alexa

Ilas sui social network

Iscriviti alla newsletter Ilas

logo-ilas
logo-ilas logo-ilas

MENU

cercaCERCA

Benvenuti nella Job opportunity Ilas
Lo spazio di incontro fra gli studenti e il mondo del lavoro

ILAS è una scuola di specializzazione che opera esclusivamente
nell'ambito della comunicazione visiva.

icona

La scuola

100% comunicazione visiva

icona

La scuola
Storia, struttura e organizzazione

icona

I docenti
I curricula di tutti i docenti

icona

Certificazioni
Il valore di un corso Ilas

icona

Attività
Corsi, seminari e contest

icona

Social, blog e magazine
Scopri ilas 2.0

 
icona

I corsi annuali

Elenco dei corsi Ilas divisi per tipologia

Corsi Regionali AutorizzatiGRAFICA | WEB DESIGN | FOTOGRAFIA

Corsi Annuali CompletiGRAFICA | FOTO | WEB | PUBBLICITÀ | SOCIAL

Corsi Brevi TematiciFOTO BASE | COPY | MONTAGGIO | RIPRESA VIDEO

 

Corsi di Grafica 3DMAYA | ZBRUSH | RHINO | STAMPA 3D

Corsi Annuali CoordinatiPERCORSI MULTIDISCIPLINARI

Corsi Avanzati GRAFICA | FOTOGRAFIA | PHP | MOBILE APP

icona

I corsi mensili

Cerchi un talento della comunicazione visiva?
 

Inserisci AnnuncioArea riservata alle aziende

Scegli CandidatoArea riservata alle aziende

Vai al PortfolioArea riservata alle aziende

Guarda i lavori realizzati dai nostri studenti
Oltre 9000 progetti realizzati nei corsi Ilas

ILAS - Istituto superiore di comunicazione visiva

icona

Recapiti telefonici

Italy / Napoli

tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 081 4201345
fax(+39) 081 0070569

icona

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli

Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero-verde

  • Adobe-Authorized-Training-Centre
  • Autodesk-Authorised-Training-Centre
  • Pearson-Vue-Authorized-Training-Centre
Blog // Pagina 3 di 16
27.03.2017 # 4804
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Realtà virtuale e pubblicità

Blog! di Daria La Ragione

La realtà virtuale fa parte ogni giorno di più delle nostre vite, tanto che nemmeno facciamo più caso al fatto che il nome stesso sia una contraddizione in termini: tra reale e virtuale.

Come sempre, non c’è nulla del nostro quotidiano che non entri a far parte delle tante forme di rappresentazione che popolano la nostra vita, e la pubblicità è senza dubbio una tra le più ricettive.

Va da sé che anche la realtà virtuale ha fatto il suo ingresso nei commercial e, come sempre accade, a volte è stata usata con grande intelligenza, in altri casi è stata uno sfoggio di potenza che compensava la scarsa creatività.


Un esempio di utilizzo molto intelligente è quello fatto da Sodimac, equivalente peruviano di Leroy Merlin, che insieme a McCann ci abitua da anni a campagne divertenti, creative e mai banali.

Questa volta siamo sulla Panamerican Highway, frequentatissima autostrada che collega le zone interne del Perù con la costa, la strada più affollata di cartelloni pubblicitari di tutto il paese.

L’idea è quella di utilizzare i visori non tanto, e non solo, per mostrare i prodotti Sodimac, ma soprattutto per eliminare ogni altro competitor  nella gara per catturare l’attenzione.

Advertising Agency: McCann, Lima, Peru

Creative Directors: Jomi Rivera, Pipo Galván

 



The North Face, con l’agenzia INNORED, gioca tra virtuale e reale per coinvolgere gli ignari acquirenti di un centro commerciale di Seoul in una corsa su slitta stile polo nord.

Advertising Agency: INNORED, Seoul, South Korea

 




Il passaggio dalla virtualità alla realtà è anche il concept di questo commercial per Old Irish, birra irlandese venduta a Tblisi: 100% Real Virtual Reality  gioca sul fatto che un’esperienza diretta, quando si tratta assaggiare qualcosa ma anche quando si tratta di relazioni con altre persone, non ha eguali.

