alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi Avanzati GRAFICA | FOTOGRAFIA | PHP | MOBILE APP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Concorsi // Pagina 1 di 281
25.05.2018 # 5052

Daria La Ragione // 0 comments

A NEW IMAGE FOR PINOCCHIO

scadenza: 20 giugno 2018

Volto sorridente, naso di legno e cappello a punta: pochi tratti, ma sufficienti per evocare l’immagine della marionetta più famosa al mondo. Pinocchio, il burattino destinato a trasformarsi in “ragazzo vero”, è senza dubbio uno dei personaggi di fantasia ad avere maggiormente influenzato cultura ed immaginario collettivo degli ultimi 2 secoli.

Dai bozzetti d’epoca ai classici Disney, passando per le infinite articolazioni visive che si sono date del burattino, Pinocchio è certamente uno dei personaggi più inconfondibili e rappresentati del patrimonio letterario internazionale.

Ma fra i tanti e meravigliosi “pinocchi” disegnati nei secoli dalla mano di artisti, solo uno, sugli altri, può vantare un primato di ufficialità: quello adottato dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi, l’istituto italiano orientato a custodire ed alimentare nel mondo la meraviglia di una storia che ha affascinato adulti e bambini di ogni generazione.

Casacca rossa, un cappello bianco di mollica di pane, pantaloni corti verdi ed un lungo naso a punta: tale l’interpretazione elaborata da Attilio Mussino e da oltre 50 anni proposta dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi: una rappresentazione coerente alla versione proposta da Enrico Mazzanti – illustratore della prima edizione in volume di Pinocchio nel 1883 -, ma rimasta inalterata rispetto allo scorrere dei tempi, e all’evoluzione dei gusti e dei linguaggi visivi.

I bambini di oggi non sono più quelli di ieri e per simile ragioni, in concomitanza al progetto “Collodi Capitale Europea dell’Infanzia” la Fondazione Carlo Collodi è lieta di presentare al mondo “A New Image for Pinocchio”: un concorso epocale, destinato a definire una nuova interpretazione visiva del magico burattino, ridefinendo anche il logo ufficiale della Fondazione che lo rappresenta.

Attraverso il concorso, grafici e creativi avranno l’opportunità unica di determinare quella che, per i prossimi anni, sarà l’immagine ufficiale di Pinocchio -autentico patrimonio dell’umanità- e così entrare nei sogni e immaginazione di milioni di bambini per avvicinare il personaggio alla sensibilità delle giovani generazioni, pur mantenendo quei tratti inequivocabili che da secoli lo rendono uno dei personaggi più amati e famosi di sempre.




25.05.2018 # 5051

Daria La Ragione // 0 comments

Insegne: parole e immagini d’Italia

scadenza: 17 settembre 2018

Il Settore Cultura del Comune di Venezia, Iin collaborazione con Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea, lancia un concorso per una indagine fotografica della “cultura delle insegne” del territorio italiano e della Città Metropolitana di Venezia, fra il centro e le periferie, per leggere il territorio attraverso parole e immagini.

Questa proposta nasce dalla mostra No Fashion Places of America di Yuri Catania, ospitata da novembre 2018 al Centro Culturale Candiani, un progetto che cataloga minuziosamente i messaggi che pervadono l’ambiente statunitense.

Dalle insegne metropolitane a quelle negli angoli più remoti della provincia, dai cartelloni giganteschi che reclamizzano pneumatici alle insegne dei Motel, o le lavagne con gli annunci più svariati: spettacoli di Broadway, massime ispirazionali, slogan elettorali, fino ai messaggi “artigianali”, realizzati a mano -quasi una sorta di versione antesignana dei post sui social network, dal contenuto curioso e a tratti surreale.

Possono partecipare i fotografi under 35, senza limitazioni di nazionalità o residenza, individualmente o in gruppo.

Il concorso si sviluppa in due sezioni: Territorio italiano e Città Metropolitana di Venezia.

