alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 136 di 220
23.01.2011 # 1777
Firenze | Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità

Ilas Web Editor // 0 comments

Firenze | Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità

Fino al 23/01/2011

Uomini e donne di potere, rappresentati in posa, nei club esclusivi, alle sfilate di moda o alle corse di cavalli, tra eccessi e immagini in bilico tra essere e apparire. La mostra ospitata al Centro di cultura contemporanea Strozzina di Firenze, consta in 52 ritratti fotografici( realizzati, tra gli altri, da Annie Leibovitz, Martin Parr, Sugimoto, Jim Dow e Daniela Rossell) e ha come tema centrale quello che oggi può essere considerato il ritratto del potere. Come viene raffigurato? Attraverso quali simboli, pose, vestiario, oggetti? Ogni fotografo ne coglie un aspetto saliente, in tutto, venti sguardi diversi a creare un insieme armonico e vivido. Non più ritratti di re, regine, nobili e signorotti su tele, in pose particolari, sfoggiando “gli abiti del potere” e “gli oggetti del potere” che spesso erano mappamondi per “svelare” un animo colto, onnisciente, informato, contemplativo, a seconda dei casi, o cavalli( i re conquistatori). Oggi i simboli del potere sono cambiati, così come è cambiata l’immagine del potere e di conseguenza l’arte del ritratto, fotografico, segue nuove, interessanti e sorprendenti dinamiche. Ritratti del Potere è un progetto del CCC Strozzina, con la consulenza scientifica di Peter Funnell (National Portrait Gallery, Londra), Walter Guadagnini (progetto “UniCredit & Art”), Roberta Valtorta (Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo), con il coordinamento di Franziska Nori (CCCS, Firenze). In collaborazione con Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, Roma, Institut français de Florence e Residenza del Moro, Firenze.

23.01.2011 # 1746
Firenze | Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità

Ilas Web Editor // 0 comments

Pisa | Joan Mirò. I miti del mediterraneo

Fino al 23/01/2011

Torna Mirò, si torna ad indagare sui miti del Mediterraneo. Perché il Mediterraneo è lo strumento utilizzato per reclamare l'identità catalana. “All'inizio del ‘900, gli artisti della Catalogna condividono con i compatrioti la necessità di rivendicare un'identità che, fino ad allora, era un dato di fatto che non necessitava di una narrazione. Miró ritrova questa identità nel paesaggio, nella luce, nelle montagne, nei campi lavorati e nelle spiagge brillanti sotto il sole. Tutto ciò conduce Miró verso un'identificazione intensa, quasi atavica, con la natura e il paesaggio del Mediterraneo. I motivi preferiti di Miró, che poi ritorneranno trasfigurati nel corso di tutta la sua lunghissima produzione artistica, sono insetti, lumache e serpenti, oltre naturalmente alle donne, simbolo stesso della Madre Natura, e agli uccelli, visti come animali mitologici.” In esposizione ecco allora le opere dedicate al mito di Dafne e Cloe e a quello del Minotauro fino alle illustrazioni per le Costellations di André Breton, in cui la poesia, grande passione di Miró, si associa con la sua rappresentazione di uno spazio infinito in cui linee, colori e forme si compongono e si scompongono. Si possono ammirare, al Palazzo Blu di Pisa, le serie Archipel Sauvage del 1970 e L'espoir du navigateur del 1973 e chiudono invece il percorso, le sezioni dedicate al mito della donna, della Madre Natura e dell'uccello mitologico. Mirò, infine, rappresenta il mito e il suo tentativo di esorcizzarlo, perché ilo mito reca in sé anche i mostri, gli archetipi, ciò che probabilmente è nascosto nell’inconscio e che nell’arte e con violenza, viene fuori, attraverso colori, forme, luci e la rarefazione sempre più potente del linguaggio espressivo.

23.01.2011 # 1726
Firenze | Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità

Ilas Web Editor // 0 comments

Rovereto | Mario Botta. Architetture 1960-2010

Fino al 23/01/2011

Mario Botta è colui che ha progettato il Mart di Rovereto. Ora, il Mart, gli dedica un omaggio con l’esposizione dei più interessanti schizzi e modelli originali. In tutto sono presentati 60 modelli, realizzati nello studio di Lugano dell’architetto ticinese. Il cuore dei progetti di Botta è senza dubbio il legame con il territorio volto a rappresentare un’identità europea. Chiese, biblioteche, teatri, musei e sinagoghe, con una predilezione per le chiese per il connubio tra luce, spazio e materia che da vita ad una visone di architettura pura. Lo dimostra la chiesa di San Giovanni Battista a Mogno ( Svizzera) che è una vera e propria opera d’arte. In questo senso lo sono anche il Moma di San Francisco e il Mart di Rovereto, che raccolgono l’humus della buona capacità costruttiva tipicamente svizzera e la straordinaria sensibilità ancorata al territorio e ad una cultura contadina. Il tutto, proiettato solidamente nel futuro. Botta ha avuto la fortuna di lavorare per Le Corbusier e ha avuto come maestro Carlo Scarpa, che gli insegnò a “far parlare i materiali”. Citando un’intervista recentemente apparsa sul Venerdì di Repubblica: Quando parlava ai suoi studenti Scarpa diceva “ Volete fare una strada? Se la fate in terra dovrà essere larga dieci metri, in asfalto sei, in cemento tre, in pietra uno. Se in oro, basta un filo”. Un altro grande mastro per Botta fu Louis Kahn, con cui lavorò quando nel ’69 progettava il Palazzo dei Congressi di Venezia. Da lui apprese il limiti dello sviluppo tecnologico,  e la capacità di cogliere gli archetipi delle cose, così come alla domanda “ Cos’è una scuola?”, la risposta era “ Due uomini che parlano sotto un albero”. I debiti culturali di Botta ( evidenziati nella mostra nella prima sezione) risiedono anche nel Pasto frugale di Picasso ( periodo blu) e la Casa sulla Cascata di Frank Llyod Wright. Nelle opere di Botta, l’architettura ritrova l’essenzialità della sua forma primitiva e sella sua funzione originaria che deve modellare lo spazio e la vita dell’uomo. In questa mostra c’è anche posto per il design, con la terza sezione dedicata alla creazione di oggetti e allestimenti di interni. Come dire, in piccolo, una sintesi del grande. Da vedere.