Advertising Agency: Leavingstone, Tbilisi, Georgia

Creative Director: Levan Lepsveridze

 



Samsung ha invece creato una campagna che poi è diventata un progetto: Launching people è nata nel 2013 e ancora oggi prosegue con la mission di liberare il potenziale delle persone (attraverso prodotti Samsung ovviamente).

Questi due commercial mostrano come la realtà virtuale sia stata usata per aiutare chi aveva paura di parlare in pubblico e per spiegare come comportarsi se si è in difficoltà in acqua per le onde troppo grandi.


Advertising Agency: Cheil Worldwide, South Korea

 



Advertising Agency: Leo Burnett, Sydney, Australia

 

26.08.2017 # 4913
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Grey Hong Kong, un'agenzia vecchio stile

Blog! di Daria La Ragione

Forse sto invecchiando, il segno evidente mi pare il fatto che inizio a rimpiangere il passato.

Mi sono scoperta di recente ad annuire leggendo un articolo su come i social media stiano banalizzando la comunicazione pubblicitaria – cosa di cui tra l’altro mi ero accorta io pure da parecchio – schiacciandola su tempi brevissimi e riducendola spesso (ma ovviamente ci sono eccezioni significative) a battuta, scherzo, sciocchezza.

È chiaro che questo accade quando non c’è una strategia integrata a monte, o quando la strategia è proprio fare i cazzari: “informare e divertire” è un mantra vecchio e noioso, che racconta un approccio alla comunicazione superficiale e noioso, oltreché ignorante, perché nessuno che davvero capisca un minimo di comunicazione pubblicitaria potrà mai pensare che esista una formula sempre efficace e sempre applicabile.

Sto invecchiando dicevo, e me ne accorgo perché inizio a pensare che non c’è più la pubblicità di una volta: fino a qualche anno fa mi capitava di emozionarmi guardando un commercial, a volte di commuovermi, altre di ridere tanto. Non voglio che non sia più successo, ma diventa raro, rarissimo.

Per questo quando vedo qualcosa di bello provo un senso di conforto e rassicurazione, e mi viene voglia di approfondire un po’ (brrrrr, approfondire, che brutta parola! che parola da vecchi).

Stamattina guardavo questa campagna di Grey, un’agenzia storica, per l’ente turistico di Hong Kong: si tratta di una serie di QR code (quei disegnini neri e quadrati che spesso troviamo in giro e molto difficilmente usiamo), che però, per una volta, sono belli!

Sono disegni allegri, colorati, comprensibili, che hanno lo scopo di far conoscere l’Old Town Central. Un esempio di creatività fresca, semplice e intelligente.






A quel punto mi è venuta voglia di scoprire qualcosa in più sull’agenzia, (non a caso filiale di una delle più antiche), e mi sono imbattuta in un altro progetto molto interessante, che riguarda la dislessia, un problema diffusissimo e nonostante questo poco, pochissimo conosciuto, che riguarda addirittura milioni di persone soltanto a Hong Kong.

Cosa ha pensato la Grey? Su commissione del BOAZ International Education Institute e in collaborazione con il designer  Daniel Britton, (dislessico) hanno deciso di creare un font che simulasse le difficoltà di chi soffre di questo disturbo. Un font incompleto, che renda faticoso e difficile leggere e comprendere.




Il 27 agosto dello scorso anno il Central Business District di Hong Kong è stato trasformato in un quartiere dislessico: i giornali più famosi, la segnaletica stradale, i manifesti, tutto è stato scritto utilizzando questo font. Si è trattato di una sorta di teaser: tutto era unbranded ma rinviava al sito dell’associazione.

 


Risultati?

90,000 magazines venduti.

Millioni di impressions.

E il progetto di far diventare il 27 agosto la giornata ufficiale della dislessia.

Un progetto vecchia maniera? Sì, decisamente perché ha due caratteristiche importanti: il tempo e la creatività.

15.08.2017 # 4906
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Jagermeister e la panna montata

Blog! di Daria La Ragione

Jagermeister sceglie la commedia e torna a far sorridere, con uno spot che gioca sul sesso, sullo sfigato di turno e su una serie di allusioni che in Italia gli avrebbero reso la vita molto dura.

