alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 112 di 223
15.09.2012 # 2620
Carlo Scarpa. Venini 1932 - 1947

Daria La Ragione // 0 comments

Carlo Scarpa. Venini 1932 - 1947

a Venezia fino al 29 novembre 2012

La mostra Carlo Scarpa. Venini 1932 – 1947 a cura di Marino Barovier ricostruisce
attraverso più di 300 opere il percorso creativo di Carlo Scarpa negli anni in cui operò
come direttore artistico per la vetreria Venini (dal 1932 al 1947).

Aperta fino al 29 novembre 2012 la mostra costituisce la prima iniziativa pubblica
de Le Stanze del Vetro, progetto culturale pluriennale avviato dalla Fondazione Giorgio Cini
in collaborazione con Pentagram Stiftung per lo studio e la valorizzazione dell’arte vetraria
veneziana del Novecento.

L’edificio destinato alle esposizioni de Le Stanze del Vetro è situato nell’ala ovest
dell’ex Convitto dell’Isola di San Giorgio Maggiore e dispone di 650 mq di superficie
espositiva. Oltre alle mostre, lo spazio ospiterà convegni, laboratori didattici e altri eventi
dedicati al vetro.

I lavori di riqualificazione dell’edificio, fino ad oggi in disuso, sono stati affidati allo studio
newyorchese di Annabelle Selldorf (www.selldorf.com), con la collaborazione degli
architetti Fabrizio Cattaruzza e Francesco Millosevich.



06.10.2012 # 2659
Carlo Scarpa. Venini 1932 - 1947

Daria La Ragione // 0 comments

Jutta Bauer - La Regina delle Linee

a Napoli dal 27 ottobre al 30 novembre 2012

Autrice di più di 40 libri e vari corti di animazione, Jutta Bauer arriva in Italia con una grande esposizione che parte dalle prime illustrazioni di fine anni ottanta, offrendo una panoramica su tutta l'opera dell'autrice attraverso i lavori indipendenti, gli schizzi, i contributi per giornali e riviste e naturalmente le tavole dei sui libri tradotti in tutto il mondo.

Con questa mostra il Goethe-Institut di Napoli apre al pubblico italiano le porte sul mondo della più grande illustratrice tedesca contemporanea: Regina delle Linee e dei colori, vicina al mondo dei più piccoli, ma profondamente amata anche dagli adulti per quell'ironia e quella sottile capacità di cogliere la realtà in tutte le sue sfaccettature con un tono sempre divertente e mai pesante.
 
In mostra sarà possibile apprezzare visivamente e scenograficamente anche alcuni dei suoi famosi personaggi amati dal pubblico dei più piccoli, la pecora Selma, i pinguini protagonisti di Urlo di Mamma, Emma e il simpaticissimo Juli, ispirato nel tratto al figlio e protagonista di esilaranti storie scritte da Kirsten Boie; una vera chicca per cultori inoltre la presentazione del lavoro inedito in Italia Ich sitze hier im Abendlich consistente nella raccolta di oltre cento lettere, nell'arco di diversi secoli. Lettere reali, tratte da libri, messaggi, comunicazioni fittizie, tutte magistralmente ed ironicamente illustrate dall'autrice: tra esse anche lettere di autori come Johann Wolfgang Goethe e il nostro Umberto Eco.

Divertente e raffinata come le sue illustrazioni, l'artista tedesca sarà presente a Napoli per alcuni giorni, desiderosa di confrontarsi con il mondo dell'infanzia partenopeo, che coinvolgerà in lavori didattici e workshop, successivamente esposti anch'essi nella mostra al PAN. Sarà un momento dinamico e partecipativo che trascinerà i giovani allievi ben al di là della mera visione di una mostra museale. Realizzata grazie al sostegno del Comune di Napoli, che cerca attraverso il coinvolgimento del PAN di essere sempre attivo e presente sul territorio cittadino, la mostra si avvale della cura e professionalità di COMICON, organizzazione che negli ultimi quindici anni ha guadagnato stima ed affetto di tutti gli appassionati di disegno, illustrazione e fumetto. Fondamentali inoltre le collaborazioni con il Bilderbuchmuseum della città di Troisdorf e il Museo Luzzati di Genova che ospiterà la mostra nel 2013. La mostra è corredata da un ricco catalogo a cura di alina per COMICON e Christina Hasenau edito dal Museo Luzzati di Genova.



