alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 153 di 223
14.08.2010 # 1625
Los Angeles | Joseph Szabo. Jones Beach

Ilas Web Editor // 0 comments

Los Angeles | Joseph Szabo. Jones Beach

Fino al 14/08/2010

Alla galleria M+B di Los Angeles (612 North Almont Drive) si è appena aperta un’interessante mostra fotografica quasi tutta ambientata nell’America “da spiaggia”. Immagini di uomini muscolosi, ragazze in bikini, mamme e figlie, giovani e ragazzini con le facce di un’america che guarda il mondo on gli occhi attoniti e spaventati, un po’ incoscienti. Ci sono i turbamenti di almeno tre generazioni di americani. Un’umanità da spiaggia e non solo, ragazzi in jeans immortalati durante il concerto degli Stones ( siamo nei primi anni ’70), con un clima da Woodstock. Foto che potrebbero essere state scattate oggi, visto che i look e le mode si ripetono e ritornano. Ma che sono autentici: quei volti, ormai sono ben altro. Un teatro, una passerella, un’umanità al sole, immortalata da Joseph Szabo ( classe 1944), in una delle spiagge più affollate del mondo. Le masse in cattività, anche al mare, in vacanza, i gruppi, come mandrie. Questo si vede sulla spiaggia, al concerto, per le strade. Nelle sue immagini ci riconosciamo, dalle sue immagini ci distinguiamo. Svzabo insegna fotografia in scuole prestigiose e le sue opere sono state pubblicate in numerose riviste e giornali come il New York Times, Vogue Hommes International, New York Magazine, Newsday, New Yorker, Il Los Angeles Times, La rassegna Domenica (Londra) e Il Times Magazine (Londra), Women's Wear Daily, Il Francese Arts Magazine, Les Inrockuptibles, Dazed and Confused Magazine e Ribelle. Szabo lavoro è stato ampiamente esposto in gallerie a Parigi, Londra, New York, Los Angeles e il Giappone.

30.08.2010 # 1612
Los Angeles | Joseph Szabo. Jones Beach

Ilas Web Editor // 0 comments

New York | Otto Dix

Fino al 30/08/2010

La mostra su Otto Dix ( 1891-1969)ospitata alla Neue Galerie di New York, è la più grande mostra dedicata al pittore tedesco mai allestita in Nord America. Nelle eleganti sale del museo, si possono ammirare l’ascesa, gli scandali, il successo e gli anni difficili di Otto Dix nel periodo nazista. Le opere sono quelle realizzate tra il 1919 e il 1939 e una buona parte di esse sono state acquisite dal museo. Influenzato dalla pittura italiana, soprattutto dai pittori del primo rinascimento ( Botticelli) fino ai più moderni futuristi, fu in ugual modo catturato dall’espressionismo tedesco, con l’ammirazione per Max Klinger, ma anche per il rinascimento nordico. Durer, Holbein, Cranach, Grunewald sono stati importantissimi nella sua ricerca artistica, così come lo studio di Nietzsche. L’unica sua scultura, infatti, fu proprio una busto del filosofo tedesco ( 1914). Dopo scandali e sequestri di opere, divenne nel ’25 un incredibile ritrattista, finendo, con l’avvento del nazismo, tra gli artisti messi al bando. Le sue opre, infatti furono esposte nella famosa mostra propagandistica e diffamatoria sull’arte degenerata, Entartete Kunst, nel 1937. Quello che resta, è l’impressione geniale di tutta la stoltezza e la malvagità di un epoca, sui volti e negli occhi dei protagonisti delle opere di Otto Dix.

23.08.2010 # 1506
Los Angeles | Joseph Szabo. Jones Beach

Ilas Web Editor // 0 comments

Parigi | Kawamata. Carton Workshop

Fino al 23/08/2010

Lo Scultore e installatore, Tadashi Kawamata scolpisce l’architettura, lo spazio urbano e l'ambiente con materiali poveri e di riciclo. Utilizza legno, cartone, giornali vecchi, cestini per i rifiuti come moduli che danno forma ad uno spazio dialogante, significante e perfettamente autonomo. Su questo spazio l’artista interviene attraverso un singolo elemento, creando escrescenze, passerelle, luoghi di osservazione per creare un dialogo con la scena, ma anche per turbare la nostra visone dell’ambiente. Il lavoro dell’artista giapponese Kawamata è un work in progress organizzato in più punti della città, inserito nel dibattito sull’architettura e l’ambiente promosso dal Centre Pompidou di Parigi. Studenti, visitatori, personale tecnico, bambini, tutti sono chiamati a dare il loro significativo contributo all’opera, partecipando anche alla "Kawamata Card Workshop", in cui, soprattutto i bambini potranno lavorare con il cartone ai suoi progetti. Ogni mese l’artista affronterà un nuovo tema nell’ambito di un workshop artistico, in collaborazione con gli studenti dell’Accademia delle Belle Arti, finché a luglio tutto si trasformerà in un labirinto e in una Torre di Babele ad agosto. La mostra, con i “sei armadi della sua memoria", offre al pubblico i documenti e il film di un progetto, e, mentre le sue opere effimere scompariranno non appena il "work in progress" sarà finito, il film realizzati da Gilles Coudert continueranno a conservare tracce di queste esperienze. Nel frattempo, un monitor esterno proietterà tutte le fasi di istallazione della mostra, fino ad agosto, ogni martedì, per una volta al mese.

