alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi Avanzati GRAFICA | FOTOGRAFIA | PHP | MOBILE APP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Contest // Pagina 2 di 3
24.09.2014 # 3848

Daria La Ragione // 0 comments

#2/4 Focus sui vincitori del contest sulle campagne sociali

Francesca Romana Faugno, Monica Lucarelli e Maria Sannino

Siamo al secondo appuntamento con i vincitori - le vincitrici in questo caso - del contest sulle campagne sociali che abbiamo bandito chiedendo agli studenti di scegliere un cliente, scrivere il brief, stilare la copy strategy e infine realizzare il lavoro.

I lavori vincitori ex aequo sono quattro, qui si parla di quello di Francesca Romana Faugno, Monica Lucarelli e Maria Sannino.


Abbiamo rivolto loro qualche domanda su questa esperienza. Eccole risposte:


Perché avete scelto questo tema?

Sembra quasi banale, ma confrontandoci abbiamo notato che su un tema forse scontato ma così importante, come quello della violenza sui minori, non era stato posto alcun accento.

Qual è stata la maggiore difficoltà nell'affrontarlo?
La consapevolezza di rischiare di ripetere qualcosa di già detto infinite volte e in infiniti modi. E quindi la ricerca di una giusta chiave di lettura, del modo in cui comunicare il messaggio, che volevamo che fosse diretto ed efficace.

Cosa avete imparato che prima non sapevate?

Grazie a questa ma anche alle altre campagne, abbiamo imparato ad esporre le idee personali, a condividerle ed eventualmente a cambiarle nell’esclusivo interesse del gruppo. E abbiamo imparato che per far luce su un problema, non bisogna trattarlo con tono negativo, ma sempre positivo e soprattutto propositivo.

C'è un aneddoto divertente legato a questo contest?
Questo contest ha perfino una colonna sonora, “Love Never Felt So Good”, la canzone più passata alla radio del bar che è stato teatro degli interi pomeriggi passati a ideare e realizzare le varie campagne: ebbene, per questa campagna in particolare, inizialmente avevamo scelto un visual completamente diverso; poi l’ultima sera, in un’ora e ad un’ora dalla consegna, in chat, abbiamo stravolto una campagna praticamente già pronta. Una corsa divertente e indimenticabile.





Ecco invece cosa ne pensa Rino Cetara, docente del modulo di copywriting:

«La violenza sui minori denunciata o di cui si viene a conoscenza è, purtroppo, la punta di un enorme iceberg caratterizzato da episodi drammatici che, il più delle volte, si consumano in famiglia, tra le mura domestiche. La campagna progettata dagli allievi ribalta, attraverso l’immagine, il concetto negativo di “usare le mani”. In luogo di mani che picchiano e scuotono,  l’annuncio invita a considerare diversamente il valore delle mani che assurgono a metafora della amorevolezza. Il concetto è evidentemente da intendersi in senso lato. Prendere per mano può voler dire allo stesso tempo infinite cose: guidare, proteggere, aver cura, rassicurare, infondere fiducia. Talvolta siamo inconsapevoli della violenza (impercettibile), paradossalmente insita persino in un contesto di mani che si tengono. Spesso con una semplice alterazione cinetica il bimbo  “allenta la presa” come a dire “corri troppo, rispetta il mio tempo di percorrenza”. In quel caso possiamo fare due cose: rallentare il passo per cogliere il segnale del bambino e adeguarci ai suoi passi o stringere più forte per imporre il nostro ritmo. Se siamo consapevoli e attenti, possiamo usare le mani nel modo giusto, ma non solo. Perché il corpo, come la mente, comunica sempre qualcosa.»




Ecco il BRIEF che hanno prodotto, cimentandosi anche nel difficile compito dell'account.



BACKGROUND
La violenza sui minori è un fenomeno ancora troppo spesso invisibile, inascoltato e non denunciato. Essa non infligge solamente ferite fisiche ma lascia segni indelebili sulla psiche dei piccoli, fino a compromettere le loro capacità di apprendimento e socializzazione, e a minare il loro sviluppo e la possibilità di un futuro normale e sereno.