Sarà perché siamo una società piuttosto bigotta, in cui “vizi privati e pubbliche virtù” è un comandamento lento a morire, ma da noi è ancora difficile che una pubblicità possa alludere al sesso e all’alcol contemporaneamente senza attirare reprimende, nella migliore delle ipotesi, o essere bloccata dal Gran Giurì nella peggiore.

La scena è quella di un supermercato poco frequentato, un commesso annoiato e una spesa che allude al sesso senza possibilità di essere fraintesa: litri e litri di panna spray e, per “aggravare” il tutto, una bottiglia di Jagermesteir; il commesso alza lo sguardo e si trova davanti due splendide e ammiccanti ragazze, fa appena in tempo a iniziare a sognare che le due se ne vanno e la magia è finita.


In effetti, in Germania devono avere una legge sulla pubblicità con maglie decisamente più larghe di quella italiana, anche se di legge vera e propria non si può parlare nel nostro caso, almeno quando si fa riferimento al Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, che legge non è ma viene applicato con certezza anche maggiore.

A proposito delle bevande alcoliche, l’articolo 22 dice - tra l’altro - che la pubblicità non può:

«indurre il pubblico a ritenere che il consumo delle bevande alcoliche contribuisca alla lucidità mentale e all’efficienza fisica e sessuale e che il loro mancato consumo comporti una condizione di inferiorità fisica, psicologica o sociale».


Probabilmente non è questo il caso, ma l’allusione al fatto che l’alcol renderà tutto più divertente è palese.

È un problema o è solo questione di bigottagine? 

La risposta non è semplice, perché se prendiamo in considerazione una persona adulta facciamo presto a rispondere che lo è. Però la televisione non la guardano solo gli adulti, ma anche molti adolescenti e persone che hanno meno strumenti per valutare la distanza tra la comunicazione commerciale e la realtà.

È una questione delicata, che meriterebbe di essere approfondita non a partire da posizioni di pregiudizio, ma con onestà e lucidità.

Nel frattempo, se siete adulti e vaccinati, potete divertirvi con gli spot che girano all’estero.

 




24.07.2017 # 4886
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

La vacanze in pubblicità: dagli anni '80 a oggi cosa è cambiato e cosa no

Blog! di Daria La Ragione

Oggi ho visto queste tre campagna di Visa: Vacation can be a lottery. Stay travel insured with Visa Infinite - la vacanza può essere una lotteria. Assicurati con Visa Infinite. 








Una multisoggetto con alcune situazioni che potrebbero sfuggire di mano se vi trovate a Las Vegas, in alto mare o in un sito archeologico del Sud America, trasformando le vostre ferie in un flipper nel quale voi siete la pallina e venite rimbalzati da una sventura all’altra.

Insomma il trend che già da qualche anno ha segnato la comunicazione di alcune assicurazioni: evocare il possibile danno con ironia e umorismo.


Advertising Agency: Impact BBDO, Dubai, United Arab Emirates

Executive Creative Director: Fadi Yaish

Art Director: Luiz Guimaraes

Copywriter: Eduardo Balloussier



Però a quel punto mi era tornata in mente una campagna italiana che ha fatto la storia, entrando nel linguaggio comune e – per lo meno per quelli che oggi hanno dai 40 anni in su – rimanendoci ben salda.

Si tratta di un ciclo di spot per Alpitour, con un concept che l’azienda ha ripreso di recente: i turisti fai da te si ritrovano inevitabilmente costretti ad affrontare da soli imprevisti e difficoltà, mentre l’indigeno di turno li sbeffeggia “Turisti fai da te? No Alpitour? ahi ahi ahi”.

Per la mia generazione un tormentone del quale ancora non sappiamo liberarci, e che senza dubbio ha contribuito a costruire l’immagine di marca dell’azienda.

 

 



Chiude questa breve rassegna sulle pubblicità in qualche modo legate alle vacanze una multisoggetto intelligente ed efficacedi McKann per Costa Crociere (prima che l’inchino di Schettino smaciullasse contro gli scogli del Giglio la credibilità aziendale): Costa Crociere - la vacanza che ti manca, un’amplificazione di quella tristezza e fatica che ci colgono quando torniamo da un luogo in cui siamo stati felici e la vita che abbiamo fatto in quella parentesi ci manca troppo.

 

30.06.2017 # 4873
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Lidl - Come lo riconosci il vero esperto di birra?

