alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

 
icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I Corsi

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Adobe MensiliPHOTOSHOP | ILLUSTRATOR | INDESIGN

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO STARTUP | COPY | MONTAGGIO

Elenco corsi brevi tematiciPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | RHINO | STAMPA 3D

Elenco corsi grafica 3DPer ogni corso è indicata la quota mensile iva (22%) compresa

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi 2° anno GRAFICA | FOTOGRAFIA | WEB PHP

 

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Libri e riviste // Pagina 27 di 110
15.11.2014 # 3917
L'arte del XX secolo

Paolo Falasconi // 0 comments

L'arte del XX secolo

Valerio Terraroli

La complessità dei caratteri, dei fenomeni e delle linee di tendenza dell’esperienza artistica mondiale del secolo appena trascorso è materia d’indagine storico-scientifica, ma anche di curiosità diffusa: è ciò che un qualsiasi lettore e visitatore di musei e di esposizioni deve affrontare quando il tema riguardi origini, sviluppo, percorsi e storia della creazione artistica del Novecento.

La grande collana Skira L’arte del XX secolo si configura contemporaneamente come uno strepitoso repertorio di immagini e insieme come fonte aggiornata di un numero infinito di informazioni, comunicate attraverso diverse strategie: un testo narrativo continuo, vero e proprio tessuto connettivo dell’intera opera, arricchito da finestre d’indagine e didascalie ragionate, e da piccoli saggi di specialisti mondiali su temi inediti e inusuali, nonché da ricchi apparati con tavole sinottiche, tavole comparative, bibliografia tematica, indici analitici.

L’opera viene ora riproposta in edizione speciale, con un eclusivo cofanetto (che riproduce in 3D una nota icona dell’arte del XX secolo) che riunisce i quattro volumi.


31.10.2014 # 3903
L'arte del XX secolo

Daria La Ragione // 0 comments

Photoshow

a cura di Alessandra Mauro

Prima ancora del suo atto di nascita ufficiale (agosto 1839), prima ancora di essere raccolta e stampata in un libro, la fotografia è stata esposta in una serie di mostre e presentata al pubblico perché tutti potessero conoscerla e apprezzarla. Questo libro studia la storia della fotografia attraverso le grandi mostre internazionali. I capitoli, illustrati dalle immagini d'epoca e dagli allestimenti originali, ripercorrono i momenti salienti, i protagonisti, le opere di una storia ancora in evoluzione. Se è vero che allestire una mostra significa cercare alleati per una battaglia, tante sono state quelle condotte dalla fotografia in nome di un'identità linguistica da affermare e ribadire. Dalla prima mostra fotografica, a Parigi nell'agosto 1839, alla "Great Exhibition" di Londra del 1851, alla tedesca "Film und foto" del 1929, alle grandi mostre del MoMA di New York - prima fra tutte, "The Family of Man" - per arrivare a quelle del nuovo millennio, come "here is New York" per cui, all'epoca dei social network e delle piattaforme di condivisione delle immagini, curare mostre di fotografia significa affrontare le sfide di una società "visiva" come la nostra. Alessandra Mauro, curatrice del volume, è direttrice editoriale di Contrasto e direttrice artistica della Fondazione Forma per la Fotografia di Milano. Ha curato numerose mostre e pubblicazioni dedicate alla fotografia.

Contrasto due


31.10.2014 # 3902
L'arte del XX secolo

Daria La Ragione // 0 comments

Un'amicizia ai sali d'argento

G. Berengo Gardin e E. Erwitt

Il libro Gianni Berengo Gardin, Elliott Erwitt. Un’amicizia ai sali d’argento, pubblicato da Contrasto, accompagna la mostra omonima in esposizione all’AuditoriumExpo dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 14 ottobre 2014 al 2 novembre 2014 e dal 18 novembre 2014 al 1 febbraio 2015. La mostra e il libro ripercorrono la carriera dei due maestri della fotografia attraverso la selezione di centoventi fotografie.

Il libro è diviso in due parti: una presenta il lavoro di Gianni Berengo Gardin, l’altra quello di Elliott Erwitt. Entrambi i fotografi si raccontano al lettore grazie a due introduzioni poste in apertura della relativa sezione. In questi testi Berengo ed Erwitt parlano della loro profonda e radicata amicizia e del loro rapporto con la macchina fotografica e con il proprio lavoro. Lo sguardo più internazionale di Elliott Erwitt e quello più concentrato sulla realtà italiana di Gianni Berengo Gardin si incontrano e si confrontano sulle pagine del libro

Contrasto


31.10.2014 # 3901
L'arte del XX secolo

Daria La Ragione // 0 comments

Stephen Shore

Stephen Shore

Stephen Shore è l’edizione italiana del volume che accompagna la grande retrospettiva europea esposta alla Fundación MAPFRE di Madrid dal 19 settembre al 24 novembre 2014.