TARGET
Minori vittime di violenza, maltrattamenti e abusi.

POSIZIONAMENTO
Tra il 2008 e il 2013 sono giunte circa 16.000 segnalazioni delle quali un terzo per maltrattamenti con un totale di 8885 forme di violenza su bambini e adolescenti.
Gli abusi sono soprattutto psicologici (il 18,8%, metà dei quali nascono in situazioni di conflitto familiare), ma oltre un caso su dieci è una violenza fisica (lʼ11%, di cui il 63% per percosse, il 3,8% per violenza sessuale e il 10,5% per trascuratezza). Le vittime sono nella maggior parte dei casi bambine e adolescenti (il 53%). Percentuale che sale al 68,1% in caso di abusi sessuali. Gli autori delle violenze sono invece soprattutto maschi (53,4%), ma se si guarda alle sole violenze sessuali la percentuale schizza allʼ88,1%.
Sono invece soprattutto le donne a trascurare (il 64,1% dei casi). La quasi totalità degli abusi viene commessa da persone conosciute (80%).

OBIETTIVO DELLA CAMPAGNA
Stando ai dati, la campagna vuole accendere i riflettori su quello che ancora accade tra le mura domestiche e diffondere una sempre maggiore cultura di intervento preventivo nelle situazioni di disagio, di maltrattamento e di abuso.

VALORI DA COMUNICARE
Tutti i bambini, i ragazzi, sono un prezioso tesoro da tutelare e salvaguardare; rappresentano il futuro capitale umano, la chiave del futuro vivere bene collettivo.



Ed ecco la COPY STRATEGY


Descrizione del target
La nostra campagna si rivolge ai minori vittime di violenze, che in molti casi non sono in grado di difendersi e chiedere aiuto. E allora ci si rivolge soprattutto agli adulti, sia ai carnefici sia a coloro che hanno il dovere morale di denunciare fatti di violenza se ne sono testimoni.

Main promise
L'obiettivo della campagna è in primis quello di offrire sostegno e protezione a tutti i minori che subiscono violenza fisica e psicologica. Inoltre, vogliamo far riflettere gli adulti sull'importanza dei sentimenti e dei valori che trasmottono ai più piccoli.

Reason why
Questi sentimenti e valori trasmessi ai piccoli, positivi o negativi, li accompagneranno per sempre e ne influenzeranno lʼequilibrio e la serenità per tutta la vita.
Supporting evidence
I valori come l'amore e il rispetto nei riguardi dell'infanzia vengono espressi attraverso un visual efficace e rassicurante

Consumer benefit
Attraverso questa campagna i bambini acquistano la consapevolezza di non essere soli e abbandonati, e la certezza che al mondo esiste qualcuno in grado di occuparsi con amore dei loro diritti e bisogni.

Tone of voice
Rassicurante, tenero.


Complimenti ragazze, ottimo lavoro!

22.09.2014 # 3846

Daria La Ragione // 0 comments

#1/4 Focus sui vincitori del contest sulle campagne sociali

Francesco Danilo Di Leva, Marco Angelo Malavolta, Roberto Chiapparelli e Riccardo Di Razza.

Ecco il primo post sui lavori vincitori del contest ilas sulle campagne sociali.

Gli autori sono Francesco Danilo Di Leva, Marco Angelo Malavolta, Roberto Chiapparelli e Riccardo Di Razza.


Gli abbiamo rivolto qualche domanda su questa esperienza. Eccole risposte:



Perché avete scelto questo tema?

Perché negli ultimi anni anche se ci sono stati enormi sviluppi nel campo tecnologico e sociale, si tende ancora a tralasciare l'estensione e la costruzione di strutture accessibili che possano garantire una maggiore libertà di movimento a tutti. In particolar modo a coloro che soffrono di una disabilità motoria.



Qual è stata la maggiore difficoltà nell'affrontarlo? 

Cercare di paragonare questo problema ha qualcosa di quotidiano che potesse essere percepito e compreso da tutti, ma necessariamente dagli enti pubblici perché potessero considerare di più il problema e metterlo tra le loro priorità



Cosa avete imparato che prima non sapevate?