Blog! di Daria La Ragione

Lidl - Come lo riconosci il vero esperto di birra?

Vi occupate di birra artigianale e stavate valutando se assumere un esperto di birre? Pensavate a LinkedIn? Al solito vecchio curriculum vitae magari, o di contattare un’associazione di categoria.

Per carità, sono tutte idee valide, ma alla Lidl hanno pensato a un test un po’ diverso per lanciare la loro Craft Beer. Diciamo che preferiscono la prova dei fatti.

Il regista di questo commercial – Readyforcraft – è Bernd Faass, il direttore creativo Oliver Flohrs e a occuparsene è stato presumibilmente l’ufficio comunicazione dell’azienda tedesca.

Il tutto si potrebbe riassumere in poche battute, ma invece mi soffermerò sull’atmosfera: pub fumoso, i soliti vecchi avventori che si conoscono da sempre, il barista che li chiama per nome e quando tutto sembra scorrere regolare e placido come ogni giorno ecco che arriva la sfida.

La tensione è palpabile nel locale, tutti si bloccano perché sanno cosa sta per succedere ed ecco il protagonista, che stava andando via tranquillo alla fine di una serata come un’altra che si blocca sulla porta chiamato da un tizio alto e grosso e per niente rassicurante.

Qual è la sfida? Cosa sta per dirgli? Voleranno bicchieri? Sedie? Piatti?

Non vi anticipo nulla, ma sappiate che READYFORCRAFT il nuovo spot di Lidl, non va troppo per il sottile ed è una specie di versione nobilitata del nostro amato e classico:  frittatona di cipolle per la quale andava pazzo, familiare di Peroni gelata, tifo indiavolato e rutto libero!

Non sarà un commercial raffinatissimo, ma tutto sommato porta a casa il risultato: parla di birra artigianale, di esperti che l’apprezzano e di contesti facili e di grande confidenza in cui si beve: insomma per un prodotto di largo consumo, benché a suo modo di nicchia, c’è davvero tutto quello che serve.



 


19.06.2017 # 4872
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

#miumiuscenique

Blog! di Daria La Ragione

Quando, nel 1936, Margaret Mitchell raccontava, in una delle scene iniziali di Via col Vento, il disappunto con cui Mamy spiegava a Rossella che “vera dama in pubblico dovere mangiare poco”, ribadiva un concetto che è stato in auge fino a cinquanta/sessanta anni fa: la fame era questione che riguardava i poveri e soltanto loro, dunque non bisognava manifestarne. 

Così, in tempi moderni, il contraltare della vera signora che non si mostrava affamata era la mamma ossessionata dal rimpinzare i figli ogni volta che era possibile, fino a ottenere quella pinguedine che senza ombra di dubbio ne manifestava il “non deperimento” che si traduceva in salute.


Ci ho ripensato oggi, guardando questo spot per #miumiuscenique - la linea di eyewear Miu Miu – diretto dalla fotografa inglese Victoria Hely-Hutchinson, che è un concentrato di eleganza e bellezza. Ma non quell’eleganza opulenta e barocca che riempiva alcune scene de La grande bellezza di Sorrentino, per esempio, piuttosto quella che discende dalla semplicità, dalla rilassatezza di chi non ha bisogno di ostentare una posizione.

 


Ci ho ripensato perché la magrezza sembra essere un elemento fondamentale e indispensabile di questo racconto: la gioventù, lo stile, la freschezza li concepiamo oggi inevitabilmente associati a questo requisito. Anni e anni di “educazione” a questi canoni, dai tempi di Kate Moss in poi, hanno plasmato il nostro senso estetico in questa direzione e non c’è maison che sappia (o voglia) allontanarsene.

Dunque, in questa società in cui i veri ricchi rimangono (o ritornano) sempre giovani, belli e magri, il racconto del lusso è espressione di questo ideale. Ma non basta: c’è un altro grande protagonista di questo spot, ed è il tempo.


È vero che l’estate è il periodo in cui le vendite di occhiali da sole raggiungono il picco, ma non è soltanto per questo motivo che questo commercial così come quello dello scorso anno (bellissimo), diretto da Francesco Maria Tiribelli, sono ambientati nel pieno di una vacanza.

