alexa

Ilas sui social network

instagram facebook linkedin linkedin pinterest youtube twitter flickr
logo ilas academy
adobe ATC autodesk

MENU

cercaCERCA

Prenota il tuo corso o un colloquio informativo
La prenotazione non è vincolante e consente di riservare un posto nei corsi a numero chiuso

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I corsi annuali

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Regionali AutorizzatiGRAFICA | WEB DESIGN | FOTOGRAFIA

logo-adobe

Elenco corsi autorizzati Regione CampaniaQualifica professionale EQF4 / Frequenza obbligatoria > 80%

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO BASE | COPY | MONTAGGIO | RIPRESA VIDEO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | ZBRUSH | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi Avanzati e Online GRAFICA | FOTOGRAFIA | PHP | MOBILE APP | PUBBLICITÀ ONLINE

icona

I corsi mensili

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 0810125477
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

Prenota il tuo corso o un colloquio informativo

// Pagina 2 di 4
20.09.2021 # 5787
Una perfetta Instagram worthy Partnership: Axe + Magnum

Paolo Falasconi // 0 comments

Una perfetta Instagram worthy Partnership: Axe + Magnum

Da PBCreative un mix sorprendente che celebra il Billionaire lifestyle

PBCreative, l'agenzia di comunicazione con sede a Londra ha tra i suoi clienti il marchio AXE, conosciuto specialmente oltremanica (ma per un periodo intorno agli anni '90 diffuso anche da noi) per i deodoranti e i prodotti di bellezza specificamente studiati per l'uomo. 

Dopo aver già lavorato, recentemente e con successo, al redesign delle linee di prodotto del marchio si è occupata di dare forma ad uno degli esperimenti più interessanti di contaminazione cross-platform tra categorie merceologiche apparentemente distanti tra loro.

Il mix vede in campo MAGNUM, il marchio di gelati che ha saputo costruire una nicchia su misura per i suoi stecchi sofisticati (come dimenticare gli straordinari capolavori ispirati alla Divina Commedia per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante) e AXE, marchio noto nel beauty maschile easy, che insieme lanciano il nuovo GOLD CARAMEL BILLIONAIRE  - Le parfum du plaisir.

Un deodorante che dal nome lascia intuire già molto chiaramente non soltanto la fragranza ma soprattutto la collocazione/costruzione di una nuova nicchia che vuole mettere insieme un bouquet olfattivo decisamente raffinato ed inusuale per il target abituale di AXE portandolo dentro il recinto di prodotti molto più abbordabili da un punto di vista economico.

L'esperimento è nuovo, e sembra ben congegnato. Il lavoro sul pack e la comunicazione che accompagna il lancio, curata da PBCreative, è perfettamente studiato e dimostra se ce ne fosse stato ancora bisogno, che la contaminazione e il pensiero "out of the box" generano sempre qualcosa di buono (e nuovo). 

17.02.2022 # 5915
Una perfetta Instagram worthy Partnership: Axe + Magnum

Nicola Cozzolino // 0 comments

Cos’è l’Affordance e perché ogni designer deve conoscerne le possibili implicazioni.

Il design legato al mondo digitale è molto complesso e richiede un'adeguata conoscenza delle regole da seguire

Esiste una disciplina che guida e regola il design legato al mondo digitale e non solo: la User Experience (per gli amici UX). La UX si occupa di migliorare e strutturare il rapporto uomo-macchina.

Di fatto, questa disciplina non nasce con il web. Pensiamo, ad esempio, al quadro comandi di un’auto o di un aereo. La disposizione dei pulsanti, la scelta delle icone e dei colori o la gerarchia visiva degli elementi, rispondono tutti alle stesse regole usate per creare un’interfaccia grafica per il web o di un’app mobile. 

Esistono numerose implicazioni e applicazioni nel mondo della User Experience e molti sono i concetti base da tenere presente quando si inizia ad addentrarsi in questa complessa disciplina. 

Uno dei concetti più interessanti (ce ne sono molti a onor del vero) è quello dell'Affordance. Potremmo tradurre il termine in “invito all’uso”.

