alexa
  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Mostre ed eventi // Pagina 141 di 218
11.11.2010 # 1669
Catania e Palermo | Others sguardi mediterranei sull'arte contemporanea

Ilas Web Editor // 0 comments

Catania e Palermo | Others sguardi mediterranei sull'arte contemporanea

Fino al 11/11/2010

In arrivo a Catania le Biennali d'arte di Marrakech, Istanbul e Atene. Si inaugura l'8 e 9 luglio presso la Fondazione Puglisi Cosentino e Palazzo Riso. In mostra progetti, e le nuove idee di geografie artistiche nel progetto Others ideato da Renato Quaglia per il Riso ( Museo d'arte contemporanea della Sicilia). E lo sguardo ( legato al filo sociale)non può che, inevitabilmente, essere rivolto alle culture greche e mediorientali, berbere e bizantine. In chiave contemporanea, ovviamente, attraverso un viaggio ideale che sposa ben tre biennali, con l'inaugurazione dell'artista turca Nevin Aladig ( con la performance Raise the Roof), assieme ad alcune donne siciliane ( tra i 20 i 70 anni) coinvolte nella performance artistica. 8 e 9 luglio, in particolare, si prevede l'apertura delle biennali di Istanbul e Atene e dal 9 la Biennale di Marrakech. Il Riso, è un museo diffuso sul territorio siciliano che ha costruito il suo programma in diverse zone della Sicilia. Oggi apre con le tre Biennali con il titolo Others, ovvero Altri, per sottolineare in realtà l'urgenza di una connessione e la reale vicinanza che è solo alterità apparente. Turchia, Grecia e Marocco insieme, quindi, per un evento di straordinaria bellezza, e suggestione, ricco di esposizioni, video e performance di ben 26 artisti. Le tre Biennali si divideranno tra Catania e Palermo in un'atmosfera che ricreerà quella turca, greca e marocchina, attraverso nuove forme curatoriali, suoni, parole e visioni di un mondo lontano e vicinissimo, che scorre anche nelle nostre vene. A Palazzo Riso, a Palermo, un concerto di Hassan Khan dal titolo The Big One. Inoltre ( dal comunicato stampa) Others, che costruisce un rapporto di collaborazione tra Palermo, Catania, Istanbul, Marrakech e Atene, organizza anche un programma di residenze reciproche. A Catania negli spazi messi a disposizione dalla Fondazione Brodbeck, lavoreranno Mohamed El Baz (Casablanca), Nazim Hikmet Richard Dikbas (Istanbul) e Vassilis Patmios Karouk (Atene). Mentre selezionati dall'archivio di SACS/ Sportello per l'Arte contemporanea in Sicilia, Sebastiano Mortellaro sarà in residenza a Rabat, Domenico Mangano ad Atene e /Barbara Gurrieri/Group ad Istanbul. In coincidenza con l'apertura della Mostra della Biennale di Marrakech e per tutta la sua durata, a Riso si apre al pubblico il nuovo spazio della Galleria SACS, affidato per il 2010 alla cura di Giovanni Iovane e dedicato agli artisti siciliani selezionati dallo Sportello creato da RISO. Prima artista ospite sarà Gabriella Ciancimino. Others rientra nelle iniziative del progetto "Le città del Mediterraneo" che coinvolgerà, dal 2010 al 2012, alcune delle principali città del Mediterraneo in attività e manifestazioni rappresentative delle identità, dei sistemi produttivi, economici, culturali e artistici mediterranei. "Le città del Mediterraneo" è un progetto promosso da Palazzo Riso e dalla Fondazione Campania dei Festival, nell'ambito di un accordo tra la Regione Siciliana, la Regione Campania e il MISE, Ministero per lo Sviluppo Economico.