Il motivo secondo me principale è che il vero lusso è il tempo. Calme, indolenti, senza ansie, con un tutto il futuro a disposizione: le giovani donne di #miumiuscenique sono ricche, ricchissime e splendide proprio perché sono giovani.

 


10.06.2017 # 4860
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

L’Appocalisse alla vigilia del WWDC 2017

Blog! di Daria La Ragione

Si è appena concluso il WWDC 2017, acronimo che indica la Worldwide Developers Conference organizzata da Apple, la Settimana mondiale degli sviluppatori di app.

Per la cronaca, l’occasione nella quale vengono premiate le eccellenze quest’anno ha visto anche due vincitori italiani: si tratta di Bear, strumento di scrittura per la creazione di appunti e testi e di AirMail 3, la nuova versione del client di posta per il Mac.

L’Italia è stato l’unico paese – otto in tutto i premiati – ad aggiudicarsi due premi. È una buona notizia ed è bello che ogni tanto ce ne siano anche i quei settori in cui siamo sempre convinti di essere arretrati.

Arriviamo al punto: per lanciare il WWDC 2017 Apple ha scelto un commercial tutto giocato sull’iperbole, una delle figura retoriche più amate in pubblicità, che consiste nell’esagerare qualcosa in modo palese ed evidente, tanto da essere chiaro a tutti che non può trattarsi della realtà.

Cosa accadrebbe se una banale distrazione cancellasse in blocco tutte le app dai cellulari? L’Appocalisse!

Una specie di ritorno all’anno zero, con mercati neri in cui si spacciano cd-rom di vecchie app, modelle disperate alla ricerca di qualcuno che voglia un selfie, traffico in tilt, persone barricate in case che non vogliono affittare.

Insomma un mondo delirante e disperato, ma molto divertente.

 

26.05.2017 # 4856
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Can’t Skip Portugal - una campagna per sognare

Blog! di Daria La Ragione

Da qualche anno a questa parte le migliori campagne che ho visto erano campagne turistiche. Quasi mai si è trattato di campagne istituzionali, promosse da enti, ministeri etc; in genere le cose migliori le hanno fatto le compagnie aeree.

Ma oggi ho ho avuto il piacere di scoprire l’eccezione: Can’t Skip Portugal è una campagna multisoggetto lanciata dall’agenzia  Partners, Lisbon a sostegno di Visit Portugal, una campagna sostenuta dal ministero portoghese dell’economia.

Tre protagonisti, tre lunghi discorsi per raccontare i motivi che rendono il Portogallo una meta turistica in continua crescita: la natura, spettacolare, potente da scoprire abbandonando il cellulare, per ricordarsi che posti così belli esistono in tre dimensioni e che possiamo scegliere di viverli - se le cose vanno male viaggia per dimenticare, se vanno bene viaggia per festeggiare, se nulla accade viaggia per far accadere qualcosa; l’arte, la bellezza delle città, come fonte di ispirazione quando ci sentiamo scarichi, quando abbiamo bisogni di nuovi stimoli e nuove prospettive; e infine il nuovo inizio di chi non credeva più di averne a disposizione: sono molti i pensionati che si trasferendo in Portogallo, in parte per il costo della vita contenuto, in parte per il clima, e soprattutto per un ritmo di vita ancora “umano”.

Can’t skip freedom, can’t skip inspiration, can’t skip new beginnings: tre commercial che puntano tutto sull’emozione, con un gioco felice di rimandi tra un copy che esalta il viaggio in quanto tale e un visual che incanta con le bellezze portoghesi.


Advertising Agency: Partners, Lisbon, Portugal

Creative Directors: Pedro Lima, Ivo Purvis

Art Director: Ivo Purvis

Copywriters: Pedro Lima, Pedro Varela

Director: Pedro Varela

 


 


 


13.05.2017 # 4849
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Don't F*ck the Ocean

Blog! di Daria La Ragione

Ogni anno vengono buttate in mare circa 8 milioni di tonnellate di immondizia, in buona parte plastica, che potrebbero coprire una superficie equivalente alla superficie di Manhattan 34 volte.
Come sempre, affrontare questi temi in pubblicità è complicato. Tanto per cominciare, si rischia di raggiungere soltanto chi è già sensibile al problema. In secondo luogo, modificare un atteggiamento è quasi impossibile; o meglio, è impossibile per una pubblicità da sola, ma quando alcuni diventano (anche grazie alle pubblicità) argomenti caldi, di cui si parla tanto, allora si compiono passi decisivi.
Quindi uno dei punti importanti è: portare alla ribalta della cronaca argomenti importanti per fare in modo che entrino “in agenda”.
E qui interviene il terzo punto di grande difficoltà: qual è il tono di voce giusto?

