alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 40 di 109
27.09.2013 # 3287
Comprendere la pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Comprendere la pubblicità

Caro A.

Non un altro libro sulla pubblicità, ma un libro importante sulla pubblicità, frutto del lavoro di anni (Vanni Codeluppi). L'autore si è dedicato alla comprensione di un fenomeno del quale lui stesso è stato protagonista come professionista e come docente.

Franco Angeli ed. 

08.10.2013 # 3298
Comprendere la pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

IL DESIGN DEL GUSTO

Roberto Provana

“Il Design del gusto” presenta case-history, metodologie e percorsi per realizzare una “total brand experience” in modo da far percepire un marchio o un contenuto “astratto” anche mediante la più semplice e immediata forma di fruizione: il nutrimento, il cibo, l’alimento. L’estetica del Design viene così trasferita anche al mondo delle percezioni regolate da un nuovo linguaggio capace di convertire, grazie alle leggi della “sinestesia”, una parola, un suono, una forma, un concetto, in sensazione gustativa. Nel fenomeno della sinestesia i sensi dialogano tra loro, una sensazione può essere evocata da una immagine o una parola, e viceversa.

Il Design supera i confini della tradizionale comunicazione visuale, artistica, architetturale, per espandersi anche nell’ambito della realtà gustativa, gastronomica. Seguendo tuttavia dei criteri. Il “Design del Gusto” permette di creare dei gadget sensoriali, delle memorie gustative, degli assaggi che traducono una idea, un marchio e la sua struttura valoriale, in profilo gustativo corrispondente. .

“Se un determinato marchio fosse un alimento, un insieme di sapori, come sarebbe costituito questo insieme, questo alimento?” .

Il percorso indicato nel libro di Roberto Provana, consulente e psicologo indica le fasi necessarie per arrivare alla elaborazione di un sapore evocativo, essenziale per determinare un imprinting “a tutto tondo” nel consumatore. Trasformare un brand in esperienza gustativa è la nuova sfida del marketing multisensoriale. Una tocco di creatività del Made in Italy per promuovere territori e prodotti agroalimentari di qualità, associandoli a marchi desiderosi di conquistare nuovi mercati.
Ed. Fausto Lupetti

23.09.2013 # 3267
Comprendere la pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Il volto del '900

a cura di Jean Michel Bouhours

Da Matisse a Bacon. Capolavori dal Centre Pompidou

Il ritratto, uno dei generi fondamentali della pittura, nel corso del XX secolo non è scomparso con l’avvento dell’arte moderna ma al contrario è stato elaborato in modo del tutto personale da grandi maestri quali Matisse, Picasso, Bacon, sino a Chuck Close.
Sono sette le tematiche fondanti – I misteri dell’anima, L’Autoritratto, Il volto alla prova del formalismo, I Volti in sogno. Il Surrealismo, L’impossibile permanenza dell’essere, Dopo la fotografia, La disintegrazione del soggetto – lette attraverso oltre ottanta tra le opere più importanti e significative del patrimonio artistico mondiale, provenienti dalla collezione del Musée national d’art moderne del Centre Georges Pompidou di Parigi. Capolavori assoluti di artisti celebri come Matisse, Bonnard, Modigliani, Magritte (il cui celeberrimo Lo stupro con il volto-nudo femminile è l'immagine della rassegna), Suzanne Valadon, Maurice de Vlaminck, Severini, Bacon, Robert Delaunay, Brancusi, Derain, Ernst, Miró, Léger, Adami, Picasso, Giacometti, Dubuffet, Fautrier, Baselitz, Marquet, Tamara de Lempicka e molti altri ancora.
Ideato e curato da Jean-Michel Bouhours e pubblicato in occasione della straordinaria esposizione milanese, Il volto del ’900 (vera e propria introduzione alle avanguardie storiche) è esemplare nella selezione delle opere e degli artisti e rivela come il genere del ritratto sia rimasto, nel corso del Novecento, il sismografo delle rivoluzioni artistiche che hanno attraversato il secolo.
ed. Skira

10.09.2013 # 3241
Comprendere la pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Storia della pubblicità italiana

Codeluppi V.

Un omaggio al genio e alla creatività degli italiani, ma soprattutto un'occasione unica per ripercorrere un secolo e mezzo di campagne pubblicitarie create e diffuse nel nostro paese. Dal lontano 1863, quando il farmacista Attilio Manzoni ebbe l'idea di fondare la prima concessionaria italiana di spazi pubblicitari - A. Manzoni & C. -, fino agli esempi più recenti. Una storia, quella della pubblicità italiana, che s'intreccia inevitabilmente con l'evoluzione dei costumi, del gusto e delle correnti artistiche del momento e che Vanni Codeluppi ricostruisce in questo libro - da leggere e da sfogliare - attraverso oltre cento immagini interamente a colori.

Carocci ed.

10.09.2013 # 3239
Comprendere la pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

L'annuncio pubblicitario

Bianchi C., Ragonese R.

Quali strumenti teorici sono utili per comprendere l'organizzazione di una campagna pubblicitaria? In che modo descriverne l'evoluzione storica? Come comparare pubblicità di un medesimo periodo riguardanti uno stesso prodotto di consumo, come per esempio le energie rinnovabili? Il libro risponde a queste e altre domande, da una parte concentrandosi su una forma testuale specifica, l'annuncio pubblicitario; dall'altra utilizzando gli strumenti semiotici, in particolar modo quelli provenienti dall'analisi del visivo. L'obiettivo è quello di avvicinare l'indagine testuale di ispirazione semiotica, considerata spesso troppo complicata, a una vasta platea di lettori, dagli studenti dei corsi di comunicazione ai professionisti del settore.

Carocci ed.

10.09.2013 # 3238
Comprendere la pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Werrilla marketing. Il guerrilla web marketing a costi sostenibili attraverso l'uso dei social media

Baricca M., Cabriolu A.

"Operiamo nel marketing, lo facciamo a costi sostenibili con tecniche di guerriglia, ci stiamo spingendo sul web da cui stiamo avendo grandi soddisfazioni quindi ecco 'werrilla': non è web, non è marketing, non è guerriglia è werrilla, werrilla marketing!" I social media e il web 2.0 hanno profondamente modificato non solo i nostri stili di vita e le modalità con cui ci si relaziona, ma hanno anche notevolmente cambiato le regole del marketing. Pertanto liquidare questi fenomeni come mode passeggere o puro intrattenimento è un grave errore di valutazione. II web, infatti, è sempre più spesso il "luogo" in cui maturano importanti decisioni d'acquisto di beni e servizi e, per un'azienda, non essere sul web o esserci in modo inadeguato, può significare non solo la perdita di importanti opportunità di business ma anche un grave errore strategico. Il libro spiega, in modo chiaro e con esempi pratici, come usare in maniera professionale i social media e come sfruttare le potenzialità del web 2.0 in chiave strategica, ponendo questi due canali quali elementi fondativi di un piano di marketing vincente.

Lupetti ed.