alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Concorsi // Pagina 255 di 278
19.01.2007 # 494
Un logo per il Parco Olimpico

Ilas Web Editor // 0 comments

Un logo per il Parco Olimpico

scadenza: 19 gennaio 2007

È disponibile il bando di gara per l'ideazione di un logo per il Parco Olimpico. Ai partecipanti si richiede di esprimere e sintetizzare nella proposta di Marchio, il concetto di eredità olimpica, attraverso i valori che hanno caratterizzato l'edizione dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006, e del territorio ospite (Torino, Provincia e Regione), di esprimere la partecipazione e l'entusiasmo degli spettatori, degli atleti e degli addetti ai lavori che hanno mostrato una Torino aperta culturalmente e intellettualmente. Il Parco Olimpico è l'insieme degli impianti e delle attività che fanno capo ad oggi alla Fondazione 20 Marzo 2006. Costituisce l'eredità maggiore che il territorio italiano ha avuto dai XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006, in termini di strutture, conoscenze e organizzazione. E' un patrimonio composto dai siti che dopo l'evento Olimpico continueranno ad animare la città e la montagna con momenti di sport, intrattenimento, cultura e spettacolo.

31.01.2007 # 203
Un logo per il Parco Olimpico

Ilas Web Editor // 0 comments

L'invasione degli Ultracorti - 11a edizione

Scadenza 31 gennaio 2007

Il festival non prevede alcun tipo di preselezione. Tutti i cortometraggi che giungeranno
in data utile verranno proiettati, e votati da una giuria presente in sala, composta dai vincitori
delle passate edizioni del festival.
Verranno ammesse in concorso opere di qualsiasi genere che non superino i 15 minuti di
durata.
La giuria, che sarà composta da 3 elementi (sempre diversi da serata a serata), voterà i film in
diretta durante le serate di selezione, avendo la possibilità di colloquiare con i video-maker,
e con tutto il pubblico presente in sala, al termine della visione del cortometraggio.
Alla serata finale approderanno tre cortometraggi per ognuna delle categorie previste dal



31.01.2007 # 173
Un logo per il Parco Olimpico

Ilas Web Editor // 0 comments

VECCHIO / OLD

scadenza: 31 gennaio 2007

OPOS vuole quest'anno affrontare il concetto/soggetto del "vecchio".
Siamo dubbiosi ma spesso orientati all'idea che il passato sia meglio del presente, che quello
che abbiamo avuto sia meglio di quello che abbiamo. Il ricordo, ciò che è stato e che non sarà
più. Quella cosa "oldie but goldie". I nostri, personali "bei tempi andati". Unici, irripetibili.
Paradossalmente la categoria del "vecchio" assume valore quando ci rimanda e qualche
esperienza che abbiamo vissuto da giovani. A qualcosa che è nel passato ma che fa parte
indissolubile della memoria. Riteniamo spesso che le cose passate siano meglio di quelle
presenti. E che vecchio sia un sinonimo di "antico" e che quindi denoti la capacità di
accumulare esperienze.
Per questo motivo pensiamo a volte che "vecchio" faccia rima con "saggio". Anche se spesso
un vecchio uomo è semplicemente un uomo vecchio. E di questi di uomini vecchi ne abbiamo
in abbondanza (almeno nel primo mondo). La nostra è una società di vecchi che però sono
rimossi dal piano comunicativo. Non vengono ritenuti adatti per presentare il mondo patinato
dei prodotti e del consumo.
Viviamo infatti in una società in cui esiste un "imperativo della gioventù".
La tradizionale classe dei vecchi malati e decadenti si avvia a divenire una ginnasticata,
ormonata, levigata maggioranza silenziosa.
E' necessario indagare questo fenomeno e per fare ciò, probabilmente, è utile forzare gli
stereotipi e definire le nuove caratteristiche del "vecchio" e scoprirne le dimensioni che si sono
trasformate nel tempo. Dalla genetica alla gerontologia. Alla nuova dimensione culturale e
sociale di una società "vecchia" che vuole sembrare giovane. A come tutto ciò porti un
cambiamento nel nostro ambiente, nelle cose, nei servizi, nella comunicazione.
Se poi il discorso sul vecchio esiste è perchè esiste un discorso sulla memoria. Se colleghiamo
questi due termini nell'esperienza quotidiana contemporanea subito noteremo che, nell'era
della digitalizzazione della memoria, tutto ciò che prima ritornava con un alone mitico,
trasformato dal filtro dei nostri ricordi, ora ritorna velocemente e impietosamente, con un
semplice click. Tutto è disponibile nella versione più esplicita, disponibile. Come una
sovrapposizione di strati non fusi che ogni tanto qualcuno riattiva con un brutale gesto di
riscoperta, un "decollage" che strappa e non ricuce. Che riporta alla luce la sola forma senza
pensiero.
Un'aggiunta di frustrazione proviene poi dal rendersi conto che spesso è la necessità del
mercato più che l'effettiva qualità dell'esperienza da riscoprire a decidere i tempi e i modi di
questo ritorno. Paradossalmente la grande disponibilità di "vecchio" finisce per distruggere
anche l'integrità del nuovo. L'"eterno ritorno" finisce per essere un "eterno presente" in forma
di "compilation", o "meticciato" o " vintage" o "riscoperta". Un gigantesco flusso digestibile in
cui i "segni" di un progetto originale sono sempre più difficili da scorgere.
OPOS chiede ai designer una riflessione su questo tema. Una riflessione che deve provare a
tradurre in progetti ed oggetti concreti questa nuova e controintuitiva condizione della società
e dell'esperienza umana contemporanea.

31.01.2007 # 163
Un logo per il Parco Olimpico

Ilas Web Editor // 0 comments

CREARE FOLKEST

scadenza: 31 gennaio 2007



Concorso per la realizzazione dell'illustrazione grafica di Folkest Festival 2007




La partecipazione al concorso sarà libera, come pure la scelta della tecnica esecutiva. Le opere giunte in tempo utile per essere protocollate, saranno sottoposte al giudizio di una giuria composta da rappresentanti del Festival, pubblici amministratori, giornalisti e grafici pubblicitari. Tutte le procedure di selezione avverranno in tempo utile per poter trasformare il bozzetto vincitore nell'immagine-guida di Folkest 2007 e illustrarne manifesti, locandine e copertina del catalogo. Tutte le opere pervenute saranno esposte nell'ambito di una mostra che sarà allestita nel corso di Folkest 2007 a Spilimbergo, durante "Folkest in Festa".



Il soggetto dell'opera deve essere: Folkest, il festival dedicato alle culture del mondo.

30.01.2007 # 493
Un logo per il Parco Olimpico

Ilas Web Editor // 0 comments

Un logo per SPILLETTE

scadenza: 30 gennaio 2007

La ditta LE SPILLETTE bandisce un concorso che prevede la creazione del logo di spillette.com (per utilizzo sul sito e su eventuali altri supporti: carta, video, etc.).
Il vincitore riceverà un coupon/credito per la realizzazione di 500 spillette personalizzate (utilizzando da 1 a massimo 10 differenti soggetti grafici), da utilizzare entro sei mesi dal termine del concorso, fissato per il 30 gennaio 2007. Il logo dovrà contenere la scritta "spillette.com", nessun altro testo (virgolette escluse, of course!).

26.01.2007 # 491
Un logo per il Parco Olimpico

Ilas Web Editor // 0 comments

Webby Awards

scadenza: 26 gennaio 2006

I Webby Awards sono gli oscar del web e vedono la partecipazione di lavori multimediali, legati ai video, all'advertising e, ovviamente, ai siti web prodotti in tutto il mondo.