alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 88 di 106
24.11.2006 # 477
Andy Warhol. Pentiti e non peccare più.

Ilas Web Editor // 0 comments

Andy Warhol. Pentiti e non peccare più.

Editore Skira

Catalogo della mostra (Roma, 29 settembre 2006-7 gennaio 2007)



Indagare la spiritualità di un artista, la cui opera è universalmente nota come la più limpida e diretta rappresentazione della società produttivo-consumistica americana degli anni sessanta e settanta, è l'obiettivo di Andy Warhol. Pentiti e non peccare più! è la monografia che accompagna l'esposizione romana curata da Gianni Mercurio e realizzata in collaborazione con il Warhol Museum di Pittsburgh.
L'opera pone l'accento su un aspetto essenziale dell'opera di Warhol, il rapporto delle cose e delle persone con la vita e la morte, così spesso da lui messo in evidenza e che, così indagato, diventa implicitamente un fatto religioso, attinente a ciò che lega l'uomo al suo destino. Ne emerge un Andy Warhol inedito, che arricchisce la conoscenza di questa grande personalità dell'arte del Novecento, generalmente identificata solo con le sue più celebri icone, come i ritratti di Marilyn Monroe e Jackie Kennedy o le immagini delle Campbell's Soup. Attraverso il confronto tra la produzione più tipica di Warhol e alcune sue opere scopertamente dedicate a temi religiosi come "The Last Supper" o "Repent and Sin No more!", il volume mette in evidenza come egli abbia sempre riversato la sua dichiarata religiosità cattolica in un'accanita ricerca di senso degli argomenti della sua opera: dalla serie di dipinti con le figure "iconiche" dei suoi primi quadri che lo hanno reso celebre (Marilyn, Marlon Brando, Jackie Kennedy, Liz Taylor), ai prodotti simbolo del consumismo americano, dalla serie dei Disaster del 1963 con le immagini degli incidenti automobilistici e delle vittime tratte dalle pagine dei giornali e "resuscitati" sulle tele nel loro orrore, a "Big Electic Chair", strumento moderno di supplizio analogo alla croce.



Editore Skira

18.01.2007 # 516
Andy Warhol. Pentiti e non peccare più.

Ilas Web Editor // 0 comments

PICTOGRAMS, ICONS & SIGNS

Editore: Thames & Hudson

Lingua: inglese




I pittogrammi e le icone sono strumenti chiave della comunicazione non verbale ed interculturale, ma cosa sono esattamente? Quando e come si possono usare nel modo più appropriato? Quali sono i vantaggi nell'adoperarli? Quali regole bisogna seguire e quali trappole devono cercare di evitare i grphic designers nel creare icone e pittogrammi?

18.01.2007 # 515
Andy Warhol. Pentiti e non peccare più.

Ilas Web Editor // 0 comments

LOGOMANIA-ITALIAN SIGNS +CD

Editore: RED Publishing

Lingua: italiano-inglese




Il primo libro sui loghi italiani è finalmente disponibile! Una pubblicazione che raccoglie il meglio dei marchi e dei logo tipi italiani, con l'obiettivo di promuovere e diffondere la cultura della comunicazione italiana a livello nazionale e internazionale. Più di 300 pagine di pura creatività italiana! Logomania e' dedicato alla ricerca sul logo, con una suddivisione in categorie a seconda della tipologia di lavoro e dei modi di progettazione.
Il CD ROM allegato contiene wallpapers, icone, simboli e altri materiali, alcuni dei quali free. Leggere attentamente le condizioni di utilizzo dei lavori all'interno di ogni cartella.

18.01.2007 # 514
Andy Warhol. Pentiti e non peccare più.

Ilas Web Editor // 0 comments

ITALIAN RENAISSANCE + CD

Editore: RED Publishing

Lingua: italiano/inglese




La RED è lieta di presentarvi la sua ultima pubblicazione: ITALIAN RENAISSANCE. Carlo Branzaglia, docente all'Accademia di Belle Arti di Bologna, lo descrive nella sua prefazione come "un altro rinascimento". Sulla scia del contributo che l'Italia ha dato al mondo dal punto di vista della arti grafiche a partire dal quindicesimo secolo, questo libro spazia nel graphic design inteso anche e soprattutto come arte moderna, formato da una miriade di tracce culturali differenti: dalla tradizione mitteleuropea del dopoguerra fino agli anni sessanta alle eclettiche immagini di avanguardia degli anni ottanta, per arrivare al "tribal culture" di vocazione globale che si è imposta nel mondo giovanile dell'ultimo decennio. Tutte correnti che fondano le loro radici nello sconfinato passato artistico italiano. Il libro raccoglie le opere di graphic designer italiani selezionati, i quali hanno partecipato interpretando a loro discrezione le pagine a disposizione, proponendo sia opere gia' presentate, sia lavori creati ad hoc. ITALIAN RENAISSANCE ha un CD incluso, contenente una selezione di brani musicali inediti genere post rock / musica elettronica e wallpaper creati dai designer stessi.

18.01.2007 # 513
Andy Warhol. Pentiti e non peccare più.

Ilas Web Editor // 0 comments

FOOD PACKAGE DESIGN

Editore: PIE Books

Lingua: Inglese / Giapponese





Una collezione di esempi di packaging alimentare provenienti da ogni parte del mondo. Oltre 400 lavori selezionati per forma e colore, mostrati all'interno dei punti vendita per apprezzarne le strategie di vendita.

24.11.2006 # 476
Andy Warhol. Pentiti e non peccare più.

Ilas Web Editor // 0 comments

Dadada. Dada e dadaismi del contemporaneo 1916-2006.

Editore Skira

Catalogo della mostra (Pavia, 7 settembre-17 dicembre 2006)



Il Dadaismo e la sua eredità nell'arte di oggi in occasione del 90° anniversario della nascita del movimento dadaista che vide la luce al Cabaret Voltaire di Zurigo nel 1916. Oltre 250 opere realizzate dai maggiori esponenti del movimento Dada (da Man Ray, Marcel Duchamp, Hans Richter, Kurt Schwitters a Paul Citroën, Jean Crotti, Raoul Hausmann, Hannah Höch) selezionate dal curatore, Achille Bonito Oliva, permettono di esplorare in modo completo il movimento passato alle cronache del Novecento per aver rivoluzionato il linguaggio artistico con lavori dissacratori come la Gioconda con i baffi, l'Orinatoio, il Metronomo con l'occhio e altre ancora. Pubblicato in occasione della mostra pavese, DADADA ripercorre storicamente alcuni incunaboli del Dadaismo storico per giungere a presentare i risultati più interessanti (e più vicini all'originario spirito Dada) delle neoavanguardie postbelliche, consentendo uno sguardo allargato al contemporaneo, alle implicazioni che lo spirito dada ha favorito e ritrovato nei movimenti di avanguardia del dopoguerra, e che senza soluzione di continuità ancora permeano diverse espressioni dell'arte contemporanea.


Editore Skira