, design grafica, illustrazione e design ( Lester Meachem è Dipartimento di comunicazione visiva presso la Scuola di arte e design dell’Università di Wolverhampton ).

09.06.2010 # 1614
LOGOMANIA MINI

Ilas Web Editor // 0 comments

Sway | di Ori e Rom Brafman

Edizione: Nuovi Mondi

 


Che gli esseri umani fossero governati da un istinto marcatamente irrazionale è cosa vecchia dall’inizio dei tempi. Ora c’è chi tenta di dimostrarlo empiricamente rispondendo alle domande più banali, ma anche più significative che non avremmo mai il coraggio di indagare fino a fondo:

Perché diamo più retta a un consiglio se proviene da una persona “importante”? Perché siamo più propensi a innamorarci quando ci sentiamo in pericolo? Perché la NASA non è riuscita a prevenire lo schianto dello shuttle Challenger anche quando, col senno di poi, si trattava di banali errori di sicurezza? Come è riuscito un professore di Harvard a convincere i suoi studenti a pagare 204 dollari per un biglietto da 20? Come può uno dei migliori piloti della KLM dimenticare la sua grande esperienza e ignorare le regole base dell’aviazione, provocando quella che ad oggi è la più grande tragedia aerea della storia?

Cercando di rispondere a queste domande, gli autori, dall’alto delle loro conoscenze psicologiche e dei fattori sociologici ci parlano di “pregiudizio della diagnosi”, “effetto camaleonte” e “resistenza alla perdita”. Tutti meccanismi squisitamente umani e prettamente irrazionali. Il libro si inserisce nella fortunata tradizione di Blink e Freakonomics.

 

Gli autori: Ori Brafman è coautore di un libro di grande successo negli Stati Uniti, The Starfish and the Spider. Laureato alla Business School di Stanford, ora vive a San Francisco. Rom Brafman ha conseguito un dottorato in psicologia e ha tenuto vari corsi universitari sulla crescita personale. Ha uno studio a Palo Alto, California.

27.05.2010 # 1598
LOGOMANIA MINI

Ilas Web Editor // 0 comments

Drawing life | Javier Mariscal

Edizione Phaidon Press Limited

Drowing life, ovvero Una vita disegnata. Più di 400 illustrazioni dell’artista spagnolo tra i più eclettici, Javier Marsical. In sostanza, una sorta di fabbrica di loghi celebri, dalle olimpiadi alle varie Expo. Londra celebra l’artista con una mostra e un volume, Drawing life, appunto, che raccoglie tutte le sue opere e i simboli da lui realizzati. Dai fumetti giovanili fino a Cobi e Twipsy ( la mascotte delle olimpiadi di Barcellona nel 92 e il simbolo dell’expo di Hannover 2000). Fino a Chico e Rita, protagonisti dell’ultimo cartoon. Poi, le poltrone a toppe colorate per Moroso, cult design anni ‘9°, le immagini del Grand Hotel Domine di Bilbao, per cui Marsical ha curato l’intero progetto. Ecco, Javier Marsical cerca di capire il mondo attraverso il disegno, come un bambino, per usare una sua definizione. Ma non finisce qui. Nel volume troviamo le sue illustrazioni per molte riviste come la giapponese Apo. I loghi per aziende, i film animati, progetti d’interni, mobili, parchi tematici, Marsical è un universoi e un segno da scoprire, assolutamente unico e inimitabile.

24.05.2010 # 1589
LOGOMANIA MINI

Ilas Web Editor // 0 comments

Bauhaus di Magdalena Droste | Bauhaus-Archiv

Edizioni Taschen

Importante iniziativa quella di raccogliere in un unico volume, un' edizione speciale, documenti, aree del design, schizzi, studi in aula, progetti e modelli architettonici sul Bahaus. Tutto deriva dal Bauhaus Archiv Museum of Design di Berlino, che possiede un inventario completo, il Bauhaus Archiv dedicato alla presentazione e alla storia del Bahaus, tra cui il New Bauhaus di Chicago e la Hochschule für Gestaltung (Istituto di Design) di Ulm. Da questo importante archivio si ripercorrono le tracce che hanno influenzato designer e artisti, l'humus creativo e progettuale di tutte le generazioni a venire. Tra i sostenitori più importanti del movimento Walter Gropius, Marcel Breuer, Vassily Kandinsky e Paul Klee. Tutto raccontato e descritto da Magdalena Droste che ha lavorato al Bahaus Archiv dal 1980, realizzando mostre e pubblicazioni artistiche legate al settore tessile, arti e mestieri come professioni femminili.