alexa

Ilas sui social network

instagram facebook linkedin linkedin pinterest youtube twitter flickr
logo ilas academy
adobe ATC autodesk

MENU

cercaCERCA

Prenota il tuo corso o un colloquio informativo
La prenotazione non è vincolante e consente di riservare un posto nei corsi a numero chiuso

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I corsi annuali

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Regionali AutorizzatiGRAFICA | WEB DESIGN | FOTOGRAFIA

logo-adobe

Elenco corsi autorizzati Regione CampaniaQualifica professionale EQF4 / Frequenza obbligatoria > 80%

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO BASE | COPY | MONTAGGIO | RIPRESA VIDEO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | ZBRUSH | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi Avanzati e Online GRAFICA | FOTOGRAFIA | PHP | MOBILE APP | PUBBLICITÀ ONLINE

icona

I corsi mensili

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

Prenota il tuo corso o un colloquio informativo

Blog // Pagina 4 di 41
31.10.2020 # 5593

Adelma Rago // 0 comments

Campagne a confronto: Friends of Cancer Patients e Movistar Chile, stesso concept, budget diversi

Come comunicare l´importanza dell’autodiagnosi nella prevenzione del cancro al seno? Scopriamo due esempi virtuosi.

Friends of Cancer Patients e Movistar Chile, con le loro campagne, ci parlano della prevenzione del cancro al seno in due modi completamente diversi, entrambi efficaci.

Due campagne, con budget diametralmente opposti, che mettono in luce l’importanza dell’autodiagnosi, una con un linguaggio semplice e creativo, l’altra con una strategia spettacolare.

Friends of Cancer Patients, organizzazione non-profit con sede negli Emirati Arabi Uniti, ha affidato alla Horizon FCB Dubai l’ideazione della propria campagna. Da questa collaborazione è nato The emoji that wants to save your life, un video di digital advertising che sfrutta a pieno le potenzialità dei social.

Protagonista del video è l’emoji della donna con il braccio sollevato: Friends of Cancer Patients ci fa notare che la posizione dell’emoji, usata abitualmente per indicare “ci sono”, “eccomi”, “sono presente”, è la stessa da assumere durante l’autopalpazione, un’operazione indispensabile per la prevenzione. Un insight brillante nella sua semplicità.


Per legare i valori del proprio brand alla lotta al tumore al seno, Movistar Chile, colosso delle telecomunicazioni in Spagna e in America Latina, ha scelto una strategia di experiential advertising, mettendo a disposizione la Movistar Arena, struttura polifunzionale da 17.000 posti situata nella città di Santiago.

L’edificio, come molti altri in questo periodo, era inutilizzato e chiuso al pubblico. VMLY&R, l’agenzia che ha ideato questa campagna dal titolo Unforgettable lights, ha sfruttato la forma del complesso e le sue caratteristiche, facendone un uso letteralmente illuminante. Vista dall’alto, la cupola dell’arena ricorda un seno ed esternamente è rivestita da una rete di piccoli spot di luce. Nel video, la struttura è stata ripresa verticalmente e la sua superficie, all’inizio spenta, è stata illuminata in sequenza in sezioni alternate e precise: queste sezioni, mostrano i movimenti da eseguire durante l’autopalpazione.

La voce fuoricampo accompagna perfettamente le immagini, guidando lo spettatore in modo chiaro e pratico. Un’operazione di grande impatto visivo ma, soprattutto, utile.


È difficile decidere quale delle due campagne sia la migliore: entrambe centrano l’obiettivo, ognuna a suo modo. In questi casi, quando si tratta di un argomento così importante come la prevenzione, il migliore è chi ne parla.

28.10.2020 # 5606

Adelma Rago // 0 comments

La campagna “You Can’t Stop Us”, l’approccio Nike al problema Covid

L´emergenza sanitaria ha colpito tanti settori, tra cui lo sport: ecco come Nike ha affrontato il problema.