Immaginate di trovarvi in un’ascensore e di non riconoscere la pulsantiera o il suo funzionamento. Ecco, quello è il caso in cui questo principio non è stato applicato e sarete costretti ad usare le scale. 

Se osservate una ruota, il vostro primo istinto è di farla rotolare.

Perché? 

Semplicemente perché il suo design, la sua struttura fisica e il suo rapporto con lo spazio, ve lo suggeriscono. Non c’è bisogno di effettuare alcun tentativo per comprendere che un oggetto sferico o circolare o cilindrico possa rotolare. Questa è l'Affordance: la capacità di suggerire un utilizzo specifico senza bisogno di doverlo spiegare. 

Esistono poi tanti tipi di invito all’uso, in vari campi della progettazione. 

Quando un pulsante, in un’app o in un’interfaccia grafica, è chiaro e ben disegnato, allora si intuisce e si suggerisce la sua funzione di pulsante. In questo caso si parla di Affordance Esplicita.

Alcune caratteristiche fisiche rendono questi elementi (i pulsanti) differenti dagli altri. Queste differenze sono in parte ereditate da convenzioni basate sul tempo di utilizzo e in parte sono il risultato di test e ricerche specifiche.

Pensiamo, ad esempio, alla convenzione nel web delle parole sottolineate per creare un link. Quando arrivarono le prime pagine HTML, si presentò l’esigenza di evidenziare in qualche modo la specifica funzione di “link”. Le possibilità erano relativamente ridotte e quindi si scelse di caratterizzare questa funzione sottolineando il testo, convenzione ereditata dall’editoria. Sottolineiamo, infatti, tutto ciò che riteniamo rilevante. Ecco che quella scelta, divenne un invito all’uso, nello specifico un invito ad approfondire il contenuto continuando a navigare cliccando sul testo sottolineato. 

Esiste anche un'Affordance Implicita. Immaginiamo ad esempio un mentioned drop-down che si manifesta solo al passaggio del mouse. In questo caso l’invito all’uso non è immediatamente evidente, ma si manifesta in un momento successivo, come conseguenza di un’azione non direttamente correlata. 

Tutto ciò che usiamo quotidianamente, dal frullatore al cellulare, dall’automobile all’autobus, è stato progettato per essere usato dagli esseri umani. 

È prerogativa di un designer tener conto del rapporto tra ciò che progetta e chi dovrà utilizzarlo. Non tenere in considerazione i bisogni degli utenti o degli utilizzatori di ciò che realizziamo, produce effetti negativi e crea un ambiente ostico e complesso. 

Il design è soprattutto semplicità e più dovremmo misurarci con qualcosa di complesso, maggiore dovrà essere la capacità di sintesi e semplificazione del designer. Il concetto di Affordance è trasversale ed applicabile ad ogni campo della progettazione. Anche nel mondo della Grafica, ad esempio, bisogna tenerne conto quando si posiziona un elemento, un titolo o quando si sceglie un contrasto cromatico per la leggibilità o la dimensione di un font. 

Il mestiere del designer ha molte responsabilità, ma una di queste è sicuramente l’impatto che la sua preparazione avrà sulla vita degli altri. 

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità (cit.).

09.02.2022 # 5904
Una perfetta Instagram worthy Partnership: Axe + Magnum

Nicola Cozzolino // 0 comments

Tra le migliaia di studi di progettazione e agenzie di comunicazione c’è sempre qualcuno che fa la differenza, da cui trarre ispirazione e insegnamento.

5 top player del Graphic Design e della comunicazione da cui trarre ispirazione e insegamento

Il mondo è pieno di creativi che contribuiscono ogni giorno, con il loro lavoro e la loro passione, a migliorare e incrementare l’influenza che la comunicazione visiva produce sulle nostre vite. Ogni azienda, professionista, prodotto o servizio ha bisogno della sua immagine per distinguersi nella folla sempre più fitta. Tutti hanno necessità di comunicare con la propria audience e di veicolare il proprio messaggio efficacemente. Questo, alla fine, è il compito primario di un graphic designer: tradurre messaggi in maniera chiara ed originale. 

