• Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 165 di 218
08.12.2009 # 1228
Lucca | Richard Avedon | In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable e altri scatti celebri

Ilas Web Editor // 0 comments

Lucca | Richard Avedon | In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable e altri scatti celebri

Fino al 08/12/09

Dopo aver lavorato per i più grandi magazine di moda del mondo, come Vogue e Harper's Bazar, il fotografo Richard Avedon si staccò dal mondo della moda il 6 novembre 1995 pubblicando una mostra fotografica intitolata In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable, in cui vengono raccontati due personaggi suggestivi e opposti : la modella Nadja Auermann che interpreta Mrs Comfort, esaltata al massimo dal colore nella sua vanità e uno scheletro, che interpreta Mr Comfort, che per quanto elegante e ben vestito, resta sempre uno scheletro, ben poco fashion e molto inquietante. Appare chiara la critica al mondo della moda, in questa sua messa in scena tra glamour e morte, decadenza estrema e vanità esasperata, colori sgargianti che mettono ancora più in evidenza l'onnipresenza della morte. L'ambientazione è surreale, tra ruderi, devastazione, specchi rotti. Qui abbandona il consueto bianco e nero per rinforzare il suo messaggio attraverso il colore in un progetto allestito in due anni assieme alla collaborazione di grandi stilisti come Jean Paul Gaultier, Christian Lacroix, Karl Lagerfeld. Ci sono inoltre anche altri scatti dell'epoca d'oro della fotografia di moda che sono considerati veri e propri capolavori. Avedon è stato importante perché ha rivoluzionato il linguaggio della fotografia di moda portando le modelle fuori dagli atelier, superando le pose statiche e manierate e introducendo uno stile diverso, più fresco e giovane, con fotografie in movimento. Diventò il fotografo di moda più famoso e imitato e pietre miliari restano, negli anni sessanta, le foto che hanno creato il culto della celebrità intorno alle modelle, che prima di allora non erano altro che "manichini" da vestire. Jean Shrimpton, Lauren Hutton, Twiggy, Penelope Tree e Veruschka sono solo alcuni dei nomi resi celebri da Avedon, cui seguirà il periodo delle super Top Model e culminerà, alla fine, proprio con il suo distacco da questo mondo con la mostra In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable, ospèitata fino all'otto dicembre presso il Palazzo Ducale di Lucca nell'ambito del Lucca Digital Photo Fest e in collaborazione con la Staley Wise Gallery di New Jork.

08.12.2009 # 1164
Lucca | Richard Avedon | In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable e altri scatti celebri

Ilas Web Editor // 0 comments

Parma | FUTURISMO ! - da Boccioni all'Aeropittura | Fino al 8 dicembre 2009

Fino al 8 dicembre 2009

Tutti i protagonisti del Futurismo, fra i più grandi creativi del Novecento, si ritrovano, dal 6 settembre all'8 dicembre 2009, alla Fondazione Magnani Rocca nella grande mostra "FUTURISMO! da Boccioni all'Aeropittura".
L'esposizione propone, per la prima volta tutti insieme in Emilia Romagna, capolavori di Boccioni, Balla, Severini, Sironi, Soffici, Russolo, Depero, Prampolini, sculture, ceramiche, libri futuristi (il libro imbullonato di Depero, il libro di latta di D'Albisola), figurini di abiti futuristi, fino alle opere di aeropittura di Dottori, Crali, Fillia, Tato. Una sezione di arte pubblicitaria futurista arricchisce la mostra documentando una formidabile inventiva anche in questo ambito creativo, di inalterato impatto comunicativo.
Oltre alla presenza nella collezione permanente della Magnani Rocca di una importante opera futurista come Danseuse Articulée (1915) di Severini, la performance di Filippo Tommaso Marinetti al Teatro Regio di Parma nel dicembre 1906 con la recita di "Ode à l'automobile" (in francese) costituisce una ragione particolarmente motivante per l'organizzazione della mostra. L'Ode di Marinetti, infatti, trattando il tema della divinizzazione del mezzo meccanico e dell'ebbrezza siderale della velocità, può essere a ragione considerata uno dei primi segnali della successiva nascita del movimento futurista, evidenziando spirito e analogie confluiti organicamente nel Manifesto del Futurismo del febbraio 1909 (prima emiliano con la pubblicazione nella Gazzetta dell'Emilia, poi parigino con Le Figaro), proprio un secolo fa. 
La mostra "FUTURISMO!" riunisce oltre cento opere spiccatamente innovative e sorprendenti che, partendo dagli antefatti divisionisti, offrono del primo e secondo Futurismo una visione estesa e aderente alla sequenza creativa dei manifesti del movimento, dalla teorizzazione della valenza estetica del dinamismo e della simultaneità del primo periodo, alla rappresentazione della meccanizzazione giocosa della figura umana e del suo contesto degli anni venti, fino all'aeropittura degli anni trenta, basata sulla visione emozionale del paesaggio da un aereo in volo.
Collegato al tema dell'aeropittura, la mostra intende celebrare anche un secondo centenario: il 2009, infatti, vede anche i cent'anni dai primi voli aerei in Italia.

