alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 111 di 223
06.10.2012 # 2662
Me diverso - Davide Bramante

Daria La Ragione // 0 comments

Me diverso - Davide Bramante

a Napoli fino al 21 ottobre 2012

"Questa mostra prevede l'esposizione di circa 40 opere recenti realizzate dal 2011 sino ad oggi; acquerelli su foto bn, "Vinili" opere realizzate stampando sui miei vecchi dischi di quando ero ragazzino una sorta di Ready made per dare una nuova vita alla colonna sonora della mia gioventù e poi l'istallazione della serie "Pentagoni" n°24. Questo lavoro nasce da una regressione del passato, unendo le emozioni dell'infanzia al sentire adulto. Era un caldo pomeriggio primaverile del 1983 avevo dodici anni ed ascoltavo Radio Rai. Si parlava di esoterismo e di forme magiche, come il pentagono, in grado di proteggere dalle avversità. Frasi pesanti, che si abbattevano come una scure sulla testa di un bambino, spaventato perché non aveva a portata di mano alcun oggetto pentagonale. Per fortuna c'erano le matite, così iniziai a disegnare pentagoni sulle pareti di casa, dei nonni e degli zii, ma in gran segreto, perché in Sicilia vige la legge dello sfottò e non volendo farmi segnare a vita come un fifone. Dall'enfatizzazione del dramma preadolescenziale nasce questa serie, costituita da pannelli fotografici di 50 x 50 cm, con uno specchio pentagonale incastonato."
Davide Bramante



06.10.2012 # 2661
Me diverso - Davide Bramante

Daria La Ragione // 0 comments

EDEN - Oreste Zevola

a Napoli fino al 17 ottobre 2012

Negli spazi del primo piano del Pan, circa trenta lavori, di cui quindici di piccolo formato e quindici di grande formato, realizzati con la tecnica dell'intaglio su cartoncino. Zevola dà forma ad un'inedita interpretazione concettuale dell'Eden descritto negli antichi testi e tramandato nel corso del tempo dalle tradizioni di tutto il mondo. Creature metamorfiche popolano questo paradiso, sagome zoomorfe si mescolano con figure dai lineamenti umani, simboli desunti da culture antichissime si ibridano generando nuove forme proliferanti , chimere contemporanee che suggeriscono nuovi orizzonti di senso, queste arrivano da lontano ed affiorano nella mente dell'artista che diventa tramite. Il duale, l'ambivalenza/compresenza del bene ed il male, il divino ed il maligno, la vita e la morte, il dolore ed il piacere, temi ricorrenti nel lavoro di Zevola, emergono qui con particolare rilievo, restituendo una visione edenica atipica, che ingloba emblemi sacri e simbologie tribali, forme di vita vegetale ed animale, simulacri enigmatici, legati all'origine dell'uomo. Durante il corso dell'evento, verrà poi organizzato un incontro dell'artista con il pubblico, nel quale lo stesso Zevola racconterà la sua formazione e il processo creativo del progetto Eden. Successivamente, nel 2013, la mostra sarà ospitata a Parigi, al Musée du Montparnasse.

06.10.2012 # 2660
Me diverso - Davide Bramante

Daria La Ragione // 0 comments

Diaspora... alla deriva II - personale di Justin Peyser

a Napoli fino al 12 ottobre 2012

Concepita come proseguimento del World Urban Forum 6 e della Giornata Europea della Cultura Ebraica, la doppia mostra personale dello scultore newyorkese Justin Peyser è un evento che dialoga fortemente con la città di Napoli e con diverse sue componenti culturali. Per questo motivo avremo modo di affrontare argomenti differenti, ma comunque riconducibili al ruolo dell’arte e delle culture intese come fattori di miglioramento della società globale in cui viviamo.
Non a caso è stata scelta anche la data dell’11 Settembre per ricordare l’attentato al World Trade Center del 2001, evento storico dopo il quale il mondo non è stato più lo stesso. Le sculture di Justin Peyser mettono in atto un linguaggio contemporaneo in grado di evocare e sintetizzare archeologia, arte antica e arte contemporanea. Nello stesso tempo suggeriscono l’idea di uno spazio urbano concepito come testimonianza di vite veramente vissute da esseri umani che hanno provato felicità o dolore, che hanno trovato accoglienza o espulsione e che comunque hanno contribuito allo sviluppo e alla circolazione di idee e progresso.

06.10.2012 # 2659
Me diverso - Davide Bramante

Daria La Ragione // 0 comments

Jutta Bauer - La Regina delle Linee

a Napoli dal 27 ottobre al 30 novembre 2012

Autrice di più di 40 libri e vari corti di animazione, Jutta Bauer arriva in Italia con una grande esposizione che parte dalle prime illustrazioni di fine anni ottanta, offrendo una panoramica su tutta l'opera dell'autrice attraverso i lavori indipendenti, gli schizzi, i contributi per giornali e riviste e naturalmente le tavole dei sui libri tradotti in tutto il mondo.