Da un punto di vista giuridico, abbiamo imparato una serie di norme che evidenziano quanto è importante garantire a tutti un ambiente vivibile in una società di pari diritti e opportunità (democratica).

Da un punto di vista invece pubblicitario, l'importanza di selezionare un target specifico per poter quindi utilizzare nel body un linguaggio più consono per comunicare il messaggio.



C'è un aneddoto legato a questo contest?

Beh sì, legato soprattutto all'idea. Inizialmente avevamo pensato di utilizzare il gioco della campana. Abbiamo studiato le regole e l'abbiamo persino provato. Abbiamo utilizzato tantissimo photoshop rischiando di fare notti insonni quando poi alla fine ci siamo accorti che un'idea molto più semplice(quella della cerniera) è molto più efficace.



Ecco invece cosa ne pensa Rino Cetara, docente del modulo di copywriting: «la vita dei diversamente abili è spesso un incivile percorso ad ostacoli che discrimina e nega i diritti di chi deve già convivere con le proprie difficoltà motorie. Siamo tutti colpevoli e insensibili. Noi cittadini che parcheggiamo negli spazi riservati, gli enti e le istituzioni che non pensano a costruzioni prive di barriere architettoniche. Una chiusura lampo è comoda e semplice, come può esserlo un percorso libero o dedicato  ma sicuramente  privo di barriere od ostacoli. Purtroppo non sempre è cosi. La cerniera rotta veicola con forza l’idea di impedimento. Ai disabili non è concesso (transeat) un percorso scorrevole, e su questa cosa, sempre riferendosi al significato latino del termine adottato, proprio non si può passar sopra. Il punto di domanda (provocatorio)  rafforza l’interrogativo fondamentale: Possiamo noi “società civile” lasciar correre un problema così rilevante?»


Infine ecco il brief che hanno prodotto, cimentandosi anche nel difficile compito dell'account.



TITOLO DEL PROGETTO Liberi di muoversi.


INFORMAZIONI SULL’ASSOCIAZIONE L’Associazione Disabili Italia è un’associazione no profit di promozione sociale. Il suo scopo è quello di pro- muovere la libertà di cura e di ricerca scientifica, l’assistenza personale autogestita e affermare i diritti umani, civili e politici delle persone malate e disabili. È interessata a promuovere l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali, psicologiche e sensoriali per la diffusione della cultura delle pari opportunità e a favore di un ambiente ad accessibilità e fruibilità totale.



OBIETTIVO DEL PROGETTO In questa campagna, l’associazione vuole far emergere il disagio provocato dalle barriere architettoniche: scalini, porte strette, pendenze eccessive, spazi ridotti e barriere meno evidenti, come parapetti “pieni”, che impediscono la visibilità ad una persona in carrozzina o di bassa statura; banconi da bar troppo alti, sentieri di ghiaia o a fondo dissestato. Nel caso di persone non vedenti possono rappresentare casi di barriera archi- tettonica anche semafori privi di segnalatore acustico o oggetti sporgenti. In sintesi, tutto ciò che impedisce all’utente di fruire in piena sicurezza di tutta quella serie di funzioni, attrezzature e servizi che lo spazio antropizzato dovrebbe garantire a tutte le categorie d’utenza.



OBIETTIVO DI COMUNICAZIONE Informare, preparare il target in merito alla diversità e coinvolgere le istituzioni

pubbliche perché contribuiscano alla realizzazione di un ambiente accessibile e fruibile a tutti.



REASON WHY Evidenziare come l’abbattimento delle barriere architettoniche può determinare immediati benefici negli spostamenti di ogni singolo individuo.



POSIZIONAMENTO Percepito come fonte di disagio e fattore di emarginazione non solo di chi ha una disabilita ma anche di chi non la ha.



TARGET Opinione pubblica, istituzioni, sindacati, organizzazioni e cittadini responsabili e consapevoli.



CONSUMER BENEFIT Uno soprattutto di tipo collettivo: costruzioni di infrastrutture più idonee. È fondamentale comunicare al target il valore sociale delle sue scelte e quindi la possibilità di migliorare la qualità della vita.