06.12.2009 # 1245
Lucca | Richard Avedon | In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable e altri scatti celebri

Ilas Web Editor // 0 comments

Miami | Art Basel 2009 | Miami Beach

Fino al 06/12/2009

Torna la fiera d'arte più prestigiosa del mondo con 2000 artisti proposti dai 250 espositori più importanti della scena artistica contemporanea. Non mancheranno certo le gallerie italiane, per le quali questa incredibile fiera è una vetrina enorme. Il direttore della fiera, Mark Spiegler, ha spiegato che per attirare un pubblico giovane è stata coinvolta l'artista emergente americana Pae White che ha ridisegnato l'Oceanfront, ovvero un'area dedicata ai progetti pubblici più innovativi, dove è possibile sperimentare. In questa grande kermesse le gallerie italiane puntano soprattutto sugli artisti internazionali, a cominciare da Lia Rumma con Vanessa Beecroft e Thomas Ruff, Stein con Kounellis, Paladino e Pistoletto. La galleria Continua propone le istallazioni politiche del cinese Chen Zhen, Raffaella Cortese le opere fotografiche di dell'olandese Roni Horn, mentre la galleria Artiaco punta sullo svizzero Thomas Hirschhorn. La galleria Kauffmann propone invece Pae White e la Prometeo Gallery punta sulla guatemalteca Regina Cosè Galindo. Soltanto la gallerie Soffiantino, Magazzino d'arte modera, T293 e Zero puntano sugli emergenti. Tra le gallerie internazionali spiccano la Gallery Bernier / Eliades di Atene con Ry Rocklen, la Niels Borch Jensen Editions & Gallery di Berlino con Olafur Eliasson, la Galleria Luciana Brito di san Paolo con Waldemar Cordeiro & Geraldo de Barros, la Galerie Haas & Fuchs di Berlino con George Grosz, la Barbara Mathes Gallery, New York con Fausto Melotti, The Paragon Press di Londra con Anish Kapoor, ma l'elenco è lungo. Non è dato sapere al momento chi vincerà questa incredibile fiera mondiale dell'arte, una cosa è certa, la tendenza di massima, tra le sculture luminose di Pae White e i collage di Thomas Hirschhorn sembra essere l'audacia.

04.12.2009 # 1256
Lucca | Richard Avedon | In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable e altri scatti celebri

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | L'impero dei sensi | Gregg Baker

Fino al 23/12/2009

Il Giappone è tornato di moda. Nel corso degli ultimi due secoli, il disegno e l’arte giapponese sono spesso state al centro di tendenze e costumi che hanno dato un segno incisivo nel design e nell’arte occidentale. Basta pensare all’Art Nouveau, ai tipici segni e colori che rimandavano a certe stampe giapponesi ottocentesche. In questa mostra ospitata alla galleria Old English Forniture, Gregg Baker porta una mostra intitolata come un omonimo film, L’impero dei sensi. Il desiderio di realizzare una mostra con questo titolo, pare sia affiorato spesso nella mente di Baker che dalla Gregg Baker Asian Art di Londra ha portato fino al 23 dicembre questa mostra nella galleria di Milano. I sensi, quindi, sono al centro della mostra, in un contesto, come quello giapponese in cui l’estetica è importantissima e anela alla perfezione, anche dei sensi, in maniera completa. La sensualità viene infatti narrata attraverso molteplici forme, rituali e creature che la rappresentano, continuamente stimolata, in un contesto caratterizzato da una forte coscienza del divenire quotidiano. I sensi come lessico quotidiano, appunto, fatto di modi di vestire, di mangiare, di scrivere, tutto mostrato in base a questo criterio in cui primeggia l’estetica dei gesti e della forma, vera ossessione del mondo giapponese.