Con questa mostra il Goethe-Institut di Napoli apre al pubblico italiano le porte sul mondo della più grande illustratrice tedesca contemporanea: Regina delle Linee e dei colori, vicina al mondo dei più piccoli, ma profondamente amata anche dagli adulti per quell'ironia e quella sottile capacità di cogliere la realtà in tutte le sue sfaccettature con un tono sempre divertente e mai pesante.
 
In mostra sarà possibile apprezzare visivamente e scenograficamente anche alcuni dei suoi famosi personaggi amati dal pubblico dei più piccoli, la pecora Selma, i pinguini protagonisti di Urlo di Mamma, Emma e il simpaticissimo Juli, ispirato nel tratto al figlio e protagonista di esilaranti storie scritte da Kirsten Boie; una vera chicca per cultori inoltre la presentazione del lavoro inedito in Italia Ich sitze hier im Abendlich consistente nella raccolta di oltre cento lettere, nell'arco di diversi secoli. Lettere reali, tratte da libri, messaggi, comunicazioni fittizie, tutte magistralmente ed ironicamente illustrate dall'autrice: tra esse anche lettere di autori come Johann Wolfgang Goethe e il nostro Umberto Eco.

Divertente e raffinata come le sue illustrazioni, l'artista tedesca sarà presente a Napoli per alcuni giorni, desiderosa di confrontarsi con il mondo dell'infanzia partenopeo, che coinvolgerà in lavori didattici e workshop, successivamente esposti anch'essi nella mostra al PAN. Sarà un momento dinamico e partecipativo che trascinerà i giovani allievi ben al di là della mera visione di una mostra museale. Realizzata grazie al sostegno del Comune di Napoli, che cerca attraverso il coinvolgimento del PAN di essere sempre attivo e presente sul territorio cittadino, la mostra si avvale della cura e professionalità di COMICON, organizzazione che negli ultimi quindici anni ha guadagnato stima ed affetto di tutti gli appassionati di disegno, illustrazione e fumetto. Fondamentali inoltre le collaborazioni con il Bilderbuchmuseum della città di Troisdorf e il Museo Luzzati di Genova che ospiterà la mostra nel 2013. La mostra è corredata da un ricco catalogo a cura di alina per COMICON e Christina Hasenau edito dal Museo Luzzati di Genova.



28.09.2012 # 2647
Me diverso - Davide Bramante

Daria La Ragione // 0 comments

Vermeer. Il secolo d'oro dell'arte olandese

a Roma fino al 20 gennaio 2013

Per la prima volta a Roma una rassegna su Johannes Vermeer, massimo esponente della pittura olandese del XVII secolo. La mostra delle Scuderie del Quirinale include, infatti, una preziosa selezione di opere di Johannes Vermeer - rarissime e distribuite nei musei di tutto il mondo, nessuna in Italia - e all'incirca cinquanta opere degli artisti olandesi suoi contemporanei. Il visitatore può, quindi, non solo familiarizzare con questo genio artistico dalla vita ancora oggi avvolta dal mistero, a cominciare dalla sua data di nascita tuttora sconosciuta, ma anche comprendere come l'opera del maestro di Delft si sia rapportata con gli altri artisti attivi nella sua città natale e nei vicini centri di fermento culturale quali Amsterdam, Haarlem e Leida. Oltre a capolavori del maestro, celebri e incantevoli come la stradina, oggi ad Amsterdam, la mostra esporrà opere di Carel Fabritius, uno degli artisti più famosi dell'epoca, morto nell'esplosione della polveriera che nel 1654 distrusse grande parte della città di Delft, Pieter de Hooch e Emmanuel de Witte, insieme ad artisti celebrati al tempo ma oggi da noi meno conosciuti tra cui Gerard ter Borch, Gerrit Dou, Nicolaes Maes, Gabriël Metsu, Frans van Mieris, Jacob Ochtervelt e Jan Steen e tanti altri maestri raffinati e sorprendenti.

21.09.2012 # 2643
Me diverso - Davide Bramante

Daria La Ragione // 0 comments

Off Vase - Gianni Veneziano

a Milano fino al 28 ottobre 2012

Triennale Design Museum presenta Off Vase, dieci opere in vetro di Gianni Veneziano. Un unico oggetto: il vaso portafiori, dentro una bolla, fuori da una bolla, rotto, pieno, vuoto, trasparente, opaco, laico, religioso…
Il rapporto iconico con la classicità è in questo caso solo un pretesto, gli oggetti sono portatori di citazioni e materiali dell’arte del design.
“In questo mio racconto il mio oggetto non è un semplice calice, ma racchiude nelle sue forme una metafora della vita del viaggiatore nel suo eterno rinnovarsi. Ecco che ogni calice rappresenta così un possibile altro mondo a sé, in cui disperdersi, identificarsi, immergersi, immaginarsi”.
Gli oggetti in vetro sono stati realizzati a Venezia, presso la fornace di Adriano Berengo, plasmati dal maestro Silvano Signoretto.