Territorio italiano: sono ammessi tutti i progetti che includano o abbiano come soggetto insegne, scritte, messaggi, slogan etc in luoghi urbani o extraurbani del territorio della Repubblica Italiana, Repubblica di San Marino e la Città del Vaticano. Premio: 500 euro ed esposizione delle opere in una mostra da novembre 2018 al Centro Culturale Candiani

Città Metropolitana di Venezia: sono ammessi tutti i progetti che includano o abbiano come soggetto insegne, scritte, messaggi, slogan etc in luoghi urbani o extraurbani del territorio della Città Metropolitana di Venezia. Premio: 500 euro ed esposizione delle opere in una mostra da novembre 2018 al Centro Culturale Candiani



15.05.2018 # 5040

Daria La Ragione // 0 comments

FABER 2018

scadenza: 25 giugno 2018

Faber nasce a Torino nel 2007. Giunto alla sua quinta edizione, da 10 anni favorisce l’incontro tra giovani capaci di elaborare linguaggi e contenuti innovativi, nei campi della creatività digitale e le imprese e le organizzazioni potenzialmente interessate alle loro competenze. 

Il progetto è stato ideato per  promuovere la conoscenza e la diffusione di mezzi e strumenti legati alla creatività digitale come risposta  alle nuove sfide sociali e imprenditoriali. Faber si basa sull’idea che creatività, innovazione e impresa siano alla base della trasformazione virtuosa e resiliente delle città. 

Come sempre Faber si sviluppa in due momenti:

un concorso nazionale, aperto tra il 28 marzo e il 25 giugno 2018, che permette a giovani attivi nei campi di live action e animazione, visual e graphic design; gaming, realtà aumentata e realtà virtuale; web, app e IoT ecc. di farsi conoscere e scegliere dalle imprese e dai  partner di progetto;

un premio che consiste nella partecipazione al Fabermeeting, che si svolgerà il 26 e il 27 ottobre 2018, un salone rivolto ai vincitori del concorso, una due giorni di incontri, workshop e seminari, finalizzati all’incontro e la collaborazione tra vincitori e aziende, all’interno del quale saranno attribuiti premi sotto forma di denaro, servizi, beni ecc.


Le sezioni di concorso sono quattro:

1- Live action e animazione 
2-Visual e graphic design 
3-Gaming, Realtà Aumentata e Realtà Virtuale 
4-Siti e piattaforme Web, app e IoT 



15.05.2018 # 5039

Daria La Ragione // 0 comments

Brand identity del Sistema Museale Veronese

scadenza 4 giugno 2018

Il sistema museale a Verona sta vivendo una fase di profondi cambiamenti e alla fine del 2017 l'Amministrazione Comunale ha scelto di raccogliere tutti i musei civici sotto un'unica figura di Dirigente, con l'obiettivo di arrivare in futuro ad una completa unità, con trasversalità ed ottimizzazione delle funzioni, pur salvaguardando la natura e la percezione interna ed esterna dei singoli musei. Tale evoluzione deve riflettersi nell'immagine grafica dei Musei Civici di Verona. 

Si richiede la progettazione di: 

- un NOME che esprima la realtà dell'attuale Sistema Museale Veronese. 

- un MARCHIO; 

- una BRAND IDENTITY 

Nome, marchio e brand identity dovranno tenere conto del posizionamento e dell’identità dei diversi musei di cui il nuovo brand è coordinatore e “contenitore”. Per le sedi attualmente senza logo (Anfiteatro Arena e Museo Lapidario Maffeiano) se ne richiede l’elaborazione.



10.05.2018 # 5033

Daria La Ragione // 0 comments

Progetto grafico e artistico per la decorazione della carta da parati di Villa d'Este

scadenza: 1 luglio 2018

Bando per la realizzazione di un progetto grafico ed artistico per la decorazione della carta da parati da applicare all’interno degli uffici del sito di Villa d’Este.

Nell’ambito del più ampio progetto di rilancio del sito monumentale di Villa d’Este, in un’ottica di sempre maggiore integrazione dello stesso con il tessuto artistico e culturale di riferimento, l’Istituto intende procedere alla realizzazione di uno o più progetti grafici e artistici per la decorazione della carta da parati  da applicare sulle superfici parietarie degli uffici ivi ubicati.

Il progetto si affianca al recupero  dell’appartamento del musicista Franz Liszt, di cui si conserva uno studiolo rivestito dell’originaria tappezzeria, contiguo ai suddetti locali.

Al vincitore sarà corrisposto l’importo di € 3000. per ciascun ambiente.ù