In questa enorme nuvola di fantasia e creatività, però, alcuni hanno una voce più potente di altri. Questi eccezionali esempi di professionalità posseggono un vocabolario visivo e comunicativo superiore ai propri competitors e colleghi. Questa superiorità di intenti e di capacità è stata costruita con anni di investimenti e sperimentazione, perseguendo sempre la strada maestra senza mai cedere alle difficoltà che il lavoro del designer porta con sè. 

Per celebrare queste eccellenze ne ho scelte 5 che, secondo me, meritano un posto di rilievo nell’Olimpo del Graphic Design e della comunicazione in genere.  



PENTAGRAM

https://www.pentagram.com/

Più che un’agenzia o uno studio di progettazione grafica, Pentagram è un consorzio di talenti. L’organico è composto da 23 partner che lavorano indipendentemente gli uni dagli altri, ma insieme contribuiscono alla crescita comune. Tra i molti nomi spiccano quelli di Paula Scher e di Michael Bierut. Con sede a New York, l’agenzia si occupa soprattutto di branding, ma anche di design editoriale, web design, eventi e cultura. Alcuni dei loro lavori sono diventati vere e proprie icone del Graphic Design. Recentemente hanno curato il restyling di Fedrigoni International e Fabriano, due storiche realtà italiane che operano nel mondo della produzione di carta. Il sito istituzionale di Pentagram è una fucina di ispirazione continua, dove attingere quotidianamente per valutare il proprio grado di maturità progettuale o solo per il piacere di guardare un progetto ben fatto. Una realtà unica, solida e consolidata che da anni detta il passo del design abbinato alla comunicazione. Un ottimo esempio da seguire al di là dei gusti e delle tendenze. 



COLLINS
https://www.wearecollins.com

Brian Collins è un designer americano, originario di Lexington, Massachusetts. Nel 1998 ha prodotto la brand identity per  Ogilvy & Mather a NYC. Tra i suoi clienti spiccano Giorgio Armani, MTV, Levi’s, Amazon e molti altri. Nel 2008 fonda WeAreCollins, una brand agency indipendente con sede a New York e San Francisco. Collins (che mi ritiene un buon designer - true story) ha prodotto il rebrand di Dropbox usando delle illustrazioni molto interessanti e un font extended fresco e innovativo, aprendo così la strada a un nuovo filone e gettando le basi delle tendenze nella comunicazione visiva di questi ultimi anni. Dropbox mantiene il suo posizionamento nel mondo dei fornitori di servizi cloud proprio grazie alla sua immagine fresca e moderna, che gli ha conferito quel sostegno necessario ad affrontare il cambio del mercato in cui opera. I lavori di Collins sono raffinati ed eleganti, come quello fatto per Medium, ricchi di dettagli eppure essenziali. L’approccio progettuale di questo gruppo di professionisti è unico e brillante e sta guidando e ispirando migliaia di designer, producendo un impatto determinante su studi di ogni livello e grado.   


 
ADORATORIO
https://adoratorio.studio

Italiani ne abbiamo? Si. 
40 SITEOFTHEDAY vinti su Awwwards, oltre 70 tra designer, copywriter, direttori creativi e sviluppatori. In 20 anni di attività Adoratorio ha dimostrato che anche gli Italiani hanno qualcosa da dire nel mondo del Digital Design (ma ne avevamo comunque già il sospetto), qualcosa di decisamente significativo. Questa agenzia ha saputo costruire, negli anni, una solida realtà orientata alla UX e alla sperimentazione in ambito digitale. Alcuni progetti sono diventati vere e proprie linee guida per il mondo della progettazione web. Adoratorio è una meta da raggiungere, un limite da superare. Una delle agenzie digitali migliori del mondo che continua a produrre capolavori in ogni ambito, dalla moda al food agli eventi, senza mai tirarsi indietro e senza mai compiere un passo falso. Per essere creativi digitali oggi, non si può prescindere dal considerare Adoratorio come un’assoluta stella guida, sempre all’altezza delle aspettative e sempre pronta a regalarci la prossima meraviglia. 
 