29.11.2009 # 1229
Lucca | Richard Avedon | In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable e altri scatti celebri

Ilas Web Editor // 0 comments

Trieste | SCIENCE + FICTION | FESTIVAL DELLA FANTASCIENZA

FINO AL 29/11/09

 


Tra proiezioni, conferenze e musica prosegue la kermesse di Trieste dedicata al rapporto tra cinema e fantascienza. Quest'anno i temi affrontati saranno la fusione tra arte, scienza e tecnologia e il quarantesimo anniversario del viaggio sulla Luna. Al centro della manifestazione ci sono i mondi del fantastico, i linguaggi sperimentali e le nuove tecnologie per il cinema, la televisione, le arti visive e dello spettacolo.

Molti gli eventi proposti, come la presenza di Patrick Alessandrin, regista di Banlieu 13, con sceneggiatura di Luc Besson, il regista di film horror a basso costo ma originali Roger Corman, l'attore icona del cinema horror Christopher Lee, che è anche il protagonista dell'ultimo film del regista bosniaco Danis Tanovic ( No man Land's ), Triade. Il festival è inoltre un ottimo lancio per i registi emergenti con le sue 10000 presenze di spettatori in media ogni anno. Il primo premio ad essere assegnato è l'Urania d'Argento, dato alle personalità più rilevanti nel campo della fantascienza come premio alla carriera. La casa Editrice Urania, che sponsorizza il premio in collaborazione con Mondadori è specializzata da decenni in questo genere e ne è probabilmente la pioniera in Italia. Un altro premio importante del festival è il premio Asteroide creato ogni anno da un artista diverso per premiare il miglior film in concorso. Per la sezione Fant'America sono previste proiezioni ispirate ad Edgar Allan Poe, nel bicentenario della sua nascita, nella sezione Marx Attacks! invece vedremo la proiezione di fantascienza dei paesi dell'est e quindi, un suggestivo e originale punto di vista su questo genere. La fantascienza è un genere dove si mescolano e si affrontano da sempre le più grandi paure e aspettative dell'umanità nei confronti del futuro, in questo caso, una delle paure principali è rappresentata dalle conseguenze della scarsa sensibilità nei confronti dell'ecosistema terrestre, soprattutto da parte dei potenti della terra, incuranti di tutto e capaci di tutto. Come il fatto di non avere arrestato il cambiamento climatico, quesito che il protagonista di The Age of the Stupid, l'attore inglese Pete Postletwithe, si pone nell'anno 2055, quando ormai, secondo le previsioni futuribili e il filone fantascientifico, gli stravolgimenti del clima terrestre saranno sempre più evidenti.

22.11.2009 # 1166
Lucca | Richard Avedon | In memory of late Mr. and Mrs. Comfort. A fable e altri scatti celebri

Ilas Web Editor // 0 comments

Venezia | Glasstress | Fino al 22 novembre 2009

Fino al 22 novembre 2009

Dal 6 giugno al 22 novembre 2009, due luoghi particolarmente significativi di Venezia quali l'Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti - Palazzo Cavalli Franchetti e la Scuola Grande Confraternita di San Teodoro, ospitano la mostra GLASSTRESS.

L'esposizione si presenta come uno dei più originali eventi collaterali della 53. Esposizione Internazionale d'Arte La Biennale di Venezia.
Adriano Berengo ha visto come il tema della Biennale di quest'anno, ovvero "la costruzione di nuovi mondi", potesse dare lo spunto per proporre un'iniziativa che fosse un tentativo di immaginazione di un mondo altro, un contesto dove il vetro, grazie all'idea di grandi artisti internazionali, avesse la possibilità di mostrare le sue potenzialità.
Organizzata dal Mjellby Konstmuseum di Halmstad (Svezia) in collaborazione con Berengo Studio 1989 di Murano-Venezia, la mostra presenta le opere di 45 tra i più conosciuti artisti contemporanei - da César a Tony Cragg, da Lucio Fontana a Dan Graham, da ORLAN a Joseph Kosuth, da Man Ray a Jean Arp, a Louise Bourgeois ad altri ancora - che si sono confrontati nell'arco della loro carriera con la tecnica vetraria.