Non mi stancherò mai di dire che la colpevolizzazione non è una strada efficace: siamo diventati bravissimi a proteggerci dalla pubblicità, al punto che riusciamo a diventare ciechi davanti ai messaggi che non ci interessano. Figuriamoci quanta attenzione siamo disposti a concedere a chi cerca di farci sentire egoisti.
Quindi ci vuole un approccio che incuriosisca, possibilmente ironico, e un’idea che faccia parlare del tema.
Don't F*ck the Ocean è tutto questo.
Una campagna sociale intelligente di MTV Brasile con un concept piuttosto semplice: riciclare plastica recuperata dall’oceano per farne dei dildo, anzi, dei fucking dildos!
 
 

Advertising Agency: Africa, Brazil
Creative Directors: Pedro Bullos, Valdir Bianchi, Sergio Gordilho
Copywriter: Tiago Abreu
Art Director: Linus Oura
Designers: Linus Oura, Marina Cota, Michel Morem

24.04.2017 # 4829
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Monopoli con trucco: uno spot sulle disuguaglianze

Blog! di Daria La Ragione

Un’associazione francese si affida al Monopoli per costruire uno uno spot sulle disuguaglianze


È un fatto che i bambini abbiamo molti meno filtri degli adulti quando si confrontano con la realtà

Antipatie e simpatie in genere sono motivate da comportamenti, piccoli egoismi e comunque mai da preconcetti di tipo culturale. Almeno fino a una certa età.

Observatoire des Inegalities, Osservatorio delle disuguaglianze, è un’associazione francese che ha promosso uno spot molto interessante.

Cosa accade quando le regole del gioco non sono uguali per tutti?

Se alcuni giocatori vengono sistematicamente sfavoriti, perché di colore, arabi, donne mentre altri ottengono benefits come la possibilità di guadagnare di più, di non essere mai penalizzati, di scegliere liberamente come giocare, come si sentono i bambini?

Questo Monopoli truccato è un caso esemplare di come l’assenza di pari opportunità, (di cui in molti si riempiono la bocca senza davvero sapere quale sia lo stato della cose), si traduca in profonde ingiustizie e dunque in un senso di rabbia, frustrazione, emarginazione.

Insomma, una società ingiusta è una società che soffoca le opportunità dei suoi “anelli deboli”.

Un tema di grande attualità, che l’agenzia Herezie ha saputo trattare con tatto ed efficacia in questo spot sulle disuguaglianze.

 

10.04.2017 # 4821
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

La Fearless Girl che sfida il Toro di WallStreet

Blog! di Daria La Ragione

In questi giorni ha il corriere della sera ha ritenuto una notizia il fatto che Valeria Fedeli si sia rivolta a un giornalista chiedendogli di chiamarla ministra.

 



In Italia questa “piccola” battaglia epocale, sull’utilizzo del genere femminile per le professioni e i ruoli laddove la grammatica lo preveda, trova molti critici, molte resistenze, ma il fatto che sia entrata ufficialmente nell’agenda dei media indica che qualche passo in direzione di un linguaggio meno maschilista si sta facendo.

Non si tratta di un tema soltanto italiano però, sono in tanti a prendere la questione delle pari opportunità molto sul serio, basti pensare che in Islanda è stata di recente approvata una legge per la quale le aziende locali devono farsi carico di dimostrare che donne e uomini ricevono lo stesso trattamento salariale. 

È un grande passo avanti se si considera che fonti ufficiali attestano che la parità salariale al momento non è stata raggiunta in nessun paese al mondo.

La giornata internazionale della donna, l’8 marzo, è stata l’occasione per molte associazioni di affrontare questi temi.