 (img04)

SERIAL CUT
https://serialcut.com

La bellezza disarmante dei lavori di Serial Cut mi ha sempre lasciato attonito. Qualche anno fa comprai il loro libro che celebra i primi dieci anni di attività, lo conservo gelosamente come un reperto da custodire in un museo. Specializzati nella produzioni di immagini e video, nella progettazione 3D e nell’illustrazione fotografica, questo team di professionisti è sempre pronto a sperimentare e ad aprire nuove strade. Sul loro sito sono presenti alcuni video di backstage per alcuni progetti realizzati come quello per Toyota. Quello che immediatamente si percepisce è la loro capacità di divertirsi, di giocare, mantenendo, allo stesso tempo, la rotta fissa verso l’obiettivo. Questo approccio così dinamico e appassionato mi ha sempre ispirato. Se i loro lavori fossero cibo sarebbero freschi e croccanti. Le immagini che realizzano spaccano il video rasentando l’arte moderna. Il lavoro di Serial Cut è strabiliante. 



ANAGRAMA
https://www.anagrama.com

Direttamente dal Messico ecco un’altra realtà consolidata del mondo del branding, ma soprattutto dedicata al packaging. Le etichette prodotte da Anagrama, gli scatoli, le loro confezioni colorate e significative sono un must del settore. Questo team di designer oggi conta diverse decine di professionisti, ma sin dall’inizio lo spirito dell’agenzia è rimasto chiaro e immutato. Il loro stile è pulito e moderno. Nonostante il loro approccio vagamente commerciale, la loro produzione risulta sempre interessante e innovativa. Rispettano il cliente e il prodotto e aggiungono il loro personale punto di vista inquadrando e agganciando perfettamente gli obiettivi preposti. I progetti di Anagrama non sono mai fuori luogo o anonimi. Il loro modo di fare design è tipicamente latino, ma ha un tocco decisamente nordeuropeo. Usano con cura font e colori e creano mix di identità visive sempre al passo con i tempi e mai banali. Anagrama è un pozzo da cui poter sempre attingere acqua fresca. 

Questi studi o agenzie sono solo una piccola goccia in un oceano immenso fatto di migliaia di realtà eccellenti e ricche di qualità e valore. Soltanto il mio personale gusto ha dettato la scelta, ma sono certo che ognuno avrà la propria personale classifica, i propri riferimenti culturali e visivi da cui imparare, da cui ispirarsi quotidianamente. Il lavoro del graphic designer è un lavoro di gruppo, una continua spinta al confronto per crescere e migliorare. Impariamo e trasmettiamo continuamente cultura e conoscenza in modo da tramandare le nostre passioni e la nostra voglia di lasciare una traccia nel mondo. 

Mai smettere di sognare, mai smettere di imparare. 

13.01.2021 # 5603
Una perfetta Instagram worthy Partnership: Axe + Magnum

Adelma Rago // 0 comments

Una nuova banca per video e immagini italiane

Scopriamo MyVideoimage.com, la nuova piattaforma italiana per l´acquisto e il download di fotografie e video.

Negli ultimi anni si sono diffuse sul web portali dove acquistare e scaricare direttamente immagini e filmati con licenze royalty free.


MyVideoimage.com è il primo sito web italiano dove trovare una selezione di foto e video con soggetti italiani da utilizzare per progetti creativi.

Attualmente la raccolta comprende migliaia di foto ad alta definizione e filmati 4k.




Soggetti presenti su MyVideoimage.com:


  • - Edifici e vita delle città italiane
  • - Architetture contemporanee come i nuovi grattacieli di Milano e le sedi delle principali banche e assicurazioni
  • - Borghi e paesaggi marini: dalle Cinque Terre alle isole di Ischia e Procida
  • - Industrie italiane, come le centrali termoelettriche lombarde, le centrali geotermiche di Larderello o le cave di marmo di Carrara
  • - Mezzi di trasporto: aerei in manovra all’aeroporto di Malpensa, navi da crociera e cargo, strade e traffico delle città italiane
  • - Fiori e vegetazione del Mediterraneo con sfondi del mare e delle montagne


Per esigenze particolari o per soggetti non presenti nella collezione è possibile commissionare direttamente l’esecuzione di riprese fotografiche o video all’interno delle regioni della Toscana, Liguria e Lombardia.


