alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Concorsi // Pagina 14 di 273
18.12.2015 # 4417

Daria La Ragione // 0 comments

Riprenditi la città, Riprendi la luce

scadenza 19 marzo 2016

Dopo il successo delle scorse edizioni del concorso video “Riprenditi la città, Riprendi la luce”, che ha visto la partecipazione di tantissimi video, tra i quali molti di grande qualità, AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione) lancia la terza edizione.

Un’iniziativa che si propone di divulgare la “cultura della luce”, partendo proprio dai giovani, per stimolare in loro l’importanza che questo elemento riveste nella loro vita quotidiana e per conoscere e capire come i giovani, proprio attraverso la luce, interagiscono con la città dove vivono, studiano o lavorano.

Anche in questa III edizione i protagonisti sono i giovani under 30, la luce e la città. Il video lo strumento per raccontarli: un breve filmato di 60 secondi che potrà essere girato con qualsiasi dispositivo mobile quali tablet, smartphone, videocamera, macchina fotografica, etc…

Il concorso chiede ai tanti giovani videomaker e non solo, sempre più appassionati di questi mezzi, di rappresentare la luce nella sua quotidianità di spazio/tempo attraverso il loro sguardo attento e curioso e la loro sensibilità.

Per il valore del messaggio e delle tematiche coinvolte il concorso anche quest’anno ha avuto il patrocinio di importanti Istituzioni e Università. Questa nuova edizione si caratterizza anche per una particolare attenzione verso le tematiche della sostenibilità ambientale attraverso l’introduzione di una categoria apposita “Luce e Ambiente” dove è possibile raccontare il rapporto tra la luce e l’ambiente anche in termini di attenzione alla sostenibilità e al risparmio energetico.

Inoltre in questa III edizione si aggiunge un altro importante strumento per raccontare la luce e le sue emozioni: le parole che nella nuova categoria “Luce e Parole” diventano anch’esse un elemento fondamentale di narrazione.


07.12.2015 # 4407

Daria La Ragione // 0 comments

SPIM Brand Contest

scadenza 10 gennaio 2016

SPIM spa, con la collaborazione di Talent Garden Genova, indice un contest per creare la propria nuova immagine coordinata: un logo ed un payoff che rappresentino il futuro di una città in rinnovamento.


Il contest vuole offrire a tutti i creativi la possibilità di partecipare alla scelta dei segni identificativi che rendano SPIM spa riconoscibile come il protagonista del mercato economico ed immobiliare locale, nazionale ed internazionale.


Descrizione del Contest

Il contest ha come finalità la realizzazione di marchio-logotipo, immagine coordinata e payoff (slogan/descriptor), nell’ottica di ottimizzare e potenziare la comunicazione e l’immagine, soprattutto a fini commerciali della società SPIM, in chiave di impatto comunicativo e di innovazione.


Il logotipo/marchio e payoff saranno utilizzati per la comunicazione sviluppata dalla SPIM negli ambiti del marketing territoriale, eventi, azioni e iniziative diverse di promozione della società, eventuale oggettistica, merchandising e ambiti connessi, attraverso tutti i canali e/o mezzi di comunicazione: stampa, depliantistica, pubblicazioni, affissioni statiche e dinamiche, segnaletica, pannellistica, poster, mezzi televisivi, radiofonici (per quanto riguarda il payoff), comunicazione web e attraverso tutti i “new media”, e attraverso altri canali e/o mezzi eventualmente disponibili.

Per partecipare al contest è necessario iscriversi su Starbytes.it e seguire le linee guida del sito ed il regolamento in allegato.

A questo contest possono partecipare tutti gli iscritti a Starbytes e nuovi iscritti che rispettino i requisiti imposti dal regolamento di Starbytes accettato in fase di iscrizione (maggiore età, ecc...).


Dovendo registrare il marchio chiediamo ai partecipanti che tutti gli elementi inseriti nel logo (icone, immagini, tratti...) siano assolutamente inediti e originali (come previsto dalle linee guida di Starbytes e riportato in questo link http://blog.starbytes.it/utilizzo-di-stock-images-e-file-vettoriali-esistenti-nei-logo-contest-di-starbytes/).



07.12.2015 # 4406

Daria La Ragione // 0 comments

Logo slogan e immagine grafica per il turismo di Cervia

scadenza 21 dicembre 2015

Il concorso è istituito al fine di creare un marchio-logotipo, 4 claim e l’immagine coordinata per la comunicazione e promozione delle destinazioni turistiche del comune di Cervia, quindi incluse Milano Marittima, Pinarella e Tagliata.

Il logo, i claim e l’immagine coordinata verranno utilizzati sugli strumenti di comunicazione che il Comune sceglierà.


23.11.2015 # 4398

Daria La Ragione // 0 comments

Concorso di idee "Distretto Turistico Gran Sasso"

scadenza 11 dicembre 2015

Il concorso ha come finalità l’ideazione del naming, del logotipo/marchio, del pay-off e di tutta l’immagine coordinata per la comunicazione, la promozione e in generale il marketing territoriale del “Distretto Turistico del Gran Sasso d’Italia”.
Il logotipo/marchio dovrà esprimere e riflettere gli aspetti ed elementi fondamentali del brand Abruzzo.
La proposta dovrà tenere conto delle linee attuate dalla Regione Abruzzo in merito ai Cluster di Prodotto turistico e al Brand regionale oltre alle logiche dei marchi e delle identità locali afferenti al territorio del Distretto, esprimendo sintesi di tutte le caratteristiche e anime del territorio.

23.11.2015 # 4397

Daria La Ragione // 0 comments

TOTALLY LOST

scadenza 31 dicembre 2015

Spazi Indecisi e la Rotta Culturale “ATRIUM – Architecture of Totalitarian Regimes of the XX Century in Europe’s Urban Memory”lanciano la seconda edizione di TOTALLY LOST: un’esplorazione fotografica e video per mappare l’eredità architettonica deitotalitarismi  del 20° secolo in Europa, oggi in abbandono.
Attraverso le lenti di fotografi, videomakers ed esploratori urbani Totally Lost aspira a svelare come certi edifici del passato non siano “totalmente perduti” bensì rappresentino frammenti del paesaggio odierno in relazione continua con chi li osserva.
Qual è il rapporto di questi luoghi in abbandono con la città che attorno vive e muta? Come la loro posizione nel contesto urbano o naturale comunica allora come oggi potere? Trasformandosi in spazi di ricerca artistica e creativa, potranno mai essere incubatori per nuovi e democratici contenuti?
Traendo ispirazione da queste domande, l’edizione 2015 si prefigge di ampliare e arricchire la mappatura realizzata grazie ai materiali pervenuti durante la prima edizione del contest, oltre a proseguire nell’intento di rilettura critica di un patrimonio architettonico dall’indiscusso valore oggettivo.