28.09.2012 # 2647
Carlo Scarpa. Venini 1932 - 1947

Daria La Ragione // 0 comments

Vermeer. Il secolo d'oro dell'arte olandese

a Roma fino al 20 gennaio 2013

Per la prima volta a Roma una rassegna su Johannes Vermeer, massimo esponente della pittura olandese del XVII secolo. La mostra delle Scuderie del Quirinale include, infatti, una preziosa selezione di opere di Johannes Vermeer - rarissime e distribuite nei musei di tutto il mondo, nessuna in Italia - e all'incirca cinquanta opere degli artisti olandesi suoi contemporanei. Il visitatore può, quindi, non solo familiarizzare con questo genio artistico dalla vita ancora oggi avvolta dal mistero, a cominciare dalla sua data di nascita tuttora sconosciuta, ma anche comprendere come l'opera del maestro di Delft si sia rapportata con gli altri artisti attivi nella sua città natale e nei vicini centri di fermento culturale quali Amsterdam, Haarlem e Leida. Oltre a capolavori del maestro, celebri e incantevoli come la stradina, oggi ad Amsterdam, la mostra esporrà opere di Carel Fabritius, uno degli artisti più famosi dell'epoca, morto nell'esplosione della polveriera che nel 1654 distrusse grande parte della città di Delft, Pieter de Hooch e Emmanuel de Witte, insieme ad artisti celebrati al tempo ma oggi da noi meno conosciuti tra cui Gerard ter Borch, Gerrit Dou, Nicolaes Maes, Gabriël Metsu, Frans van Mieris, Jacob Ochtervelt e Jan Steen e tanti altri maestri raffinati e sorprendenti.

21.09.2012 # 2643
Carlo Scarpa. Venini 1932 - 1947

Daria La Ragione // 0 comments

Off Vase - Gianni Veneziano

a Milano fino al 28 ottobre 2012

Triennale Design Museum presenta Off Vase, dieci opere in vetro di Gianni Veneziano. Un unico oggetto: il vaso portafiori, dentro una bolla, fuori da una bolla, rotto, pieno, vuoto, trasparente, opaco, laico, religioso…
Il rapporto iconico con la classicità è in questo caso solo un pretesto, gli oggetti sono portatori di citazioni e materiali dell’arte del design.
“In questo mio racconto il mio oggetto non è un semplice calice, ma racchiude nelle sue forme una metafora della vita del viaggiatore nel suo eterno rinnovarsi. Ecco che ogni calice rappresenta così un possibile altro mondo a sé, in cui disperdersi, identificarsi, immergersi, immaginarsi”.
Gli oggetti in vetro sono stati realizzati a Venezia, presso la fornace di Adriano Berengo, plasmati dal maestro Silvano Signoretto.



21.09.2012 # 2642
Carlo Scarpa. Venini 1932 - 1947

Daria La Ragione // 0 comments

Anni Trenta. Arti in Italia oltre il fascismo

a Firenze fino al 27 gennaio 2013

Nell’Italia degli anni Trenta, durante il fascismo, si combatte una battaglia artistica di grande vivacità, che vedeva schierati tutti gli stili e tutte le tendenze, dal classicismo al futurismo, dall’espressionismo all’astrattismo, dall’arte monumentale alla pittura da salotto. La scena era arricchita e complicata dall’emergere del design e della comunicazione di massa con i manifesti, la radio, il cinema e i primi rotocalchi, che dalle “belle arti” raccolgono una quantità di idee e immagini trasmettendole al grande pubblico. Insomma, un laboratorio complicato e vitale, aperto alla scena internazionale, introduttivo alla nostra modernità.