Le immagini sono utilizzabili con diverse tipologie di licenze adatte ad ogni tipo di utilizzo. Un tipo di licenza, offerta in esclusiva è quella “Educational”, riservata all’utilizzo nell’ambiente scolastico, particolarmente utile con le nuove metodologie di scuola a distanza.




MyVideoimage.com è dedicato ai professionisti della grafica, del web e del video, ma anche gli utilizzatori saltuari possono avvantaggiarsi delle risorse, acquistabili singolarmente senza sottostare a complicati piani tariffari, proposti dai tradizionali portali di immagini stock.


Ciò che distingue le risorse disponibili è la qualità tecnica dei file che non hanno quasi subito ritocchi. Sarà il fruitore finale a scegliere di utilizzare l’immagine al naturale oppure ad adattare tonalità e nitidezza al proprio progetto creativo. In particolare i video con risoluzione 4k sono disponibili con profili tonali cinematografici, tali da poter essere utilizzati in tutti i settori, dal web al cinema sino al broadcast.

13.11.2020 # 5596
Una perfetta Instagram worthy Partnership: Axe + Magnum

Adelma Rago // 0 comments

Eleit.it è il progetto d’impresa che unisce design, food e artigianato per promuovere il made in Italy

Presentati in anteprima ad EDIT Napoli, i manufatti del progetto Eleit.it promuovono l’eccellenza italiana nel mondo.

Il mondo del cibo incontra quello del design e dell’artigianato con Eleit.it, il progetto d’impresa che valorizza la cultura del territorio, attraverso la nascita di nuovi concept di italian food experience.

Oggetti per fare la scarpetta in chiave stellata e manufatti sinuosi per conservare la mozzarella,
realizzati in uno straordinario laboratorio di idee e prodotti, per promuovere l’eccellenza italiana nel mondo. Tutto questo è Eleit.it.


Il progetto

L’ideatrice Titti Gallucci, con più di venti anni di esperienza come marketing e communication manager in grandi aziende, si è posta l’obiettivo di far incontrare designers ed eccellenze dell’artigianato e della cucina italiana, per realizzare alcune linee di oggetti esclusivi.

 “Il mercato del design made in Italy negli ultimi anni è stato uno dei più vitali e in crescita - spiega Gallucci - Eleit.it è il progetto d’impresa che mescola il design con altre espressioni del talento italiano, come il cibo e l´artigianato, per realizzare nuovi oggetti che esaltino l´esperienza del gusto. Il progetto, persegue una strategia di promozione digitale, rivolgendosi al target degli italian food lovers e, in generale, dagli appassionati del life style italiano che apprezzano i prodotti artigianali di grande qualità, heavy users dello shopping online”.

Eleit.it prevede la partecipazione ad eventi dal respiro internazionale come EDIT Napoli, la fiera del design d’autore ideata e curata da Domitilla Dardi ed Emilia Petruccelli, a cui ha deciso di prendere parte per il secondo anno - dopo il successo dell’experience del porta babà della Real Fabbrica di Capodimonte - perché ne condivide la filosofia e i valori.


La partecipazione ad EDIT Napoli

Quest’anno, nella sezione il Seminario di EDIT Napoli, Eleit.it espone i suoi innovativi e inediti oggetti esperienziali: nella linea Riti ci sono scarpetta, soffio e con-dita, manufatti di design per fare la scarpetta, mangiare la pizza fritta e il tipico cuoppo in chiave stellata, mentre, il porta mozzarelle dalle forme sinuose, è parte della linea Pyxis.

La linea Riti

Per la linea Riti, Eleit.it ha promosso l’incontro tra i giovani designer 400gon e lo chef stellato di Palazzo Petrucci Lino Scarallo, ambasciatore e interprete della tradizione culinaria napoletana e l’azienda di grande esperienza Bhumi Ceramica. Filo conduttore: il trionfo della gestualità a tavola.


