Blog // Pagina 13 di 42
15.08.2017 # 4906
Jagermeister e la panna montata

Daria La Ragione //

Jagermeister e la panna montata

Blog! di Daria La Ragione

Jagermeister sceglie la commedia e torna a far sorridere, con uno spot che gioca sul sesso, sullo sfigato di turno e su una serie di allusioni che in Italia gli avrebbero reso la vita molto dura.

Sarà perché siamo una società piuttosto bigotta, in cui “vizi privati e pubbliche virtù” è un comandamento lento a morire, ma da noi è ancora difficile che una pubblicità possa alludere al sesso e all’alcol contemporaneamente senza attirare reprimende, nella migliore delle ipotesi, o essere bloccata dal Gran Giurì nella peggiore.

La scena è quella di un supermercato poco frequentato, un commesso annoiato e una spesa che allude al sesso senza possibilità di essere fraintesa: litri e litri di panna spray e, per “aggravare” il tutto, una bottiglia di Jagermesteir; il commesso alza lo sguardo e si trova davanti due splendide e ammiccanti ragazze, fa appena in tempo a iniziare a sognare che le due se ne vanno e la magia è finita.


In effetti, in Germania devono avere una legge sulla pubblicità con maglie decisamente più larghe di quella italiana, anche se di legge vera e propria non si può parlare nel nostro caso, almeno quando si fa riferimento al Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, che legge non è ma viene applicato con certezza anche maggiore.

A proposito delle bevande alcoliche, l’articolo 22 dice - tra l’altro - che la pubblicità non può:

«indurre il pubblico a ritenere che il consumo delle bevande alcoliche contribuisca alla lucidità mentale e all’efficienza fisica e sessuale e che il loro mancato consumo comporti una condizione di inferiorità fisica, psicologica o sociale».


Probabilmente non è questo il caso, ma l’allusione al fatto che l’alcol renderà tutto più divertente è palese.

È un problema o è solo questione di bigottagine? 

La risposta non è semplice, perché se prendiamo in considerazione una persona adulta facciamo presto a rispondere che lo è. Però la televisione non la guardano solo gli adulti, ma anche molti adolescenti e persone che hanno meno strumenti per valutare la distanza tra la comunicazione commerciale e la realtà.

È una questione delicata, che meriterebbe di essere approfondita non a partire da posizioni di pregiudizio, ma con onestà e lucidità.

Nel frattempo, se siete adulti e vaccinati, potete divertirvi con gli spot che girano all’estero.

 




24.07.2017 # 4886
Jagermeister e la panna montata

Daria La Ragione //

La vacanze in pubblicità: dagli anni '80 a oggi cosa è cambiato e cosa no

Blog! di Daria La Ragione

Oggi ho visto queste tre campagna di Visa: Vacation can be a lottery. Stay travel insured with Visa Infinite - la vacanza può essere una lotteria. Assicurati con Visa Infinite. 








Una multisoggetto con alcune situazioni che potrebbero sfuggire di mano se vi trovate a Las Vegas, in alto mare o in un sito archeologico del Sud America, trasformando le vostre ferie in un flipper nel quale voi siete la pallina e venite rimbalzati da una sventura all’altra.

Insomma il trend che già da qualche anno ha segnato la comunicazione di alcune assicurazioni: evocare il possibile danno con ironia e umorismo.


Advertising Agency: Impact BBDO, Dubai, United Arab Emirates

Executive Creative Director: Fadi Yaish

Art Director: Luiz Guimaraes

Copywriter: Eduardo Balloussier



Però a quel punto mi era tornata in mente una campagna italiana che ha fatto la storia, entrando nel linguaggio comune e – per lo meno per quelli che oggi hanno dai 40 anni in su – rimanendoci ben salda.

Si tratta di un ciclo di spot per Alpitour, con un concept che l’azienda ha ripreso di recente: i turisti fai da te si ritrovano inevitabilmente costretti ad affrontare da soli imprevisti e difficoltà, mentre l’indigeno di turno li sbeffeggia “Turisti fai da te? No Alpitour? ahi ahi ahi”.

Per la mia generazione un tormentone del quale ancora non sappiamo liberarci, e che senza dubbio ha contribuito a costruire l’immagine di marca dell’azienda.

 

 



Chiude questa breve rassegna sulle pubblicità in qualche modo legate alle vacanze una multisoggetto intelligente ed efficacedi McKann per Costa Crociere (prima che l’inchino di Schettino smaciullasse contro gli scogli del Giglio la credibilità aziendale): Costa Crociere - la vacanza che ti manca, un’amplificazione di quella tristezza e fatica che ci colgono quando torniamo da un luogo in cui siamo stati felici e la vita che abbiamo fatto in quella parentesi ci manca troppo.

 

30.06.2017 # 4873
Jagermeister e la panna montata

Daria La Ragione //

Lidl - Come lo riconosci il vero esperto di birra?

Blog! di Daria La Ragione

Lidl - Come lo riconosci il vero esperto di birra?