MAIN PROMISE Sottolineare che ognuno deve avere la libertà di muoversi e non essere ostacolato nel suo cammino (o percorso).



TONE OF VOICE Coinvolgente, rendere il target partecipe e protagonista. Evitare il senso di colpa ma anzi prediligere quelli che sono gli aspetti più quotidiani.


Complimenti ragazzi, ottimo lavoro!

15.09.2014 # 3840

Daria La Ragione // 0 comments

I vincitori del contest sulle campagne sociali

Una lista di nomi molto promettenti

Questa volta abbiamo affidato agli studenti del corso Pubblicità Pro Art & Copy un compito davvero impegnativo: a questo punto del loro percorso volevamo vedere come se la cavavano nella simulazione di un'agenzia e così gli abbiamo chiesto non soltanto di ideare una campagna pubblicitaria che avesse un tema sociale, ma anche di scegliere una causa che avessero a cuore e infine di scrivere da soli il proprio brief. 

I risultati ci hanno soddisfatti tanto che è stato impossibile scegliere un unico vincitore

Ed ecco che ne abbiamo decretati non uno, ma ben quattro! 





Quattro bei lavori che siamo stati felici di decretare vincitori, ma non ci sembrava abbastanza: vorremmo dare il giusto rilievo all'impegno dei nostri studenti, e così abbiamo scelto di dedicare una post a ciascuno dei lavori, con un commento dei docenti che li hanno seguiti, degli studenti stessi e con i brief che hanno elaborato 


Ecco l'elenco dei vincitori: 


- campagna contro la violenza sui minori, di Francesca Romana Faugno, Monica Lucarelli e Maria Sannino ; 


- campagna per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, di Annalisa Casalino e Diego Albino Dentale; 


- campagna a favore dei disabili di Roberto Chiapparelli, Danilo Di Leva, Riccardo di Razza, Marco Angelo Malavolta; 


- campagna per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, di Roberta Conte, Alessia Della Ragione, Gianguido Ranucci 


Leggi il post sulla Campagna a favore dei disabili di Roberto Chiapparelli, Danilo Di Leva, Riccardo di Razza, Marco Angelo Malavolta;


Qui il post sulla Campagna di Francesca Romana Faugno, Monica Lucarelli e Maria Sannino


Ecco il post sulla Campagna di Roberta Conte, Alessia Della Ragione, Gianguido Ranucci

09.04.2014 # 3589
21.03.2014 # 3542
02.12.2013 # 3368

Daria La Ragione // 0 comments

Led it be: vince Annalisa Fortunato

I finalisti del contest ilas

Annalisa Fortunato è la vincitrice del contest LED IT BE (Che il cambiamento abbia inizio), un concorso di idee per gli studenti di Pubblicità promosso da Ilas - Istituto Superiore di Comunicazione nell’ambito delle attività complementari previste nel piano di studi dei Corsi di Pubblicità.


LED IT BE è uno dei temi scelti per il 2013 nell’ambito della nuova formula del concorso di idee ILAS pensato in esclusiva per gli studenti dei propri corsi di comunicazione per permettere loro di confrontarsi da un certo punto in avanti del percorso di studi con le dinamiche reali che si presentano ai creativi in una agenzia di pubblicità. 


In particolare, questo contest ha chiesto agli studenti di sensibilizzare il pubblico alla questione ambientale dei consumi energetici, puntando in particolare a promuovere l’uso dei sistemi di illuminazione con tecnologia LED. 


Una formula vincente per numero di adesioni, entusiasmo degli studenti e qualità degli elaborati questa del contest come parte del più ampio progetto didattico che vede una stretta sinergia fra il momento dell’apprendimento teorico e quello della sperimentazione pratica. Non un laboratorio extra-curricolare ma una esperienza di full-immersion nel percorso lavorativo di un pubblicitario, sotto la supervisione dei docenti ilas che hanno potuto guidare gli studenti alla comprensione del brief, all’analisi degli obiettivi di comunicazione, alla strutturazione del concept, alla realizzazione esecutiva.