“Eleit.it è un progetto che mi sta molto a cuore - commenta Scarallo - perché mi ha permesso di dare risalto a dei “riti”, e non a caso questo è il nome della linea di oggetti, che considero dei gesti bellissimi e non delle semplici abitudini. Gesti che non sono previsti nel galateo, ma che per me sono fondamentali, ricchi di vita, come ad esempio, avere il pane nel piatto per fare la scarpetta oppure mangiare la pizza fritta e il ‘cuoppo’ con le mani. Questi oggetti ci consentono di farlo senza imbarazzo”. Palazzo Petrucci con le finestre che affacciano sul Golfo e su Palazzo Donn’Anna, è stata una cornice suggestiva per questi manufatti rituali.  

“Palazzo Petrucci ha un’anima che guarda alla bellezza – commenta il proprietario Edoardo Trotta - è la bellezza dei piatti, la bellezza del Golfo di Napoli che abbiamo davanti ai nostri occhi ogni giorno, la bellezza di un lavoro che ci mette in contatto con tante culture e linguaggi diversi dalla cucina. Per noi è stato naturale aderire ad Eleit.it, perché porta l’indagine sui segni contemporanei del design e della bellezza, appunto”.

La linea Riti, racchiude il gesto che rievoca ricordi, odori e sapori, lontani o vicini nel tempo.

“Artigianalità, connessioni, design, sperimentazione, ricerca, fermento: questi gli ingredienti principali di Eleit.it - dicono i designer di 400gon - un progetto dall’anima local, che mette in luce un design d’avanguardia nel mondo del food.

Il commensale è un’esteta del cibo e l’atto del mangiare un’esplosione multisensoriale da assaporare con tutti i cinque sensi. Il piatto è il luogo in cui viene assaporata l’esperienza".

“Abbiamo abbracciato questo progetto innanzitutto perché è territoriale - spiega Nello Antonio Valentino di Bhumi Ceramica - e poi perché ha creato una grande rete formata da tante eccellenze, dove ognuno può mettere in luce la sua professionalità e dar vita a ottimi prodotti”.


La linea Pyxis

La linea Pyxis, progettata dall’architetto e designer Raffaella del Giudice in collaborazione con l’Istituto Raro Caselli De Sanctis - Real fabbrica di Capodimonte e l’azienda agricola biologica Vannulo, si ispira alle forme sinuose dell’oggetto usato nell’antica Grecia, da cui prende il nome: una scatola realizzata per contenere profumi, gioielli o unguenti medicinali. Nasce così il design di un contenitore per la mozzarella il cui elemento di chiusura, una volta capovolto, diventa un piatto da portata per la tavola.


L’oggetto è stato realizzato a Capodimonte secondo le tradizionali lavorazioni: l’antica sapienza artigianale della Real fabbrica di Capodimonte, voluta da Carlo di Borbone nel 1743, che si tramanda dal 1961 all’interno dell’Istituto Raro Caselli - De Sanctis con lo scopo di ideare e sperimentare le innovazioni dell’antica arte e nel rispetto di tre fondamentali regole di consumo indicate dal Consorzio di tutela per la mozzarella di bufala campana DOP.

 “Eleit.it è un luogo significativo – commenta Del Giudice - in cui nascono nuove sinergie tra cibo, design e artigianalità, con l’obiettivo primario di premiare funzione e creatività. Qui il cibo diventa cultura e nel mio progetto è la mozzarella, il cosiddetto oro bianco, a essere esaltato”.

“Eleit.it è l’unione tra le eccellenze enogastronomiche e le eccellenze manifatturiere di riferimento della Campania, - sottolinea Valter Luca De Bartolomeis, dirigente dell’Istituto Raro Caselli-De Sanctis - un progetto funzionale, ergonomico e poetico, che rappresenta l’incontro perfetto tra l’oro bianco di Napoli con le lavorazioni di Capodimonte e l’oro bianco del Cilento con la mozzarella di Vannulo. Un incontro che possiamo definire dovuto, perché naturale, che doveva appunto accadere. Dopo il porta babà, quando ci è stato proposto di lavorare anche sul porta mozzarelle Pyxis siamo stati entusiasti, sia perché era un argomento sul quale già si stava ragionando, ma ancor di più perché prevedeva una collaborazione con un’altra bella azienda campana come Vannulo.”

