• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 65 di 106
28.09.2010 # 1732
Paura...e allora? Kit di sopravvivenza per manager che vogliono cavalcare l'incertezza professionale

Ilas Web Editor // 0 comments

Paura...e allora? Kit di sopravvivenza per manager che vogliono cavalcare l'incertezza professionale

di Cristina Melchiorri, Daniela Dodero, Giuseppe Truglia | Editore: Logo Fausto Lupetti

Ma la paura del manager cos’è e come si può gestire? Ne parlano, in questo manuale di economia della comunicazione, in maniera pratica e concreta i protagonisti, manager ed esperti che raccontano la loro sulla paura di mettersi in discussione e sulla possibilità di reinventarsi, anche e soprattutto in un momento di crisi. La crisi, appunto, può essere vista come un’opportunità contro la paura e l’imprevisto. Un kit di sopravvivenza per imparare a superare le situazioni difficili nascoste che si presentano all’improvviso, costruito da 10 protagonisti del settore, ecco quali:
Lorenza Battigello (Amministratore Delegato di Ales Groupe Italia); Emma Bonino (Vicepresidente del Senato); Carlo Checchinato (Manager Nazionale Italiana Rugby); Luca De Angeli (Strategic Development Manager Zambon); Piero Gaffuri (Amministratore delegato RaiNet, Direttore Nuovi Media RAI); Mario Gasbarrino (Amministratore Delegato Unes Supermercati, Gruppo Finiper); Franco Moscetti (Amministratore Delegato Amplifon); Francesca Prandstraller (Consulente e Docente a contratto Università Bocconi; Barbara Santoro (Presidente Shenker Group); Gianmario Tondato (Amministratore Delegato Autogrill).

24.09.2010 # 1727
Paura...e allora? Kit di sopravvivenza per manager che vogliono cavalcare l'incertezza professionale

Ilas Web Editor // 0 comments

Six books of Euclid | di Prof. Dr. Werner Oechslin

Edizione: Taschen

I concetti spaziali, le geometrie e la matematica sono spesso state il fondamento dell’arte contemporanea. Anche la grafica tridimensionale si basa su modelli e volumetrie geometriche. Ecco perché partire dalle geometrie euclidee in un testo originale e antico come questo, sembra un ottimo spunto per rivedere la storia delle forme geometriche e della loro essenzialità. Si parte da Euclide per arrivare a Matisse, Derain e Dufy, in un libro pubblicato nel 1847 da Charles Whttingham della Chiswick Press. L’edizione è rarissima, una copia di proprietà della libreria antiquaria John Windle ed è curata da un oscuro e misterioso matematico del diciannovesimo secolo, tale Oliver Byrne, alla sua prima pubblicazione. Il testo consta di disegni a supporto delle teorie euclidee, come le frasi scritte in corsivo con un capoverso che si snoda per quattro linee. Il resto della pagina e un florilegio di rosso, giallo e blu: su certe pagine le lettere e i numeri cono stampati a colori e sparsi sulla pagina come fiori; in tutto questo le forme geometriche hanno colori sorprendenti, da richiamare l’arte concettuale contemporanea. Un libro raro e originale.

23.09.2010 # 1725
Paura...e allora? Kit di sopravvivenza per manager che vogliono cavalcare l'incertezza professionale

Ilas Web Editor // 0 comments

BABY CONSUMATORI | di Ed Mayo e Agnes Nairn

Edizione: Nuovi Mondi

Che esiste un mercato fatto di brand più o meno noti, multinazionali e non, rivolto ai più piccoli è oramai cosa nota. Non è ben chiaro però fino a che punto sia importante e preoccupante. In tutto il mondo, sia inteso. Le campagne pubblicitarie rivolte ai minori non si contano, individuati come ottimi consumatori soprattutto per il condizionamento esercitato sui più grandi. Ma non solo. Il 90% dei teen ager americani ha una tv personale. Più di un terzo dei ragazzi ha un pc personale e 2/3 hanno una consolle per videogiochi. Come dire, se non ce l’hai sei fuori, o comunque in minoranza. Per i telefonini, poi è ancora peggio. S’incomincia con quasi il 40% dei bambini della scuola elementare fino a sfiorare il 100% dei ragazzi delle superiori. Il tempo passato davanti alla tv è di più di cinque ore al giorno. La conclusione è che bambini e adolescenti non sono visti dai brand come cittadini ma come consumatori, bersagliati in ogni modo dall’advertising e soprattutto condizionati nelle loro scelte, non in relazione alle esigenze concrete di crescita e sviluppo individuale, ma in relazione al brand, al marchio commerciale, all’unificazione dei consumi di massa secondo un’unica, bieca logica del profitto. Questo bel libro spiega, per primo, come i nostri figli siano diventati il target preferito delle campagne pubblicitarie e indaga sul fenomeno attraverso interviste ai bambini e agli adulti. “Mayo e la coautrice Agnes Nairn, professoressa di marketing alla EM-Lyon Business School in Francia e alla Rotterdam School of Management dell’Erasmus Universiteit, nei Paesi Bassi, mostrano in quali modi e forme i bambini siano quotidianamente bombardati da slogan e immagini che fanno leva sui loro sogni e ne sfruttano i punti deboli. Spiegano perché le bambine torturano le loro Barbie, cosa provano i ragazzini per David Beckham, perché le mamme siano più in gamba dei papà, come mai i bambini delle famiglie più rigide tendano a diventare i consumatori più sfrenati e, soprattutto, perché l’eccesso di marketing porti all’infelicità”.