Vi occupate di birra artigianale e stavate valutando se assumere un esperto di birre? Pensavate a LinkedIn? Al solito vecchio curriculum vitae magari, o di contattare un’associazione di categoria.

Per carità, sono tutte idee valide, ma alla Lidl hanno pensato a un test un po’ diverso per lanciare la loro Craft Beer. Diciamo che preferiscono la prova dei fatti.

Il regista di questo commercial – Readyforcraft – è Bernd Faass, il direttore creativo Oliver Flohrs e a occuparsene è stato presumibilmente l’ufficio comunicazione dell’azienda tedesca.

Il tutto si potrebbe riassumere in poche battute, ma invece mi soffermerò sull’atmosfera: pub fumoso, i soliti vecchi avventori che si conoscono da sempre, il barista che li chiama per nome e quando tutto sembra scorrere regolare e placido come ogni giorno ecco che arriva la sfida.

La tensione è palpabile nel locale, tutti si bloccano perché sanno cosa sta per succedere ed ecco il protagonista, che stava andando via tranquillo alla fine di una serata come un’altra che si blocca sulla porta chiamato da un tizio alto e grosso e per niente rassicurante.

Qual è la sfida? Cosa sta per dirgli? Voleranno bicchieri? Sedie? Piatti?

Non vi anticipo nulla, ma sappiate che READYFORCRAFT il nuovo spot di Lidl, non va troppo per il sottile ed è una specie di versione nobilitata del nostro amato e classico:  frittatona di cipolle per la quale andava pazzo, familiare di Peroni gelata, tifo indiavolato e rutto libero!

Non sarà un commercial raffinatissimo, ma tutto sommato porta a casa il risultato: parla di birra artigianale, di esperti che l’apprezzano e di contesti facili e di grande confidenza in cui si beve: insomma per un prodotto di largo consumo, benché a suo modo di nicchia, c’è davvero tutto quello che serve.



 


19.06.2017 # 4872
Jagermeister e la panna montata

Daria La Ragione //

#miumiuscenique

Blog! di Daria La Ragione

Quando, nel 1936, Margaret Mitchell raccontava, in una delle scene iniziali di Via col Vento, il disappunto con cui Mamy spiegava a Rossella che “vera dama in pubblico dovere mangiare poco”, ribadiva un concetto che è stato in auge fino a cinquanta/sessanta anni fa: la fame era questione che riguardava i poveri e soltanto loro, dunque non bisognava manifestarne. 

Così, in tempi moderni, il contraltare della vera signora che non si mostrava affamata era la mamma ossessionata dal rimpinzare i figli ogni volta che era possibile, fino a ottenere quella pinguedine che senza ombra di dubbio ne manifestava il “non deperimento” che si traduceva in salute.


Ci ho ripensato oggi, guardando questo spot per #miumiuscenique - la linea di eyewear Miu Miu – diretto dalla fotografa inglese Victoria Hely-Hutchinson, che è un concentrato di eleganza e bellezza. Ma non quell’eleganza opulenta e barocca che riempiva alcune scene de La grande bellezza di Sorrentino, per esempio, piuttosto quella che discende dalla semplicità, dalla rilassatezza di chi non ha bisogno di ostentare una posizione.

 


Ci ho ripensato perché la magrezza sembra essere un elemento fondamentale e indispensabile di questo racconto: la gioventù, lo stile, la freschezza li concepiamo oggi inevitabilmente associati a questo requisito. Anni e anni di “educazione” a questi canoni, dai tempi di Kate Moss in poi, hanno plasmato il nostro senso estetico in questa direzione e non c’è maison che sappia (o voglia) allontanarsene.

Dunque, in questa società in cui i veri ricchi rimangono (o ritornano) sempre giovani, belli e magri, il racconto del lusso è espressione di questo ideale. Ma non basta: c’è un altro grande protagonista di questo spot, ed è il tempo.


È vero che l’estate è il periodo in cui le vendite di occhiali da sole raggiungono il picco, ma non è soltanto per questo motivo che questo commercial così come quello dello scorso anno (bellissimo), diretto da Francesco Maria Tiribelli, sono ambientati nel pieno di una vacanza.

Il motivo secondo me principale è che il vero lusso è il tempo. Calme, indolenti, senza ansie, con un tutto il futuro a disposizione: le giovani donne di #miumiuscenique sono ricche, ricchissime e splendide proprio perché sono giovani.

 


10.06.2017 # 4860
Jagermeister e la panna montata

Daria La Ragione //

L’Appocalisse alla vigilia del WWDC 2017

Blog! di Daria La Ragione

Si è appena concluso il WWDC 2017, acronimo che indica la Worldwide Developers Conference organizzata da Apple, la Settimana mondiale degli sviluppatori di app.

Per la cronaca, l’occasione nella quale vengono premiate le eccellenze quest’anno ha visto anche due vincitori italiani: si tratta di Bear, strumento di scrittura per la creazione di appunti e testi e di AirMail 3, la nuova versione del client di posta per il Mac.

L’Italia è stato l’unico paese – otto in tutto i premiati – ad aggiudicarsi due premi. È una buona notizia ed è bello che ogni tanto ce ne siano anche i quei settori in cui siamo sempre convinti di essere arretrati.