“Ho sempre pensato che l’innovazione fosse una cosa molto importante – gli fa eco Antonio Palmieri, proprietario dell’azienda Vannulo - che ci dovesse accompagnare in ogni momento della vita. Questo progetto, che mette in tavola la mozzarella in un modo nuovo, elegante, mi ha subito conquistato. Le cose nuove sono più difficili, a volte destabilizzano, ma a me piace uscire dalla zona di comfort, come in questo caso, dove un oggetto che contiene la mozzarella è sinonimo di cambiamento”.


L´obiettivo

Punto di partenza della start-up e trampolino di lancio per designer e produttori è la Campania, ma questo progetto ambisce a coinvolgere tutte le regioni d’Italia, grazie ad un’accurata selezione di partner per realizzare manufatti originali ed esclusivi, in grado di esaltare materie prime tutelate e prodotti tipici, ingredienti IGP e DOP, ricette iconiche nel mondo.

06.11.2020 # 5595
Una perfetta Instagram worthy Partnership: Axe + Magnum

Adelma Rago // 0 comments

Call permanente “Singolare Plurale” di Graphic Days®, dedicata ad artisti e progettisti

Graphic Days® ha scelto di ampliare la propria indagine sul patrimonio culturale della tradizione e del folklore italiano

Graphic Days® trasforma la mostra Singolare Plurale in un progetto dinamico e partecipativo.

Al suo interno, grazie alla call permanente saranno raccolte e selezionate le candidature relative ai lavori più interessanti dedicati al tema del Regionalismo Critico, analizzato dal punto di vista della comunicazione visiva.

Graphic Days®  è il progetto dedicato al visual design italiano e internazionale che racconta la comunicazione visiva a 360 gradi e le sue contaminazioni. Ogni anno, Graphic Days® coinvolge gli artisti, i professionisti e gli studi più rilevanti del panorama internazionale in un festival diffuso.

La call permanente

A partire dal percorso espositivo co-curato insieme a Mauro Bubbico, ed esposto nell’edizione 2020 del festival, Graphic Days® ha scelto di ampliare la propria indagine sul patrimonio culturale della tradizione e del folklore italiano, attraverso la call permanente Singolare Plurale aperta ad artisti e progettisti, invitandoli a candidare i loro progetti di ricerca nell´ambito del visual design.

I progetti potranno riguardare ricerche sperimentali, tesi di laurea o dottorato, realizzazioni di manufatti e opere d’arte, una vasta gamma di sperimentazioni che abbiano come fil rouge la reinterpretazione contemporanea della tradizione.

I progetti selezionati

I progetti selezionati da Graphic Days® saranno pubblicati sul sito della manifestazione,
creando un grande archivio digitale, e avranno la possibilità di essere esposte in mostre aperte al grande pubblico. Il ciclo di mostre a cura di Graphic Days® sarà itinerante, in Italia e all’estero, e fruibile sia in presenza che in digitale.

- Da sempre, Graphic Days®, oltre a collaborare con le eccellenze internazionali, lavora per aumentare l’attrattività del territorio e valorizzare le eccellenze, promuovendo format ripetibili e complementari ad alto contenuto innovativo che spaziano dall’ambito della formazione a quello della produzione culturale - afferma Fabio Guida che, insieme ad Ilaria Reposo, coordina il progetto.

La realizzazione di tali produzioni, dunque, persegue l’intento di creare connessioni sul territorio promuovendo il patrimonio di conoscenze grazie ad un approccio trasversale, che comprenda le ricerche più meritevoli di artisti e progettisti professionisti, ma anche di studenti e giovani talenti.

Graphic Days® è un progetto di Print Club Torino, Plug e Quattrolinee .

Inside Ilas
Inside Ilas Magazine

Privacy e cookies policy