Viviamo in tempi duri, si sa. Ne è consapevole anche Nike che a fine luglio ha lanciato la campagna “You Can’t Stop Us”, un inno allo sport, nelle sue molteplici forme e soprattutto un incitamento a non mollare, di fronte alla sfida che il problema Covid-19 ci sta ponendo.



Il settore dello sport è fra quelli maggiormente colpiti dalla pandemia. Mesi fa, il dilagare del virus ne ha bloccato le attività, spegnendo i riflettori su tutti gli eventi e le manifestazioni pubbliche. Che fare di fronte ad un avvenimento di tale portata? Nike, con la sua campagna, si è data una risposta precisa, del tutto in linea con i suoi valori.


Wieden + Kennedy, l’agenzia che ha firmato lo spot, ha costruito uno storytelling completamente “trasversale”, in grado di raccontare sia le varie fasi temporali della crisi, sia le storie di coloro che questa crisi l’hanno affrontata in prima persona: gli sportivi. Tutti gli sportivi, nessuno escluso. Non solo grandi star come Serena Williams e Lebron James ma tutti coloro che amano lo sport, atleti senza distinzione di età, genere, etnia, condizione fisica.

Ironicamente, per abbattere ogni barriera, la campagna utilizza uno split screen che divide lo schermo in due sezioni: ogni movimento che ha inizio in una delle due parti dello schermo, termina nell’altra. Stesso angolo di ripresa, protagonisti diversi. Il concept è semplice ma espresso con grande eleganza: “Siamo tutti uguali, uniti, contro ciò che vuole fermarci.”.




Lo speech e la colonna sonora rafforzano l’impatto delle immagini, creando delle sovrapposizioni emotivamente forti, tra parlato e situazioni proposte, una formula narrativa che la comunicazione Nike ha usato spesso ad altissimi livelli.


L’estrema coerenza del discorso Nike, serve a portare il cliente fino all’ambiziosa line di chiusura, una line che salta anche l’ultimo ostacolo rimasto: “You can’t stop sport US.”. Un messaggio di speranza contro l’emergenza pandemica che abbraccia tutti, sportivi e non.


28.10.2020 # 5592

Adelma Rago // 0 comments

Con “Rinascita” di Fiat, Di Caprio è ancora testimonial di un brand italiano

A 20 anni dalla campagna Telecom Italia, Di Caprio è ancora testimonial di un brand italiano.

Da Telecom a Fiat: Di Caprio torna in Italia come testimonial della nuova 500 elettrica

A 20 anni dalla campagna dell’allora Telecom Italia, Di Caprio torna a farsi promotore di un prodotto italiano e, nello spot Rinascita di Fiat, ci mostra la nuova 500 elettrica, legando la propria immagine all’ecosostenibilità e alla tutela dell’ambiente.

Nel 2000 avevo circa diciotto anni e, come migliaia di mie coetanee, adoravo Di Caprio. Probabilmente questo, Telecom Italia doveva saperlo bene quando scelse lui per la campagna istituzionale Quiet, diretta da Chris Cunningham, noto regista di videoclip musicali come Frozen di Madonna e All is full of love di Björk.




Ambientato sulle colline abruzzesi, il film vedeva il giovane attore starsene placidamente disteso tra l’erba alta, con la sua tipica aria da bohemien sfrontato, rilassato, completamente in armonia con l’ambiente circostante. Questa quiete veniva disturbata da un messaggio sul palmare, al quale lui rispondeva tra sé e sé sussurrando: “Adesso no.”. L’unica battuta dell’intero spot.




Oggi, oltre ai segni del tempo, un maggior numero di parole spese nello speech ha contribuito a rendere Di Caprio un endorser di grande appeal per il pubblico. Fiat ne ha riscoperto il potenziale, rendendolo il volto della sua nuova campagna Rinascita, un’operazione nostalgia che coinvolge sia i fan dell’attore, sia gli estimatori della celebre autovettura.


Le parole di Di Caprio - pronunciate, nella versione italiana del film, dalla voce di Francesco Pezzullo, suo inconfondibile doppiatore - accompagnano l’alternarsi di immagini della nuova 500 elettrica, a filmati d´epoca della storica automobile. Il risultato è suggestivo: il contrasto tra passato e presente, paragona l’innovazione portata dalla 500 nel 1957, alla rivoluzione che Fiat si propone di attuare oggi, nel 2020, grazie alla sua auto a zero emissioni.


