alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 18 di 110
10.12.2015 # 4404

Daria La Ragione // 0 comments

Next - L’identità tra consumo e comunicazione

Alberto Abruzzese, Mauro Ferraresi

Siamo sospesi su di una fenditura. Essa segna una rottura e dispone un di qua e un di là. La consapevolezza sociologica di tale momento di rottura e di passaggio ha prodotto il postmoderno, vale a dire una società che non ha ancora chiuso con il moderno ma che non ha neppure prospettato le forme della società che verrà. 

La fenditura si è creata a causa di importanti cambiamenti tecnologici, sociali, individuali.Tali cambiamenti conducono a nuove forme identitarie e alla formazione di nuove relazioni sociali. 

Quali conseguenze sui nostri profili vengono prodotte dagli attuali processi di consumo e dalle proliferazioni invasive e onnipresenti delle comunicazioni di massa? 

In che modo l’elettronica muta le nostre relazioni sociali? 

Essere consumatori invece che cittadini, essere internauti invece che persone, avvolgere ogni forma di relazione sociale dietro gli schermi azzurrini dei nostri computer, dei nostri palmari, dei nostri cellulari, che cosa comporta per le nostre idee, per le nostre speranze, per i nostri timori e per le nostre aspettative? A queste domande tenta di fornire una risposta questo libro che Alberto Abruzzese e Mauro Ferraresi vogliono indicare come un testo fondamentale per indicare le nuove ibridazioni di organico e inorganico, per segnalare il mescolamento di molecole e di elettronica e per denunciare la produzione di nuovi individui e di nuove relazioni sociali fornite di più sottili e virtuali consistenze.

Fausto Lupetti Editore

29.10.2015 # 4367

Daria La Ragione // 0 comments

Le leggi della semplicità

di John Maeda

Semplicità equivale a buon senso, a equilibrio: questo l'insegnamento che sembriamo trarre sempre di più dalla vita di tutti i giorni. Ci ribelliamo contro la tecnologia, sempre più complicata e contorta, contro i lettori DVD in cui ormai non si contano menu e funzioni o, ancora, contro i software che immancabilmente si accompagnano a veri e propri manuali di istruzioni.
L'iPod e il suo straordinario successo lo dimostrano: la semplicità, specie nell'era digitale, è la carta vincente. Uno studioso del MIT ha fatto di questo affascinante tema l'oggetto delle sue incessanti ricerche e ci propone qui un semplicissimo e tuttavia denso trattatello sulla semplicità, scritto per permettere ai lettori di comprenderne i fondamenti e di esplorarne i legami con il design, la tecnologia e la vita in generale.
Concepito secondo lo stesso criterio di semplicità, il libro di Maeda illustra le dieci leggi fondamentali di questo concetto, dalla più semplice ("Riduci") alla più complessa ("Semplicità significa sottrarre l'ovvio e aggiungere il significativo"): dieci leggi concentrate in poco più di cento pagine, di modo che anche la lettura e il tempo necessario a compierla siano all'insegna della semplicità e diano modo a chiunque di far proprie le linee guida di questa affascinante teoria anche durante la pausa pranzo o un volo di breve durata.
ed. Bruno Mondadori

29.10.2015 # 4366

Daria La Ragione // 0 comments

100 cose che ogni designer deve conoscere sulle persone

Susan M. Weinschenk

In "100 cose" scienza e ricerca sono combinate con esempi pratici per darvi una guida a cui nessun designer può rinunciare. Imparerete come realizzare progetti più intuitivi e interessanti, che si tratti materiale stampato, siti web, applicazioni o prodotti di altro tipo, che rispecchiano il modo di pensare, lavorare e giocare delle persone. Imparerete a creare design più efficaci, caratterizzati da maggiore convertibilità e usabilità, rispondendo a domande come: cosa cattura e mantiene l'attenzione su una pagina o una schermata?
Cosa permette di memorizzare le informazioni? Qual è più importante fra la visione centrale e quella periferica? Come si prevedono i tipi di errori che le persone faranno? Come si motivano le persone a procedere con il passaggio successivo?
Qual è la lunghezza migliore per una riga di testo? Esistono alcuni font migliori di altri? Queste sono solo alcune delle domande a cui il libro risponde nella sua approfondita esplorazione della psicologia umana.
Pearson

06.10.2015 # 4344

Daria La Ragione // 0 comments

Il lato oscuro della Rete

di Riccardo Meggiato

Sotto l’Internet che conosciamo grazie a Google e che navighiamo un clic dopo l’altro, si nasconde un’altra Rete: il Deep Web. Si tratta di un oceano di siti e servizi non rintracciabili con un normale motore di ricerca. Un mondo a sé stante, con regole particolari, che poco ha a che fare con il “Web tradizionale”, le sue leggi e i suoi controlli. Nel Deep Web l’anonimato regna sovrano, l’informazione è veramente libera e così il commercio e i traffici, anche e soprattutto, illegali. Luce e oscurità, buoni e cattivi: il Deep Web è questo e anche di più. Il libro è dedicato davvero a tutti: a chi è curioso, perché da queste parti si trovano chicche rarissime. A chi è in cerca di trasgressioni ed emozioni forti, perché il Deep Web è pieno zeppo di avventure spericolate. A chi fa informazione, perché le notizie sono di prima mano e senza censura. A chi vuole arricchirsi, perché qui esiste un’economia rivoluzionaria. Siete pronti a scoprire il lato oscuro della Rete?
Argomenti in breve
    •    Cos’è e come funziona il Deep Web
    •    Prima di entrare: 10 regole di sicurezza
    •    La porta di ingresso: Tor
    •    Gli strumenti di ricerca
    •    Ricerche (il)legali
    •    Il mercato del Bitcoin
    •    Comunicazioni anonime
Ebook di Apogeo

06.10.2015 # 4343

Daria La Ragione // 0 comments

Social Media ROI

Vincenzo Cosenza

Internet è il più misurabile dei media, tuttavia la mancanza di metriche condivise è uno scoglio contro cui chi pianifica iniziative di marketing attraverso i social media si scontra quotidianamente. Il rischio è quello di utilizzare in modo scorretto indicatori derivati da altri ambiti, come il tanto mitizzato ROI (Return On Investment), o di limitarsi a collezionare una serie di dati numerici di scarso valore, perché separati del contesto di riferimento o incomprensibili per i decisori aziendali che hanno poca familiarità con la Rete. La seconda edizione aggiornata di questo libro cerca di mettere a fuoco punti fermi: a partire dai dati relativi alla diffusione e all'uso dei social media in Italia, fino agli strumenti e le soluzioni per strutturare programmi di attività coerenti con le strategie di marketing e le funzioni aziendali. La misurazione di obiettivi e risultati diventa così il grimaldello per scardinare preconcetti sull'uso dei social media, la bussola per migliorare il lavoro all'interno dell'azienda, la guida per disegnare il percorso che porterà fan e follower a diventare consumatori soddisfatti e sostenitori fedeli del brand.

Argomenti in breve
    •    Comprendere il panorama di riferimento
    •    Analizzare le attività in Rete: dalla web analytics alla social media analytics
    •    Ascoltare la Rete per conoscere il mercato
    •    Costruire un framework per la misurazione
    •    Definire e integrare il valore di indicatori diversi
    •    Applicare metriche specifiche a seconda del social network
    •    Sviluppare policy e modelli di gestione per organizzazioni e aziende
    •    Ottimizzare le strategie di comunicazione
    •    Pianificare il social business

Ebook di Apogeo