State Street Global Advisors ha voluto celebrare la leadership femminile, raccontando che le aziende in cui le donne fanno parte dei consigli di amministrazione e ricoprono ruoli di comando, sono aziende più floride, con migliori prestazioni. Non si tratta di un ente benefico, ma di una società che si occupa di management e investimenti, che per l’occasione si è rivolta a McCann per realizzare un progetto di grande impatto emotivo.

Fearless girl è la statua di una ragazza che senza paura sfida il toro di Wallstreet: un luogo simbolo del potere maschile contaminato da un altro simbolo, una forza giovane e consapevole.

È un messaggio che colpisce perché non c’è minaccia in questa sfida, ma c’è un confronto paritario. Certo, è Davide contro Golia, ma non potrebbe essere altrimenti se si considera qual è l’influenza reale delle donne nel mondo della finanza. È un racconto, una storia racchiusa nello sguardo fiero di una ragazzina che sta dritta davanti a un toro e non indietreggia.


Advertising Agency: McCann, New York, USA

 


13.03.2017 # 4799
Realtà virtuale e pubblicità

Daria La Ragione // 0 comments

Mario Piazza, la grafica e la storia del Made in Italy

Blog! di Daria La Ragione

Nel 1874 un tedesco geniale, Friedrich Nietzsche, pubblicava la seconda delle sue Considerazioni inattuali, dal titolo “Sull’utilità e il danno della storia per la vita” in cui mostrava come il rapporto dell’uomo con il proprio passato fosse qualcosa di estremamente complesso e tutt’altro che pacifico.
Ho ripensato a questo testo leggendo un articolo molto interessante sulla rivista dell’AIS/Design, Associazione italiana degli storici del design, scritto da Mario Piazza – 46xy è la sua agenzia – che è uno di quei nomi sconosciuti a giovani grafici e art director, e che invece è nel dna della grafica italiana.
Basti dire che questo signore è stato creative director di Domus dal 2004 al 2007, un cult della nostra editoria, ed è art director di Abitare.
A dare uno sguardo al suo curriculum, dal Politecnico di Milano, presso cui insegna Comunicazione visiva, al dipartimento Indaco della Facoltà del Design di Milano, dove è ricercatore, senza contare il lungo elenco di riviste di cui è collaboratore, si capisce perché lui sia autore di un articolo che racconta come la grafica abbia dato un contributo essenziale al nascita e all’affermazione del made in italy.

«Il prodotto italiano era il sinonimo di stile, di originalità ed eleganza inventiva. Era una sorpresa. E lo stile è in primo luogo una nozione distintiva, una capacità di relazionarsi, un atteggiamento comunicativo del prodotto e dell’oggetto. I prodotti del design italiano erano i primi interpreti di questa funzione comunicativa».*



L’articolo, dal titolo La grafica per il ‘made in italy’, che sarebbe più giusto definire un monografia e che potete leggere qui è una sorta di piccolo libro che bisognerebbe consigliare ai giovani grafici – e probabilmente non soltanto loro – di leggere con attenzione, anzi, con una matita a portata di mano per prendere nota di nomi illustrissimi di grandi professionisti del design e della grafica italiana,
a cominciare proprio da quello di Mario Piazza, che tra l’altro è stato a lungo presidente dell’AIAP.
Un articolo che racconta, storia dopo storia, marchio dopo marchio, quale enorme influenza reciproca la grafica, la pubblicità e il design abbiano esercitato gli uni sugli altri.

«Allora il disegno industriale è stato veicolato attraverso i valori simbolici della propria immagine. Immagine che è stata scritta in primo luogo dai grafici.»*

E torno a Nietzsche: a cosa serve la storia? Che utilità può avere il vasto mondo di internet a disposizione, che racchiude e cataloga tutto lo scibile, tutto il trascorso, tutta la vita se non sappiamo cosa farne?
A farci da zavorra senza dubbio, a soffocarci, ma non è questa la sola possibilità di relazionarci al passato:
leggere nomi con quelli di Steiner, Provinciali, Ricci e poi partire per una viaggio alla scoperta dei loro lavori, con passione, con curiosità, è un’occasione di crescita a disposizione di chiunque sia animato dalla scintilla della curiosità, il solo vero requisito indispensabile a chi voglia occuparsi di creatività.
 
*La grafica per il ‘made in Italy’

Inside Ilas
Inside Ilas Magazine