La colonna sonora pone una certa enfasi su alcune domande retoriche che Fiat, attraverso Di Caprio, pone ai suoi clienti, richiamando le atmosfere di Inception e ammantando il prodotto di un certo fascino.

Insomma, cambiano i tempi ma Di Caprio resta un testimonial di sicuro successo per i brand italiani. Complimenti a Fiat per avercelo ricordato.


21.10.2020 # 5590

Adelma Rago // 0 comments

Yorgos Lanthimos è il regista della nuova campagna Tena #SenzaEtà

La campagna, online dal 18 ottobre, porta la firma di Yorgos Lanthimos, regista de

Amv Bbdo London sceglie il regista Yorgos Lanthimos per la nuova campagna #SenzaEtà online dal 18 ottobre 2020.


Autenticità: questo è ciò di cui parla Tena nel suo nuovo commercial. Donne reali, vere, riprese in intimo, come intimi sono gli spazi nei quali queste donne over 50, si muovono.




Autenticità, dicevamo. Si perché Tena, con questa campagna non ci sta solo informando che esistono donne che hanno più di 50 anni ma ci sta dicendo che queste donne hanno ancora degli istinti, un corpo che cambia e del quale, nel 2020, sono anche un po’ stanche di vergognarsi.


Per questo storytelling intenso e diretto, Amv Bbdo London si affida al pluripremiato Yorgos Lanthimos, regista de “La Favorita” e de “Il Sacrificio del Cervo Sacro”. Una scelta perfettamente coerente, in linea con il profondo realismo che la campagna #SenzaEtà vuole comunicare, perché lo stile e il carattere di Lanthimos, abbracciano al meglio la mission di Tena, esaltandone i valori.


La cura per i particolari è totale: dalla biancheria scoordinata, ai monili al collo, al segno della spallina del reggiseno sulla pelle. Regia e fotografia si concentrano sugli effetti che il tempo ha avuto sul corpo delle protagoniste, su ciò che solitamente non siamo abituati ad osservare tanto da vicino e che anzi, per convenzione, abbiamo sempre vissuto come un tabù: rughe, cellulite e altre “imperfezioni” sono accarezzati dalla macchina da presa e da tagli di luce naturali, per nulla patinati.

Senza alcun filtro è anche lo speech che, a tratti brutale nella sua sincerità, parla alle over 50 del mondo, puntando a coinvolgerle emotivamente, invitandole a liberarsi dai pregiudizi e a vivere con serenità e spensieratezza questa fase della loro vita.


In chiusura, con uno sguardo in macchina, una delle protagoniste ci chiede se tutto ciò che abbiamo visto e sentito “è troppo”. Per Tena è irrilevante: riguarda il target, solo il target.
Infine, con la line di chiusura, il brand rafforza l’empatia con le sue clienti, chiedendo semplicemente:

“Il nostro corpo cambia. Perché cambiare anche noi?”

Un interessante e quanto mai attuale spunto di riflessione.

16.07.2020 # 5553

Daria La Ragione // 0 comments

Cinque grandi agenzie pubblicitarie multinazionali che hanno fatto la storia (dell’advertising)

storia minima della pubblicità

La crisi del 2008, l’evoluzione della rete e il marketing 2.0 sono stati alcuni degli elementi che hanno cambiato profondamente non soltanto la comunicazione pubblicitaria e il suo mercato ma, inevitabilmente hanno modificato lo scenario delle grandi agenzie multinazionali. Alcune hanno saputo evolversi e sono sopravvissute, altre invece si sono fuse tra loro, di alcune si è persa traccia. Ma l’evoluzione ha sempre fatto parte di questo settore che, anche se a volte ce ne dimentichiamo, si trasforma incessantemente fin dalla sua nascita.