A tutto questo si aggiunge la consapevolezza di aver centrato un doppio obiettivo: non solo aver portato a termine il progetto didattico ma aver affidato a questo un valore aggiunto in quanto campagna sociale di sensibilizzazione, come del resto è sempre stato nella storia dei successi della scuola raccolti negli anni, nelle competizioni internazionali dedicate alle scuole di Comunicazione. 


Complimenti dunque ad Annalisa Fortunato per essersi aggiudicata questa importante competizione, obiettivo di comunicazione centrato e ottima realizzazione esecutiva. Come da regolamento, Annalisa si aggiudica anche un tablet Apple iPad mini 16GB.






22.11.2013 # 3356

Daria La Ragione // 0 comments

Riapre il teatro di Città della Scienza

La locandina è di Valentina Buongiorno

Riapre i battenti questa sera, 22 novembre, il teatro di Città della Scienza, il Galilei 104, che era rimasto chiuso dopo il rogo che aveva distrutto la bellissima struttura napoletana.

Per l'occasione sono stati in tanti a dare un contributo all'associazione EnArt, che stasera mette in scena "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli", tratto da un racconto di Antonio Menna pubblicato da Sperling & Kupfer. EddyNapoli ha composto le musiche, il Teatro stabile d’innovazione “Le Nuvole” ci mette lo spazio, altri hanno contribuito alla produzione.

Tra i contributi c'è anche quello di Ilas: Alessandro Leone, docente nel corso di Grafica Pubblicitaria, ha infatti invitato i suoi studenti a un contest per realizzare la locandina dell'evento. Il lavoro vincitore, immagine ufficiale dello spettacolo è di Valentina Buongiorno, complimenti a lei e tanta m***a alla compagnia che andrà in scena.

18.05.2013 # 3060

Daria La Ragione // 0 comments

BeCycle: Andrea Vettura è il vincitore.

Si conclude il concorso ID&A 2013

È Andrea Vettura l'autore del manifesto che si è aggiudicato il primo posto nel contest BeCycle ®, istituito da ilas e aperto a tutti gli studenti del corso di Pubblicità che hanno voluto cimentarsi sul tema della promozione di una mobilità sostenibile attraverso l'uso della bicicletta.


Andrea è stato premiato con un IPad Mini, ma il suo non è l'unico lavoro che ha catturato la nostra attenzione: i lavori proposti da Marco Lepore, Carlo D'Angelo, Cristiano Vicedomini e dal gruppo Leonardo Francesco/Flavia Bizzarro/Marina Lo Bue/Alessandra Gambi sono stati segnalati e premiati con libri pubblicati da Lupetti Editore.




(Andrea Vettura con Fulvio Iannucci)


Tutti i lavori sono stati realizzati nell'ambito dei laboratori di Art Direction, tenuti da Alessandro Cocchia e Nicola Cozzolino, nell'ambito del corso di Pubblicità ilas.


Questa nuova formula, con concorsi istituiti ad hoc e laboratori dedicati, è stata creata per dare agli studenti la possibilità di misurarsi con ostacoli che fossero adeguati alle loro competenze; competenze che sono andate crescendo nel tempo, offrendo loro l'occasione di sperimentarsi, e costruire mattone su mattone la consapevolezza delle proprie capacità.


Dopo aver vinto i più importanti concorsi dedicati alle scuole di comunicazione, alla ilas abbiamo sentito l'esigenza di sperimentare un approccio nuovo al contest: non più una competizione che cadeva dall'alto, spesso trovando studenti e docenti impegnati su argomenti che richiedevano tutta la loro attenzione, e quindi senza la possibilità d dedicare a questo momento, che pure ha un grande valore, la giusta concentrazione. All'inizio di questo anno accademico abbiamo deciso di aprire un nuovo sentiero e provare a integrare i contest nel percorso didattico in modo organico e coerente. 

I risultati ci stanno danno conferme molto positive, i lavori di Andrea e dei suoi colleghi di corso ci dimostrano che è stata una giusta intuizione.

Complimenti a tutti i partecipanti e ai loro docenti.