21.09.2010 # 1720
Paura...e allora? Kit di sopravvivenza per manager che vogliono cavalcare l'incertezza professionale

Ilas Web Editor // 0 comments

Niente di più facile, niente di più difficile | Manuale (pratico) per la comunicazione

Di Stefano Lucchini e Gianni Di Giovanni | Editore: Logo Fausto Lupetti Editore

Qual è il segreto di una comunicazione efficace? E’ facile come bere un bucchier d’acqua o in questo bicchiere d’acqua ci si può perdere in un attimo? Servono tecnica, competenze e de esperienza ? Due esperti professionisti del settore cercano di fare luce su queste questioni e su ciò che apparentemente sembra facile monache in realtà richiede requisiti e presupposti specifici.  Niente di più facile, niente di più difficile  è un manuale o guida di comunicazione pratica che raccoglie esperienze concrete affiancate da un po’ di teoria che serve da faro e da base strutturale al tutto. Imperdibile per chi vuole aggiornarsi( per lavoro e per studio) sulla comunicazione come realtà pratica, basata sulla “sensibilità individuale, visione dall’alto, conoscenza della realtà e capacità di maneggiare gli strumenti a disposizione”.

17.09.2010 # 1714
Paura...e allora? Kit di sopravvivenza per manager che vogliono cavalcare l'incertezza professionale

Ilas Web Editor // 0 comments

1000 Caratteri tipografici

Edizione: Logos Books

Sei un grafico di talento? La bravura di un bravo grafico pubblicitario e di un creativo con i fiocchi si riconosce dalla conoscenza di storia, forma e significato di ogni carattere tipografico. Ogni singolo carattere ha la sua specificità e il suo valore rapportato ad un dato contesto e questo non deve mai essere perso di vista. Con 1000 Caratteri tipografici si può cogliere l’occasione per passarli in rassegna tutti e farsi finalmente un po’ di cultura in proposito. Un bravo grafico deve avere la capacità di usare in maniera intelligente e accurata ogni singolo font. Qui puoi trovare font corredati di ottime immagini dettagliate in ogni punto, strutturati in sezioni con manifesti, biglietti da visita, di invito, opuscoli per trovare ispirazione e attingere per i tuoi progetti. Un manuale utile, interessante e consigliabile ad ogni grafico.

15.09.2010 # 1707
Paura...e allora? Kit di sopravvivenza per manager che vogliono cavalcare l'incertezza professionale

Ilas Web Editor // 0 comments

Hiroshige di Trede, Prof. Dr. Melanie e Bichler, Dr. Lorenz | Edizione: Taschen

Cover: Rilegatura giapponese con cofanetto

Hiroshige è stato un grande artista giapponese, colui che hadisegnato gli ukiyo-e. Cosa sono gli ukiyo-e? Sono le "immagini del mondo fluttuante", un genere di stampa artistica giapponese su blocchi di legno, prodotta tra il XVII e il XX secolo, raffigurante in genere paesaggi, soggetti teatrali e quartieri di piacere. Per la loro particolare natura, tali disegni si prestavano ad una produzione seriale, ottimi per decorare ventagli, cartoline e libri illustrati. In questo libro troviamo un'eccellente raccolta di ukiyo-e con le sue cortigiane, i suoi guerrieri, gli attori. Ciò che colpisce di più è però la molteplicità delle espressioni offerte da questa tecnica grafico-artistica, in cui la contemplazione della natura raggiunge un livello fusione morfologica che distingue Hiroshige dagli altri incisori-pittori dell'epoca. In Hiroshige, che ebbe grande influenza sulla pittura europea dell'800, troviamo la diatriba finito-infinito, il respiro del cosmo, l'osmosi tra natura e uomo. La sua influenza trovò espressione soprattutto nei dipinti degli impressionisti e sul post-impressionismo e in artisti come Claude Monet e Vincent Van Gogh.