 

 

WUNDERMAN THOMPSON

Nel 2019, per esempio, Wunderman si è fusa con la storica J. Walter Thompson dando vita a Wunderman Thompson, che ha l’ambizioso progetto di lavorare su tutto l’ecosistema che va dal brand ai consumatori.

Per fare questo, la società si è data quattro pilastri comportamentali che ne delineano la filosofia:

Listen, In It Together, Creative Bravery e Do the Right Thing.

Piccola curiosità: l’immagine dell’azienda, forse per non fare torto a nessuna delle due parti, è stata affidata a un gigante del branding: Landor Associates!

 

E se a Lester Wunderman, fondatore dell’omonima agenzia nel 1958, è attribuita l’invenzione del direct marketing moderno, a J. Walter Thompson sono attribuiti alcuni dei più importanti cambiamenti nella storia della pubblicità.

Fu lui, per esempio, a creare la figura dell’account, stabilendo che i clienti dovessero avere un referente fisso in agenzia, responsabile di come veniva speso il budget. Fu anche il primo a offrire, a titolo gratuito, la creatività, che fino a quel momento non era un servizio interno all’agenzia.

Fu anche la prima agenzia americana a sbarcare in Europa, a Londra, diventando di fatto la prima Multinazionale della storia dell’adv.

Se però bisogna dire che cosa davvero ha fatto questa agenzia per cui in molti gridarono allo scandalo nel 1916 fu la prima allusione sessuale in un manifesto. Si trattava del sapone Woodbury e, udite udite, il copywriter era una donna: Helen Lansdowne Resor!



 

Oggi la Wunderman Thompson ha sedi ovunque nel mondo, tra queste quella italiana che si trova a Milano.

 

 

 

GREY GLOBAL GROUP

È una delle più antiche agenzie, la sua nascita risale al 1916, e anche se ha cambiato più volte assetto societario, continua a essere sulla cresta dell’onda e a mantenere standard altissimi. È degno di nota il fatto che la collaborazione con uno dei suoi clienti storici, Procter & Gamble, continui ancora dagli anni ’50 del secolo scorso! La sede italiana è a Milano, quella principale a New York, ma sono in tutti i continenti.

Quella che vedete di seguito è una campagna del 2019 per Gilette, in piena campagna #metoo:  hanno avuto l’intelligenza di spostare il focus dal disagio femminile a quello maschile, indicando quanto sia importante che gli uomini si sforzino – in tutti quegli ambiti in cui il maschilismo sembra la risposta più ovvia – di dare il meglio di sé non per le donne, ma per loro stessi e per i loro figli. “il meglio di uomo”, storico claim aziendale, ha trovato un significato più profondo e complesso.

 

 

Nel 1947, uno dei creativi dell’agenzia, aveva scritto una lunga lettera ai suoi capi, il cui contenuto è un invito a non essere schiavi delle ricerche e delle metodologie, perché esserlo significa mortificare la creatività e costruire annunci tutti uguali. Una lettera appassionata, con un invito a osare, a fare la storia invece di studiarla e a cambiare le carte in tavola.

Potete leggerla qui

L’autore di questa lettera è Bill Bernbach, uno dei più grandi pubblicitari di sempre (ok, il più grande!), il quale, non avendo ricevuto alcuna risposta raccoglie le sue cose, prende sotto braccio il collega Ned Doyle e se ne va. Nel giro di due anni il duo diventa un terzetto e insieme a Maxwell Dane nasce la

 

DDB

In questa “storia minima della pubblicità”, costruita attraverso i nomi di agenzie e personaggi, questa società ha un ruolo da grande protagonista.

È qui che le regole del gioco cambiano per sempre, è qui che parte la rivoluzione della creativity.

Per la prima volta art e copy iniziano a lavorare insieme: non più due reparti divisi, quello degli scrittori e quello degli illustratori, ma tante coppie creative che collaborano mettendo in gioco i propri mondi. All’improvviso, l’attenzione non è più soltanto al contenuto, il target non è più una macchina razionale da convincere con prove e dimostrazioni, ma un insieme di persone con cui dialogare, sorridere, strappare una risata e diventare complici.