01.01.2013 # 2562

Daria La Ragione // 0 comments

Daniele Cavaliere realizza la copertina per Fausto Lupetti


continua la partnership tra Ilas e Lupetti

Continua a dare ottimi risultati la partnership tra Ilas e Fausto Lupetti Editore: ultimo in ordine di tempo il lavoro di Daniele Cavaliere, che ha realizzato la copertina per il libro 'New TV', di Donatella Scipioni appena pubblicato dalla casa editrice.

Una gran bella soddisfazione per Daniele stringere tra le mani il frutto del impegno e, certamente, una soddisfazione anche per noi: infatti tutti i lavori presentati dai nostri studenti erano all'altezza della richiesta e siamo stati davvero felici dei risultati che hanno raggiunto.
Diamo appuntamento agli studenti ilas alla prossima copertina e alla prossima occasione di vedere realizzato il proprio lavoro.
Congratulazioni Daniele!

06.07.2012 # 2492

Ilas Web Editor // 0 comments

Un nuovo Concorso di idee ilas



Per gli studenti l'opportunità di firmare una delle 4 copertine di libri in imminente uscita

Un nuovo concorso di idee firmato ilas e Lupetti, la nota casa editrice specializzata in testi sulla comunicazione, ti permette di progettare le copertine per quattro libri di imminente uscita.
Non una dunque, ma ben quattro possibilità per firmare in esclusiva il design dei libri che presto saranno distribuiti in tutte le librerie, nei cataloghi on line e in tutti i canali di vendita.

UNA OPPORTUNITÀ STRAORDINARIA
Forse non ci hai mai pensato, ma ciò che fa la differenza tra i professionisti della grafica e della comunicazione è la firma, la possibilità in altre parole di potersi attribuire la paternità dell'idea creativa. Spesso si lavora in team, e si condivide il successo, altre (rare) volte ci si può imbattere in opportunità uniche che possono aiutarti a fare la differenza, permettendo di farti conoscere e aprirti così la strada per impegni più importanti e prestigiosi. 

L'IMPEGNO DI ILAS OLTRE LA SCUOLA
La firma insomma è il tuo passaporto per il futuro. Alla ilas ne siamo consapevoli e per questa ragione investiamo parte del nostro lavoro a sviluppare partnership con importanti aziende, con il preciso obiettivo di offrire allo studente occasioni per entrare da subito nel vivo del lavoro di fotografo, di graphic e web designer, confrontandosi con tutti gli aspetti tipici del rapporto agenzia-committente, le eventuali difficoltà tecniche, i tempi di realizzazione del progetto. I concorsi di idee permettono allo studente dei corsi ilas di arrivare sul mercato con un prodotto che porta la sua firma fin da subito, senza nemmeno l'obbligo di aver terminato gli studi, e supportato dalle competenze dei docenti che seguono passo dopo passo tutto il lavoro, dall'ideazione alla produzione. In pratica è come essere già in una agenzia, affiancati da art director senior pronti a dare una dritta per ottenere il massimo risultato.

IN PIÙ, I PREMI
I concorsi di idee proposti da ILAS prevedono un riconoscimento allo studente che si aggiudica il primo posto, e che si somma alla opportunità di vedere realizzato, stampato, pubblicato e/o distribuito il proprio lavoro. Forniture di libri specialistici per la professione, apparecchiature tecniche specifiche, computer, tablet e device multimediali come riconoscimento all'impegno e alla qualità del lavoro svolto in classe.

Pronto per cogliere questa nuova occasione? Segui questo link e scarica la scheda con i dati tecnici e i contenuti dei 4 libri. C'è tempo fino al 30 luglio per la consegna degli elaborati. 




REGOLAMENTO


CHI PUO' PARTECIPARE
ILAS - PROGETTA LA NUOVA COPERTINA DI UN LIBRO LUPETTI è un concorso di idee riservato agli studenti ILAS in corso alla data del 15 maggio 2012 o che abbiano frequentato nel periodo luglio 2011/maggio 2012 uno dei corsi ILAS di progettazione grafica.