La mostra rappresenta quel decennio attraverso i capolavori (99 dipinti, 17 sculture; 20 oggetti di design) di oltre quaranta dei più importanti artisti dell’epoca quali Mario Sironi, Giorgio de Chirico, Alberto Savinio, Achille Funi, Carlo Carrà, Corrado Cagli, Arturo Nathan, Achille Lega, Ottone Rosai, Ardengo Soffici, Giorgio Morandi, Ram, Thayaht, Antonio Donghi, Marino Marini, Renato Guttuso, Carlo Levi, Filippo de Pisis, Scipione, Antonio Maraini, Lucio Fontana. Traccontando un periodo cruciale che segnò, negli anni del regime fascista, una situazione artistica di estrema creatività. Un’epoca che ha profondamente cambiato la storia italiana. Gli anni Trenta sono anche il periodo culminante di una modernizzazione che segna una svolta negli stili di vita, con l’affermazione di un’idea ancora attuale di uomo moderno, dinamico, al passo coi tempi e si definisce quella che potremmo chiamare “la via italiana alla modernità”: nell'architettura, nel design, così come in pittura e in scultura, che si esprime attraverso la rimeditazione degli stimoli provenienti dal contesto europeo – francese e tedesco, ma anche scandinavo e russo –, combinata con l'ascolto e la riproposta di una tradizione – quella italiana del Trecento e Quattrocento.

La mostra Anni Trenta. Arti in Italia oltre il fascismo è un’opportunità per dimostrare come Palazzo Strozzi sia fortemente legato alla storia del Paese e della città ma è anche l’espressione perfetta che a Palazzo Strozzi il visitatore non è passivo, è attivo e anche interattivo! Attraverso una serie di attività appositamente ideate, infatti, il visitatore potrà esplorare alcuni dei temi chiave della mostra quali la comunicazione di massa (la Sala Radio, la Sala Lettura), il design industriale (la Sala del Design), la creatività artistica (Touchtable) in modo coinvolgente e stimolante. Come per ogni esposizione è previsto un ampio programma educativo che includerà attività che si svolgeranno nel Palazzo, eventi che coinvolgeranno la città e il territorio, e una serie di pubblicazioni collegate alla mostra.


21.09.2012 # 2641
Carlo Scarpa. Venini 1932 - 1947

Daria La Ragione // 0 comments

Picasso

a Milano fino al 6 gennaio 2013

Saranno oltre 200 opere, molte delle quali mai uscite dal Museo Picasso di Parigi, che affolleranno le sale di Palazzo Reale a Milano, in occasione della grande antologica dedicata all’ ineguagliabile artista spagnolo Pablo Picasso.
Curata da Anne Baldassari, riconosciuta a livello internazionale fra i più importanti studiosi di Pablo Picasso e curatrice del Musée National Picasso di Parigi, la mostra è pensata come un excursus  cronologico sulla produzione dell’artista, mettendo a confronto le tecniche e i mezzi espressivi con cui si è cimentato nel corso della sua lunga carriera coprendo tutte le fasi fondamentali della creatività multisfaccettata di Pablo Picasso e i vari mezzi espressivi e mediatici tramite cui il suo genio visuale ebbe modo di esprimersi. Questo sensazionale insieme di opere offre la possibilità unica e straordinaria di confrontarsi con le maggiori fasi artistiche della Modernità, testimoniate da un unico – forse il più grande di tutti – genio: il periodo blu e quello rosa, il periodo della ricerca “africana” o proto-cubista, il Cubismo Sintetico e il Cubismo Classico, le pitture surrealiste, il periodo del coinvolgimento politico e i dipinti sul tema della guerra, l’interludio pop e le variazioni sul tema ispirate ai grandi maestri dell’arte rinascimentale e moderna, fino alle sue ultimissime produzioni prima delle morte, avvenuta nel 1972.
Innumerevoli i capolavori che popolano la mostra come  “La Celestina” (1904), “Uomo con il mandolino” (1911), “Ritratto di Olga” (1918), “Due donne che corrono sulla spiaggia” (1922), ”Paul come Arlecchino” (1924), “Ritratto di Dora Maar” e “La supplicante” (1937).
Una combinazione di genialità e linguaggi artistici in continua evoluzione che arricchirà la città di ineguagliabile bellezza.