alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 169 di 220
14.10.2009 # 1205
Foligno (PG) | Spazio, Tempo, Immagine | Fino al 31 gennaio 2010

Ilas Web Editor // 0 comments

Foligno (PG) | Spazio, Tempo, Immagine | Fino al 31 gennaio 2010

Fino al 31 gennaio 2010

Foligno torna a essere un centro di cultura attiva. Apre infatti al pubblico il Centro Italiano d'Arte Contemporanea, un nuovo spazio espositivo nel cuore della città umbra, realizzato grazie alla sinergia del Comune di Foligno, della Regione Umbria, della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno e della Cassa di Risparmio di Foligno, con la mostra Spazio, Tempo, Immagine, curata da Italo Tomassoni e coordinata da Diora Fraglica, in programma dal 15 novembre 2009 al 31 gennaio 2010.
L'evento riprende, a oltre quarant'anni di distanza, l'iniziativa dal titolo Lo spazio dell'immagine, tenutasi nel 1967 nei saloni di Palazzo Trinci, che ha segnato l'identità di questa città nel suo rapporto con l'arte contemporanea e che sovvertiva il rapporto che legava l'opera d'arte e lo spazio che le conteneva, presentando, per la prima volta al mondo, un insieme composto unicamente da ambienti ideati dagli artisti .
Da quel momento, sarebbero saltati i vecchi parametri che avevano, fino ad allora, regolato le vicende artistiche segnando gli indirizzi futuri dell'arte moderna.
L'esposizione venne curata da un gruppo di storici dell'arte formato da Umbro Apollonio, Giulio Carlo Argan, Palma Bucarelli, Maurizio Calvesi, Germano Celant, Gillo Dorfles, Christopher Finch, Udo Kultermann, Giuseppe Marchiori, Lara Vinca Masini.

15.10.2009 # 1211
Foligno (PG) | Spazio, Tempo, Immagine | Fino al 31 gennaio 2010

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Pierre Gonnord - Mandicanti | Fino al 22 novembre 2009

Fino al 22 novembre 2009


La mostra a FORMA presenta 12 opere dell' artista, per il quale il ritratto è lo sguardo dell'altro che si articola nella totalità del suo viso. Gonnord intitola le proprie fotografie associando loro il nome dei suoi modelli. Nella sua arte c'è molto della tradizione spagnola: la forza psicologica, la profondità nel volto e nello sguardo. Senza allontanarsi minimamente dalla realtà, ma con una certa astrazione tra l'oggetto vivo e l'opera d'arte.
Fotografo francese (Cholet, 1963) residente a Madrid dal 1988, Pierre Gonnord è uno dei principali esponenti dediti al ritratto nella fotografia contemporanea, ha esposto il suo lavoro in varie città in Spagna, Francia, Portogallo e Stati Uniti. Il suo lavoro è stato riconosciuto dalla critica come una delle più intense dimostrazioni di ritrattistica contemporanea. Nel 2007 è stato insignito con il Premio per la Cultura della Regione Madrid nelle Arti Plastiche. La sua opera è caratterizzata dalla qualità dei suoi ritratti e dal metodo di lavoro assai intimo. Concepisce la fotografia come un dialogo. L'incontro iniziale può capitare in qualunque luogo: nella metro, in un bar, per strada, a Parigi, Tokio o Mosca. Dopo, il dialogo prosegue nello studio sotto forma di sessione fotografica.

14.10.2009 # 1209
Foligno (PG) | Spazio, Tempo, Immagine | Fino al 31 gennaio 2010

Ilas Web Editor // 0 comments

Firenze | Realtà Manipolate | Fino al 17 gennaio 2010

Fino al 17 gennaio 2010

23 artisti internazionali testimoniano nuovi modi di raffigurare la realtà. Un percorso che raccoglie fotografie e video per raccontare quanta verità ci sia in quello che viene visto e rappresentato.

A Firenze, dal 25 settembre 2009 al 17 gennaio 2010, al CCCS - Centro di Cultura Contemporanea Strozzina - Fondazione Palazzo Strozzi è in programma la mostra REALTÀ MANIPOLATE. Come le immagini ridefiniscono il mondo.

