alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 119 di 220
09.10.2011 # 2129
Catanzaro | BerlinOttanta Pittura Irruente

Ilas Web Editor // 0 comments

Catanzaro | BerlinOttanta
Pittura Irruente

09/10/2011

Com’era l’arte a Berlino negli anni’80, fino al 9 novembre 1989? La caduta del muro ha sancito la fine di un’epoca e l’inizio di una nuova Germania, il cui cuore è, appunto Berlino. Berlino è, infatti, da allora, centro propulsore dell’arte, fucina di nuovi talenti e artisti, matrice e complice della libertà d’espressione di tutti. Un po’ grazie ai vecchi edifici riutilizzati come officine artistiche, un po’ grazie allo spirito di accoglienza e di apertura della città, ai prezzi bassi, tutto contribuisce a fare di questa città un centro aggregatore per nuove idee e nuovi trend mondiali. Il Marca di Catanzaro dedica un’interessante mostra al “centro d’Europa”, a Kreuzberg a i suoi quartieri popolari, all’arte viva che trasuda al di qua e al di la del muro, nel “Kreuzberg Mishung”, il miscuglio di Kreuzberg, tra musica, pittura e cinema. Da qui partono alcuni artisti berlinesi, con la loro carica trasgressiva e provocatoria, segno distintivo di un’epoca, gli anni ’80, che vissero profonde trasformazioni. I tratti sono provocatori, la matrice neoespressionista. Una Berlino minacciosa e claustrofobica sullo sfondo, con la musica Rock e la cultura punk, dove tutto assume un connotato politico. La mostra si racconta attraverso pitture, fotografie, disegni. Oltre 70 opere, con il racconto di un sogno, un ideale, che si propagò in tutta Europa, soprattutto Spagna, Inghilterra, Italia, con la transavanguardia guidata da Bonito Oliva, culminante nelle Biennale di Venezia. Espongono  Rainer Fetting, Helmut Middendorf, Salomé, Bernd Zimmer, rapportati ai loro predecessori Georg Baselitz, Karl Horst Hödicke, Bernd Koberling e Markus Lüpertz.

12.11.2011 # 1803
Catanzaro | BerlinOttanta Pittura Irruente

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Carta, Grafica e Stampa

Fino al 12/11/2011

Un buon grafico deve passare da qui. Dall’uso della carta, dalla stampa e dalla conoscenza dei caratteri tipografici. La Triennale di Milano espone Top Application Award, il premio indetto da Fedrigoni e “accende un faro” su tutti quelli che intendono fare un uso creativo e sapiente delle carte speciali. Una mostra per “addetti ai lavori” e non solo, con le carte speciali che stampatori, cartotecnici e designer hanno messo a disposizione di editori, marchi, aziende che realizzano brochure e cataloghi, packaging e coordinati grafici. Per ogni prodotto la carta giusta, in questo caso le carte si distinguono per solidità, raffinatezza e innovazione( e quindi un’attenzione particolarmente competente alla buona grafica). La qualità estrema del prodotto in cui viene utilizzata la carta, che sia brochure, libro o packaging, va ricercata anche nel fatto che in epoca digitale l’attenzione verso questi prodotti deve renderli unici e “meravigliosi”. Perché? Per creare dei distinguo necessari e per far si che la grafica non sia confinata a mero prodotto digitale, per questo anche con connotazioni più effimere, ma deve essere ricordata tramite un’ immagine, un messaggio e un’identità che prima di tutto, passa da un prodotto progettato e stampato in maniera competente e responsabile.

07.11.2011 # 2333
Catanzaro | BerlinOttanta Pittura Irruente

Ilas Web Editor // 0 comments

Lo stato
dell'arte
a Napoli

10/12/2011

Alla NEA Art Gallery una interessante mostra collettiva di “27 artisti napoletani che attraverso linguaggi espressivi diversi, contrapposti e complementari, raccontano con le loro opere le tante direzioni in cui si sta muovendo negli ultimi anni la creatività cittadina“. Fino al 10 Dicembre, in S. Maria di Costantinopoli 53 a Napoli. Immagine: opera di Sergio Siano / Il mare che bagna Napoli.

24.10.2011 # 2324
Catanzaro | BerlinOttanta Pittura Irruente

Ilas Web Editor // 0 comments

Vera Lutter
a Napoli alla
Galleria Artiaco

10/12/2011

Una straordinaria occasione per vedere dal vivo le opere di Vera Lutter quella offerta da Alfonso Artiaco, con la mostra dedicata all'artista tedesca in programma a Napoli dal 27 ottobre fino al 10 dicembre 2011.

14.10.2011 # 2321
Catanzaro | BerlinOttanta Pittura Irruente

Ilas Web Editor // 0 comments

Indian Highway
al MAXXI

29/01/2012

Indian Highway è una rassegna collettiva itinerante che presenta, attraverso una vasta scelta di opere, il panorama complessivo della scena artistica indiana contemporanea.Esposta per la prima volta alla Serpentine Gallery di Londra nel 2009, Indian Highway ha toccato prestigiose sedi internazionali fino ad arrivare al MAXXI, per concludersi a Nuova Delhi nel 2013. In ogni tappa, la mostra assume una sua particolare fisionomia, con opere pensate ed esposte appositamente per l’occasione. La mostra al MAXXI rappresenta quindi un’emozionante e attesa opportunità per conoscere l’innovativa ricerca artistica indiana e costituisce il primo approfondimento affrontato da un museo italiano sull’arte di questo affascinante paese. (Dal sito del MAXXI).


03.10.2011 # 2313
Catanzaro | BerlinOttanta Pittura Irruente

Ilas Web Editor // 0 comments

CHAN presenta
Marco Lampis

20/11/2011

 

CHAN apre la stagione con la mostra personale di Marco Lampis. All’installazione di un grande diapason nello spazio espositivo l’artista affianca alcuni lavori di diverso formato che indagano sulla relazione tra suono, oggetti e architettura che è al centro della sua ricerca.
Lampis attraverso il suono e la musica si accosta a all’ambiente circostante, esterno a noi. Ogni oggetto diventa la vibrazione che unisce tra loro atomi e molecole, una vibrazione che è nello stesso tempo elemento fisico e sonoro. La relazione profonda con gli oggetti che ci circondano si trasforma così in uno speciale rapporto tra suoni, per cui solo attraverso la disponibilità a “entrare in risonanza”, ad “accordarsi” con la materia, si può arrivare ad averne una visione assoluta.
Marco Lampis ci suggerisce una visione sonora del mondo, attraverso lavori che non utilizzano – paradossalmente – il sonoro. È una relazione più sottile e pervasiva che l’artista cerca di restituire attraverso immagini, frammenti, indizi che portano l’osservatore ad interrogarsi sulla propria risonanza “ambientale” e la propria relazione con lo spazio che lo circonda.
Dal 7 ottobre al 20 novembre.