Nasce qui il Negative Approach: i punti deboli non sono più macchie, problemi, onte ma segni distintivi, caratteristiche da valorizzare perché quello che fa davvero la differenza non è più il cosa, ma il come.

Sono gli anni del Maggiolino Volkswagen e delle campagne Avis, pietre miliari dell’advertising che segnano il giro di boa e la fine di qualunque approccio “scientifico”.

Oggi come allora, lavorare in DDB significa spingere sulla creatività e ribaltare le prospettive del target.

Ecco un esempio:

 

 

A corredo della Campagna, Miller lite ha offerto una birra a chiunque potesse dimostrare di aver smesso di seguirne i social e addirittura è scomparsa dai canali social per due settimane.

 

 

BBDO

Quando parliamo di approccio “scientifico” in pubblicità, stiamo facendo un riferimento molto preciso ad alcuni copywriter che nella prima metà del secolo scorso cercarono di elaborare delle teorie, più o meno verificabili, più o meno valide, tali da trasformare la pubblicità in una “scienza” priva di rischi. E, se per alcuni grandi nomi non c’è dubbio che questo approccio abbia sortito grandi successi, bisogna anche riconoscere che questi successi sono da attribuire alle loro capacità personali più che alle teorie che avevano elaborato.

Tra questi, Bruce Barton che fu probabilmente il pubblicitario più famoso della sua epoca e che aveva fondato insieme ad altri colleghi la BBDO, che rimane una delle più importanti agenzie pubblicitarie. Barton era un copywriter di eccezionali capacità e una dimostrazione di queste doti venne dalla quello che si può considerare il primo fundraising: inviò a 25 ricchi influencer una lettera, con la quale li invitava a donare 1000$ per sostenere gli studenti del Berea College. Il risultato furono donazioni per oltre 300.000$, cui ne seguirono molte altre date che Barton continuò, anno dopo anno, scrivendo circa 22 lettere in tutto.

Se siete curiosi di vedere un grande copy all’opera, potete cliccare qua.


Coi sono molte altre cose per cui quest’agenzia viene ricordata, alcune davvero particolari; per esempio nel 1956, Charlie Brower, copywriter in BBDO da oltre vent’anni, ne divenne il presidente e attuò una serie di cambiamenti sui generis: in primo luogo aumentò il proprio stipendio di un milione di dollari e licenziò molti di quelli che erano ritenuti suoi amici; abolì gli orari di lavoro, dato che secondo lui ostacolavano la creatività e iniziò ad assumere molte persone dall’estero.

La sua presidenza rimane tutt’oggi molto difficile da catalogare dal momento che, se è vero che in quel periodo l’agenzia perse molti clienti importanti, come il colosso Revlon, è anche vero che acquisì il più importante di sempre: la Pepsi!

Qui lo spot con Michael Jackson, girato nel 1984, e che fece molto parlare di sé dal momento che durante le riprese i capelli della star presero fuoco, e causarono ustioni di secondo e terzo grando sul viso e sul cuoio capelluto.

Se siete curiosi di vedere l’incidente, potete farlo qui

Questo invece è il commercial per Carlton che si aggiudicò il Leone d’Oro a Cannes nel 2013

 

 

PUBLICIS

Chiudiamo questa carrellata con l’unica europea tra quelle citate: Publicis nasce a Montmartre, quartiere di Parigi, nel 1926. Fondata da Marcel Bleustein-Blanchet, che aveva una predilezione per i giochi di parole come il famosissimo «C´est Shell que j´aime», che gioca sull’assonanza tra Shell e la parola “elle” che significa “lei”.

Se tutte le altre che abbiamo citato sono partite dagli Stati Uniti e hanno poi aperto (o acquisito) sedi in Europa, Publicis ha fatto il contrario diventando, nel 2002, Publicis Group dopo aver acquisito il network della Saatchi&Saatchi e perfino la Leo Burnett.

La storia completa dell’agenzia è qui

 

Qui invece lo showreel delle loro campagne premiate ai Cannes Lions 2018

 

 

 

Inside Ilas
Inside Ilas Magazine

Privacy e cookies policy