alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 2 di 111
30.06.2017 # 4875

Daria La Ragione // 0 comments

Package design book

Julius Wiedemann

Il packaging è una forma d'arte sottovalutata. Poiché si tratta del primo dettaglio che colpisce l'occhio del consumatore, è in grado di influenzare le vendite di un prodotto. Ogni anno Pentawards rende omaggio all'arte del packaging conferendo una serie di riconoscimenti ai migliori design del mondo. I grafici partecipano in cinque categorie principali: bevande, cibo, prodotti per il corpo, prodotti di lusso, e altri mercati, per un totale di ben 44 sottocategorie. Con centinaia di opere selezionate, in questo volume troverete i vincitori Pentawards 2009–2012, la prova inequivocabile dalla creatività insita in ogni forma di packaging. Il saggio introduttivo, le descrizioni dei prodotti e una vasta quantità di immagini accompagnano il lettore alla scoperta del processo creativo e decisionale che coinvolge industrie e agenzie grafiche e si cela dietro la realizzazione di oggetti del nostro quotidiano. Questo volume, vera fonte d'ispirazione, non è dedicato solo ai professionisti del marketing e del grafic design, ma a chiunque sia interessato alla realizzazione di packaging. I curatori: Pentawards è il primo concorso a livello mondiale dedicato esclusivamente al packaging design in tutte le sue forme e aperto a chiunque operi nel settore. Oltre all'assegnazione dei premi, l'associazione si occupa anche di promuovere a livello mondiale una cultura del packaging design fra le aziende, i media, le autorità politiche ed economiche e il pubblico in generale. Julius Wiedemann ha studiato graphic design e marketing ed è stato art editor per varie riviste di design a Tokyo, prima di unirsi al team di TASCHEN nel 2001. Tra i numerosi titoli a suo nome spiccano Illustration Now. , le serie Record Covers, Information graphics, e diversi volumi sulla cultura pubblicitaria e dell'immagine.

Taschen

30.06.2017 # 4874

Daria La Ragione // 0 comments

CCCP.

Frédéric Chaubin

Nominato nel 2010 miglior libro sull'archittettura dall' International Artbook and Film Festival a Perpignan, in Francia, il volume Cosmic Communist Constructions Photographed del fotografo Frédéric Chaubin ci accompagna alla scoperta di 90 edifici situati in quattordici ex-repubbliche dell'Unione Sovietica. Secondo la definizione del fotografo, ciascuna di queste strutture è espressione della quarta epoca architettonica sovietica, il fenomeno di imborghesimento che avvenne tra il 1970 e il 1990, finora rimasto nell'ombra. A differenza degli anni '20 e '50 quest'epoca non è caratterizzata dalla nascita di “scuole” e correnti ufficiali. Gli edifici costituiscono un impulso disordinato dettato da un sistema in declino. Approfittando dello sfacelo della struttura monolitica, gli architetti si spinsero ben oltre il modernismo, optando per un ritorno alle radici oppure un'innovazione senza freni. Alcuni dei più audaci realizzarono progetti che nemmeno i costruttivisti avevano osato sognare (Družba Sanatorium a Yalta), altri diedero sfogo alla loro fantasia tramite tecniche espressioniste (Palazzo dei Matrimoni a Tbilisi). E ancora, gli edifici del campo di detenzione per minori, ispirati alle bozze di un prototipo di base lunare, rivendicano l'influenza suprematista (campo della gioventù Prometheus, Bogatyr). Fino ad arrivare all'“architettura parlante” tipica degli ultimi anni dell'URSS: un crematorio decorato con fiamme di cemento (Crematorium, Kiev), l'istituto delle scienze con il disco volante atterrato sul tetto (Istituto di ricerca e sviluppo, Kiev), la sede della vita politica che osserva la città come il Grande Fratello (Casa dei Soviet, Kaliningrad). In un calderone di stili e soluzioni bizzarre, questi edifici costituiscono le incredibili rovine di un sistema in ginocchio. Grazie alle peculiarità appartenenti a ogni regione, mettono inoltre in luce la vasta geografia dell'Unione Sovietica, nonché la sua fine imminente, le crepe nel sistema. Al tempo stesso, testimoniano le aspettative ideologiche dell'epoca, dall'ossessione nei confronti dello cosmo, fino alle speranze di riacquisire un'identità. L'autore: Negli ultimi quindici anni Frédéric Chaubin è stato capo redattore della rivista di lifestyle francese Citizen K. È autore di opere che uniscono la fotografia e contributi editoriali dal 2000. La sua ricerca per il volume CCCP, iniziata nel 2003 ed è terminata nel 2010, rappresenta un vero e proprio viaggio dettato dall'intuito e dalla creatività. Questo progetto è stato oggetto di mostre in tutto il mondo, dal Giappone agli Stati Uniti.

Taschen

10.06.2017 # 4861

Daria La Ragione // 0 comments

Vera fotografia. Reportage immagini incontri

Gianni Berengo Gardin

Vera fotografia è il timbro che autentica il retro di ogni stampa fotografica di Gianni Berengo Gardin. Ma è soprattutto la chiave per farci comprendere quanto le sue immagini siano "vere" e non "illustrazioni", come direbbe lui. Non frutto di elaborate manipolazioni, ma frammenti di realtà colti da uno sguardo attento e partecipe. Dalla Venezia degli anni Cinquanta (la sua città) fino alle fotografie più recenti dedicate alle Grandi Navi nella Laguna, il percorso del volume, e della mostra collegata, è insieme tematico e filologico. E dal momento che le opere di Berengo Gardin hanno raccontato un'epoca e costruito una visione, alcuni testimoni eccellenti (intellettuali, colleghi, registi, artisti, architetti...) hanno scelto e commentato ognuno una fotografia diversa, estratta dall'immenso archivio. Le 24 immagini commentate permettono ancor di più di ragionare sul valore della testimonianza sociale ed estetica di un grande maestro italiano.

Contrasto

09.06.2017 # 4862

Daria La Ragione // 0 comments

Edward Weston

Manfred Heiting, Terence Pitts

Sono pochi i fotografi che hanno lasciato un corpus di opere vasto quanto quello di Edward Weston (1886-1958). Dopo un decennio di successi nell'ambito della fotografia pittoricista, Weston divenne il pioniere di una nuova scuola caratterizzata da una rappresentazione precisa e diretta, la "Straight Photography". Tra gli anni '20 e '40 fu un artista di primo piano e diede un notevole impulso al progresso dell'arte fotografica. I suoi lavori sono veri monumenti, spesso intrisi di un sensuale realismo. Qualunque sia il soggetto un vegetale, un paesaggio, una conchiglia o un corpo nudo - l'obiettivo di Weston riesce a catturarne l'essenza vitale e formale.

Taschen

28.05.2017 # 4855

Daria La Ragione // 0 comments

Stieglitz. Camera work.

Pam Roberts

Fotografo, scrittore, editore e curatore Alfred Stieglitz (1864-1946) era un visionario in anticipo sui tempi. Nel 1903 iniziò a pubblicare Camera Work, una rivista d'avanguardia che dava voce - con parole e immagini - al movimento da lui fondato, la Photo Secession. Fu la prima rivista di fotografia a fare proprio un punto di vista estetico piuttosto che tecnico, presentando riproduzioni di altissimo livello stampate su tessuto giapponese. Questo libro presenta una selezione delle migliori opere tratte dai primi 50 numeri.

Taschen