 

23.01.2011 # 1699
Firenze | Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità

Ilas Web Editor // 0 comments

Basilea | Andy Warhol. The Early Sixties | Paintings and Drawings 1961-1964


Scade il 23/01/2011

Da non perdere la mostra che il Kunstmuseum di Basilea dedica ad Andy Warhol, il padre della pop art negli anni cruciali della sua formazione e del successo internazionale, i primi anni '60. I sixties vedono grandi cambiamenti nella vita e nella carriera di Warhol: in soli 4 anni, infatti ( dal 1961 al 1964), si assiste all'abbandono di una brillante carriera come illustratore pubblicitario per dedicarsi completamente alla pittura; la definizione di uno stile che, partendo da soggetti banali e presi dalla cultura popolare lo porteranno ad eliminare del tutto la pennellata espressionista e la pittura manuale per un genere che ha rivoluzionato l'arte del '900. Prodotti da supermercato, imballaggi, attori di Hollywood, eventi luttuosi e catastrofici, tutto ciò che è pop, insomma. A partire dai famosi soggetti, come la banconota da 2 dollari, Liz Taylor, la celebre zuppa Campbelle e i Do it yourself, figure da colorare per i bambini. Ciò che affascina sta esattamente in quel prima e dopo, nell'evoluzione artistica del Warhol post grafico al Warhol creatore della pop art. In tutto circa 70 dipinti presi in prestito dai più grandi musei mondiali, come il San Francisco Museum of Modern Art, il Metropolitan Museum, New York,il Museum of Modern Art, New York e l' Andy Warhol Museum di Pittsburgh.

23.01.2011 # 1693
Firenze | Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Spazio. Dalle collezioni di arte e architettura del MAXXI

Fino al 23/01/2011

Joseph Beuys, Lucio Fontana , Giulio Paolini, Iran Do Espirito Santo, Luciano Fabro, Gilbert & Gorge, Anselm Kiefer, Sol LeWitt, Bill Viola e Alighiero Boetti sono solo alcuni dei grandi artisti internazionali che espongono all'interessante mostra tematica che inaugura lo splendido museo MAXXI di Roma, attraverso una dialettica profonda tra arte e architettura, i possibili intrecci e le inevitabili suggestioni creative. Lo Spazio, che da il titolo alla mostra, è il filo conduttore dei due musei di arte e architettura. Lo spazio è alla base della ricerca artistica e architettonica da sempre, viene scolpito e riempito, adattato alle varie forme del pensiero, è esso stesso spazio mentale prima che fisico. Le opere esposte, realizzate appositamente per la mostra inaugurale del MAXXI, sono divise in 4 aree tematiche: Naturale Artificiale, Dal Corpo alla Città, Mappe del Reale, La scena e l'immaginario. Le istallazioni e le opere sono attraversate da suoni, elementi tridimensionali, proiezioni colorate, intrecci con la poetica filosofica, etica, con messaggi attuali, politico-estetici, materiali freddi, arte concettuale, arte povera ( basta pensare ad un pezzo della collezione Terrae Motus qui presente organizzata dal grande gallerista Lucio Amelio). Tutte le principali e più innovative forme artistiche ed espressive del ventesimo secolo si sono date appuntamento al MAXXI. Il museo non poteva essere inaugurato in maniera migliore, attraverso un'esposizione che ne rileva la sua funzione e il suo più profondo significato.

21.01.2011 # 1932
Firenze | Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità

Ilas Web Editor // 0 comments

San Francisco | Exposed.
Voyeurism, Surveillance and the
Camera Since 1870

Fino al 17/04/2011

Gli sguardi nascosti, il voyeurismo, raccontati da fotografie, più o meno celebri, dal 1870 ad oggi. Paparazzi che inseguono le celebrità in un vero e proprio stalking, ma non solo. Fotografi di tutte le risme, apparecchi fotografici ad uso di sorveglianza, tutti mezzi che catturano e documentano immagini. Ci sono due sezioni rivolte a documentare violenze e disastri ma anche opere di artisti come Andy Warhol, Robert Mappelthorpe e Nan Godin. In tutto, circa 200 opere improntate al voyeurismo, alla ricerca del dettaglio erotico o erotizzante, alla denuncia sociale, alle tecnologie di sorveglianza, insomma a tutti quegli aspetti che ruotano intorno al guardare, o meglio allo scrutare, spesso, oscuro, invisibile, segreto. Quali sono oggi i confine del voyeurismo? Siamo tutti lì a prendere immagini continuamente, coi telefonini e con le fotocamere che hanno enormi capacità di acquisizione. Ecco che gli sguardi si fanno sempre più indiscreti e l’occhio arriva ovunque in qualunque momento. Tra satelliti, infrarossi, video messi su Youtube, è tutto uno spiare continuo, un’acquisire immagini, magari anche sotto casa, quando meno ce l’aspettiamo. Per poi finire su Google Map, magari, senza neanche saperlo. La mostra, ospitata al Sfmoma di San Francisco è veramente da non perdere, peccato che per farlo bisognerebbe fare un po’ di ore di viaggio su di un aereo. Per chi può andare a vedere Exposed, sono graditissimi commenti e critiche personali sul blog.