COME FUNZIONA
Il concorso prevede la progettazione della copertina dei libri della casa editrice LOGO FAUSTO LUPETTI. Sono forniti agli studenti ilas 4 brief corrispondenti ai 4 libri in uscita imminente. Ciascun libro tratta un argomento differente.  Gli studenti potranno scegliere se partecipare su uno o più brief, oppure con più proposte sullo stesso brief.


MECCANISMO DEL CONCORSO
Collegati all'indirizzo http://www.ilas.com/CONTEST/LUPETTI.zip ed effettua il download della scheda in formato Adobe ILLUSTRATOR dei libri. I 4 brief contenuti nella scheda sono chiaramente contrassegnati con un numero e un colore diverso. 
Una volta realizzato il tuo progetto, salva il tuo file in formato PDF con questo schema:

TUONOME_TUOCOGNOME_lupetti_brief1.pdf (nel caso tu scelga il brief 1)
TUONOME_TUOCOGNOME_lupetti_brief2.pdf (nel caso tu scelga il brief 2)
TUONOME_TUOCOGNOME_lupetti_brief3.pdf (nel caso tu scelga il brief 3)
TUONOME_TUOCOGNOME_lupetti_brief4.pdf (nel caso tu scelga il brief 4)

 e invialo via posta elettronica all'indirizzo contestlupetti@ilas.eu

Ricorda: non esistono limiti all'invio di proposte; più soluzioni sottoporrai e più possibilità avrai di essere selezionato. Nel caso in cui tu abbia più file da inviare sullo stesso brief, inserisci un numero progressivo dopo il tuo cognome. Ecco un esempio:

TUONOME_TUOCOGNOME_01_lupetti_brief1.pdf
TUONOME_TUOCOGNOME_02_lupetti_brief1.pdf
TUONOME_TUOCOGNOME_03_lupetti_brief1.pdf
TUONOME_TUOCOGNOME_…

IL TERMINE ULTIMO PER L'INVIO DEI LAVORI E' FISSATO ALLE ORE 24.00 DEL 30 LUGLIO 2012.


LA GIURIA
I lavori inviati entro la data ultima stabilita nel presente regolamento saranno poi valutati dai creativi delle agenzie ARGENTOVIVO, ILAS e NETWORD che stabiliranno e comunicheranno entro le ore 13.00 del 10 settembre 2012 il vincitore assoluto.


DATE E PREMI
ore 24.00 del 30 luglio 2012 – Termine ultimo per l'invio dei lavori.
ore 13.00 del 10 settembre 2012 - La Giuria Ilas comunicherà il vincitore finale.

I lavori primi classificati in assoluto per ogni brief verranno premiati con una fornitura di libri sulla comunicazione Lupetti.

COMUNICAZIONI DI VINCITA
Le condizioni e le modalità di consegna dei premi saranno comunicate al vincitore via e-mail.
Il premio non può dar luogo, da parte del vincitore, ad alcuna contestazione di qualsiasi natura, né può dar luogo alla consegna del controvalore in denaro, né a modifica dello stesso, né a sostituzione o scambio per qualsiasi motivo. Se le circostanze lo impongono, la Società Organizzatrice si riserva il diritto di sostituire il premio con un lotto o altri lotti di natura e/o di valore equivalente.