22.08.2010 # 1577
Los Angeles | Joseph Szabo. Jones Beach

Ilas Web Editor // 0 comments

Rovereto | Linguaggi e Sperimentazioni. Giovani artisti in una collezione contemporanea

Fino al 22/08/2010

Il Mart di Rovereto inaugura con questa mostra un ciclo di esposizioni dedicate alle più significative e interessanti realtà del collezioniamo italiano. Le opere esposte, circa 80, provengono dalla collezione Agi di Verona, costituita nel 1989 da cinque appassionati d'arte. Gli artisti, pertanto, hanno tutti una giovane età, una biografia notevole e buon talento, con il grande pregio di portare una fotografia abbastanza puntuale dell'andamento e delle tendenze artistiche degli ultimi anni. Tra America, Europa e Asia, è possibile documentare lo stato dell'arte, l'immagine, la rappresentazione della realtà, esteriore e interiore, attraverso il linguaggio artistico e tutte le sue possibili e impossibili espressioni. In questo contesto si trovano giovani emergenti e giovani che emergenti non sono più, ma sono ormai nomi di richiamo internazionale, come Maurizio Cattelan. A seguire, espongono: Mircea Cantor, Jeremy Deller, Cyprien Gaillard, Carlos Garaicoa, Django Hernandez, Gabriel Kuri, Jonathan Monk, Anri Sala, Simon Starling, Tomas Saraceno, Tino Sehgal, Chen Zhen, gli italiani Mario Airò, Stefano Arienti, Eva Marisaldi, Grazia Toderi, Francesco Vezzoli e i più giovani Nico Vascellari, Luca Trevisani, Piero Golia, Anna Galtarossa, Lara Favaretto, Gianni Caravaggio, Luca Pozzi, Emanuele Becheri, Alberto Tadiello e Andrea Galvani.

15.08.2010 # 1425
Los Angeles | Joseph Szabo. Jones Beach

Ilas Web Editor // 0 comments

Londra | Henry Moore

Fino al 15/08/2010

Alla Tate Britain di Londra si apre una splendida retrospettiva dedicata al grande artista inglese Henry Moore (1898-1986). Oltre 150 opere in esposizione, tra cui numerose sculture in pietra, legno, bronzi e disegni. Nella mostra si esplora il carattere sperimentale e avanguardistico dell’artista, la ribellione contro i concetti tradizionali applicati dai maestri della scultura, attraverso l’uso pionieristico dei materiali, le composizioni astratte, la carica erotica di molte sue opere proiettate in una nuova dimensione attraversata dalla psicoanalisi e dalle teorie di Freud, dalle nuove idee in materia di sessualità, dall’arte primitiva, dal surrealismo, tutti concetti fondanti della cultura del ventesimo secolo. Esaminati nella mostra, in particolare tre temi: la guerra, le donne e la cultura mondiale. Per quanto concerne il primo, la guerra, Moore prestò servizio durante la prima guerra mondiale sul Fronte occidentale e l’impatto che la guerra ebbe sull’artista si riflette sui disegni che egli fece in relazione a questo tragico evento per l’umanità. Riguardo il tema donne, centrale è il rapporto con la madre e le “ossessioni fondamentali” presentate attraverso la complessità della relazione materna e del rapporto madre-bambino. Un tema molto importante è quello relativo al rapporto tra Henry Moore e le culture del mondo, rappresentato dalle maschere primitive e opere come Girl with Clasped Hands del1930, opere molto sensuali e influenzate da Freud e dalla psicoanalisi come la Reclining Figure del 1939; le sculture astratte realizzate tra il 1930 e il 1931 e le sculture di carattere politico, piene di intensa e minacciosa tensione relative alla guerra civile spagnola e all’approccio con la seconda guerra mondiale, come The Helmet del 1939-40 e Three Points del 1939-40

10.08.2010 # 1343
Los Angeles | Joseph Szabo. Jones Beach

Ilas Web Editor // 0 comments

Rovereto | Contemporanea 1950 | Opere dalla Collezione permanente del Mart

Fino al 10/08/2010

Da non perdere la nuova collezione permanente del Mart , con un nuovo allestimento articolato in due parti: "Aniconica", in cui saranno mostrate opere di artisti connotati da un’astrazione priva di riferimenti iconografici, come Lucio Fontana, Alberto Burri, Piero Manzoni, Enrico Castellani, Agostino Bonalumi, Carol Rama, Emilio Vedova, Giuseppe Capogrossi, Gastone Novelli, Hans Hartung, Jean Fautrier, Antoni Tàpies, Giuseppe Uncini, Eliseo Mattiacci. La seconda parte, invece, “Tutti pazzi per l’America”, è un omaggio ai grandi artisti americani e alla ricerca di un linguaggio artistico che per forma e contenuto si ispira comunque all’arte americana. Presenti opere di Andy Warhol, Robert Rauschenberg, Roy Lichtenstein e alla Minimal e Antiform art di Keith Sonnier, Robert Morris e Sol LeWitt. Presenti inoltre Annette Lemieux e Jenny Holzer, acquisto recente del museo. E ancora, in esposizione, le opere del minimalismo americano degli anni novanta presi dalla Collezione Panza di Biumo, e, per la prima volta opere contemporanee idi Cecily Brown, Keith Haring, Jenny Holzer, Mike Kelly, Chris Ofili, Kara Walker, Dana Schutz, Vik Muniz e Yan Pei-Ming. Al secondo piano resta un’altra collezione permanente di tutto rispetto, che accresce e approfondisce il percorso espositivo attraverso l’avanguardia nazionale e internazionale, intitolata appunto "Tra avanguardia e tradizione. 1912 – 1945 e oltre" con Carlo Carrà, Massimo Campigli, Giorgio de Chirico e Alberto Savinio con particolari approfondimenti dedicati all’opera di Giorgio Morandi e alle sculture di Fausto Melotti.