12.11.2010 # 1815
Catania e Palermo | Others sguardi mediterranei sull'arte contemporanea

Ilas Web Editor // 0 comments

Vienna | Hyper Real.
The passion of real

13/02/2011

Vienna | Hyper Real. The passion of the real in Painting and Photography

Più reale del reale. Il realismo sotto i molteplici punti di vista di 100 artisti, protagonisti dell’iperrealismo ( nato nel 1960), con connessioni anche con la pop art di Lichtenstein e Warhol. Al Mumok di Vienna, è possibile ammirare le opere di un gruppo di pittori usciti dall’espressionismo astratto e rivolti verso la tradizione pittorica realista. Di qui invenzioni di successo come la trasformazione della fotografia in pittura, attraverso la rappresentazione dell’american dream e del lifestyle americano ( che è stato sa sempre al centro anche della pop art). Protagonisti i fotografi Jeff Wall, Andrei Gursky e artisti come Gerhard Richter, Richard Hamilton, Domenico Gnoli, Richard Estes, Ralph Goings e Don Eddy. In mostra, una quarantina di opere molto suggestive. La collezione è stata messa su dall’industriale della cioccolata Peter Ludwing, assieme alla moglie Irene e le opere provengono da vari musei in tutto il mondo.

07.11.2010 # 1801
Catania e Palermo | Others sguardi mediterranei sull'arte contemporanea

Ilas Web Editor // 0 comments

Torino | Artissima

Fino al 07/11/2010

Dal 05 al 07 novembre riparte Artissima: “Un osservatorio privilegiato sulla giovane arte mondiale. Un appuntamento culturale irrinunciabile per tutti gli addetti ai lavori e gli appassionati di arte contemporanea”. Presso il Lingotto Fiere di Torino, la grande kermesse artistica, ricca di sperimentazioni culturali si inserisce in un grande evento commerciale per l’arte, con l’esposizione di una super lista esclusiva di gallerie tutte al top per notorietà e soprattutto per qualità delle proposte e degli artisti rappresentati. Le sezioni, di grande interesse e suggestione( come Back to the future in cui si propone un “salto temporale basato sulla simultaneità di opere e pratiche artistiche distanti tra loro”). Tra queste, segnaliamo Artissima Design ( un dialogo tra designers affermati e studenti sul progetto IN Residence), Picnic for the Mind ( seminari, lezioni di designer, artisti e storici sul racconto di tre riviste anni ’60 e ’70), The dancers( performance di danza, per sottolineare il sottile confine tra arte e danza), Poesia in forma di rosa( che richiama una frase/poesia di pasoliniana memoria, contaminazioni tra scrittura, poesia e arte), ben espresse nella Casa delle contaminazioni, ma anche in Present Future( un’accurata orchestrazione di tutte le opere esposte) e infine, Thinking trough Cinema( Profondo Rosso) un omaggio al film con sei versioni diverse di altrettanti artisti. Sconfinata la lista degli espositori: da Alfonso Artico a Rauchi Santamaria, Lia Rumma, Barbara Gross, Raffaella Cortese, Guido Costa e molti altri. Moltissimi gli stranieri e le new entry tra cui Fluxia, Room, Seventies, The Third Line. Tra gli artisti Marina Abramovic(Rumma), Alejandro Almanza Pereda( Chert), Stefano Arienti (S.A.L.E.S. ,Guenzani, Minini.M.), Vanessa Beecroft(Rumma, Minini), Alighiero Boetti(Noire), Kounelli( Artico, Fisher, RAM) e moltissimi altri, giovani, emergenti e già apprezzati dal mercato e dalla critica. Molte le performances, non solo arte, ma letteratura, danza, conversazioni.

07.11.2010 # 1716
Catania e Palermo | Others sguardi mediterranei sull'arte contemporanea

Ilas Web Editor // 0 comments

Vienna | Tina Modotti

Fino al 07/11/2010

Alla Kunsthaus di Vienna la mostra dedicata alla grande fotografa italiana Tina Modotti ( Udine, 1896, Città del Messico,1942). Si possono ammirare immagini poco conosciute della Modotti, con le foto messicane, quelle scattate durante la guerra spagnola, la rivoluzione moscovita e i quasi sconosciuti scatti ai murales di Diego Rivera, realizzati assieme a B.Traven, mitico autore che imparò le tecniche fotografiche dalla stessa Modotti. In più, si potrà indagare, attraverso le immagini il rapporto con un’altra grande artista, Frida Khalo, compagna di Rivera. In sostanza, questa splendida mostra ripercorre la vita di Tina Modotti attraverso il fermo immagine dell’arte fotografica. Gli incontri con Edward Weston e Johan Hagemeyer, Khalo, Rivera, B. Traven sono solo un aspetto, però, della grandezza dell’opera della fotografa italiana. Quello che emerge è il mondo nascosto, i punti di vista che s’intrecciano su un secolo che nasce, racchiuso negli occhi delle donne messicane, nelle loro mani laboriose, fino ai moti rivoluzionari che vanno dal Messico alla Russia, come in una sorta di linea rossa invisibile. In tutto questo, le più grandi tecniche fotografiche conosciute sono mirabilmente rappresentate. Se dovete fare un salto a Vienna, non perdetevela.