RESPONSABILITA’
La partecipazione via Internet implica la conoscenza e l’accettazione delle caratteristiche e dei limiti di Internet in particolare per quanto riguarda l’assenza di protezione di alcuni dati contro eventuali dirottamenti o piraterie e rischi di contaminazione da eventuali virus circolanti in rete, le prestazioni tecniche, i tempi di risposta per consultare, interrogare o trasferire informazioni, i rischi di interruzione e più in generale, i rischi legati a qualsiasi connessione e trasmissione su Internet.
ILAS s.r.l. declina ogni responsabilità, senza che questo elenco abbia carattere limitante, in caso di cattivo utilizzo o di incidente legato all’utilizzo del computer, di qualsiasi disservizio della rete Internet, dei server del Contest, della linea telefonica o di qualsiasi altro collegamento tecnico che impedisca il corretto svolgimento del concorso.
Allo stesso modo, la responsabilità di ILAS s.r.l. non potrà essere fatta valere nell’ipotesi in cui l’accesso al sito Internet e/o la consultazione dello stesso risultasse difficile o impossibile ai partecipanti. In caso di disservizio tecnico del Contest, ILAS s.r.l. si riserva il diritto, se del caso, di invalidare e/o annullare qualsiasi sessione nel corso della quale si è verificato detto disservizio. Pertanto nessun reclamo in merito sarà accettato.
ILAS s.r.l. non potrà essere ritenuta responsabile qualora i dati relativi all’iscrizione di un partecipante non pervenissero alla stessa per qualsivoglia motivo di cui non possa essere ritenuta responsabile (ad esempio, un problema di connessione a Internet dovuto a qualsivoglia motivo presso l’utente, un guasto momentaneo dei nostri server per qualsiasi motivo, ecc.) o pervenissero in modo illeggibile o in modo impossibile da elaborare (per esempio, se il partecipante si avvale di un materiale hardware informatico o di un ambiente software inadatto alla sua iscrizione, ecc.).


Di conseguenza, ILAS s.r.l. non potrà in nessun caso essere ritenuta responsabile, senza che questo elenco abbia carattere limitante:
- della trasmissione e/o del ricevimento di qualsiasi dato e/o informazione su Internet;
- di qualsiasi disservizio della rete Internet tale da impedire il corretto svolgimento/funzionamento del Contest;
- di un guasto di qualsiasi hardware di ricezione o delle linee di comunicazione;
- della perdita di qualsiasi messaggio cartaceo o elettronico e, più in generale, della perdita di qualsiasi dato;
- di problemi di inoltro;
- del funzionamento di qualsiasi software;
- di qualsiasi guasto tecnico e materiale possa aver impedito o limitato la possibilità di partecipare al Contest e/o a ciascuna parte del Contest.

Più in generale, la responsabilità di ILAS s.r.l. non potrà essere fatta valere in caso di forza maggiore o di caso fortuito indipendente dalla sua volontà. Non potrà nemmeno essere ritenuta responsabile, e nessun ricorso potrà essere presentato contro di essa, nel caso in cui sopraggiungessero eventi con caratteristiche di forza maggiore (scioperi, intemperie...) tali da privare parzialmente o totalmente i partecipanti dalla possibilità di partecipare al concorso e/o il/i vincitore(i) dall’usufruire del(i) proprio(i) premio(i).


REGOLAMENTO DEL CONTEST
La partecipazione al presente Contest è gratuita. Ciascun partecipante può partecipare con uno o più lavori nell’arco della durata del Contest. Ogni ulteriore partecipazione sarà considerata priva di validità.

La partecipazione al contest oggetto del presente regolamento vale come accettazione, di diritto e automatica, di detto regolamento senza riserve da parte del partecipante.

Qualsiasi difficoltà d’interpretazione o di applicazione di questo regolamento verrà decisa in via definitiva dalla Società Organizzatrice ILAS s.r.l.

03.07.2012 # 2566

Daria La Ragione // 0 comments

Id&a Award 2012: Sara Viscione vince il primo step



Concluso il primo step del contest riservato agli studenti

Si è concluso il primo step del contest riservato agli studenti Ilas: SaraViscione è l'autrice del lavoro più votato su Facebook e si aggiudica il primo dei premi in palio.

Facciamo i complimenti a Sara per il suo 'The laugh of the medusa', unlavoro che ci piace e che siamo felici di premiare.

Ancora niente è perduto per tutti gli altri partecipanti, si trattainfatti solo del primo step, c'è ancora tempo fino al 15 settembre persfoderare tutte le abilità  di self marketing e far dire al maggior numerodi utenti Facebook 'mi piace', per aggiudicarsi così il premio in palioper il secondo step.Poi tutti con le dita incrociate, sperando che la scelta della giuriaincoroni il proprio lavoro vincitore ufficiale dell'Id&a Award 2012.

Complimenti a Sara e in bocca al lupo a tutti i partecipanti,appuntamento a settembre.

Inside Ilas
Inside Ilas Magazine