Arriviamo al punto: per lanciare il WWDC 2017 Apple ha scelto un commercial tutto giocato sull’iperbole, una delle figura retoriche più amate in pubblicità, che consiste nell’esagerare qualcosa in modo palese ed evidente, tanto da essere chiaro a tutti che non può trattarsi della realtà.

Cosa accadrebbe se una banale distrazione cancellasse in blocco tutte le app dai cellulari? L’Appocalisse!

Una specie di ritorno all’anno zero, con mercati neri in cui si spacciano cd-rom di vecchie app, modelle disperate alla ricerca di qualcuno che voglia un selfie, traffico in tilt, persone barricate in case che non vogliono affittare.

Insomma un mondo delirante e disperato, ma molto divertente.

 

26.05.2017 # 4856
Jagermeister e la panna montata

Daria La Ragione //

Can’t Skip Portugal - una campagna per sognare

Blog! di Daria La Ragione

Da qualche anno a questa parte le migliori campagne che ho visto erano campagne turistiche. Quasi mai si è trattato di campagne istituzionali, promosse da enti, ministeri etc; in genere le cose migliori le hanno fatto le compagnie aeree.

Ma oggi ho ho avuto il piacere di scoprire l’eccezione: Can’t Skip Portugal è una campagna multisoggetto lanciata dall’agenzia  Partners, Lisbon a sostegno di Visit Portugal, una campagna sostenuta dal ministero portoghese dell’economia.

Tre protagonisti, tre lunghi discorsi per raccontare i motivi che rendono il Portogallo una meta turistica in continua crescita: la natura, spettacolare, potente da scoprire abbandonando il cellulare, per ricordarsi che posti così belli esistono in tre dimensioni e che possiamo scegliere di viverli - se le cose vanno male viaggia per dimenticare, se vanno bene viaggia per festeggiare, se nulla accade viaggia per far accadere qualcosa; l’arte, la bellezza delle città, come fonte di ispirazione quando ci sentiamo scarichi, quando abbiamo bisogni di nuovi stimoli e nuove prospettive; e infine il nuovo inizio di chi non credeva più di averne a disposizione: sono molti i pensionati che si trasferendo in Portogallo, in parte per il costo della vita contenuto, in parte per il clima, e soprattutto per un ritmo di vita ancora “umano”.

Can’t skip freedom, can’t skip inspiration, can’t skip new beginnings: tre commercial che puntano tutto sull’emozione, con un gioco felice di rimandi tra un copy che esalta il viaggio in quanto tale e un visual che incanta con le bellezze portoghesi.


Advertising Agency: Partners, Lisbon, Portugal

Creative Directors: Pedro Lima, Ivo Purvis

Art Director: Ivo Purvis

Copywriters: Pedro Lima, Pedro Varela

Director: Pedro Varela

 


 


 


torna su
Ilas sui social network
instagram facebook linkedin behance pinterest youtube twitter
Ilas - Accademia italiana di comunicazione
Recapiti telefonici

Italy / Napoli tel(+39) 081 5511353
tel(+39) 0810125477
fax(+39) 081 0070569

Skype contacts

Segreteria studenti segreteriailas

Indirizzo

Italy / 80133 Napoli Via Alcide De Gasperi, 45
Scala A

numero verde ilas
Prenota il tuo corso o un colloquio informativo La prenotazione non è vincolante e consente di riservare un posto nei corsi a numero chiuso

Prenota il tuo corso

La prenotazione non è vincolante e consente di riservare un posto nei corsi a numero chiuso

prenota corso
Prenota il tuo corso Ilas

Prenota online

prenota corso
Chiama in sede

Prenota telefonicamente

Prenota un colloquio informativo

Riceverai, senza alcun impegno, tutte le informazioni da parte della segreteria organizzativa

prenota corso
Prenota il tuo corso Ilas

Prenota online

prenota corso
Chiama in sede

Prenota telefonicamente

listino corsi

Listino Prezzi dei Corsi Ilas

I prezzi proposti al pubblico sono comprensivi di iva calcolata al 22%.

Leggi i prezzi

Listino prezzi diplomati Ilas

Leggi i prezzi

Listino prezzi universitari

Leggi i prezzi
chi siamo

Chi siamo

la struttura

Le aule

i docenti ilas

I docenti

seminari

I seminari

partnership

Partnership

dove siamo

Dove siamo

elenco corsi

Elenco corsi

listino prezzi

Listino prezzi

calendario corsi

Calendario

prenota corsi

Prenota

portfolio grafica

Grafica

portfolio web design

Web Design

portfolio fotografia

Fotografia

portfolio pubblicita

Pubblicità

portfolio 3d

Grafica 3D

portfolio ilas

Tutti i lavori

registri pubblici

Registri e materiali

libri di testo

Libri di testo

offerte di lavoro

Offerte di lavoro

comunicati scuola

Comunicati

convenzioni

Convenzioni

listino prezzi

Listino prezzi diplomati Ilas