07.11.2010 # 1644
Catania e Palermo | Others sguardi mediterranei sull'arte contemporanea

Ilas Web Editor // 0 comments

Roma | Gino De Dominicis. L'Immortale.

Fino al 07/11/2010

 


Il MAXXI di Roma inaugura con grandi mostre, di indubbio prestigio. Una di queste è quella dedicata a Gino De Dominicis e verte sulla sua imperterrita ricerca dell'immortalità. L'infinito, appunto, dove anche le 120 opere in mostra non seguono un ordine cronologico, perché questo avrebbe significato porre un inizio e inevitabilmente una fine.

Il bellissimo museo romano, atteso al varo da anni e completato magistralmente, con le sue curve immaginifiche e futuribili, dall'archistar Zaha Adid, ospita l'arte senza tempo di De Dominicis. All'entrata svetta la Calmita cosmica, enorme scheletro umano disteso ( lungo 24 metri) con dettagli spiazzanti, come il naso d'uccello e l'asta in bilico in mezzo alle dita, una sorta di punto esclamativo della morte. De Dominicis fu un artista solitario e indipendente dalle mode, dalle correnti. Le sue idee fisse riguardavano i temi della vita e della morte. Rifiutava la pubblicazione nei cataloghi, anticonformista, usava qualsiasi materiale e tecnica espressiva nel tentativo continuo di fissare la morte. Per sottolineare la sua evanescenza, dal momento che le sue apparizioni in pubblico erano piuttosto rare, realizzò le 11 statue di G.De Dominicis, delle figure invisibili contrassegnate da cappelli e ciabatte. Nel 1988, prima di morire, disse che la gente, invece di abbonarsi a Internet e alle enciclopedie, avrebbe fatto bene ad abbonarsi alle ferrovie e ad andare a vedere le opere d'arte da vicino.

La mostra è curata da Achille Bonito Oliva, facente parte del gruppo storico di amicizie e discussioni di De Dominicis, con Vettor Pisani, Jannis Kounellis e il gallerista Fabio Sargentini.

04.11.2010 # 1788
Catania e Palermo | Others sguardi mediterranei sull'arte contemporanea

Ilas Web Editor // 0 comments

Milano | IAB forum

Fino al 04/11/2010

Quale sarà il futuro della comunicazione digitale? Per avere qualche idea in proposito si può fare un salto al MIC-Milano Convention Center, per parlare del presente e del futuro della comunicazione digitale assieme a grandi esperti del settore. Lo IAB Forum è un’associazione internazionale dedicata allo sviluppo della comunicazione pubblicitaria interattiva e quest’anno metterà al centro le analisi di scenario, i dati di mercato e le previsioni sul futuro. In più, si aggiungerà anche lo studio dei casi di successo: i rappresentanti delle più prestigiose realtà aziendali operanti in Italia e delle maggiori agenzie verranno chiamati sul palco per illustrare progetti vincenti e iniziative che hanno lasciato il segno nel corso di questo 2010. Sarà analizzato assieme al contributo di grandi aziende che operano nel settore e del sociologo Domenico De Masi, il mercato del lavoro in relazione all’applicazione delle nuove tecnologie. Ma ancora, i modelli di business online e i risultati di un’importante ricerca condotta nell’ambito dell’Osservatorio sulla Comunicazione Digitale, progetto avviato da Accenture e IAB Italia con l’obiettivo di studiare le caratteristiche del mercato in Italia e di fornire dati circa il suo sviluppo. Da segnalare la presenza di Chris Anderson, direttore di Wired US e una delle voci più autorevoli, amate e visionarie dell’economia digitale che illustrerà la sua visione sui modelli di business legati al web e al digitale in generale. In tutto, due giorni con 79 espositori e circa 8.000 partecipanti.