L'esposizione, nata da un progetto del CCCS, con la consulenza scientifica di Brett Rogers (direttore della Photographers' Gallery di Londra), Luminita Sabau (direttrice della collezione di fotografia contemporanea DZ Bank, Germania), Martino Marangoni (direttore della Fondazione Marangoni di Firenze) e Franziska Nori (project director del CCCS), focalizzerà la propria attenzione sul significato del termine 'realtà' nelle ricerche artistiche contemporanee che sviluppano diverse possibilità visive di rappresentare il mondo nell'ambiguità tra reale e verosimile, concreto e apparente, presente e passato.

Le diverse discipline scientifiche hanno già definito un cambiamento paradigmatico, affermando che il "mondo reale" non esiste come categoria autonoma, ma come mera proiezione, come costruzione dell'individuo, benché, nella vita quotidiana, si tenda ancora a elevare i concetti di realtà e verità al rango di fattori oggettivi, che sono alla base delle nostre azioni e dei nostri convincimenti.

14.10.2009 # 1208
Foligno (PG) | Spazio, Tempo, Immagine | Fino al 31 gennaio 2010

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Steve McCurry | fino al 31 gennaio 2010

fino al 31 gennaio 2010

Steve McCurry (Philadelphia, 1950), uno dei grandi maestri della fotografia del nostro secolo, giunge a Palazzo della Ragione, nel cuore di Milano, dall'11 novembre 2009 al 31 gennaio 2010, con una mostra unica nel suo genere, dedicata ai 30 anni più intensi della sua carriera.

La mostra - promossa dal Comune di Milano, prodotta da Palazzo Reale e Civita, ideata e curata da Tanja Solci - propone un'eccezionale raccolta di quasi 200 scatti che accompagnano il visitatore in un racconto, che si snoda in un percorso dove volti, colori, paesaggi e luci, pervasi da una magica atmosfera, segnano l'identità di paesi come l'Afghanistan, l'India, il Tibet, la Birmania, colti attraverso l'obiettivo di uno dei maestri del fotogiornalismo, premiato già due volte con il World Press Photo Awards, il premio Nobel della fotografia.

14.10.2009 # 1207
Foligno (PG) | Spazio, Tempo, Immagine | Fino al 31 gennaio 2010

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | Cristina Iglesias | Fino al 7 febbraio 2010

Fino al 7 febbraio 2010

Dal 30 settembre 2009 al 7 febbraio 2010, gli spazi della Fondazione Arnaldo Pomodoro in via Solari si apriranno alle opere di Cristina Iglesias (San Sebastián, 1956), una delle voci più originali della scultura contemporanea internazionale, nella sua prima personale italiana.
La mostra, curata da Gloria Moure, presenterà una serie di 19 opere, alcune di grandi dimensioni, provenienti dalla sua collezione personale e da collezioni pubbliche e private quali il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, la Fundacion la Caixa di Barcellona, la Marian Goodman Gallery di New York, in grado di ripercorrere la produzione recente di Cristina Iglesias, dagli inizi degli anni '90, cui appartengono lavori come soffitti pendenti e abitazioni ai giorni nostri, con opere che saranno prodotte appositamente per questa occasione. Fa eccezione la Fontana, pensata appositamente per questa mostra e un tetto di fibra naturale che risulterà parte della collezione permanente della Fondazione.
Lo scopo è quello di creare un enorme labirinto, capace di generare un'esperienza di magia vitale in cui s'incontrano l'acqua, la terra, la luce, l'architettura dei chiostri, i cunicoli dei giardini di bronzo fatti di vegetali solidificati e resi eterni, piante vive, ombre gettate da superfici di alabastro, trasparenze di vetri colorati e altro ancora.

14.10.2009 # 1206
Foligno (PG) | Spazio, Tempo, Immagine | Fino al 31 gennaio 2010

Ilas Web Editor // 0 comments

Pisa | Chagall e il Mediterraneo | Fino al 17 gennaio 2010


Fino al 17 gennaio 2010


Dal 9 ottobre 2009 al 17 gennaio 2010, le sale di Palazzo Blu sul Lungarno, ospitano la mostra CHAGALL E IL MEDITERRANEO.
Con questa iniziativa prende avvio il programma che caratterizzerà le attività espositive della nuova istituzione - BLU palazzo d'arte e cultura - creata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa, col fine di essere un rilevante punto di riferimento per le proposte culturali pisane.
Chagall e il Mediterraneo è infatti la prima di un ciclo triennale di mostre dedicato ai grandi protagonisti dell'arte del Novecento e al loro rapporto con le tradizioni, la luce e le culture del Mediterraneo e che vedrà protagonista, nell'autunno 2010, Joan Miró.