Il libro, a cura di Marta Dahò, presenta un’ampia scelta di immagini dai diversi lavori dell’autore, con testi di Horacio Fernàndez, Sandra Phillips e un’intervista a Stephen Shore di David Campany.

In questa pubblicazione il lavoro di Shore è raccolto, interpretato e analizzato in una prospettiva storica e trasversale unica, mai realizzata prima: dai primi scatti in bianco e nero a New York, passando per il Texas, per i reportage American Surfaces e Uncommon Places, le fotografie di paesaggi, quelle dei reperti archeologici in Israele e poi ancora gli scatti a New York City, fino ad arrivare ai lavori più recenti in Ucraina e in Arizona. Il libro evidenzia il legame di Stephen Shore con la tradizione della fotografia americana, le influenze di Walker Evans, la frequentazione con Andy Warhol e la Factory, i rapporti con i maestri-colleghi della fotografia contemporanea, la scelta di nuovi strumenti e lo sguardo sempre preciso e consapevole. Pagina dopo pagina si nota l’evoluzione, di progetto in progetto, di uno stile originale, autentico e innovativo, attento e poetico, in grado di raccontare la realtà e i suoi cambiamenti.

Contrasto


11.10.2014 # 3872
L'arte del XX secolo

Daria La Ragione // 0 comments

Io sono un mito

Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi

Perché alcune opere d'arte, come la Monna Lisa di Leonardo, la Nascita di Venere di Botticelli, Guernica di Picasso e L'urlodi Munch sono diventate icone popolari universali riconosciute da tutti? E perché Le ninfee di Monet, Il pensatore di Rodin e il David di Michelangelo sono riprodotti su t-shirt, tazze, grembiuli, sono ripresi in campagne pubblicitarie o in show televisivi come i Simpson e sono diventati delle autentiche celebrità?

Il volume racconta la storia dietro ognuno di questi trenta capolavori e le vicende che hanno reso alcune immagini così immensamente famose da trascendere l'arte e diventare parte integrante della nostra cultura visiva e popolare.

Gli autori spiegano come ogni opera d'arte è stata concepita, come ha raggiunto lo status di culto e come la percezione di queste icone si è evoluta nel corso dei secoli. Una lettura avvincente e ricca di storie affascinanti che si nascondono dietro la nascita di questi miti.
Electa


11.10.2014 # 3871
L'arte del XX secolo

Daria La Ragione // 0 comments

E questa la chiami arte?

Will Gompertz

Dalle ninfee di Monet ai girasoli di Van Gogh, dal barattolo di zuppa Campbell di Warhol al pescecane di Damien Hirst l'autore racconta le storie nascoste dietro ogni capolavoro, rivela la vita e perfino aspetti sconosciuti di artisti famosissimi anche attraverso dialoghi immaginati. Così Manet incontra Cezanne, Monet parla con Degas, Matisse ha un litigio con Picasso...


Scopriremo come l'Arte concettuale non è spazzatura, Picasso è un genio (ma Cezanne ancora meglio), Pollock non è solo pittura a goccia, il cubismo non ha cubi, il Pisciatoio di Duchamp ha cambiato il corso dell'arte, e un bambino di 5 anni non potrebbe veramente realizzarlo. Fresco, irriverente e sempre schietto, supera il linguaggio pretenzioso dell'arte e risponde a tutte le domande che il lettore sarebbe troppo imbarazzato per fare. Dopo avere letto questo volume la visita ai musei o gallerie non sarà più vissuta con soggezione.


Will Gompertz, curatore della trasmisisone d'arte della BBC, sintetizza la sua storia dell'arte attraverso una mappa della metropolitana di Londra dove al posto delle fermate ci sono le correnti artistiche e gli artisti che ne fanno parte. Inserita nel volume come apertura si può ritagliare e portare sempre con sé, così che ciò che bisogna assolutamente sapere dell'arte sia sempre a portata di mano.


Un testo fondamentale non solo per chi è appassionato d'arte, ma anche per chi non l'apprezza e non la conosce ma che vuole imparare a capirla.


Electa

Inside Ilas